La storia

Madre Teresa di Calcutta


Religiosi indiani di origine albanese (27/8 / 1910-5 / 9/1997). Il premio Nobel per la pace del 1979 per la sua opera di solidarietà con i poveri e i malati è stato definito nella vita il "santo degli indifesi". È nata a Skopje, oggi capitale della Macedonia, figlia di un prospero mercante albanese di nome Agnes Gonxha Bojaxhiu.

A 18 anni sceglie la vita religiosa e va in India, dove insegna per 16 anni in un collegio religioso per ragazze facoltose. Nel 1944 si trasferì a Calcutta e aiutò i poveri e i malati, sostenendo di obbedire a una chiamata di Dio.

Nel 1949 ha fondato l'Ordine dei Missionari della Carità. Sotto la sua guida, l'ordine costruisce una colonia di lebbrosi nei pressi di Asansol, in India, dal nome di Shantinagar (Città della Pace). Le sue opere sociali si moltiplicano in tutto il mondo e oggi l'ordine mantiene missioni in 111 paesi, tra cui il Brasile.

Nel 1979, Madre Teresa vince il premio Nobel per la pace in riconoscimento del suo lavoro. Riceve critiche nella vita per non preoccuparsi della fonte di denaro raccolta per finanziare la sua crociata, accettando donazioni da persone come Jean-Claude Duvalier, ex dittatore di Haiti. Anche malato, lavora fino alla morte di infarto a Calcutta all'età di 87 anni.

Video: Madre Teresa - Tra i piĆ¹ poveri dei poveri - A cura di Pina Cataldo (Ottobre 2020).