La storia

Hillary Rodham Clinton - Storia

Hillary Rodham Clinton - Storia



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Hillary Rodham Clinton è il primo avvocato a diventare First Lady. Si è laureata al Wellesley College e alla Yale Law School e ha ricoperto molte posizioni di rilievo tra cui professore di diritto all'Università dell'Arkansas, attivista per il Children's Defense Fund e partner di uno studio legale aziendale. È anche madre di una figlia adolescente.

Nata a Chicago, la signora Clinton ha incontrato il suo futuro marito alla facoltà di legge. Dopo il matrimonio, la coppia è tornata nello stato natale del marito dell'Arkansas, dove Bill Clinton ha perseguito una carriera politica. Come governatore, Clinton iniziò a costruire la base politica che lo avrebbe portato alla Casa Bianca. La redditizia carriera legale di sua moglie ha fornito la maggior parte del sostegno finanziario alla loro famiglia.

Come First Lady politicamente esperta e schietta, Hillary Clinton è stata oggetto di notevoli attacchi per il ruolo controverso che ha assunto nell'amministrazione di suo marito. Uno dei suoi primi atti è stato quello di stabilire il suo ufficio nell'ala ovest della Casa Bianca, una mossa senza precedenti per una First Lady. Successivamente, ha assunto la presidenza della task force sulla riforma dell'assistenza sanitaria nazionale. Ha avuto il non invidiabile compito di cercare di fornire un quadro per una riforma sanitaria globale negli Stati Uniti. Dopo un lungo ed estenuante sforzo, le proposte di riforma di Clinton sono state sconfitte. Da allora, la signora Clinton ha compiuto uno sforzo consapevole per seguire un'agenda più tradizionale della First Lady preservando gli aspetti unici della sua collaborazione con il Presidente. Con la fine della presidenza del marito, Clinton ha iniziato la propria carriera politica candidandosi al Senato da New York. Ha vinto quella corsa ed è diventata senatrice nel 2000. Nel 2008 ha cercato la nomination democratica per la presidenza ma è stata sconfitta dal senatore Barak Obama. Il presidente Obama ha chiesto a Clinton di essere il suo Segretario di Stato, un lavoro che ha svolto per il primo mandato di Obama. Nel 2016 Clinton ha vinto la nomination democratica contro il senatore Bernie Sanders. Solo per poi perdere le elezioni contro Donald Trump.


CLINTON, Hillary Rodham

Nel 2000, mentre prestava servizio come First Lady degli Stati Uniti, Hillary Rodham Clinton ha vinto l'elezione al Senato degli Stati Uniti da New York. A Capitol Hill ha lavorato per ricostruire e mettere in sicurezza la città di New York sulla scia degli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 e ha spinto per misure per aiutare le truppe che combattono le guerre in Iraq e Afghanistan. Dopo aver prestato servizio come Segretario di Stato nel Gabinetto del presidente Barack Obama, è diventata la prima donna nella storia americana ad essere nominata presidente in un importante biglietto di partito. Dopo aver infranto le barriere ad ogni svolta durante la sua carriera politica, Clinton ha riflettuto sulla sua eredità nel marzo 2020. "Beh, so di essere stata una brava funzionaria pubblica", ha detto. "Spero di aver reso un po' più facile l'ingresso di più donne nella sfera pubblica". 1

Hillary Rodham Clinton è nata Hillary Diane Rodham il 26 ottobre 1947 a Chicago, Illinois, la maggiore di tre figli, da Hugh Ellsworth Rodham e Dorothy Howell Rodham. Clinton è cresciuta nel sobborgo di Chicago di Park Ridge e si è laureata al Wellesley College in Massachusetts, dove è diventata leader del campus ed è stata scelta dai suoi compagni di classe come prima oratrice per l'inizio degli studenti. 2 Dopo aver conseguito una laurea in scienze politiche, Clinton si è laureata in giurisprudenza alla Yale Law School nel 1973. Ispirato dal lavoro di Marian Wright Edelman, un'alunna di Yale e attivista per i diritti dei bambini che ha fondato il Children's Defense Fund (CDF), Clinton ha lavorato per il CDF dopo la laurea. Nel 1974 è entrata a far parte dello staff del consigliere speciale della commissione giudiziaria della Camera che ha guidato l'inchiesta di impeachment contro il presidente Richard M. Nixon scatenata dallo scandalo Watergate. Dopo che Nixon si è dimesso e la Camera ha chiuso la sua indagine, Rodham ha accettato una posizione di insegnante presso la University of Arkansas School of Law e nel 1975 ha sposato William J. (Bill) Clinton, che aveva incontrato a Yale. Hanno una figlia, Chelsea. 3

Nel 1977 il presidente Jimmy Carter nominò Clinton nel consiglio di amministrazione della Legal Services Corporation, un'organizzazione che distribuiva denaro federale agli uffici di assistenza legale a livello nazionale. Ha fondato l'Arkansas Advocates for Children and Families e nel 1978 è stata nominata nel consiglio del Children's Defense Fund, che ha poi presieduto dal 1986 al 1989. Nel 1978 suo marito Bill ha vinto l'elezione a governatore dell'Arkansas e lei ha assunto responsabilità come membro dello stato. first lady durante i loro 10 anni combinati nella villa del governatore. 4 Nel 1992 ha fatto un'ampia campagna per suo marito durante la sua corsa per la Casa Bianca Bill Clinton è stato eletto presidente a novembre. Per otto anni, Clinton ha lavorato come First Lady attiva, lavorando sulla riforma sanitaria, sui problemi dei bambini e sui diritti delle donne. Il presidente Clinton l'ha nominata capo della sua task force sulla politica sanitaria, ma il Congresso non ha mai abbracciato il suo piano di revisione del settore sanitario. Le riforme furono abbandonate nel settembre 1994. 5

Nel 1999, quando il senatore di New York Daniel Patrick Moynihan annunciò il suo ritiro, Clinton si unì alla corsa per succedergli mantenendo il ruolo di First Lady. Nel luglio 1999, ha istituito un comitato esplorativo e si è impegnata a "passare un po' di tempo, molto tempo, a New York ad ascoltare le persone". 6 Nonostante non abbia mai vissuto a New York, Clinton stabilì la residenza, ottenne un forte sostegno dal partito e divenne rapidamente la favorita nelle primarie democratiche, in gran parte grazie ai suoi sforzi nella campagna elettorale nello stato di New York. Nel suo lancio ufficiale della campagna il 7 febbraio 2000, Clinton è salita sul palco della State University di New York con il Presidente in piedi in silenzio dietro di lei. Affrontando alcune critiche a testa alta, ha detto: "Ora lo so, alcune persone mi chiedono perché lo sto facendo, qui e ora. E questa è una domanda giusta. Ecco la mia risposta e il motivo per cui spero che mi metterai a lavorare per te: potrei essere nuovo nel quartiere, ma non sono nuovo alle tue preoccupazioni. 7

Clinton ha spazzato via le primarie democratiche, vincendo l'82% dei voti contro Mark McMahon, un chirurgo ortopedico che era entrato nella corsa solo per impedire a Clinton di correre senza opposizione. 8 In vista delle elezioni generali contro il rappresentante repubblicano Enrico A. (Rick) Lazio, Clinton si è impegnata a contribuire a rivitalizzare l'economia del nord ea continuare il suo impegno per la riforma dell'istruzione e dell'assistenza sanitaria. Ha sostenuto una "carta dei diritti dei pazienti" e ha ampliato la copertura Medicare per i farmaci da prescrizione. Clinton ha martellato la Lazio sul tema dell'assistenza sanitaria nel tratto finale della campagna, criticando il membro del Congresso per aver mancato un voto su un emendamento a un disegno di legge sugli stanziamenti che avrebbe richiesto piani HMO per coprire i pazienti Medicare per almeno tre anni, invece di uno. Il 7 novembre 2000 ha prevalso con il 56 per cento dei voti. 9 L'elezione di Clinton l'ha resa la prima donna a rappresentare New York al Senato degli Stati Uniti ed è stata anche la prima First Lady a vincere le elezioni per un ufficio federale.

Al Senato, Clinton ha ricevuto tre incarichi di commissione nel suo primo mandato: Bilancio Ambiente e Lavori pubblici e Salute, Istruzione, Lavoro e Pensioni (AIUTO). Nel 108esimo Congresso (2003-2005), si è dimessa dalla Commissione Bilancio quando è diventata la prima newyorkese nella storia del Senato a far parte della Commissione per i servizi armati. Inoltre, nel 109° Congresso (2005-2007), è stata assegnata al Comitato speciale del Senato sull'invecchiamento. 10

Gran parte dei primi lavori di Clinton al Senato si sono concentrati sulla promozione dello sviluppo economico nello stato di New York, compresa l'espansione dell'accesso a Internet ad alta velocità e la creazione di incentivi fiscali per progetti edilizi rispettosi dell'ambiente. Ha anche promosso programmi per rinnovare e modernizzare le scuole. Dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 al World Trade Center di New York, ha lavorato per aiutare la regione a riprendersi. A causa degli attacchi, New York ha perso un terzo di tutti i suoi uffici nelle principali linee ferroviarie e della metropolitana di Lower Manhattan chiuse, spostando più di mezzo milione di pendolari e decine di migliaia di posti di lavoro sono stati persi. Clinton ha lavorato con i suoi colleghi per assicurarsi che New York ricevesse fondi federali per iniziare la ricostruzione. Ha lottato per includere 50 milioni di dollari per le organizzazioni non profit dell'area di New York e 570 milioni di dollari per la sicurezza delle infrastrutture nel 2004. Alla fine, sono stati stanziati più di 21,4 miliardi di dollari per ricostruire e proteggere la città e le aree colpite. Clinton ha anche vinto un'estensione dell'assicurazione contro la disoccupazione per aiutare i lavoratori sfollati. 11

Nell'ottobre 2002, in seguito all'avvertimento del presidente George W. Bush che Saddam Hussein possedeva armi di distruzione di massa, Clinton si è unito ad altri 28 senatori democratici e a quasi tutti i repubblicani nell'autorizzazione all'uso della forza militare in Iraq. Nonostante le critiche dei sostenitori della pace e di altri democratici, Clinton ha difeso la sua decisione e in seguito ha votato per uno stanziamento supplementare di 87 miliardi di dollari per la guerra. "Il fatto è che siamo in Iraq e in Afghanistan, e non abbiamo altra scelta che avere successo", ha spiegato nel dicembre 2003. Mentre la guerra si trascinava, tuttavia, Clinton si unì a un coro di democratici che criticavano Bush strategia dell'amministrazione. Nell'agosto 2006 ha chiesto le dimissioni del segretario alla Difesa Donald Henry Rumsfeld. 12

Durante la sua permanenza al Senato, Clinton era nel partito di minoranza o faceva parte di una maggioranza esigua. Mentre alcuni dei suoi progetti di legge sono diventati legge, Clinton si è concentrata sul lavoro politico in commissione e sull'instaurazione di relazioni bipartisan. 13 Il senatore della Virginia John William Warner, presidente repubblicano dell'Armed Services Committee, ha elogiato gli sforzi di Clinton. "È molto laboriosa", ha detto. “Fa i compiti con molta attenzione. È molto rispettosa del modo in cui il comitato fa i suoi affari". Clinton ha sfruttato la sua comprensione del processo del comitato per perseguire un'armatura più protettiva per le truppe in Medio Oriente e per sostenere la fine della politica "Non chiedere, non dire" che vieta apertamente i membri del servizio gay. 14

Nell'autunno del 2006, Clinton è stato rieletto per un secondo mandato al Senato, vincendo il 64 per cento dei voti contro il candidato repubblicano John Spencer. Nel 2007 ha dichiarato la sua candidatura per la nomina presidenziale democratica del 2008. In una storica stagione delle primarie, Clinton è emersa come una delle prime leader, ma le critiche al suo voto per la guerra in Iraq hanno pesato sulla sua campagna e alla fine ha perso la nomination al senatore Barack Obama dell'Illinois. Dopo la sua elezione a presidente, Obama ha nominato Clinton Segretario di Stato. Alla fine di gennaio 2009, dopo che il Senato ha confermato la sua nomina, Clinton si è dimessa dal Senato per iniziare le sue funzioni di Segretario di Stato. 15

Clinton è stata Segretario di Stato nell'amministrazione Obama dal 2009 al 2013. Il 12 aprile 2015, ha annunciato la sua candidatura per la nomina democratica alla presidenza nel 2016. Clinton ha vinto le primarie democratiche e, quando ha accettato la nomina il 28 luglio, 2016, è diventata la prima donna a guidare il biglietto presidenziale di un grande partito. Sebbene alla fine abbia vinto quasi tre milioni di voti in più nel voto popolare, Clinton ha perso le elezioni presidenziali del 2016 contro il candidato repubblicano, Donald J. Trump, che ha conquistato il Collegio elettorale. 16


VIDEO

VIDEO: Batteria H della 3a artiglieria pesante della Pennsylvania a Gettysburg

Dana Shoaf, editore di Civil War Times, condivide la storia di come la batteria H della 3a artiglieria pesante della Pennsylvania si sia trovata nel bel mezzo della battaglia di Gettysburg. .

Dan Bullock: il più giovane americano ucciso nella guerra del Vietnam

Pfc. Dan Bullock è morto all'età di 15 anni nel 1969 e gli sforzi per riconoscere il giovane marine afroamericano continuano e sono evidenziati in questo documentario del Military Times. (Rodney Bryant e Daniel Woolfolk/Military Times).


Rodham è nato il 2 aprile 1911 a Scranton, in Pennsylvania, figlio di Hugh Rodham (1879-1965) e Hannah Jones (1882-1952). [1] I suoi genitori provenivano o erano genitori dal Regno Unito: suo padre emigrò da Oxhill, nella contea di Durham, in Inghilterra, figlio di un minatore di carbone, [2] mentre sua madre nacque in Pennsylvania, da genitori immigrati dal Galles, uno dei quali era di Merthyr Tydfil, anche lei discendeva da genitori di minatori di carbone. [1] [3] [4] [5]

Rodham ha frequentato la Pennsylvania State University ed è stato un tight end di terza corda per la squadra di football dei Penn State Nittany Lions. [6] Si unì alla confraternita Delta Upsilon. [4] Si laureò con un Bachelor of Science in educazione fisica [4] presso il College of Education nel 1935, al culmine della Grande Depressione.

Lavorò brevemente per il datore di lavoro di suo padre, la Scranton Lace Company, [7] poi fece scalo a Chicago senza dirlo ai suoi genitori. [4] Rodham trovò lavoro lì vendendo tessuti per tendaggi nel Midwest, inviando i soldi che aveva guadagnato a casa. [4]

Nella seconda guerra mondiale, Rodham prestò servizio nella Marina degli Stati Uniti. Divenne un sottufficiale capo di stanza presso la stazione navale dei Grandi Laghi, svolgendo compiti di addestramento per i marinai diretti al teatro dell'Oceano Pacifico della seconda guerra mondiale. [4] Dopo la guerra, ha stabilito una carriera di successo nel settore delle forniture tessili, iniziando con Rodrik Fabrics, un'azienda di tessuti per tendaggi situata nel famoso edificio del Merchandise Mart di Chicago. [4] La sua azienda produceva tendaggi e tende per finestre, inclusi uffici, hotel, compagnie aeree e teatri. [6] In seguito aprì un edificio per la stampa di tessuti nel North Side. [4] La coppia viveva nel quartiere Edgewater di Chicago. [8]

Rodham è entrato in politica una volta. Sperando di ottenere il favore della macchina politica del Partito Democratico della Contea di Cook per capitalizzare un investimento in centro che aveva fatto, si candidò come consigliere di Chicago come indipendente di tendenza democratica nel 1947. [6] Il concorso, tenutosi a Chicago, 49th Ward, è stato vinto da Frank Keenan, un membro del comitato democratico che corre sulla normale linea democratica, con 17.073 voti un repubblicano, Joseph Reubens, è arrivato secondo con 5.509 voti. [9] Rodham è arrivato quinto su otto candidati con solo 382 voti, ovvero l'1,5% dei voti totali espressi. [9] Secondo alcuni membri della famiglia, questo episodio ha portato alla sua forte antipatia per il Partito Democratico per il resto della sua vita. [6]

Rodham era un convinto sostenitore della campagna presidenziale di Barry Goldwater del 1964 e rimase un repubblicano impegnato fino alla sua morte. Anche dopo che sua figlia ha sposato il democratico Bill Clinton, lui (secondo Bill Clinton) "non ha mai perso la speranza che suo genero si unisse a lui nel Partito Repubblicano e sostenesse un taglio dell'imposta sulle plusvalenze". [10] Alla fine del 1992, in seguito all'elezione del genero Bill Clinton a presidente, Rodham fece un cameo nella commedia televisiva Cuori in fiamme, i cui produttori erano amici dei Clinton. [11]

Nel 1937, mentre Rodham stava effettuando una chiamata di vendita presso un'azienda tessile, incontrò Dorothy Emma Howell (1919-2011), che stava facendo domanda per un lavoro in quell'azienda. [4] [7] Dopo un lungo corteggiamento, si sposarono all'inizio del 1942. [4] I Rodham ebbero tre figli: Hillary (nato nel 1947), Hugh (nato nel 1950) e Tony (1954-2019). Nel 1950, si trasferirono nel sobborgo più ricco di Chicago, Park Ridge, nell'Illinois. [4] La famiglia manteneva ancora legami con Scranton: tutti e tre i bambini venivano battezzati lì e trascorrevano le estati in una regione rurale che si affaccia sul lago Winola, situata a Overfield Township nell'area delle Endless Mountains della Pennsylvania. [4] [7] alloggiando in un cottage che nel 1921, Hugh e suo padre si erano costruiti. [12]

Morte Modifica

Hugh Rodham è morto a Little Rock, Arkansas, mercoledì 7 aprile 1993, cinque giorni dopo il suo 82° compleanno, tre settimane dopo aver subito un ictus, [11] e meno di tre mesi dopo l'insediamento di Bill Clinton come 42° Presidente degli Stati Uniti. . A seguito di un servizio commemorativo privato a Little Rock frequentato dai Clinton, fu sepolto nel cimitero di Washburn Street nella sua nativa Scranton, in Pennsylvania, in un funerale privato frequentato anche dalla famiglia Clinton. [11]


Biografie dei Segretari di Stato: Hillary Rodham Clinton (1947-)

Il 21 gennaio 2009, Hillary Rodham Clinton ha prestato giuramento come 67esimo Segretario di Stato degli Stati Uniti. Il segretario Clinton è entrato nel Dipartimento di Stato dopo quasi quattro decenni di servizio pubblico come avvocato, avvocato, First Lady e senatore.

Il segretario Clinton è nato a Chicago, Illinois, il 26 ottobre 1947 da Dorothy Rodham e dal defunto Hugh Rodham.

Ha frequentato le scuole pubbliche locali prima di laurearsi al Wellesley College e alla Yale Law School, dove ha incontrato Bill Clinton. Nel 1974, il segretario Clinton si trasferì in Arkansas, un anno dopo sposò Bill Clinton e divenne un avvocato di successo mentre allevava anche la loro figlia, Chelsea. Era un assistente professore presso la University of Arkansas School of Law, e dopo aver lavorato per rafforzare l'ufficio di assistenza legale locale, è stata nominata dal presidente Jimmy Carter nel 1977 per far parte del consiglio di amministrazione della Legal Services Corporation, che in seguito ha presieduto.

Durante i suoi 12 anni come First Lady dello Stato dell'Arkansas, è stata presidente dell'Arkansas Education Standards Committee, ha co-fondato l'Arkansas Advocates for Children and Families e ha fatto parte del consiglio di amministrazione dell'Arkansas Children's Hospital e del Children's Defense Fund .

Nel 1992, il governatore Clinton è stato eletto Presidente degli Stati Uniti e, come First Lady, Hillary Clinton è diventata una sostenitrice della riforma sanitaria e ha lavorato su molte questioni relative ai bambini e alle famiglie. Ha guidato con successo gli sforzi bipartisan per migliorare i sistemi di adozione e affidamento, ridurre le gravidanze adolescenziali e fornire assistenza sanitaria a milioni di bambini attraverso il programma di assicurazione sanitaria per i bambini. Ha anche viaggiato in più di 80 paesi come rappresentante del nostro paese, guadagnandosi il rispetto come paladina dei diritti umani, della democrazia e della società civile. Il suo famoso discorso a Pechino nel 1995 - quando dichiarò che "i diritti umani sono diritti delle donne e i diritti delle donne sono diritti umani" - ha ispirato le donne di tutto il mondo e ha contribuito a galvanizzare un movimento globale per i diritti delle donne.

Con il Segretario di Stato Madeleine K. Albright, il Segretario Clinton ha lavorato per lanciare la Vital Voices Democracy Initiative del governo. Oggi, Vital Voices è un'organizzazione non governativa che continua a formare e organizzare donne leader in tutto il mondo.

Nel 2000, Hillary Clinton ha fatto la storia come la prima First Lady eletta al Senato degli Stati Uniti e la prima donna eletta in tutto lo stato a New York. Al Senato ha fatto parte della Commissione servizi armati, della Commissione sanità, istruzione, lavoro e pensioni, della Commissione ambiente e lavori pubblici, della Commissione Bilancio e della Commissione ristretta sull'invecchiamento. È stata anche commissario della Commissione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

In qualità di senatore, Clinton ha lavorato attraverso le linee di partito per costruire il supporto per cause importanti per i suoi elettori e per il paese, inclusa l'espansione delle opportunità economiche e l'accesso a un'assistenza sanitaria di qualità ea prezzi accessibili. Dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001, è stata una forte sostenitrice del finanziamento della ricostruzione di New York e delle preoccupazioni per la salute dei primi soccorritori che hanno rischiato la vita lavorando a Ground Zero. Ha anche sostenuto la causa dell'esercito della nostra nazione e ha combattuto per una migliore assistenza sanitaria e benefici per i membri del servizio feriti, i veterani e i membri della Guardia Nazionale e delle Riserve. È stata anche l'unico membro del Senato del Transformation Advisory Group presso il Joint Forces Command del Dipartimento della Difesa.

Nel 2006, la senatrice Clinton ha vinto la rielezione al Senato e nel 2007 ha iniziato la sua storica campagna per la presidenza. Nel 2008 ha fatto una campagna per l'elezione di Barack Obama e Joe Biden, ea novembre è stata nominata Segretario di Stato dal presidente eletto Obama.

La segretaria Clinton è l'autrice di libri di successo, tra cui il suo libro di memorie, Living History, e il suo libro rivoluzionario sui bambini, It Takes A Village. Lei e il presidente Clinton risiedono a New York.


Contenuti

Primarie democratiche

Già nel marzo 2008, il senatore Clinton ha ammesso di apprezzare l'idea del "biglietto dei sogni"[1] - con solo chi sarebbe in alto a sinistra a decidere. Dopo aver vinto facilmente le primarie dell'Ohio e del Texas, una serie di vittorie ha portato lei e Obama a un pareggio per delegati eletti fino a una vittoria travolgente nelle primarie della Pennsylvania, dopo la quale Obama non si è mai ripreso. Il 20 maggio 2008, Obama ha ammesso dopo i risultati delle primarie del Kentucky e dell'Oregon, i sondaggi hanno predetto con successo che l'Oregon sarebbe stato l'ultimo stato che Obama avrebbe portato. La concessione è stata data in un'apparizione congiunta con il senatore Clinton, che ha immediatamente annunciato la sua scelta del senatore Obama come suo vice.

Campagna presidenziale Clinton

Il 4 novembre 2008, Hillary Clinton ha sconfitto John McCain alle elezioni generali con 340 voti elettorali contro i 198 di McCain ed è diventata la prima donna ad essere eletta presidente degli Stati Uniti e Obama il primo vicepresidente afroamericano. Ciò significava anche che la dinastia Bush-Clinton sarebbe continuata all'interno della Presidenza. L'8 gennaio 2009, una sessione congiunta del Congresso degli Stati Uniti ha certificato i voti del Collegio Elettorale, dichiarando ufficialmente che Clinton è stato eletto presidente.


Contenuti

Modifica dello sfondo

LSC è uno dei discendenti organizzativi dell'ex Office of Economic Opportunity (OEO). [6] L'Economic Opportunity Act del 1964, una parte fondamentale della visione della Great Society del presidente Lyndon B. Johnson, istituì l'OEO. Basandosi sul lavoro di un saggio del 1964, "The War on Poverty: A Civilian Perspective" di Edgar Cahn e Jean Camper Cahn, nel 1965 l'OEO ha stanziato un milione di dollari all'anno [6] per creare e finanziare 269 programmi di servizi legali locali in tutto il paese , [7] come California Rural Legal Assistance, [7] che si è fatto un nome facendo causa a funzionari locali e talvolta suscitando risentimento contro i loro finanziamenti federali. [7] Jean Cahn è stato il primo direttore del National Legal Services Program nell'OEO. [8]

All'inizio degli anni '70, l'amministrazione Nixon iniziò a smantellare i finanziamenti dell'OEO per i servizi legali per i poveri e i sostenitori cercarono una soluzione alternativa. [7] Nel 1971 un gruppo congressuale bipartisan, tra cui i senatori Ted Kennedy, William A. Steiger e Walter Mondale, propose una società nazionale e indipendente di servizi legali [9] allo stesso tempo, funzionari dell'amministrazione come il procuratore generale John N. Mitchell e il capo consigliere nazionale John Ehrlichman stavano proponendo la loro soluzione in qualche modo simile. [9]

La creazione e l'era Ford Modifica

L'idea alla base della LSC era quella di creare una nuova entità aziendale che sarebbe stata finanziata dal Congresso ma gestita in modo indipendente, con undici membri del consiglio nominati dal Presidente, previa conferma del Senato. [7]

LSC è stato creato dal Legal Services Corporation Act del 1974 (Pub.L. 93-355). [10] L'LSC Act contiene alcune regole e restrizioni relative a ciò che i beneficiari LSC possono fare. [10] Il budget iniziale era fissato a 90 milioni di dollari. [6]

La nomina e la conferma del primo consiglio di amministrazione della LSC furono ritardate dall'inazione e dall'opposizione, [7] ma nel luglio 1975 il presidente Gerald R. Ford aveva nominato e il Senato aveva approvato il primo consiglio, con il preside della Cornell University Law School Roger Conant Cramton come suo prima sedia. [7] Il procuratore e avvocato dei servizi legali del South Dakota, Bill Janklow, era un altro membro del consiglio iniziale. [11]

Il dibattito è esistito fin dall'inizio tra i membri del consiglio sul fatto che il ruolo di LSC dovesse essere lo stesso dell'OEO di utilizzare azioni legali e altri mezzi per attaccare le ampie difficoltà di fondo dei poveri o se l'attenzione dovesse essere definita più strettamente per affrontare situazioni piccole e specifiche . [6] [7] L'LSC Act affermava che l'organizzazione doveva perseguire "la parità di accesso alla giustizia", ​​ma Cramton ha scritto che mentre la legge aveva lo scopo di vietare gli obiettivi palesemente politici del lavoro dell'OEO degli anni '60, era formulata in modo ambiguo. [6]

Era Carter Modifica

Nel dicembre 1977, il presidente Jimmy Carter nominò Hillary Rodham membro del consiglio di amministrazione della LSC, [12] per un mandato che scadrà nel luglio 1980. [12] Rodham, un avvocato dello studio legale Rose a Little Rock, Arkansas, e la moglie del procuratore generale dell'Arkansas Bill Clinton, aveva una formazione in diritto e politica dei bambini e aveva lavorato nella fornitura di servizi legali per i poveri mentre frequentava la Yale Law School. Aveva anche svolto un lavoro di coordinamento della campagna del 1976 per Carter in Indiana. [13] [14] Questo era un appuntamento di ricreazione, quindi Rodham prese il suo posto nel consiglio senza una conferma immediata del Senato. Rodham è stato nominato di nuovo nel gennaio 1978 come un appuntamento fisso. [15] A metà del 1978, l'amministrazione Carter scelse la trentenne Rodham per diventare presidente del consiglio, la prima donna a diventarlo. [6] La posizione la prevedeva di viaggiare mensilmente dall'Arkansas a Washington, D.C. per incontri di due giorni. [6]

Durante le udienze di conferma del Senato di Rodham, ha sottoscritto la filosofia secondo cui LSC dovrebbe cercare di riformare leggi e regolamenti che considerava "non rispondenti ai bisogni dei poveri". [16] Rodham ha avuto successo nell'ottenere aumenti dei finanziamenti del Congresso per LSC, sottolineando il suo ruolo abituale nel fornire alle persone a basso reddito avvocati per assisterli in questioni legali comuni e ha inquadrato il suo finanziamento come né una causa liberale né conservatrice. [17] Al suo terzo anno nel consiglio di amministrazione della LSC, la Rodham aveva triplicato il budget della LSC. [18] L'opposizione a LSC durante questo periodo venne sia dal membro repubblicano del Congresso James Sensenbrenner, che era favorevole a un approccio "giudicare" di compensazione degli avvocati privati ​​per il lavoro svolto per i poveri, [18] sia dal capo del Caucus conservatore Howard Phillips, che si oppose al fatto che LSC rappresentasse gay. [18]

Il finanziamento di LSC era al suo massimo record, in dollari aggiustati per l'inflazione, nell'anno fiscale 1980, [14] [19] con un budget di $ 303 milioni. [20] Circa 6.200 avvocati per la povertà hanno intentato azioni legali utilizzando i suoi fondi per conto di 1,5 milioni di clienti poveri ammissibili [21] gli avvocati hanno vinto quasi l'80% delle loro cause, che riguardavano principalmente divorzi, sfratti, riacquisti e pagamenti interrotti da agenzie federali. [21] Per l'anno fiscale 1981 è stato preventivato a $ 321 milioni. [22]

Nel giugno 1980, Carter nominò Rodham per un altro mandato nel consiglio di amministrazione, che scadrà nel luglio 1983. [23] Tra l'aprile 1980 circa [24] e il settembre 1980, [25] F. William McCalpin la sostituì come presidente del consiglio. Rimarrà presidente fino alla fine del 1981. [26] [27] [28]

Era Reagan Modifica

LSC è stata fortemente osteggiata da alcuni gruppi politici. Come governatore della California negli anni '60, Ronald Reagan aveva sostenuto l'eliminazione di tutti i sussidi federali per i servizi legali gratuiti ai poveri nelle cause civili, [21] e aveva cercato di bloccare una sovvenzione all'assistenza legale rurale della California nel 1970. [21] Infatti , Tempo la rivista affermava: "Di tutti i programmi sociali che nascono dalla Great Society, non ce n'è nessuno che a Ronald Reagan disprezzi più della Legal Services Corporation". [22] Il direttore esecutivo del CRLA caratterizzerebbe l'atteggiamento di Reagan nei confronti dell'organizzazione come simile a quello di Darth Vader. [22]

Quando il presidente Reagan si insediò nel gennaio 1981, tentò di eliminare l'LSC senza finanziamenti. [21] I sostenitori della LSC si sono radunati per difenderla Il presidente dell'American Bar Association W. Reece Smith, Jr. ha portato 200 avvocati a Washington per portare avanti il ​​suo caso. [19] In risposta alle chiare intenzioni di Reagan contro l'LSC, è stata costituita la Coalition for Legal Services per esercitare pressioni all'esterno, ma per conto dell'LSC, che ha mostrato sostegno tramite i beneficiari delle sovvenzioni. [29]

La commissione giudiziaria della Camera degli Stati Uniti bloccò l'azione di Reagan a finanziamento zero nel maggio 1981, [30] ma tagliò il finanziamento a 260 milioni di dollari per entrambi i due anni successivi, oltre a imporre ulteriori restrizioni agli avvocati della LSC. [30] Entro il mese successivo, il Comitato per il lavoro e le risorse umane del Senato degli Stati Uniti, ora controllato dai repubblicani, aveva ridotto il finanziamento proposto a $ 100 milioni, [31] come parte di ciò che Il New York Times considerata una "lotta ideologica sempre più aspra". [31] Inoltre, i funzionari dell'amministrazione Reagan hanno accusato LSC di aver "nascosto e sottovalutato" la sua attività di lobbying e il sostegno a una legislazione politicamente motivata. [31]

Nel novembre 1981, l'amministrazione Reagan, pur sperando ancora di eliminare l'LSC, decise di sostituire tutti gli undici membri del consiglio di amministrazione dell'LSC con nomine proprie. [32] In cambio, la LSC iniziò a creare "società specchio" per aggirare le restrizioni del Congresso e riutilizzare i fondi per la difesa politica. [29] Il nuovo presidente proposto era Ronald Zumbrun, presidente della Pacific Legal Foundation, ideologicamente opposta, [32] che in precedenza aveva difeso lo stato della California contro diverse cause legali. [32] Per l'anno fiscale 1982, il budget di LSC è stato ridotto del 25% a 241 milioni di dollari, [21] con nuove regole che vietano la maggior parte delle azioni legali collettive e del lobbismo. [21] La nomina di Zumbrun fu sufficientemente controversa che nel gennaio 1982 l'amministrazione Reagan la lasciò cadere, e invece fece una nomina di recesso a William J. Olson come presidente. [33] Olson aveva guidato la squadra di transizione di Reagan che si occupava di LSC e aveva personalmente raccomandato la sua abolizione, quindi i sostenitori dell'LSC non furono placati. [33]

Allo stesso tempo, l'amministrazione Reagan aveva nominato altri sei membri del consiglio come nomine per la ricreazione. [33] Nel febbraio 1982, i membri nominati da Carter del consiglio preesistente hanno intentato causa contro le nomine di recesso, sostenendo che erano illegittime e che avrebbero dovuto essere inibite dallo svolgimento delle riunioni. [34] Rodham assunse il collega dello studio legale Rose, Vince Foster, per rappresentarla nel caso [34] e per chiedere un ordine restrittivo contro Reagan. [14] Ai candidati Reagan potrebbe essere stato proibito di incontrarsi con la Legal Service Corporation prima della conferma. [14]

Rodham ha anche spronato i Democratici del Senato a votare contro i candidati di Reagan. [14] I candidati hanno subito pesanti critiche al Congresso, con uno etichettato come bigotto e Olson aspramente criticato per la sua posizione di transizione. [34] Nel marzo 1982, fu nominata un'altra nuova cattedra, il professore di legge dell'Università dell'Indiana William F. Harvey, [35] sebbene Olson sarebbe rimasto nel consiglio. [36] Harvey e Rodham hanno avuto una teleconferenza in cui Rodham ha ribadito il suo desiderio per la causa. [34] Tale azione, McCalpin contro Dana, [37] fu deciso a favore degli imputati con sentenza sommaria nell'ottobre 1982. [37]

Nel dicembre 1982, il Senato era disposto a confermare sei dei candidati più moderati di Reagan, ma non Harvey, Olson e un altro [38] l'amministrazione Reagan invece ritirò i nomi di tutti loro. [36] Questo consiglio ha poi chiuso la sua ultima riunione in una debacle pubblica, [38] con Olson che ha criticato l'LSC come pieno di "abusi e illegalità dilagante" e di "uno spreco di denaro dei contribuenti attraverso il finanziamento della sinistra", [38 ] mentre veniva arringato da un pubblico ostile. [38] Inoltre, gli incaricati del consiglio di Reagan venivano criticati per aver riscosso compensi sostanzialmente più alti rispetto ai precedenti membri del consiglio. [28] [38]

Nel settembre 1983 il General Accounting Office scoprì che all'inizio del 1981 i funzionari dell'LSC e le sue affiliate locali avevano utilizzato fondi federali per radunare l'opposizione agli sforzi di Reagan per eliminare l'LSC e che questo uso era stato in violazione delle restrizioni dell'LSC Act contro tale attività politica . [39] Tali azioni contro la legge LSC non erano crimini e il rapporto del GAO non affermava che si fossero verificati crimini. [39] L'indagine era stata avviata dalla LSC nel 1983 ordinando una serie di "incursioni" nei propri uffici per tentare di scoprire prove di azioni discutibili intraprese dalla LSC nel 1981, [22] spingendo Tempo rivista per dichiarare LSC "un'organizzazione in guerra con se stessa". [22]

Altre nomine di recesso furono fatte da Reagan alla fine del 1983, nel 1984 e all'inizio del 1985, senza che nessuna di queste fosse confermata dal Senato. [37] Indeed, LSC's board would go a total of three and a half years populated by recess appointments. [37] Finally in June 1985 the Senate confirmed the latest batch of Reagan nominations. [37] The Carter board lawsuit, since renamed and appealed as McCalpin v. Durant to the United States Court of Appeals, District of Columbia Circuit, was then decided later in June 1985 as moot. [37]

George H. W. Bush era Edit

Overt White House hostility towards LSC ended with the George H. W. Bush administration, with calls for level funding rather than decreases. [19] Under board chair George Wittgraff, LSC began to ease relations with private lawyers and with state grantees. [19] In fiscal 1992, LSC saw a funding increase back to $350 million. [19]

Clinton era Edit

Hillary Rodham's husband, the aforementioned Bill Clinton, took office as U.S. President in January 1993. The first two years of the Clinton administration saw more growth for LSC, as former chair McCalpin returned to the board and the previous former chair Hillary was now First Lady of the United States. [19] Funding rose to a high mark in absolute terms of $400 million for fiscal years 1994 and 1995. [19]

Things turned upon the advent of the Republican Revolution. [19] In fiscal 1996, once the Republican party had taken over Congress the year prior, LSC had its funding cut again, from $400 million to $278 million. [40] A new set of much more extensive restrictions were added to LSC grantees. The organization's supporters expressed disappointment that the Clinton administration did not make LSC a critical priority in its budget battles with the Republican Congress, especially given Hillary Clinton's former role in it. [40]

As part of a comprehensive "welfare reform" of federal welfare laws beginning in 1996, most significantly the Personal Responsibility and Work Opportunity Act, Congress imposed restrictions on the types of work that LSC grantee legal services organizations could engage in. For example, LSC-funded organizations could no longer serve as counsel in class action lawsuits [40] challenging the way public benefits are administered. Additionally, LSC grantees faced tightened restrictions on representing immigrants, specifically those illegally in the country. [40] However, in 2001, the restriction on welfare advocacy was ruled unconstitutional in Legal Services Corp. v. Velazquez.

However, non-LSC funded organizations are not subject to these restrictions leading the legal services community to adopt a two-track approach: LSC restricted counsel taking on individual clients but not engaging in class actions, and non-restricted counsel (using private donor funding) both taking on individuals as well as engaging in otherwise restricted litigation. Poverty lawyers in both tracks still work together where they can, being careful not to run afoul of LSC restrictions.

George W. Bush era Edit

In 2004, veteran Legal Aid Society attorney Helaine M. Barnett was named President of the LSC. [41]

According to LSC's 2009 report "Documenting the Justice Gap in America: The Current Unmet Civil Legal Needs of Low-Income Americans," all legal aid offices nationwide, LSC-funded or not, were together able to meet only about 20 percent of the estimated legal needs of low-income people in the United States. [42]

For 2007, LSC had a budget of some $350 million. [43]

Obama era Edit

In 2009 during the Obama administration, the LSC was on the path to getting a $50 million increase in its $390 million budget. [44]

However, the LSC came under criticism from Senator Charles Grassley, who said, "There's just a lot of money being wasted," citing several General Accounting Office and Inspector General reports. [44]

By fiscal 2011, the annual budget amount for the LSC was $420 million. [45] In early 2011, House now-majority Republican proposed a $75 million reduction in that current-year amount, while Obama's suggestion budget proposed a $30 million increase for the subsequent year. [45]

On December 16, 2014, the President signed into law the Consolidated and Further Continuing Appropriations Act for FY 2015 that includes $375 million for LSC. [4]

Trump era Edit

Since 2017, the Trump administration has called for the elimination of funding for LSC. [46] LSC has strong bipartisan support on behalf of robust funding for LSC. External stakeholders, including members of the legal and business communities, state attorneys general, and law school deans across the country send letters to the House and Senate appropriations committees advocating for robust funding for LSC. Loro includono:

  • 252 General Counsels from some of the largest American businesses, including Apple, American Express, Google, Walmart, General Motors, and Walt Disney.
  • 181 law firms from all 50 states and the District of Columbia.
  • The Conference of Chief Justices and the Conference of State Court Administrators.
  • 41 bipartisan state Attorneys General.
  • 167 Deans of law schools.

In addition, 209 members of the House of Representatives signed a bipartisan letter in support of funding for LSC, the largest number in history, and 46 bipartisan Senators signed a similar letter in support of funding for LSC.

Due to the up-and-down nature of LSC's political history, there are many restrictions on lobbying, advocacy, and general impact work which apply to LSC-funded organizations. Here they are broken into categories of expressly forbidden, forbidden with LSC funds, and expressly permitted.

  • Publicly identify LSC or the recipient with any partisan or nonpartisan political activity or a candidate for office, or encourage others to do so (45 CFR 1608.4) [47]
  • Staff attorneys may not use their position or authority to influence elections or coerce anyone to contribute to a political cause (45 CFR 1608.5) [47]
  • Run for office (45 CFR 1608.5(c)) [47]
  • Register, transport to polls, or otherwise assist voters in election-related activities (45 CFR 1608.6) [47]
  • Use non-LSC funds for anything prohibited by the LSC Act, unless it is specifically allowed in 45 CFR 1610.4, 1610.6, or 1610.7 (45 CFR 1610.3) [47]
  • Lobby. In the language of the regulation, recipient organizations may not attempt to influence the passage or defeat of a bill, constitutional amendment, initiative, referendum, executive order, or provision which appropriates funds or defines the functions or authority of LSC or the recipient (45 CFR 1612.3). [47]
  • This includes using resources from a recipient organization to support lobbying efforts on employees' own time – don't even take an envelope! (45 CFR 1612.3(c)) [47]
  • The caveat is that organizations may lobby at the State and local level with non-LSC funds regarding funding for their organization (45 CFR 1612.6(f)). [47]
  • Grassroots lobby (45 CFR 1612.4) [47]
  • During working hours or with resources provided by an LSC-funded organization, employees may not participate or encourage others to participate in public demonstrations, boycotts, picketing, or strikes. This must be on personal time (45 CFR 1612.7(a)). [47]
  • Employees of recipients may never engage in rioting or civil disturbances, actions which violate a court-imposed injunction, or take part in illegal activity of any kind (45 CFR 1612.7(b)) [47]
  • Support or conduct training sessions which advocate particular public policies, encourage or facilitate prohibited political activities, disseminate information about such policies or activities, or train participants to engage in prohibited activities (45 CFR 1612.8(a)) [47]
  • Form or organize an association, labor union, or other similar organization. This is distinct from holding informational meetings for attorneys or forming organizations of eligible clients for advice on service delivery (both of which are allowed). You may also advise your clients on the legal procedures for forming these types of organizations themselves, and even help them with documents like bylaws (45 CFR 1612.9). [47]
  • Represent clients in criminal proceedings (unless you are appointed by a court or a situation arises out of your representation of the client in a civil case) (45 CFR 1613) [47]
  • Initiate or participate in a class action suit (45 CFR 1617.3), although you may represent individuals who want to remove themselves from the suit or have not received the settlement ordered by the court (45 CFR 1617.2(b)(2)). [47]
  • Provide legal assistance to ineligible aliens (45 CFR 1626.3 see 45 CFR 1626.5 to judge eligibility), unless the alien in question is, or is the parent of someone subject to battery or extreme cruelty by a spouse, parent, or member of their spouse's or parent's family residing in the same household. In this case, non-LSC funds must be used for the case (45 CFR 1626.4). [47]
  • Participate in any activity related to the redistricting of a legislative, judicial, or elective district at any level of government (45 CFR 1632.3) [47]
  • Defend clients in eviction proceedings from a public housing unit if that client has been charged with or convicted of the sale, distribution, or manufacture of controlled substances, or of possession with the intent to sell or distribute (45 CFR 1633.3) [47]
  • Participate in civil litigation on behalf of an incarcerated person, as plaintiff or defendant, nor any administrative hearing challenging the conditions of incarceration (45 CFR 1637.3) [47]
  • Represent, nor refer for representation by another recipient any client gained through in-person, unsolicited advice (45 CFR 1638.3)
  • Participate in legislation, lobbying, or rulemaking involving efforts to reform Federal or State welfare systems (45 CFR 1639.3) [47]
    was considered a victory by those trying to chip away at LSC regulations. It didn't change the overall prohibition, but it deleted the restriction barring litigation which attempts to change welfare law in the context of representing an individual client (45 CFR 1693.4). [47]

Recipients may, with non-LSC funding:

In many of their regulations, LSC only states activities that their funding cannot be used to support. In 45 CFR 1610.2(c)–(h), however, several different types of non-LSC funding are defined:

“(c) IOLTA funds means funds derived from programs established by State court rules or legislation that collect and distribute interest on lawyers' trust accounts. (d) Non-LSC funds means funds derived from a source other than the Corporation. (e) Private funds means funds derived from an individual or entity other than a governmental source or LSC. (f) Public funds means non-LSC funds derived from a Federal, State, or local government or instrumentality of a government. For purposes of this part, IOLTA funds shall be treated in the same manner as public funds. (h) Tribal funds means funds received from an Indian tribe or from a private nonprofit foundation or organization for the benefit of Indians or Indian tribes." [47]

With these definitions in mind, 45 CFR 1610.4 goes on to specify what each type of funding can be used for:

  • Tribal funds can be used for whatever purpose they were granted (45 CFR 1610.4(a)) [47]
  • Public, IOLTA, and Private funds can be used for whatever purpose they were granted, as long as it doesn't violate LSC's regulations (45 CFR 1610.4(b)-(c)) [47]
  • Non-LSC funds generally can be used to assist clients who are not financially eligible under LSC guidelines (45 CFR 1610.4(d)) [47]

In addition, the category of general non-LSC funds may be used to:

  • Support a political party, association, candidate, ballot measure, initiative, or referendum – but not during working hours or at the recipient's office location (45 CFR 1608.3(b)) [47]
  • Respond to a written request from an agency, legislative body, elected official, etc. to participate in rulemaking or to provide oral or written testimony in order to provide information which may include analysis and/or comments on legislation (45 CFR 1612.6(a)) [47]
  • However, you can only provide your testimony to the requesting party or parties – it cannot be distributed to a wider audience (45 CFR 1612.6(b)) [47]
  • You may not arrange for the written request (45 CFR 1612.6(c)) [47]
  • And, you must report this activity to LSC (45 CFR 1612.6(d)). [47]
  • Recipients may also provide oral or written comments to an agency in a public rulemaking session without having been requested (45 CFR 1612.6(e)) [47]
  • Lobby at the State or local level regarding the recipient's funding (45 CFR 1612.6(f)) [47]
  • Assist an ineligible alien or his or her child who has been subjected to battery and/ or extreme cruelty by the alien's parent, spouse, or a member of the parent's or spouse's family residing in the same household as the alien. To qualify, the alien him- or herself cannot have participated in the abuse, and the representation must be related to preventing or ending the abuse (45 CFR 1626.4(a)). [47]
  • Comment in a public rulemaking proceeding or respond to a written request for testimony in a legislative session or committee meeting concerning welfare reform (45 CFR 1639.5) [47]
  • Participate in legal activity which seeks to obtain or compel an individual or institution to provide or assist with euthanasia or assisted suicide (45 CFR 1643.3) or a "nontherapeutic abortion" (term not defined) (LSC Act §1007(b)(8) [48] or the 1996 Appropriations Act §504(a)(14)) [49]
  • Participate in legal activity seeking to desegregate elementary or secondary schools (LSC Act §1007(b)(9)) [48]
  • Participate in legal activity relating to violation(s) of the Military Selective Service Act or desertion from the Armed Forces of the United States (LSC Act §1007 (b)(10)) [48]

Recipients may, with any funding:

  • Accept fee-generating cases in situations in which local pro bono attorneys or the referral service are not viable options (45 CFR 1609.3) [47]
  • In terms of accounting, fees garnered from these services must go into the same category as the recipient's LSC grant in the same proportion that LSC funds supported the activity (versus other funds) (45 CFR 1609.4) [47]
  • This regulation was changed in Section 533 of the 2010 Appropriations Act from a statutory prohibition (which had been implemented in the 1996 Appropriations Act Section 504(a))
  • Accept reimbursement from clients for out-of-pocket expenses related to their case, if the client has agreed to pay ahead of time and in writing (45 CFR 1609.5(a)) [47]
  • Represent eligible clients at the administrative level (45 CFR 1612.5(a)) [47]
  • Initiate or participate in litigation challenging a governmental agency's rules, regulations, policies, etc. (45 CFR 1612.5(b)) [47]
  • Communication with an agency to receive information (45 CFR 1612.5(c)(2)) [47]
  • Informing clients, other recipients, etc. about new or proposed statutes, executive orders, or administrative regulations. Note that legislation is not listed here (45 CFR 1612.5(c)(3)). [47]
  • Contact LSC to comment on its rules (45 CFR 1612.5(c)(4)) [47]
  • Advise a client of his or her right to contact an elected official (45 CFR 1612.5(c)(6)) [47]
  • Provide assistance to eligible aliens (45 CFR 1626.5 also lists criteria for eligibility), as well as specific categories of other aliens (45 CFR 1626.10 and 1626.11) [47]

LSC is headed by an 11-member Board of Directors appointed by the President and confirmed by the Senate. [1] By law, the Board is bipartisan: no more than six members may be of the same political party. [1] The current composition of the board is:


Primi anni di vita

The first president’s wife born after World War II, Hillary was the eldest child of Hugh and Dorothy Rodham. She grew up in Park Ridge, Illinois, a Chicago suburb, where her father’s textile business provided the family with a comfortable income her parents’ emphasis on hard work and academic excellence set high standards.

A student leader in public schools, she was active in youth programs at the First United Methodist Church. Although she later became associated with liberal causes, during this time she adhered to the Republican Party of her parents. She campaigned for Republican presidential candidate Barry Goldwater in 1964 and chaired the local chapter of the Young Republicans. A year later, after she enrolled at Wellesley College, her political views began to change. Influenced by the assassinations of Malcolm X, Robert F. Kennedy, and Martin Luther King, Jr., she joined the Democratic Party and volunteered in the presidential campaign of antiwar candidate Eugene McCarthy.

After her graduation from Wellesley in 1969, Hillary entered Yale Law School, where she came under the influence of Yale alumna Marian Wright Edelman, a lawyer and children’s rights advocate. Through her work with Edelman, she developed a strong interest in family law and issues affecting children.


Contenuti

Clinton had no experience in such financial instruments. [3] Bill Clinton's salary as Arkansas Attorney General and then Governor of Arkansas was modest and Clinton later said she had been interested in building a financial cushion for the future. [4] [5] The Clintons' combined income in 1978 from the governorship and Rose Law Firm amounted to $51,173, [6] equivalent to $203,000 in 2020. James Blair was a friend, lawyer, outside counsel to Tyson Foods, Arkansas' largest employer, and had been doing so well trading commodities futures that he encouraged friends and family to enter the market too. [7] [4] [5] Blair in turn traded through, and relied upon cattle markets expertise from broker Robert L. "Red" Bone of Refco, a former Tyson executive. In October 1978, when Bill Clinton was Attorney General and on the verge of being elected Governor, [2] Clinton opened a trading account, although Blair made most of the trades.

By January 1979, Clinton was up $26,000 [5] but later, she would lose $16,000 in a single trade. [5] At one point she owed in excess of $100,000 to Refco as part of covering losses, but no margin calls were made by Refco against her. [5] Near the end of her trading, Blair correctly predicted a market downturn and sold short, giving her a $40,000 gain in one afternoon. [5] In July 1979, [2] once she became pregnant with Chelsea Clinton, "I lost my nerve for gambling [and] walked away from the table $100,000 ahead." [4] She briefly traded sugar futures contracts and other non-cattle commodities in October 1979, but more conservatively, through Stephens Inc. [5] [8] During this period she made about $6,500 in gains, which she failed to pay taxes on at the time, consequently later paying some $14,600 in federal and state tax penalties in the 1990s. [8] [9] Once her daughter was born in February 1980, she moved all her commodities gains into U.S. Treasury Bonds. [5]

The profits made during the cattle trading first came to public light in a March 18, 1994 report by Il New York Times, which had been reviewing the Clintons' financial records for two months. [10] It coincided with the beginning of congressional hearings over the Whitewater controversy. [11] Clinton initially told aides that she had made the futures gains by studying the financial news and placing trades herself, but later acknowledged the help of Blair. Media pressure continued to build, and on April 22, 1994, she gave an unusual press conference under a portrait of Abraham Lincoln in the State Dining Room of the White House, to address questions on both matters it was broadcast live by CBS, NBC, ABC, and CNN. [12] In it she said she had done the trading, but often relying upon the advice of Blair, and having him place orders for her she said she did not believe she had received preferential treatment in the process. [12] She also downplayed the dangers of such trading: "I didn't think it was that big a risk. [Blair] and the people he was talking with knew what they were doing." [7]

Various publications sought to analyze the likelihood of Clinton's successful results. Clinton made her money by betting mostly on a market downturn at a time when cattle prices actually doubled. [13] The editor of the Journal of Futures Markets said in April 1994, "This is like buying ice skates one day and entering the Olympics a day later. She took some extraordinary risks." [3] Her activities involved exposure to losses that could have been greater than her family's net worth if the market had turned sharply against her. [14] The former head of the IRS chief counsel’s Commodities Industry Specialization Team expressed skepticism that a novice trader could make such a return. [15] One analysis performed by Auburn University and published in the Journal of Economics and Finance claimed to find that the odds of a return as large as Clinton obtained during the period in question were about one in 31 trillion. [16] [17] [18]

Chicago Mercantile Exchange records indicated that $40,000 of her profits came from larger trades initiated by James Blair. According to exchange records, "Red" Bone, the commodities broker that facilitated the trades on behalf of Refco, reportedly because Blair was a good client, allowed Clinton to maintain her positions even though she did not have enough money in her account to cover her activity. For example, she was allowed to order 10 cattle futures contracts, normally a $12,000 investment, in her first commodity trade in 1978 although she had only $1,000 in her account at the time. [19] Bone denied any wrongdoing in conjunction with Clinton's trading and said he did not recall ever dealing with Clinton personally. [3] [8]

As it happened, during the period of Clinton's trading, Refco was under investigation by the Mercantile Exchange for systematic violations of its margin trading rules and reporting requirements regarding cattle trading. [3] [8] In December 1979, the exchange issued a three-year suspension to Bone and a $250,000 fine of Refco (at the time, the largest such penalty imposed by the exchange). [3] [8]

After the Clinton trading matter became public, Leo Melamed, a former chairman of the Mercantile Exchange, was brought in by request of the White House to review the trading records. On April 11, 1994, he said that the whole matter was "a tempest in a teapot" and that while her brokers had not required her to provide typical margin cushions, she had not knowingly benefited. [9] On May 26, 1994, after the new records concerning the larger Blair trades came to light, he said "I have no reason to change my original assessment. Mrs. Clinton violated no rules in the course of her transactions." [19] But as to the question of whether she had been allocated profits from larger block trades, he said of the new accounting, "It doesn't suggest that there was allocation, and it doesn't prove there wasn't," [20] an assessment of uncertainty shared by Merton Miller, a Nobel Prize-winning economist at the University of Chicago Graduate School of Business. [20]

Hillary Clinton's defenders, including White House Counsel Lloyd Cutler, maintained throughout that she had made her own decisions, that her own money was constantly at risk, and that she made both winning and losing trades throughout the ten months. [21] Regarding suggestions that Blair had favored Clinton so that Tyson Foods could gain influence with Governor Clinton, they pointed out that CEO Don Tyson, who had in 1978 endorsed Clinton, in 1980 endorsed Frank D. White, Clinton's opponent in his reelection bid. Tyson denied any knowledge of Blair's trading partnership with Clinton. Il New York Times noted, however, that notwithstanding Hillary Clinton's "artful explanation", the commodities trading had ended over a year before the 1980 election and that Tyson had switched sides after Bill Clinton did not lobby the state legislature to increase the weight limit on trucks, although Tyson believed that he had received such a promise from him at the time of the 1978 election. [12] [21] [22]

Clinton's defenders also stressed that Blair and others stayed in the market longer than Clinton and lost much of what they had previously earned, showing that the risk was real. [4] Indeed, some reports had Blair losing $15 million [23] and Bone was reported as bankrupt. [10]

There never was any official governmental investigation into, [4] or findings about, or charges brought regarding Hillary Rodham's cattle futures trading. [7]


Hillary Clinton

During the 1992 presidential campaign, Hillary Rodham Clinton observed, “Our lives are a mixture of different roles. Most of us are doing the best we can to find whatever the right balance is. For me, that balance is family, work, and service.”

Hillary Diane Rodham, Dorothy and Hugh Rodham’s first child, was born in Chicago on October 26, 1947, and raised in suburban Park Ridge, Illinois. Life for the Rodhams was comfortable, centered in family, friends, school, and the Methodist church. Hillary’s parents expected her to study hard, and she was a student leader in high school. After a youth minister took her to hear Martin Luther King Jr. speak in Chicago, she began to have a wider view of the world.

As an undergraduate at Wellesley College, Hillary combined academic excellence with service in student government. Speaking at graduation, she told her classmates, “The challenge now is to practice politics as the art of making what appears to be impossible, possible.” She enrolled in Yale Law School, where she served on the Board of Editors of the Yale Review of Law and Social Action, interned with children’s advocate Marian Wright Edelman, and met William Jefferson Clinton.

After graduation, Hillary Rodham advised the Children’s Defense Fund in Cambridge and joined the impeachment inquiry staff advising the Judiciary Committee of the House of Representatives. Then she “followed her heart to Arkansas,” where Bill had begun his political career. They married in 1975. She joined the faculty of the University of Arkansas Law School, and in 1978, President Jimmy Carter appointed her to the board of the Legal Services Corporation. Bill Clinton was elected governor of Arkansas, and in 1980 their daughter, Chelsea, was born. For twelve years, as Arkansas’s first lady, Hillary balanced family, law, and public service. Then Bill was elected president.

As the nation’s first lady, Mrs. Clinton chaired the Task Force on National Health Care Reform. Never before had a first lady been so directly involved in public policy. She led the fight to pass the Children’s Health Insurance Program worked to increase funding for research and treatment of cancer, AIDS, osteoporosis, and juvenile diabetes chaired Save America’s Treasures and supported gun control efforts. She wrote two best-selling books and won a Grammy award for her recording of It Takes a Village and Other Lessons Children Teach Us.

In 2000 Hillary was elected senator from New York, and her work in health, education, aging, and the environment gained her national reputation in her own right. In 2007 she ran for president. After a hard-fought primary she lost the Democratic nomination to Barack Obama but quickly supported his candidacy. When he was elected, he named her secretary of state. For four years Hillary traveled the world on behalf of U.S. interests.

In 2015 Hillary Clinton launched her second presidential campaign and in July 2016 became the first woman in American history to receive the presidential nomination of a major political party. That fall, she received more than 65 million votes but ultimately lost the Electoral Collect to Republican nominee Donald J. Trump.