La storia

Maria Antonietta


Regina di Francia (2/11 / 1755-16 / 10/1793). Figlia di Francesco I, imperatore del Sacro Romano Impero, Maria Antonietta nasce a Vienna. Nel 1770 sposa l'erede del trono francese. Diventa regina nel 1774 quando suo marito viene incoronato re Luigi XVI.

Cerca di stabilizzare le scosse finanze del regno attraverso riforme fiscali e amministrative, suscitando l'opposizione dell'aristocrazia. Incapace di cambiare nulla, il monarca convoca gli Stati generali nel 1788, un'assemblea in cui siedono rappresentanti del clero, della nobiltà e del Terzo Stato (borghesia, lavoratori urbani e contadini, che costituiscono il 98% della popolazione).

Durante la crisi politica che culminerebbe con la Rivoluzione francese, la regina mostra più potere decisionale di suo marito. Quando la situazione peggiora nel 1791, convince Luigi XVI a fuggire al confine orientale del paese, ma la coppia reale viene catturata e restituita a Parigi. Può quindi fargli resistere all'Assemblea costituente nazionale, il nuovo nome degli Stati generali, che ha proposto una monarchia di poteri limitati.

A lei viene attribuita la frase "Se la gente non ha pane, lascia che mangino brioche". Nel 1792, Austria e Prussia si uniscono in difesa della monarchia in Francia. Durante la guerra, Maria Antonietta è accusata di complottare a favore del suo paese d'origine. L'odio contro la regina dà slancio all'insurrezione che rovesciò la monarchia nel 1792. Luigi XVI viene giustiziato nel gennaio 1793 e Maria Antonietta a ottobre a Parigi.

Video: PRIESTESS - "Maria Antonietta" Prod. Ombra & PK (Settembre 2020).