La storia

Sepolture di guerrieri germanici di 2000 anni rinvenute in Polonia

Sepolture di guerrieri germanici di 2000 anni rinvenute in Polonia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Gli archeologi in Polonia hanno scoperto un luogo di sepoltura di 2000 anni contenente i resti di antichi guerrieri germanici.

Nel tentativo di proteggere il sito di scavo archeologico situato vicino a Kostrzyn (appena ad est dell'attuale confine polacco con la Germania) dai cacciatori di tesori illegali, gli archeologi del Museo della fortezza di Kostrzyn hanno mantenuto privata la posizione precisa. Tuttavia, il team di ricercatori ha rivelato dettagli sulla natura "interessante e sorprendente" degli antichi tesori e manufatti scoperti dal cimitero germanico.

Secondo un rapporto in IBTimes Il principale archeologo Krzysztof Socha, del Museo Kostrzyn, ha dichiarato alla Polis Press Agency (PAP) che il suo team di archeologi ha scoperto "urne crematorie di 2000 anni" e 12 fosse funerarie risalenti anch'esse al I secolo a.C. I manufatti trovati nell'antico luogo di sepoltura raccontano agli archeologi che era usato dalle tribù germaniche locali per seppellire "guerrieri e donne".

Gli archeologi polacchi hanno scoperto le sepolture usando un metal detector. (Associazione Storica e Culturale Tempelburg e Museo della fortezza di Kostrzyn )

Articoli rituali importati

Il signor Socha ha affermato che ciò che ha trovato "particolarmente interessante" è che sono state raccolte prove che mostrano diversi tipi di rituali funebri praticati nel sito, evidente in quanto alcuni corpi erano stati sepolti in fosse scheletriche senza cremazione, ma altri erano stati bruciati e i loro resti erano rinvenuti sia interrati in urne di ceramica che direttamente in fosse.

Mantenendo il contenuto delle urne in un unico pezzo in modo che i ricercatori potessero vedere "come" le ossa e gli oggetti erano stati collocati al loro interno, questi antichi contenitori di argilla sono stati sottoposti a raggi X da un veterinario della città di Dębno. Le scansioni hanno rivelato che una delle urne conteneva le ossa cremate di un "antico guerriero" che era stato sepolto ritualmente con una punta di lancia, frammenti di uno scudo e ciondoli metallici che si ritiene abbiano formato un pugnale.

  • PFAHLBAUMUSEUM, GERMANIA: 5000 ANNI DI INCREDIBILE STORIA CONSERVATI SUI LAGHI ALPINI
  • THE HEATHEN HOF: RISURREZIONE DI UN TEMPIO PAGANO TEDESCO
  • I RISULTATI DI ALKEN ENGE FORNISCONO UNA NUOVA PROSPETTIVA SULLE TRIB GERMANICHE “BARBARIC”

Lo scavo scoperto un'urna contenente ossa bruciate e denti da latte di un bambino di circa 8-9 anni. (Associazione Storica e Culturale Tempelburg e Museo della fortezza di Kostrzyn )

I ricercatori hanno anche scoperto che gli antichi guerrieri germanici venivano spesso sepolti con punte di lancia decorative e spille metalliche, e solo quest'anno sono stati trovati 100 tesori di ninnoli metallici sepolti accanto ai morti, di cui il signor Socha ha detto: "può essere paragonato alla sicurezza di oggi perni.”. Ma aggiunge, molti dei ciondoli metallici non sono stati realizzati localmente. E questa non è la prima volta che gli oggetti importati sono stati trovati nelle antiche tombe polacche.

Antichi rituali di sepoltura dei guerrieri germanici dimenticati

Secondo Archeologia.com, nel 2014, gli archeologi hanno scoperto le prove di un "rituale di 4.000 anni" su una collina nel nord-est della Polonia, dove sono stati trovati una perla d'ambra e pezzi di tazze e ciotole decorate realizzate dalla cultura del campanile tra resti umani. A quel tempo raccontò l'archeologo Dariusz Manasterski, dell'Università di Varsavia Scienza e borsa di studio in Polonia che, oltre ai suddetti oggetti rituali, gli archeologi hanno trovato punte di freccia importate, coltelli di selce, un'ascia, un frammento di una lama curva e frammenti di un pugnale.

Questo sito, secondo Manasterski, era un "reperto eccezionale" nell'Europa centrale contenente una delle più ricche collezioni di oggetti solitamente trovati nelle tombe d'élite dell'Europa occidentale di questo periodo. Il modo in cui questi manufatti profondamente antichi sono riusciti ad arrivare così lontano a est è attualmente oggetto di indagine, ma per saperne di più sulla natura dei rituali dell'età del bronzo di 4.000 anni compiuti nell'Europa orientale, vedere Riti invernali del lupo .

Altri reperti a Kostrzyn includono una collana di perle di vetro di circa 2000 anni fa, vasi di ceramica e un anello di bronzo. (Associazione Storica e Culturale Tempelburg e Museo della fortezza di Kostrzyn )

115.000 anni di presenza umana

Mentre questi siti completano il nostro quadro di come vivevano e morivano le prime tribù germaniche, il re indiscusso dei siti archeologici in Polonia è il Grotta Ciemna , situato nel Parco Nazionale di Ojców, vicino a Cracovia, che ha la camera più grande di tutte le grotte mappate negli altopiani di Cracovia e Wielun.

E mentre la grotta interna è una matrice di stalagmiti visivamente interessanti e piccole stalattiti tubolari, sepolte all'interno dei sedimenti nelle immediate vicinanze dell'ingresso, gli archeologi hanno trovato testimonianze di genti preistoriche risalenti a circa 115.000 anni, e la grotta è stata successivamente registrata come sito archeologico monumento nazionale nel 1924.

Per saperne di più sui siti archeologici polacchi menzionati in questo articolo potresti leggere la rivista scientifica Archeologia polacca nel Mediterraneo (PAM), che è una rivista peer-reviewed ad accesso aperto di 30 anni, scritta in inglese, che presenta ricerche sul campo archeologiche, geofisiche, di conservazione e restauro, nonché documenti di ricerca accademici del Vicino Oriente, della penisola arabica e del Caucaso, nonché del nordest e dell'Africa settentrionale.


Scoperta archeologica: guerrieri polacchi armati di 2000 anni trovati in una scoperta shock

Link copiato

L'archeologia degli insediamenti romani della Tunisia è "enigma", afferma l'esperto

Quando ti iscrivi utilizzeremo le informazioni fornite per inviarti queste newsletter. A volte includono consigli per altre newsletter o servizi correlati che offriamo. La nostra Informativa sulla privacy spiega meglio come utilizziamo i tuoi dati e i tuoi diritti. È possibile disdire in qualsiasi momento.

I guerrieri erano stati cremati e le loro spoglie erano accompagnate da armi, come spade di ferro e punte di lancia. Le tombe sono state scoperte dopo che gli archeologi hanno iniziato a condurre indagini di superficie in alcuni campi arabili nella primavera di quest'anno. Dopo aver scoperto un gran numero di ossa bruciate nelle loro esplorazioni preliminari, il team archeologico ha deciso di scavare ulteriormente.

Articoli Correlati

Il team ha scoperto circa 20 sepolture su un'area di 200 metri quadrati, anche se molti dei resti sono stati gravemente danneggiati.

Il capo del progetto di ricerca Jan Bulas dell'Istituto di Archeologia dell'Università Jagellonica ha dichiarato: "Non sappiamo esattamente quante tombe ci fossero nel cimitero, perché la nostra ricerca è ancora in una fase iniziale.

&ldquoLe tombe vengono distrutte e spesso si estendono su una vasta area del campo.&rdquo

Ha aggiunto: &rdquoOggetti fortemente corrosi e apparentemente informi si sono rivelati frammenti di spade o fibule di ferro.&rdquo

Notizie di storia antica: spada dell'età del bronzo (Immagine: GETTY)

Notizie di storia antica: manufatti dell'età del bronzo (Immagine: GETTY)

La squadra ha scoperto in totale quattro spade e nove punte di lancia, oltre a misteriose strutture quadrate.

Le strutture hanno una base quadrata e una sezione triangolare e sconcertano gli archeologi sul loro uso.

Il signor Bulas ha azzardato l'ipotesi che potrebbero essere stati usati per delimitare lo spazio nei cimiteri per le singole famiglie.

Ha spiegato: &rdquoStrutture simili, i cosiddetti oggetti scanalati, sono note da altri cimiteri di questo periodo nel sud della Polonia, ma la loro funzione non è ancora chiara.

Notizie di storia antica: manufatti dell'età del bronzo (Immagine: GETTY)

Articoli Correlati

&ldquoIn Bejce, contenevano frammenti di vasi di ceramica e oggetti di metallo.&rdquo

Gli archeologi ritengono che i guerrieri morti fossero membri della cultura di Przeworsk.

Mr Bulas pensa che avrebbero potuto essere rappresentanti dell'unione tribale Lugii.

I Lugi erano una grande confederazione tribale citata da autori romani vissuti intorno al 100 a.C. e al 300 d.C.

Notizie di storia antica: spada dell'età del bronzo (Immagine: GETTY)

Notizie di storia antica: manufatti dell'età del bronzo (Immagine: GETTY)

Tra le tribù celtiche più orientali della Germania, i Lugi vivevano nell'area che oggi costituisce all'incirca il punto d'incontro tra la Slovacchia orientale, la Polonia meridionale e l'Ucraina occidentale (un'area che in seguito fu conosciuta come Galizia).

I Lugi potrebbero anche aver risieduto più a nord, in Pomerania, prima di trasferirsi a sud.

Svolsero un ruolo importante nella parte centrale della Via dell'Ambra dalla Sambia al Mar Baltico alle province della Pannonia, del Norico e della Raetia dell'Impero Romano.

Stonehenge: gli archeologi scoprono un "tesoro" di ossa

I Lugii sono stati identificati da molti storici moderni come lo stesso popolo dei Vandali, con i quali dovevano certamente essere stati fortemente legati in epoca romana.

Curiosamente, una tribù con lo stesso nome, di solito scritta come Lugi, abitava nella parte meridionale di Sutherland in Scozia.

Esiste controversia sul fatto che determinate tribù fossero germaniche o celtiche, e i Lugii sono una di quelle tribù che possono stare a cavallo di entrambe le definizioni perché erano una confederazione tribale piuttosto che una singola tribù.

Notizie di storia antica: manufatti dell'età del bronzo (Immagine: GETTY)

Tendenza

Il nome Lugi sembra essere stato basato sul nome del dio celtico, Lugus.

È più comunemente conosciuto come l'irlandese Lugh o Lug (probabilmente affine al latino 'lux', che significa 'luce').

Nell'Iberia settentrionale una sottotribù degli Asture portava il nome di Luggones, e nelle vicinanze c'era la sottotribù dei Gallaeci, chiamata in modo simile Loguei.


Enorme diamante da 1,098 carati da 1,4 miliardi di sterline, grande quanto un pugno, è il terzo più grande mai trovato

Segui il sole

Servizi

©News Group Newspapers Limited in Inghilterra No. 679215 Sede legale: 1 London Bridge Street, Londra, SE1 9GF. "The Sun", "Sun", "Sun Online" sono marchi registrati o nomi commerciali di News Group Newspapers Limited. Questo servizio è fornito sui Termini e condizioni standard di News Group Newspapers Limited in conformità con la nostra Politica sulla privacy e sui cookie. Per richiedere informazioni su una licenza per riprodurre materiale, visitare il nostro sito Syndication. Visualizza la nostra cartella stampa online. Per altre richieste Contattaci. Per vedere tutti i contenuti di The Sun, utilizza la mappa del sito. Il sito web di Sun è regolamentato dalla Independent Press Standards Organization (IPSO)

I nostri giornalisti si sforzano di essere precisi, ma a volte commettiamo errori. Per ulteriori dettagli sulla nostra politica sui reclami e per presentare un reclamo, fare clic qui.


Loose Women ANNULLATA per Euro 2020 football oggi

Segui il sole

Servizi

©News Group Newspapers Limited in Inghilterra No. 679215 Sede legale: 1 London Bridge Street, Londra, SE1 9GF. "The Sun", "Sun", "Sun Online" sono marchi registrati o nomi commerciali di News Group Newspapers Limited. Questo servizio è fornito sui Termini e condizioni standard di News Group Newspapers Limited in conformità con la nostra Politica sulla privacy e sui cookie. Per richiedere informazioni su una licenza per riprodurre materiale, visitare il nostro sito Syndication. Visualizza la nostra cartella stampa online. Per altre richieste, Contattaci. Per vedere tutti i contenuti di The Sun, utilizza la mappa del sito. Il sito web di Sun è regolamentato dalla Independent Press Standards Organization (IPSO)


Gli archeologi scoprono la tomba di un guerriero celtico completa di carro, scudo elaborato

Una sepoltura di un carro dell'età del ferro trovata nello Yorkshire, in Inghilterra, sta rimodellando la comprensione degli archeologi dell'arte e delle armi celtiche.

Come riporta Mike Laycock per il York Press, i ricercatori hanno scoperto l'elaborata tomba del guerriero celtico durante gli scavi in ​​un complesso residenziale nella città di Pocklington l'anno scorso. Il soldato, che aveva almeno 46 anni quando morì, fu sepolto sopra uno scudo posto in un carro verticale trainato da due cavalli.

Per Melanie Giles, un archeologo dell'Università di Manchester, lo scudo—datato tra il 320 e il 174 a.C.—è “il più importante oggetto d'arte celtica britannica del millennio.”

Gli esperti hanno svelato lo scudo, che è stato ripulito e conservato, all'inizio di questo mese. I risultati completi dell'indagine del team saranno pubblicati nella primavera del 2020.

Paula Ware, un'archeologa che ha lavorato al progetto, racconta a Laycock che lo scudo è stato realizzato nello stile La T'232ne tipico della prima arte celtica. Raffigura forme organiche come gusci di molluschi, così come triskele o disegni a tripla spirale che attirano l'attenzione sul centro rialzato dello scudo. A differenza di altri scudi dell'età del ferro trovati in tutta Europa, il manufatto ha un bordo smerlato.

Secondo notizie artnet’ Caroline Elbaor, i conservatori hanno individuato un foro nello scudo, che mostra anche segni di riparazioni secolari.

“La credenza popolare è che gli elaborati scudi con la faccia di metallo fossero puramente cerimoniali, riflettendo lo status, ma non usati in battaglia,” Ware dice ad Alex Wood del Posta dello Yorkshire. “La nostra indagine lo contesta con l'evidenza di una ferita da puntura nello scudo tipica di una spada. Si possono vedere anche segni di riparazioni, che suggeriscono che lo scudo non solo era vecchio, ma probabilmente era ben utilizzato.”

Anche il resto della tomba del guerriero è impressionante: i suoi cavalli, ad esempio, sono stati posti con gli zoccoli a terra e le zampe posteriori posizionate come se si preparassero a saltare fuori dalla tomba. I ricercatori non sono stati in grado di determinare se i cavalli siano stati condotti nella tomba e sacrificati o uccisi prima della sepoltura, ma Ware afferma che il fatto che l'uomo sia stato sepolto insieme a cibo, armi e mezzi di trasporto indica che le persone che lo hanno sepolto credevano che fosse sarebbe presto trasferito in un altro locale.

“Questa scoperta fornisce preziose prove aggiuntive che dimostrano come gli antichi britannici amassero i loro carri,” Giles dice al Indipendentes Zoe Tidman. “È concepibile che la famiglia del morto e la sua comunità credessero che il carro lo avrebbe aiutato a raggiungere l'altro mondo o gli sarebbe stato utile una volta arrivato.”

Ware dice a Wood che i ricercatori non sono sicuri di come sia morto il guerriero.

"Ci sono alcuni traumi da corpo contundente, ma non lo avrebbero ucciso", dice. "Non credo che sia morto in battaglia, è molto probabile che sia morto in età avanzata. Quale fosse il suo ruolo non posso dirtelo. Ha raccolto delle belle chicche lungo la strada—non è decisamente un banale.”

Come scrive Wood per il Posta dello Yorkshire, la tomba conteneva anche una spilla di bronzo, una spilla a forma di libellula di vetro rosso e le ossa di sei maialini, compresa una costola con una forchetta incastrata, probabilmente sacrificata con il guerriero.

Il team ha trovato i resti di un uomo di età compresa tra 17 e 25 anni che era stato ritualmente infilzato con 10 lance di ferro e ossa a circa 60 metri di distanza dal luogo di sepoltura del guerriero. Pezzi di uno scudo rotto sono stati sparsi sulla tomba di questo individuo più giovane.

Secondo Tidman, negli ultimi 100 anni gli archeologi hanno portato alla luce circa 20 sepolture di carri in tutto il Regno Unito, ma nessuno degli altri vantava cavalli reali. Per Owen Jarus di Scienze dal vivo, altre importanti sepolture di carri, tra cui alcune con resti di cavalli, sono state precedentemente trovate in Bulgaria, Francia e Georgia.

A proposito di Jason Daley

Jason Daley è uno scrittore di Madison, Wisconsin, specializzato in storia naturale, scienza, viaggi e ambiente. Il suo lavoro è apparso in Scoprire, Scienza popolare, Al di fuori, Diario maschile, e altre riviste.


Tombe di guerrieri risalenti a 2000 anni fa sono state trovate dagli archeologi vicino a Bejsce nella provincia di Świętokrzyskie. I resti cremati erano accompagnati da armi: spade di ferro e punte di lancia o di giavellotto. Secondo gli archeologi, il cimitero appena scoperto copre circa 1 ha.

La tomba è stata trovata dopo che nella primavera di quest'anno sono stati effettuati sondaggi di superficie in alcuni campi arabili dagli archeologi.

Il team archeologico ha deciso di effettuare ulteriori scavi dopo aver trovato un gran numero di ossa bruciate durante le prime ricerche.

Il cimitero è stato scoperto sotto il campo di un contadino in Polonia.

Sebbene molti dei resti siano stati gravemente danneggiati, il team ha scoperto 20 tombe su un'area di 200 metri quadrati.

Jan Bulas, capo del progetto di ricerca dell'Università Jagellonica, ha dichiarato: "Non sappiamo esattamente quante tombe ci fossero nel cimitero poiché la nostra ricerca è ancora nella fase iniziale. Stiamo lavorando al cimitero.

Tomba del guerriero al momento della scoperta.

"Le tombe vengono distrutte e spesso sparse su una vasta area del campo".

Ha aggiunto: "Oggetti fortemente corrosi e apparentemente informi si sono rivelati frammenti di spade o fibule di ferro". La squadra ha scoperto in totale quattro spade e nove punte di lancia, oltre a misteriose strutture quadrate.

Le strutture hanno una base quadrata e una sezione triangolare e sconcertano gli archeologi sul loro uso. Il signor Bulas ha azzardato l'ipotesi che potrebbero essere stati usati per delimitare lo spazio nei cimiteri per le singole famiglie.

Ha spiegato: “Strutture simili, i cosiddetti oggetti scanalati, sono note da altri cimiteri di questo periodo nel sud della Polonia, ma la loro funzione non è ancora chiara.

"A Bejce, contenevano frammenti di vasi di ceramica e oggetti di metallo".

Gli archeologi hanno contato quasi 200 manufatti in metallo e i loro frammenti dopo la ricerca di quest'anno. Ci sono anche oggetti in osso, pietra e argilla.

Gli archeologi ritengono che i guerrieri morti fossero membri della cultura di Przeworsk. Il signor Bulas pensa che avrebbero potuto essere rappresentanti dell'unione tribale Lugii.

I Lugi erano una grande confederazione tribale citata da autori romani vissuti intorno al 100 a.C.-300 d.C.

Tra le tribù celtiche più orientali della Germania, i Lugi vivevano nell'area che oggi costituisce all'incirca il punto d'incontro tra la Slovacchia orientale, la Polonia meridionale e l'Ucraina occidentale (un'area che in seguito fu conosciuta come Galizia).

I Lugi potrebbero anche aver risieduto più a nord, in Pomerania, prima di trasferirsi a sud. Svolsero un ruolo importante nella parte centrale della Via dell'Ambra dalla Sambia al Mar Baltico alle province della Pannonia, del Norico e della Raetia dell'Impero Romano.

I Lugii sono stati identificati da molti storici moderni come lo stesso popolo dei Vandali, con i quali dovevano certamente essere stati fortemente legati in epoca romana.

Curiosamente, una tribù con lo stesso nome, di solito scritta come Lugi, abitava nella parte meridionale di Sutherland in Scozia.

Esiste controversia sul fatto che determinate tribù fossero germaniche o celtiche, e i Lugii sono una di quelle tribù che possono stare a cavallo di entrambe le definizioni perché erano una confederazione tribale piuttosto che una singola tribù.

Il nome Lugi sembra essere stato basato sul nome del dio celtico, Lugus. È più comunemente noto come l'irlandese Lugh o Lug (probabilmente affine al latino ‘lux’, che significa ‘luce').

Nell'Iberia settentrionale, una sottotribù degli Asture portava il nome Luggones, e nelle vicinanze c'era la sottotribù dei Gallaeci, chiamata in modo simile Loguei.


Gli archeologi scoprono resti di antichi guerrieri germanici, urne cinerarie in Polonia

Gli archeologi del Museo della fortezza di Kostrzyn hanno fatto un'incredibile scoperta in un sito vicino alla città di Kostrzyn, nell'est della Polonia. Il team di archeologi ha recentemente rivelato dettagli sull'enorme tesoro di manufatti scoperti da un antico cimitero. Hanno trovato urne cinerarie di 2000 anni e 12 fosse funerarie risalenti al I secolo a.C.

Il team di archeologi ha affermato che l'antico cimitero molto probabilmente era stato utilizzato dalle tribù germaniche locali che erano solite seppellire i loro guerrieri e le loro donne. Come riportato in precedenza, solo quest'anno gli escavatori in Polonia hanno trovato circa 100 tesori di ninnoli metallici sepolti accanto ai morti, che nella maggior parte dei casi erano sepolti con spille metalliche usate da uomini e donne per tenere insieme i loro indumenti.

Scheletro umano (immagine rappresentativa)

Il ritrovamento archeologico in Polonia

L'archeologo capo della recente scoperta Krzysztof Socha dal museo di Kostrzyn ha affermato che la scoperta vicino a Kostrzyn, il lato orientale dell'attuale confine della Polonia con la Germania, ha dimostrato che gli abitanti tribali locali avevano un assortimento di varie pratiche di sepoltura. Secondo la Polis Press Agency (PAP), ha affermato che durante i lavori di scavo hanno appreso che queste persone avevano praticato diversi rituali.

Ha menzionato che alcuni di questi morti sono stati bruciati e i loro resti posti in urne di ceramica o direttamente in fosse mentre ci sono alcune persone che sono state sepolte senza cremazione. Inoltre, ha detto che è stata la scoperta delle fosse scheletriche il fatto più sorprendente.

Il sito della scoperta

Va detto che gli archeologi hanno impiegato un veterinario locale nella città di Dębno per mantenere intatte le urne scoperte e ha usato la tecnologia a raggi X per portare alla luce i dettagli sulle urne senza causare alcun difetto o crepa su questi antichi manufatti. Successivamente, è stato rivelato che una di queste urne conteneva le ossa cremate di un antico guerriero.

Secondo l'archeologo capo Socha, la tecnologia a raggi X nel sito per esaminare i manufatti sepolti consentirà al team di pianificare ed elaborare "lo svuotamento delle urne e la conservazione dei manufatti trovati all'interno. Abbiamo anche appreso molto precisamente come le ossa e gli oggetti sono stati collocati all'interno dell'urna."

Polonia archeologia

Solo pochi anni fa un rituale vecchio di 4000 anni è stato portato alla luce su una collina nel nord-est della Polonia. Frammenti di coppe e ciotole decorate realizzati dalla cultura del campanile sono stati trovati circondati da resti umani.

Va detto che situata nel Parco Nazionale di Ojców vicino a Cracovia, la grotta di Ciemna è tra i siti archeologici più importanti del paese, a causa delle più antiche tracce di insediamenti umani di questo luogo si stima che abbiano ben 120.000 anni.


Sito di sepoltura contenente resti cremati di guerrieri germanici risalenti a 2000 anni fa trovati in Polonia

I resti cremati di antichi guerrieri germanici sono stati trovati in un luogo di sepoltura in Polonia.

Scheletri femminili, punte di lancia, pugnali e gioielli antichi sono stati scoperti anche nel sito di 2000 anni vicino al confine tedesco.

L'archeologo Krzysztof Socha, del Museo della fortezza di Kostrzyn, ha detto alla stampa polacca che la sua squadra ha scoperto "urne per cremazione di 2000 anni".

Nel sito sono state trovate anche dodici fosse funerarie, ritenute un cimitero germanico risalente al I secolo a.C.

Il popolo germanico governava gran parte dell'Europa centrale e occidentale durante l'età del ferro, controllando un vasto impero che si estendeva fino al Nord Africa.

Le tribù erano nomadi e violente, spesso in lotta tra loro per il territorio tanto quanto i nativi delle terre che invasero.

Gli archeologi stanno nascondendo la posizione del sito appena scoperto, vicino a Kostrzyn in Polonia, per nasconderlo ai cacciatori di tesori illegali.

I reperti trovati lì suggeriscono che fosse usato dalle tribù germaniche locali per seppellire "guerrieri e donne".

Di particolare interesse era che nello stesso cimitero venivano eseguiti diversi tipi di pratiche funerarie.

Alcuni corpi furono sepolti in fosse mentre altri furono cremati.

Le ceneri venivano poste in urne di ceramica e sparse anche nelle fosse funerarie.

Le scansioni a raggi X dei contenitori di argilla hanno rivelato ossa cremate.

Furono sepolti insieme a punte di lancia, frammenti di uno scudo e ciondoli di metallo, suggerendo che le tombe appartenessero ad antichi guerrieri.

Si ritiene che i ciondoli abbiano formato un pugnale e "possono essere paragonati alle spille da balia di oggi", ha detto il dottor Socha.

Non sono stati realizzati localmente, suggerendo che i guerrieri li importassero in Polonia da altre parti d'Europa.

È uno dei tanti reperti affascinanti fatti in Polonia dagli archeologi.

L'anno scorso, un macabro luogo di sepoltura con 80.000 scheletri è stato portato alla luce sotto un parco giochi per bambini nella nazione dell'Europa orientale.

Gli operai edili hanno trovato il cosiddetto Parco dei Morti durante la ristrutturazione di un parco nella città settentrionale di Bydgoszcz.

Il capo archeologo, Robert Grochowski, ha dichiarato: "Abbiamo trovato strati di tombe completamente intatti. Posso facilmente dire che ci sono circa 80.000 scheletri.

"So che è una quantità enorme, ma questo è quello che dicono i nostri test. Abbiamo un grosso problema ora".

La città di Bydgoszcz fu occupata dalla Germania dal XVII secolo fino al 1918 circa.

Per questo motivo, secondo gli archeologi, la maggior parte degli scheletri apparteneva probabilmente a tedeschi.

I misteri del Regno Unito "risolti" dall'archeologia

Ecco alcune delle scoperte più emozionanti avvenute in Gran Bretagna.


Guerriero celtico di 2000 anni fa sepolto in un carro con armi e pony acclamato come il ritrovamento più importante del suo genere nel Regno Unito

La tomba di un guerriero celtico contenente armi e scheletri di pony eretti è stata descritta dagli esperti come una scoperta unica e significativa per il Regno Unito.

Uno scudo di 2000 anni, che è stato trovato accanto ai resti dell'antico britannico, è "il più importante oggetto d'arte celtica britannica del millennio", ha affermato la dott.ssa Melanie Giles, dell'Università di Manchester.

Gli archeologi hanno affermato che il luogo di sepoltura a Pocklington, nello Yorkshire orientale, è l'unico nel Regno Unito in cui gli archeologi moderni hanno trovato cavalli sepolti in una "tomba del carro".

Circa 20 esseri umani sepolti all'interno di carri sono stati trovati negli ultimi 100 anni circa, principalmente nello Yorkshire, anche se non con i cavalli.

Paula Ware, il direttore di Map Archaeological Practice, che ha scavato la tomba, ha dichiarato: "La grandezza e la conservazione della sepoltura del carro di Pocklington non hanno paralleli britannici, fornendo una visione più ampia dell'epoca dell'età del ferro".

Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

1/8 Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

Fornito dai servizi archeologici dell'Università di Leicester

Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

Fornito dai servizi archeologici dell'Università di Leicester

Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

Fornito dai servizi archeologici dell'Università di Leicester

Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

Fornito dai servizi archeologici dell'Università di Leicester

Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

Fornito dai servizi archeologici dell'Università di Leicester

Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

Fornito dai servizi archeologici dell'Università di Leicester

Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

Una scoperta ultra rara rivela come combattevano gli antichi guerrieri celtici

Fornito dai servizi archeologici dell'Università di Leicester/Chloe Watson

L'archeologo ha definito lo scudo un "incomparabile" ritrovamento dell'età del ferro a causa della sua "caratteristica progettuale precedentemente sconosciuta".

Ha detto che il suo confine smerlato "non è paragonabile a nessun altro ritrovamento dell'età del ferro in tutta Europa, aggiungendo alla sua preziosa unicità".

"La credenza popolare è che gli elaborati scudi con la faccia di metallo fossero puramente cerimoniali, riflettendo lo status, ma non usati in battaglia", ha detto. "Si possono anche vedere segni di riparazioni, suggerendo che lo scudo non era solo vecchio, ma probabilmente era stato usato bene".

Consigliato

La tomba dell'età del ferro, il cui abitante si ritiene sia morto tra il 320 a.C. e il 174 a.C., è stata inizialmente scavata in un cantiere nella città mercato nel 2018.

Il corpo dell'antico britannico fu posto nel carro dietro i cavalli, che furono messi per sembrare che stessero saltando fuori dalla tomba.

"Questa scoperta fornisce preziose prove aggiuntive che dimostrano come gli antichi britannici amassero i loro carri", ha detto all'epoca il dottor Giles, uno dei principali esperti di sepolture e archeologo.

"È concepibile che la famiglia del morto e la sua comunità credessero che il carro lo avrebbe aiutato a raggiungere l'altro mondo o gli sarebbe stato utile quando sarebbe arrivato lì", ha detto.

Persimmon Homes Yorkshire, che possiede il ritrovamento, ha detto che stanno pianificando di donare la scoperta a un museo.

Scott Waters, direttore dell'impresa edile, ha dichiarato: "Lo scavo presso lo sviluppo di The Mile è una scoperta davvero magnifica per la storia britannica e riteniamo che questo riconoscimento e questo ritrovamento debbano rimanere nell'area locale".


Antiche tombe di guerrieri di 2000 anni scoperte vicino a Bejsce

La tomba del guerriero al momento della scoperta. Credito: Jan Bulas

Tombe di guerrieri risalenti a 2000 anni fa sono state trovate dagli archeologi vicino a Bejsce nella provincia di Świętokrzyskie. I resti cremati erano accompagnati da armi: spade di ferro e punte di lancia o di giavellotto. Secondo gli archeologi, il cimitero appena scoperto copre circa 1 ha.

I resti del cimitero sono in un campo seminativo, pertanto le tombe in cui sono sepolti i morti cremati sono gravemente danneggiate. Nella primavera di quest'anno, gli archeologi hanno scoperto numerosi frammenti di urne. Ciò avveniva durante i rilievi di superficie, che consistono nel camminare attraverso i campi coltivabili alla ricerca di manufatti che giacevano sulla loro superficie. Il numero di conchiglie e ossa bruciate ha sorpreso gli archeologi, quindi è stato deciso di iniziare gli scavi.

"Non sappiamo esattamente quante tombe ci fossero nel cimitero, perché la nostra ricerca è ancora in una fase iniziale, le tombe vengono distrutte e spesso si trovano su una vasta area del campo", afferma il capo del progetto di ricerca Jan Bulas dell'Istituto di Archeologia dell'Università Jagellonica.

Tuttavia, i risultati degli scavi di agosto danno un'idea di un'alta densità di tombe. Almeno 20 sepolture sono state scoperte in un'area di 200 mq. Queste sono solo stime dei ricercatori, perché anche alcune delle tombe scoperte durante gli scavi sono gravemente danneggiate. Proprio come la loro attrezzatura, che è stata oggetto di analisi e conservazione negli ultimi mesi.

"Oggetti fortemente corrosi e apparentemente informi si sono rivelati frammenti di spade o fibule di ferro", afferma il ricercatore. Durante la prima stagione di scavi, gli archeologi sono riusciti a trovare un totale di quattro spade di circa 2000 anni fa.

"Per fare un confronto, conosciamo due spade dalla più grande conosciuta in questa regione e necropoli completamente studiate di questo periodo nella vicina Michałowice. Nel frattempo, la nostra ricerca è appena iniziata", osserva il ricercatore.

Nove punte di lancia o giavellotto sono state trovate anche a Bejsce. In totale, gli archeologi hanno contato quasi 200 manufatti metallici e i loro frammenti dopo la ricerca di quest'anno. Ci sono anche oggetti in osso, pietra e argilla.

Durante gli scavi, gli archeologi si sono imbattuti nei resti di misteriose strutture quadrate. Hanno una pianta quadrata e più spesso una sezione triangolare.

"Strutture simili, i cosiddetti oggetti scanalati, sono note da altri cimiteri di questo periodo nel sud della Polonia, ma la loro funzione non è ancora chiara. A Bejce, contenevano frammenti di vasi di ceramica e oggetti di metallo", dice. È interessante notare che sono tutti orientati da direzioni cardinali. Secondo l'archeologo, potrebbero essere legati alla designazione dello spazio nei cimiteri per le singole famiglie.

Non è chiaro quali comunità debbano essere associate al defunto sepolto nel cimitero. Sulla base di navi scoperte e altri oggetti, gli archeologi identificano questo gruppo come membri della cultura di Przeworsk. Bulas pensa che potessero essere rappresentanti dell'unione tribale Lugii, un'entità politica composta da popoli di varia origine. I testi degli storici antichi sono molto ambigui in questa materia, dicono gli scienziati.

Gli archeologi affermano che ora stanno pianificando ulteriori scavi a Bejsce.

PAP - La scienza in Polonia, Szymon Zdziebłowski

Przed dodaniem komentarza prosimy o zapoznanie z Regulaminem forum serwisu Nauka w Polsce.


Guarda il video: 5 ritrovamenti della 2a Guerra Mondiale che non crederai ai tuoi occhi (Giugno 2022).