La storia

Budda



Filosofo orientale (563-483 a.C.). Lasciò la famiglia e la ricchezza del suo palazzo per meditare e creare una delle più importanti religioni orientali.

Tra le principali religioni del mondo con il maggior numero di seguaci, due (ebraismo e induismo) hanno radici nell'antichità e quindi non hanno un fondatore specifico. Ma gli altri tre (buddismo, cristianesimo e islam) hanno origini più recenti e vi sono testimonianze di coloro che li hanno stabiliti. Il fondatore del buddismo si chiama Siddhartha Gautama, nato a Lumbini, nel nord dell'India (ora Nepal). Era figlio di un ricco rajah e si sposò in giovane età a sedici anni con un cugino della stessa età. Siddhartha è stato allevato in un lussuoso palazzo e circondato da conforto materiale. Ma questo non era abbastanza ed era insoddisfatto. Intorno a lui, molte persone erano povere e sempre bisognose. Anche tra i ricchi, c'erano persone infelici. E la morte era certa per tutti. Siddhartha decise quindi di creare una nuova filosofia religiosa che avrebbe liberato lo spirito, se non il corpo, dalle afflizioni mondane: all'età di 29 anni, ebbe diverse visioni e si convinse che avrebbe dovuto lasciare il palazzo, sua moglie e il loro figlio appena nato. nato, rinuncia a tutte le proprietà del mondo e parti con un vagabondo alla ricerca della "verità". Ha visitato molti religiosi e ha trascorso anni a digiuno e meditazione per superare tutti i desideri del corpo, compresa la fame, e per ottenere il controllo totale della sua mente. Poi si rese conto che non andava bene e riprese a mangiare normalmente.

La verità che Siddhartha era così perseguitante gli apparve una notte di maggio, intorno al 528 a.C., quando, seduto sotto un albero, ricevette quello che i buddisti chiamano il nome dell'Illuminismo. Siddhartha comprese che le sofferenze potevano essere superate. Una delle dottrine di base dell'induismo è il ciclo della reincarnazione. Le anime di tutti gli esseri viventi che muoiono rinascerebbero in altri esseri viventi. Questo ciclo va avanti per sempre, con l'anima che si evolve da un insetto, attraverso un animale, alla forma umana. Se un uomo è cattivo durante la sua vita, rinascerebbe come una forma di vita inferiore. Altrimenti, rinasce come qualcun altro. Questo ciclo di reincarnazione è infinito, ma Siddhartha concluse che seguendo la retta via (dharma) di meditazione e devozione, l'anima poteva raggiungere il nirvana, uno stato finale non diverso dal concetto giudaico-cristiano del Paradiso.

Siddhartha prese il nome di Buddha, che significa "l'illuminato", e uscì nel mondo per insegnare la sua filosofia. Dopo la sua morte, i suoi seguaci hanno diffuso la filosofia buddista in tutta l'Asia, trovando in Cina, Giappone e Sud-Est asiatico un'adesione molto più ampia rispetto alla stessa India. Oggi ci sono quasi 300 milioni di buddisti nel mondo, il 99,5% dei quali in Asia.

Video: Il Buddismo Zen Spiegato Semplicemente - Cos'รจ Il Buddismo? (Ottobre 2020).