La storia

2 marzo 2017 Giorno 41 del primo anno - Storia

2 marzo 2017 Giorno 41 del primo anno - Storia



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

10:30 IL PRESIDENTE riceve il suo briefing quotidiano di intelligence

ufficio Ovale

10:30 Orario della chiamata per il pool di viaggi fuori città

Porta della Virginia

Base comune Andrews

11:40 IL PRESIDENTE parte dalla Casa Bianca in rotta verso la Joint Base Andrews

prato sud

12:40 IL PRESIDENTE arriva alla base dell'aeronautica di Langley

Base aeronautica di Langley

13:05 IL PRESIDENTE partecipa a un briefing operativo della PCU Gerald R. Ford CVN 78

PCU Gerald R. Ford

Spray per piscina da viaggio fuori città

13:25 IL PRESIDENTE partecipa a una riunione della leadership del PCU Gerald R. Ford CVN 78

PCU Gerald R. Ford

Chiuso Premere

13:50 IL PRESIDENTE visita la PCU Gerald R. Ford

PCU Gerald R. Ford

Piscina da viaggio fuori città

14:30 IL PRESIDENTE fa osservazioni alla PCU Gerald R. Ford

Stampa pre-accreditata

15:55 IL PRESIDENTE parte dalla base aerea di Langley in rotta verso la base comune Andrews

Base aeronautica di Langley

Chiuso Premere

16:50 IL PRESIDENTE arriva alla Casa Bianca

prato sud


Snap chiude in rialzo del 44% dopo l'IPO allegro

Più di 200 milioni di azioni – l'intera dimensione dell'offerta – sono passate di mano nel corso della giornata, rappresentando circa il 10% del volume totale degli scambi alla Borsa di New York giovedì.

Il titolo è stato aperto poco prima delle 11:20 di giovedì a New York e ha iniziato a essere scambiato a 24 dollari per azione, in aumento del 41,2% rispetto al prezzo di apertura. La società, che opera sotto il ticker SNAP, ha fissato il prezzo della sua offerta pubblica a 17 dollari per azione mercoledì.

I prezzi delle azioni sono aumentati fino a $ 26,05, secondo FactSet, e sono scesi fino a $ 23,50.

Il prezzo di apertura di 24 dollari pone la capitalizzazione di mercato della società a circa 33 miliardi di dollari, circa le dimensioni di Marriot e Target. La capitalizzazione di mercato di Twitter è di circa 11 miliardi, mentre quella di Facebook è di circa $ 395 miliardi.

La giovane società di messaggistica fotografica effimera ha registrato una perdita di $ 515 milioni l'anno scorso. Almeno alcuni analisti di Wall Street hanno reagito con scetticismo all'offerta, emettendo rating "sell" sul titolo.

Tuttavia, gli investitori hanno scommesso sul suo fatturato in rapida crescita e leader visionario, il 26enne CEO e co-fondatore Evan Spiegel. Spiegel è arrivato in borsa giovedì mattina per suonare il campanello d'apertura, con la fidanzata top model Miranda Kerr al seguito, che documentava con le immagini sull'app.

La società con sede a Venice, in California, che serve realtà aumentata e pubblicità cinematografiche al suo pubblico di giovani adulti, potrebbe essere un punto di riferimento mentre altri giganti di start-up, come Airbnb e Uber, rimuginano su un'offerta pubblica. L'IPO è stata sottoscritta 12 volte in eccesso, dicono le fonti.

Snap entra nel mercato pubblico un giorno dopo che i tre principali indici azionari statunitensi hanno pubblicato la loro migliore sessione dell'anno. Circa 5 miliardi di dollari sono passati di mano in azioni Snap, più o meno alla pari con ciò che Twitter ha visto nel suo primo giorno. Tuttavia, è molto meno dei 23 miliardi di dollari che sono passati di mano in Facebook e dei 25 miliardi di dollari che sono passati di mano in Alibaba il primo giorno di negoziazione.

Ecco come l'azienda si posiziona finora rispetto ad altre grandi IPO tecnologiche, secondo l'analisi CNBC dei dati di FactSet e Renaissance:

  • Facebook è diventato pubblico il 18 maggio 2012, al prezzo di $ 38 per azione. Ha guadagnato solo lo 0,61 percento al suo debutto chiudendo a $ 38,23.
    -Dimensione dell'operazione: quasi $ 16 miliardi
  • Twitter è diventato pubblico il 7 novembre 2013, al prezzo di 26 dollari per azione. Ha guadagnato il 72,69% al suo debutto chiudendo a $ 44,90.
    - Dimensione dell'operazione $ 1,82 miliardi (le azioni utilizzate per il calcolo non contengono la sovraassegnazione)
  • Alibaba è stata quotata in borsa il 19 settembre 2014, e al prezzo di $ 68 per azione. Ha guadagnato il 38,07 percento al suo debutto chiudendo a $ 93,89.
    -Dimensione dell'affare 21,77 miliardi di dollari (esclusa la sovraassegnazione o la scarpa verde)
  • LinkedIn è diventato pubblico il 19 maggio 2011, e al prezzo di $ 45 per azione. Ha raddoppiato al suo debutto, guadagnando il 109,44% per chiudere a $ 94,25.
    -
    Dimensione dell'affare $ 352.8 milioni

— Leslie Picker, David Faber, Robert Hum Fred Imbert e Gina Francolla della CNBC hanno contribuito a questo rapporto.


Mark Segal

Primo membro del Fronte di Liberazione Gay e maresciallo della prima marcia del Pride

La marcia del Giorno della Liberazione Gay di Christopher Street è stata rivoluzionaria e caotica come tutto ciò che abbiamo fatto il primo anno dopo i disordini di Stonewall. La marcia è stata un riflesso di noi: a voce alta, forte e orgogliosa. Avevamo intenzione di marciare dal Greenwich Village fino a Central Park. Non avevamo un permesso di polizia, quindi nessuno sapeva esattamente cosa sarebbe successo, nessuno conosceva il tipo di forza che avrebbe potuto accoglierci. Quindi abbiamo tenuto lezioni di autodifesa e abbiamo imparato a proteggerci. Come maresciallo, dovevo soprattutto sapere come reagire e controllare i manifestanti se fossimo stati attaccati. Quando abbiamo raggiunto la 23a strada, mi sono arrampicato su un palo, mi sono guardato indietro e ho visto una folla che si estendeva fino a Christopher Street. Alla fine siamo arrivati ​​a Central Park, proprio come avevamo promesso, e noi attivisti abbiamo trasformato un movimento da pochi militanti disordinati a migliaia di forti. Come diceva il mio amico Jerry Hoose di quell'anno, "siamo passati dalle ombre alla luce del sole". Oggi, il mio distintivo di maresciallo originale è in mostra allo Smithsonian.


La marcia delle donne originali su Washington e le suffragette che hanno spianato la strada

Sulla scia dell'inaugurazione del presidente Donald Trump questo venerdì, almeno 3,3 milioni di americani si sono radunati per marce in tutto il paese, radunandosi dietro gli appelli per una marcia delle donne a Washington, anche se i raduni alla fine si sono diffusi in molte città del mondo. Solo le stime della folla erano di circa 500.000, con manifestanti che chiedevano l'uguaglianza di genere, la protezione degli immigrati, i diritti delle minoranze e LGBTQ e l'accesso ai servizi sanitari delle donne.

Ma non era la prima volta che enormi folle di donne si sono presentate per fare richieste al governo. Il 3 marzo 1913, un giorno prima dell'inaugurazione di Woodrow Wilson, più di 5.000 donne scesero a Washington per lottare per il voto. Alcuni venivano a piedi, altri a cavallo, altri su carri. C'erano costumi e cartelloni e circa mezzo milione di spettatori fiancheggiavano le strade. Tra i manifestanti c'erano la giornalista Nellie Bly, l'attivista Helen Keller e l'attrice Margaret Vale—che era anche la nipote del presidente entrante (che non era affatto un alleato del movimento per il suffragio, una volta disse che le donne che parlavano in pubblico gli davano un 8220sentimento gelido e scandalizzato”). Nonostante sia stata molestata e molestata dalla folla, la marcia è stata enormemente memorabile sei anni dopo che il Congresso approvò il 19° emendamento, estendendo il franchising alle donne a livello nazionale.

Con l'avvicinarsi di un'altra marcia su Washington guidata da donne, approfondisci alcuni dei membri dimenticati dell'originale Women's March. Dalle giovani "militanti" che hanno imparato le loro tattiche dalle suffragette britanniche agli attivisti afroamericani che hanno combattuto la loro battaglia su più fronti, queste donne dimostrano che chiedere rispetto spesso non è abbastanza. Come ha detto Sojourner Truth, "Se le donne vogliono dei diritti più di quelli che hanno, perché non se li prendono e non ne parlano?"

Inez Milholland

Inez Milholland (Wikimedia Commons)

Suffragista, pacifista, corrispondente di guerra e aristocratica, la reputazione di bellezza di Inez Milholland era eguagliata dalla sua tenacia. Cresciuta a New York e Londra, Milholland si è fatta un nome nei circoli del suffragio urlando “Votes for Women” attraverso un megafono da una finestra del piano superiore durante una parata della campagna per il presidente Taft nel 1908. Dopo essersi laureata al Vassar nel 1905, fece domanda per la scuola di specializzazione e fu respinta da diverse università della Ivy League sulla base del suo sesso, prima di ottenere finalmente l'ammissione alla New York University per studiare legge. Ha usato la laurea per promuovere la riforma del lavoro e i diritti dei lavoratori.

Milholland era in testa alla marcia del suffragio, vestito con un lungo mantello e cavalcando un cavallo bianco. Fece una figura sorprendente e dimostrò che le suffragette potevano essere giovani e belle in un momento in cui le suffragette venivano derise per essere poco femminili e prive di rispettabilità. 1916 all'età di 30 anni, dove crollò sul palco durante un evento di suffragio a Los Angeles. Le ultime parole del discorso: “Mr. Presidente, quanto tempo devono aspettare le donne per la libertà?”

Lucy Burns (Wikimedia Commons)

In un incontro che sembrava quasi preordinato, Lucy Burns, nata a Brooklyn, ha incontrato la suffragetta Alice Paul in una stazione di polizia di Londra, essendo entrambe state arrestate per aver protestato. I due hanno iniziato a parlare dopo che Paul ha notato che Burns indossava una spilla della bandiera americana, e si sono commiserati per il poco brillante movimento di suffragio americano rispetto alla campagna britannica più aggressiva per il voto. Le due organizzarono insieme la Marcia per il suffragio femminile del 1913.

Burns è stato anche il fondatore del National Woman's Party, un'ala militante del movimento che ha preso in prestito tecniche che Burns aveva imparato a Londra, inclusi scioperi della fame, scontri violenti con le autorità e condanne al carcere. Alla fine avrebbe trascorso più tempo in prigione di qualsiasi altra suffragetta. Ma abbandonò la sua carriera nell'attivismo aggressivo nel 1920, dopo che il voto delle donne era stato assicurato, e trascorse il resto della sua vita lavorando per la Chiesa cattolica.

Dora Lewis (Wikimedia Commons)

Come Lucy Burns, Dora Lewis non era tipo da evitare il confronto o il carcere. La ricca vedova di Filadelfia è stata una delle prime sostenitrici di Alice Paul e ha fatto parte di diversi comitati esecutivi del National Woman's Party. Nel novembre 1917, mentre protestavano contro la detenzione di Alice Paul, Lewis e altre suffragette furono arrestati e condannati a 60 giorni nel famigerato Occoquan Workhouse. Lewis e altri detenuti hanno organizzato uno sciopero della fame, chiedendo di essere riconosciuti come prigionieri politici, ma il loro sciopero è diventato rapidamente orribile quando le guardie hanno iniziato a picchiare le donne. In quella che in seguito sarebbe stata chiamata la "Notte del terrore", Lewis e altri furono ammanettati e alimentati forzatamente con tubi spinti nel naso. Lewis si è descritta come "ansimando e soffocando per l'agonia di ciò" e ha detto "tutto è diventato nero quando il fluido ha iniziato a riversarsi dentro". Nonostante le sue esperienze traumatiche in prigione, Lewis è rimasta attiva nel movimento fino al votare era assicurato.

Maria Chiesa Terrell

Mary Church Terrell (Wikimedia Commons)

Nata da ex schiavi a Memphis, nel Tennessee, Mary Church Terrell è stata una donna di molti primati. Ha studiato all'Oberlin College in Ohio, diventando una delle prime donne afroamericane a conseguire una laurea nel 1884. Ha continuato a conseguire il suo master e poi è diventata la prima donna afroamericana nominata in un consiglio scolastico. Suo marito, un avvocato di nome Robert Heberton Terrell, è stato il primo giudice municipale afroamericano di Washington, DC.

Ma per tutti i suoi successi, Terrell ha lottato con la partecipazione alle organizzazioni nazionali delle donne, che spesso escludevano le donne afroamericane. In un discorso davanti alla National American Woman Suffrage Association (NAWSA) nel 1904, Terrell chiese: "Le mie sorelle della razza dominante, si battono non solo per il sesso oppresso, ma anche per la razza oppressa!" Continuò Terrell. lavorare molto dopo la marcia, diventando un socio fondatore della NAACP e contribuendo a porre fine alla segregazione nei ristoranti di Washington facendo causa a un ristorante che si rifiutava di fornire servizi ai clienti afroamericani.

Ida B. Wells

Ida B. Wells (Wikimedia Commons)

Come Mary Church Terrell, Ida Wells ha unito le sue attività di suffragista con i diritti civili. All'inizio della sua carriera come attivista, fece causa con successo alla compagnia ferroviaria Chesapeake & Ohio Railroad per averla trasferita con la forza dall'area di prima classe all'auto colorata, la Corte Suprema del Tennessee annullò la sua vittoria poco dopo, nell'aprile 1887. Lavorò principalmente come giornalista sotto lo pseudonimo di “Iola,” scrive editoriali su povertà, emarginazione e violenza contro gli afroamericani. Nel 1892, una delle sue amiche fu linciato dopo aver difeso il suo negozio da un attacco, e nel suo dolore e rabbia rivolse la sua penna ai linciaggi.

Alla marcia del 1913, a Wells e ad altre donne afroamericane fu detto che sarebbero state separate dal gruppo principale e che avrebbero marciato alla fine. Wells si rifiutò, aspettando che iniziasse il corteo e poi unendosi al blocco di donne che rappresentava il suo stato.

Katherine McCormick

Katherine McCormick (Wikimedia Commons)

Sebbene intensamente attiva nel movimento per il suffragio femminile (a volte servendo come tesoriere e vicepresidente della NAWSA), l'eredità di Katherine McCormick si estende ben oltre il diritto di voto. La nativa di Chicago ha visto suo padre morire per un infarto fatale quando aveva solo 14 anni, e suo fratello è morto di meningite spinale quando aveva 19 anni, spingendola a studiare biologia. Si è iscritta al Massachusetts Institute of Technology e ha conseguito il B.S. in biologia nel 1904, dopo aver litigato con l'amministrazione per il suo rifiuto di indossare un cappello in laboratorio (i cappelli erano obbligatori per le donne), dicendo che rappresentava un rischio di incendio. Molti anni dopo, McCormick ha donato una parte della sua eredità al MIT in modo che potessero costruire dormitori femminili e aumentare l'iscrizione delle donne.

McCormick è stato anche un attore chiave nella creazione della pillola anticoncezionale. Dopo aver incontrato lo scienziato Gregory Pincus nel 1953 per discutere della creazione di un contraccettivo orale, iniziò a versare contributi annuali di oltre $ 100.000 per aiutare con i costi della ricerca. Ha anche contrabbandato diaframmi illegali dall'Europa in modo che potessero essere distribuiti nelle cliniche per la salute delle donne. I suoi contributi si rivelarono inestimabili e la pillola anticoncezionale arrivò sul mercato nel 1960. Quando McCormick morì nel 1967 dimostrò la sua dedizione ai diritti delle donne, lasciando 5 milioni di dollari a Planned Parenthood.

Elizabeth Freeman

Elizabeth Freeman (Wikimedia Commons)

Come altre suffragette che hanno trascorso del tempo in Inghilterra, Elizabeth Freeman è stata galvanizzata da ripetuti incontri con le forze dell'ordine e arresti multipli. Ha trasformato le esperienze difficili in cibo per discorsi e opuscoli, lavorando con organizzazioni di suffragio negli Stati Uniti per aiutarli a ottenere maggiore attenzione da parte dei media. Freeman era un maestro nel manipolare gli spazi pubblici per la pubblicità, come parlare tra i turni di lotte a premi o al cinema. Nell'estate del 1912 fece una campagna attraverso l'Ohio, guidando un carro e fermandosi in ogni città lungo il suo percorso per distribuire letteratura e parlare a curiosi. Ha impiegato la stessa tecnica durante la marcia. Vestita da zingara, ha guidato il suo carro tra la folla, cercando, come sempre, di coinvolgere il suo pubblico.

Crystal Eastman

Crystal Eastman (Wikimedia Commons)

Crystal Eastman, un'altra laureata alla Vassar come Lucy Burns, ha trascorso la maggior parte della sua vita a lottare per i diritti delle donne, molto tempo dopo aver ottenuto il diritto di voto. Ha anche partecipato all'attivismo sindacale (scrivendo uno studio chiamato “Work Accidents and the Law” che ha contribuito alla creazione di leggi sulla compensazione dei lavoratori) e ha presieduto la sezione di New York del Woman's Peace Party. Eastman organizzò un congresso femminista nel 1919 per chiedere pari occupazione e controllo delle nascite e, in seguito alla ratifica del 19° emendamento, Eastman scrisse un saggio intitolato "Ora possiamo iniziare". Ha delineato la necessità di organizzare il mondo in modo che le donne hanno "la possibilità di esercitare i loro doni infinitamente vari in modi infinitamente vari, invece di essere destinati dall'incidente del loro sesso". indipendenza economica femminile e maternità volontaria.


Una nuova storia dei primi popoli nelle Americhe

Il miracolo della genetica moderna ha rivoluzionato la storia che gli antropologi raccontano su come gli esseri umani si sono diffusi sulla Terra.

Gli europei che arrivavano nel Nuovo Mondo incontravano persone dal gelido nord al gelido sud. Tutti avevano culture ricche e mature e lingue consolidate. Gli Skraeling erano probabilmente un popolo che ora chiamiamo Thule, che erano gli antenati degli Inuit in Groenlandia e Canada e degli Iñupiat in Alaska. I Taíno erano un popolo diffuso in più regni nei Caraibi e in Florida. Sulla base delle somiglianze culturali e linguistiche, pensiamo che si fossero probabilmente separati dalle popolazioni precedenti provenienti dalle terre sudamericane, ora Guyana e Trinidad. Gli spagnoli non portarono con sé donne nel 1492 e violentarono le donne Taíno, dando vita alla prima generazione di "meticci", persone di origine mista.

Immediatamente dopo l'arrivo, gli alleli europei iniziarono a fluire, mescolati alla popolazione indigena, e da allora quel processo è continuato: il DNA europeo si trova oggi in tutte le Americhe, non importa quanto remota o isolata possa sembrare una tribù. Ma prima di Colombo, questi continenti erano già popolati. Gli indigeni non erano sempre stati lì, né erano originari di lì, come affermano alcune loro tradizioni, ma avevano occupato queste terre americane per almeno 20.000 anni.

Questo articolo è tratto dal nuovo libro di Rutherford.

È solo a causa della presenza degli europei dal XV secolo in poi che abbiamo persino termini come indiani o Nativi americani. Come sono nate queste persone è un argomento complesso e teso, ma inizia nel nord. L'Alaska è separata dalla terra russa dallo Stretto di Bering. Ci sono isole che punteggiano quelle acque ghiacciate e in una giornata limpida i cittadini statunitensi di Little Diomede possono vedere i russi su Big Diomede, a poco più di due miglia e una linea internazionale di date di distanza. Tra dicembre e giugno, l'acqua tra di loro si congela.

Da 30.000 anni fa fino a circa 11.000 a.C., la terra fu soggetta a un'ondata di freddo che risucchiò il mare in ghiacciai e lastre di ghiaccio che si estendevano dai poli. Questo periodo è noto come l'ultimo massimo glaciale, quando la portata della più recente era glaciale era al suo massimo. Perforando carote di fango dal fondo del mare, possiamo ricostruire una storia della terra e dei mari, in particolare misurando le concentrazioni di ossigeno e cercando il polline, che sarebbe stato depositato sul terreno asciutto dalla flora che vi cresceva. Pensiamo quindi che il livello del mare fosse tra i 60 ei 120 metri più basso di quello odierno. Quindi era terraferma dall'Alaska alla Russia, fino alle Aleutine, una catena crescente di isole vulcaniche che punteggiano il Pacifico settentrionale.

La teoria prevalente su come la gente delle Americhe sia arrivata in quelle terre è attraverso quel ponte. Lo chiamiamo ponte di terra, anche se data la sua durata e le sue dimensioni, era semplicemente terra continua, migliaia di miglia da nord a sud è solo un ponte se lo vediamo in confronto agli stretti di oggi. La zona si chiama Beringia, e le prime persone ad attraversarla furono i Beringi. Queste erano terre aspre, rade di arbusti ed erbe a sud, c'erano boschi boreali e dove la terra incontrava il mare, foreste di alghe e foche.

Sebbene questi fossero ancora terreni difficili, secondo reperti archeologici i Beringi occidentali vivevano vicino al fiume Yana in Siberia nel 30.000 a.C. C'è stato un sacco di dibattito nel corso degli anni su quando esattamente le persone hanno raggiunto il lato orientale, e quindi a che punto dopo che i mari si sono alzati sono stati isolati come i popoli fondatori delle Americhe. Le domande che rimangono, e sono molte, riguardano se sono arrivate tutte in una volta o alla spicciolata. I siti nello Yukon che si trovano a cavallo del confine tra Stati Uniti e Alaska con il Canada ci forniscono indizi, come le grotte del pesce azzurro, 33 miglia a sud-ovest del villaggio di Old Crow.

L'ultima analisi di datazione radiofonica dei resti di vite nelle grotte del pesce azzurro indica che le persone erano lì 24.000 anni fa. Questi popoli fondatori si sono diffusi per oltre 12.000 anni in ogni angolo dei continenti e hanno formato il bacino da cui sarebbero stati tratti tutti gli americani fino al 1492. Mi concentrerò qui sul Nord America e su ciò che sappiamo finora, ciò che possiamo sapere attraverso la genetica e perché non ne sappiamo di più.

Fino a Colombo, le Americhe erano popolate da sacche di gruppi tribali distribuiti su e giù per i continenti nord e sud. Ci sono dozzine di culture individuali che sono state identificate per età, posizione e tecnologie specifiche e attraverso nuovi modi di conoscere il passato, inclusa la genetica e la linguistica. Gli studiosi hanno ipotizzato vari modelli di migrazione dalla Beringia alle Americhe. Nel corso del tempo, è stato suggerito che ci fossero più ondate, o che un certo popolo con particolari tecnologie si sia diffuso da nord fino a tutto sud.

Entrambe le idee sono ormai cadute in disgrazia. La teoria delle onde multiple ha fallito come modello perché le somiglianze linguistiche utilizzate per mostrare i modelli di migrazione non sono così convincenti. E la seconda teoria fallisce a causa del tempismo. Le culture sono spesso chiamate e conosciute dalla tecnologia che hanno lasciato. Nel New Mexico c'è una piccola città chiamata Clovis, 37.000 abitanti. Negli anni '30, in un sito archeologico nelle vicinanze, sono stati trovati proiettili simili a punte di lancia e altri oggetti da caccia, risalenti a circa 13.000 anni fa. Questi erano martellati su entrambi i lati, bifacciali con punte scanalate. Si pensava che gli inventori di questi strumenti fossero stati i primi a diffondersi su e giù per i continenti. Ma ci sono prove di esseri umani che vivevano nel sud del Cile 12.500 anni fa senza la tecnologia Clovis. Queste persone sono troppo lontane per mostrare un legame diretto tra loro e i Clovis in modo tale da indicare che i Clovis sono gli aborigeni del Sud America.

Oggi, la teoria emergente è che le persone nelle grotte del pesce azzurro circa 24.000 anni fa furono i fondatori e che rappresentino una cultura che è stata isolata per migliaia di anni nel freddo nord, incubando una popolazione che alla fine si sarebbe seminata ovunque . Questa idea è diventata nota come Beringian Standstill. Quei fondatori si erano separati dalle popolazioni conosciute dell'Asia siberiana circa 40.000 anni fa, si erano imbattuti nella Beringia e vi erano rimasti fino a circa 16.000 anni fa.

L'analisi dei genomi delle popolazioni indigene mostra 15 tipi mitocondriali fondatori non trovati in Asia. Ciò suggerisce un'epoca in cui si è verificata la diversificazione genetica, un'incubazione della durata di forse 10.000 anni. Nuove varianti genetiche si sono diffuse nelle terre americane, ma non in Asia, poiché le acque le avevano tagliate fuori. Al giorno d'oggi, vediamo livelli più bassi di diversità genetica nei moderni nativi americani, derivati ​​solo da quei 15 originali, rispetto al resto del mondo. Di nuovo, questo supporta l'idea di un'unica, piccola popolazione che semina i continenti e, a differenza dell'Europa o dell'Asia, queste persone vengono tagliate fuori, con poca mescolanza da nuove popolazioni per migliaia di anni, almeno fino a Colombo.

Nel Montana, a circa 20 miglia dall'autostrada 90, si trova la minuscola conurbazione di Wilsall, popolazione 178 a partire dal 2010. Sebbene pile di cultura materiale nella tradizione di Clovis siano state recuperate in tutto il Nord America, solo una persona di questo tempo e cultura è cresciuta dalla sua tomba. Ha acquisito il nome Anzick-1 ed è stato sepolto in un rifugio roccioso in quello che sarebbe diventato, circa 12.600 anni dopo, Wilsall. Era un bambino, probabilmente di meno di due anni, a giudicare dalle suture non fuse nel cranio. Fu sepolto circondato da almeno 100 strumenti di pietra e 15 d'avorio. Alcuni di questi erano ricoperti di ocra rossa, e insieme suggeriscono che Anzick fosse un bambino molto speciale che era stato cerimonialmente sepolto nello splendore. Ora è speciale perché abbiamo il suo genoma completo.

E c'è la triste saga di Kennewick Man. Mentre partecipavano a una gara di idrovolanti nel 1996, due abitanti di Kennewick, Washington, scoprirono un cranio dalla faccia larga che si stava facendo strada fuori dalla riva del fiume Columbia. Nel corso delle settimane e degli anni, da questa tomba di 8.500 anni fa sono stati estratti più di 350 frammenti di ossa e denti, tutti appartenenti a un uomo di mezza età, forse sulla quarantina, deliberatamente sepolto, con alcuni segni di ferite che avevano guarito nel corso della sua vita: una costola incrinata, un'incisione di una lancia, una piccola frattura da depressione sulla fronte. Ci sono stati litigi accademici sulla sua morfologia facciale, con alcuni che dicevano che era molto simile ai teschi giapponesi, altri che sostenevano un legame con i polinesiani e alcuni affermavano che doveva essere europeo.

Con tutti gli andirivieni sulla sua morfologia, il DNA dovrebbe essere una ricca fonte di dati conclusivi per quest'uomo. Ma le controversie politiche sul suo corpo hanno gravemente ostacolato il suo valore per la scienza per 20 anni. Per i nativi americani, divenne noto come l'Antico e cinque clan, in particolare le tribù confederate della riserva di Colville, volevano che fosse seppellito cerimonialmente secondo le linee guida stabilite dal Native American Graves Protection and Repatriation Act (NAGPRA), che offre la custodia diritti sui manufatti e sui corpi dei nativi americani trovati nelle loro terre. Gli scienziati hanno fatto causa al governo per impedire la sua sepoltura, alcuni affermando che le sue ossa suggerivano che fosse europeo, e quindi non collegato ai nativi americani.

Per aggiungere un'assurda ciliegia in cima a questa torta già sgradevole, un gruppo pagano californiano chiamato Asatru Folk Assembly ha fatto un'offerta per il corpo, sostenendo che l'uomo di Kennewick potrebbe avere un'identità tribale norrena, e se la scienza potesse stabilire che il corpo era europeo , allora gli dovrebbe essere data una cerimonia in onore di Odino, sovrano della mitica Asgard, anche se ciò che comporta quel rituale non è chiaro.

La sua sepoltura è stata bloccata con successo nel 2002, quando un giudice ha stabilito che le sue ossa facciali suggerivano che fosse europeo, e quindi le linee guida NAGPRA non potevano essere invocate. La questione è stata battuta avanti e indietro per anni, in un modo in cui nessuno ne è uscito con un bell'aspetto. Diciannove anni dopo il ritrovamento di questo importante corpo, l'analisi del genoma è stata finalmente pubblicata.

Se fosse stato europeo (o giapponese o polinesiano), sarebbe stata la scoperta più rivoluzionaria nella storia dell'antropologia statunitense e tutti i libri di testo sulla migrazione umana sarebbero stati riscritti. Ma ovviamente non lo era. Un frammento di materiale è stato utilizzato per sequenziare il suo DNA e ha mostrato che, ecco, l'Uomo di Kennewick, l'Antico, era strettamente imparentato con il bambino Anzick. E per quanto riguarda i vivi, era più strettamente imparentato con i nativi americani che con chiunque altro sulla Terra, e all'interno di quel gruppo, più strettamente imparentato con le tribù Colville.

Anzick è la prova definitiva e definitiva che il Nord e il Sud America erano popolati dalle stesse persone. Il genoma mitocondriale di Anzick è molto simile a quello delle persone dell'America centrale e meridionale di oggi. I geni dell'Antico assomigliano più da vicino a quelli delle tribù dell'area di Seattle oggi. Queste somiglianze non indicano che entrambi fossero membri di quelle tribù o persone, né che i loro geni non si siano diffusi in tutte le Americhe, come ci aspetteremmo su scale temporali di migliaia di anni. Quello che mostrano è che la dinamica della popolazione - il modo in cui gli antichi indigeni si relazionano ai nativi americani contemporanei - è complessa e varia da regione a regione. Nessuna persona è completamente statica, e i geni meno.

Nel dicembre 2016, in uno dei suoi ultimi atti in carica, il presidente Barack Obama ha firmato una legge che ha permesso a Kennewick Man di essere seppellito nuovamente come nativo americano. Anzick è stato trovato su un terreno privato, quindi non soggetto alle regole NAGPRA, ma è stato comunque seppellito nuovamente nel 2014 in una cerimonia che ha coinvolto alcune tribù diverse. A volte dimentichiamo che, sebbene i dati debbano essere puri e diretti, la scienza è fatta da persone, che non lo sono mai.

Anzick e Kennewick Man rappresentano campioni ristretti, uno sguardo allettante sul quadro generale. E la politica e la storia stanno ostacolando il progresso. L'eredità di 500 anni di occupazione ha favorito profonde difficoltà nel comprendere come le Americhe furono inizialmente popolate. Due dei decani di questo campo, Connie Mulligan ed Emőke Szathmáry, suggeriscono che esiste una lunga tradizione culturale che traspare dai nostri tentativi di decostruire il passato.

Agli europei viene insegnata una storia di migrazione dalla nascita, di greci e romani che si espandono in Europa, conquistano terre e si intromettono lontano. La tradizione giudaico-cristiana porta le persone dentro e fuori dall'Africa e dall'Asia, e le vie della seta collegano gli europei con l'Oriente e viceversa. Molti paesi europei sono stati nazioni marinare, esplorando e talvolta costruendo in modo bellicoso imperi per il commercio o per imporre una superiorità percepita su altre persone. Anche se abbiamo identità nazionali, orgoglio e tradizioni che derivano da quel senso di appartenenza, la cultura europea è intrisa di migrazione.

Per i nativi americani, questa non è la loro cultura. Non tutti credono di essere sempre stati nelle loro terre, né che siano un popolo statico. Ma per la maggior parte, la narrativa della migrazione non minaccia l'identità europea nello stesso modo in cui potrebbe per le persone che chiamiamo indiani. La nozione scientificamente valida della migrazione di persone dall'Asia nelle Americhe può mettere in discussione le storie di creazione dei nativi. Potrebbe anche avere l'effetto di fondere i primi migranti moderni dal XV secolo in poi con quelli di 24.000 anni prima, con l'effetto di minare le rivendicazioni indigene alla terra e alla sovranità.

Nel profondo dei laghi del Grand Canyon ci sono gli Havasupai. Il loro nome significa "popolo delle acque blu-verdi" e sono lì da almeno 800 anni. Sono una piccola tribù, circa 650 membri oggi, e usano scale, cavalli e talvolta elicotteri per viaggiare dentro e fuori, o meglio, su e giù per il canyon. La tribù è piena di diabete di tipo 2 e, nel 1990, il popolo Havasupai ha accettato di fornire agli scienziati dell'Arizona State University il DNA di 151 individui con la consapevolezza che avrebbero cercato risposte genetiche al problema del perché il diabete fosse così comune. È stato ottenuto il consenso scritto e sono stati prelevati campioni di sangue.

Non è stato trovato un evidente legame genetico con il diabete, ma i ricercatori hanno continuato a utilizzare il loro DNA per testare la schizofrenia e i modelli di consanguineità. I dati sono stati trasmessi anche ad altri scienziati interessati alla migrazione e alla storia dei nativi americani. Gli Havasupai lo scoprirono solo anni dopo e alla fine fecero causa all'università. Nel 2010 hanno ricevuto un risarcimento di 700.000 dollari.

Therese Markow era uno degli scienziati coinvolti e insiste sul fatto che il consenso era sui documenti che hanno firmato e che i moduli erano necessariamente semplici, poiché molti Havasupai non hanno l'inglese come prima lingua e molti non si sono diplomati al liceo. Ma molti nella tribù pensavano di essere interrogati solo sul loro diabete endemico. Un campione di sangue contiene l'intero genoma di un individuo e, con esso, moltissimi dati su quell'individuo, la sua famiglia e la sua evoluzione.

Questa non è la prima volta che accade. Negli anni '80, prima dei giorni della genomica facile ed economica, i campioni di sangue venivano prelevati con il consenso per analizzare i livelli insolitamente alti di malattie reumatiche nelle popolazioni Nuu-chah-nulth del Pacifico nord-occidentale del Canada. The project, led by the late Ryk Ward, then at the University of British Columbia, found no genetic link in their samples, and the project petered out. By the ’90s, though, Ward had moved to the University of Utah, and then Oxford in the U.K., and the blood samples had been used in anthropological and HIV/AIDS studies around the world, which turned into grants, academic papers, and a PBS–BBC jointly produced documentary.

The use of the samples for historical migration indicated that the origins of the Havasupai were from ancient ancestors in Siberia, which is in accordance with our understanding of human history by all scientific and archaeological methods. But it is in opposition to the Havasupai religious belief that they were created in situ in the Grand Canyon. Though nonscientific, it is perfectly within their rights to preclude investigations that contradict their stories, and those rights appear to have been violated. Havasupai Vice Chairman Edmond Tilousi told Il New York Times in 2010 that “coming from the canyon . is the basis of our sovereign rights.”

Sovereignty and membership of a tribe is a complex and hard-won thing. It includes a concept called “blood quantum,” which is effectively the proportion of one’s ancestors who are already members of a tribe. It’s an invention of European Americans in the 19th century, and though most tribes had their own criteria for tribal membership, most eventually adopted Blood Quantum as part of the qualification for tribal status.

DNA is not part of that mix. With our current knowledge of the genomics of Native Americans, there is no possibility of DNA being anywhere near a useful tool in ascribing tribal status to people. Furthermore, given our understanding of ancestry and family trees, I have profound doubts that DNA could ever be used to determine tribal membership. While mtDNA (which is passed down from mothers to children) and the Y chromosome (passed from fathers to sons) have both proved profoundly useful in determining the deep ancestral trajectory of the first peoples of the Americas into the present, these two chromosomes represent a tiny proportion of the total amount of DNA that an individual bears. The rest, the autosomes, comes from all of one’s ancestors.

Some genetic genealogy companies will sell you kits that claim to grant you membership to historical peoples, albeit ill-defined, highly romanticized versions of ancient Europeans. This type of genetic astrology, though unscientific and distasteful to my palate, is really just a bit of meaningless fantasy its real damage is that it undermines scientific literacy in the general public.

Over centuries, people have been too mobile to have remained genetically isolated for any significant length of time. Tribes are known to have mixed before and after colonialism, which should be enough to indicate that some notion of tribal purity is at best imagined. Of the genetic markers that have been shown to exist in individual tribes so far, none is exclusive. Some tribes have begun to use DNA as a test to verify immediate family, such as in paternity cases, and this can be useful as part of qualification for tribal status. But on its own, a DNA test cannot place someone in a specific tribe.

That hasn’t stopped the emergence of some companies in the United States that sell kits that claim to use DNA to ascribe tribal membership. Accu-Metrics is one such company. On its web page, it states that there are “562 recognized tribes in the United States, plus at least 50 others in Canada, divided into First Nation, Inuit, and Metis.” For $125 the company claims that it “can determine if you belong to one of these groups.”

The idea that tribal status is encoded in DNA is both simplistic and wrong. Many tribespeople have non-native parents and still retain a sense of being bound to the tribe and the land they hold sacred. In Massachusetts, members of the Seaconke Wampanoag tribe identified European and African heritage in their DNA, due to hundreds of years of interbreeding with New World settlers. Attempting to conflate tribal status with DNA denies the cultural affinity that people have with their tribes. It suggests a kind of purity that genetics cannot support, a type of essentialism that resembles scientific racism.

The specious belief that DNA can bestow tribal identity, as sold by companies such as Accu-Metrics, can only foment further animosity—and suspicion—toward scientists. If a tribal identity could be shown by DNA (which it can’t), then perhaps reparation rights afforded to tribes in recent years might be invalid in the territories to which they were moved during the 19th century. Many tribes are effective sovereign nations and therefore not necessarily bound by the laws of the state in which they live.

When coupled with cases such as that of the Havasupai, and centuries of racism, the relationship between Native Americans and geneticists is not healthy. After the legal battles over the remains of Kennewick Man were settled, and it was accepted that he was not of European descent, the tribes were invited to join in the subsequent studies. Out of five, only the Colville Tribes did. Their representative, James Boyd, told Il New York Times in 2015, “We were hesitant. Science hasn’t been good to us.”

Data is supreme in genetics, and data is what we crave. Ma noi are the data, and people are not there for the benefit of others, regardless of how noble one’s scientific aims are. To deepen our understanding of how we came to be and who we are, scientists must do better, and invite people whose genes provide answers to not only volunteer their data, but to participate, to own their individual stories, and to be part of that journey of discovery.

This is beginning to change. A new model of engagement with the first people of the Americas is emerging, albeit at a glacial pace. The American Society of Human Genetics meeting is the annual who’s who in genetics, and has been for many years, where all of the newest and biggest ideas in the study of human biology are discussed. In October 2016 they met in Vancouver, and it was hosted by the Squamish Nation, a First Nations people based in British Colombia. They greeted the delegates with song, and passed the talking stick to the president for the proceedings to begin.

The relationship between science and indigenous people has been one characterized by a range of behaviors from outright exploitation to casual insensitivity to tokenism and lip service. Perhaps this time is coming to an end and we might foster a relationship based on trust, genuine engagement, and mutual respect, so that we might work together and build the capacity for tribes to lead their own research into the histories of these nations.

Though the terms Nativo americano e indiano are relative, the United States is a nation of immigrants and descendants of slaves who have overwhelmed the indigenous population. Less than 2 percent of the current population defines itself as Native American, which means that 98 percent of Americans are unable to trace their roots, genetic or otherwise, beyond 500 years on American soil. That is, however, plenty of time for populations to come and breed and mix and lay down patterns of ancestry that can be enlightened with living DNA as our historical text.

A comprehensive genetic picture of the people of postcolonial North America was revealed at the beginning of 2017, drawn from data submitted by paying customers to the genealogy company AncestryDNA. The genomes of more than 770,000 people born in the United States were filtered for markers of ancestry, and revealed a picture of mishmash, as you might expect from a country of immigrants.

Nevertheless, genetic clusters of specific European countries are seen. Paying customers supply spit harboring their genomes, alongside whatever genealogical data they have. By aligning these as carefully as possible, a map of post-Columbus America can be summoned with clusters of common ancestry, such as Finnish and Swedish in the Midwest, and Acadians—French-speaking Canadians from the Atlantic seaboard—clustering way down in Louisiana, close to New Orleans, where the word Acadian has mutated into Cajun. Here, genetics recapitulates history, as we know the Acadians were forcibly expelled by the British in the 18th century, and many eventually settled in Louisiana, then under Spanish control.

In trying to do something similar with African Americans, we immediately stumble. Most black people in the United States cannot trace their genealogy with much precision because of the legacy of slavery. Their ancestors were seized from West Africa, leaving little or no record of where they were born. In 2014, the genetic genealogy company 23andMe published its version of the population structure of the United States. In that portrait we see a similar pattern of European admixture, and some insights into the history of the postcolonial United States.

The Emancipation Proclamation—a federal mandate to change the legal status of slaves to free—was issued by President Lincoln in 1863, though the effects were not necessarily immediate. In the genomic data, there’s admixture between European DNA and African that begins in earnest around six generations ago, roughly in the mid-19th century. Within these samples we see more male European DNA and female African, measured by Y chromosome and mitochondrial DNA, suggesting male Europeans had sex with female slaves. Genetics makes no comment on the nature of these relations.


March 11, 2020: The Day Everything Changed

Before there were masks, there were elbow bumps. Rep. Stephen Lynch, D-Mass., and Dr. Anthony Fauci greet each other before a House Oversight and Reform Committee hearing on March 11, 2020. Drew Angerer/Getty Images nascondi didascalia

Before there were masks, there were elbow bumps. Rep. Stephen Lynch, D-Mass., and Dr. Anthony Fauci greet each other before a House Oversight and Reform Committee hearing on March 11, 2020.

A year into the coronavirus pandemic, the enormous changes in our lives have become unremarkable: The collection of fabric masks. Visits with friends or family only in small outdoor gatherings. Working or learning from home. Downtowns deserted at noon on a weekday.

While some changes happened gradually, there was one day that marked the beginning of the new normal.

On that day in the United States, the pandemic future arrived all at once.

A historic day begins with other news

March 11 was a Wednesday. Joe Biden had a path toward clinching the Democratic nomination. Bernie Sanders

VIDEO: The Early Days Of The Pandemic As Seen Through Your Camera Roll

The big news in the morning — and what was expected to be the top headline of the day — was the sentencing of movie mogul Harvey Weinstein. Sitting in a Manhattan courtroom, Weinstein was tumbled in reaction to Saudi Arabia cutting the price of oil, spurring the market's worst drop since 2008.

The Coronavirus Crisis

People Share #TheMoment They Realized The Pandemic Was Changing Life As They Knew It

And the coronavirus — which had already sparked lockdowns in China and Italy — had become a major concern in the U.S. The first case in the U.S. was announced on Jan. 21 in Everett, Wash. On Jan. 30, the World Health Organization declared a global health emergency.

Some schools in the U.S. had might be available. And there were — as there continue to be – instances of racism and xenophobia targeting Asian Americans as fears of the virus spread through the U.S.

Dr. Fauci testifies: "It's going to get worse"

Dr. Anthony Fauci, director of the National Institute of Allergy and Infectious Diseases, and Dr. Robert Redfield, the director of the Centers for Disease Control and Prevention, had been called to testify about the coronavirus on March 11 before the House Committee on Oversight and Reform.

Observers in the chamber sat shoulder to shoulder, and there was not a mask in sight.

"Is the worst yet to come, Dr. Fauci?" asked Rep. Carolyn Maloney, the committee chairwoman.

"Yes, it is," Fauci replied. He explained that the U.S. was seeing more cases from both community spread and international travel.

"I can say we will see more cases, and things will get worse than they are right now," Fauci said. "How much worse we'll get will depend on our ability to do two things: to contain the influx of people who are infected coming from the outside, and the ability to contain and mitigate within our own country."

The virus had by then infected more than 1,000 people in 40 states. At least 31 people in the U.S. had died from COVID-19, most of them in Washington state.

"Bottom line," Fauci said, "it's going to get worse."

Workers from a Servpro disaster recovery team wearing protective suits and respirators enter the Life Care Center in Kirkland, Wash., to begin cleaning and disinfecting the facility on March 11, 2020. Ted S. Warren/AP nascondi didascalia

WHO declares a pandemic — and stocks plunge

In Geneva, the WHO was holding a briefing. Eight countries, including the U.S., now had more than 1,000 cases.

"In the past two weeks, the number of cases of COVID-19 outside China has increased 13-fold, and the number of affected countries has tripled," said WHO Director-General Tedros Adhanom Ghebreyesus.

"WHO has been assessing this outbreak around the clock and we are deeply concerned both by the alarming levels of spread and severity, and by the alarming levels of inaction," he said.

"We have therefore made the assessment that COVID-19 can be characterized as a pandemic."

The global health emergency was now officially a pandemic — the first one to be caused by a coronavirus.

The stock market reacted quickly to the new designation: the Dow Jones Industrial Average dropped more than 1,200 points.

By the end of the day, the Dow was down more than 20% from its peak in February – and had a tweet: "I am fully prepared to use the full power of the Federal Government to deal with our current challenge of the CoronaVirus!" He said he would address the nation from the Oval Office that evening.

At 9:02 p.m., Trump began his remarks: "My fellow Americans: Tonight, I want to speak with you about our nation's unprecedented response to the coronavirus outbreak that started in China and is now spreading throughout the world."

"This is the most aggressive and comprehensive effort to confront a foreign virus in modern history," he continued. "I am confident that by counting and continuing to take these tough measures, we will significantly reduce the threat to our citizens, and we will ultimately and expeditiously defeat this virus," he said.

Then he made a stunning announcement: a 30-day ban on travel from European countries to the U.S., beginning on Friday at midnight — just two days later — "to keep new cases from entering our shores."

Experts were skeptical the ban would make much of a difference. "It may have political value, but [it] has zero public health value," Lawrence Gostin, a global health law professor at Georgetown University, told NPR.

"Most of Europe has the same or fewer cases than the U.S. Restricting travel certainly won't make America safer," Gostin said.

Confusion followed the speech, about who and what would be affected by the ban. Trump soon tweeted a clarification: "trade will in no way be affected by the 30-day restriction on travel from Europe. The restriction stops people not goods."

Tom Hanks and Rita Wilson test positive for the virus

Shortly after 9 p.m. ET, Tom Hanks posted a photo to Instagram of a surgical glove in a trash can, along with an announcement: He and his wife, actress Rita Wilson, were sick with the coronavirus.

"We felt a bit tired, like we had colds, and some body aches. Rita had some chills that came and went. Slight fevers too," he wrote. The two were in Australia for preproduction on a film starring Hanks.

"Well, now. What to do next?" Hanks continued. "The Medical Officials have protocols that must be followed. We Hanks' will be tested, observed, and isolated for as long as public health and safety requires. Not much more to it than a one-day-at-a-time approach, no?"

An NBA game is halted just before tipoff

In Oklahoma City, the Thunder were about to take on the visiting Utah Jazz. Around 8 p.m. ET, shortly before tipoff, the referees and coaches conferred about an unsettling development: Jazz center Rudy Gobert's coronavirus test had just come back —positive.

The teams returned to their locker rooms. The halftime act, Frankie J, was brought out to perform for the packed arena, where fans were stirring in confusion. "Wild times," said an ESPN commentator on the game's broadcast. "The fans here in the arena don't know what's going on, we don't know what's going on."

A moment later, the public address announcer took to the microphone. "The game tonight has been postponed. You are all safe," he said. Cries of dismay rang out from the stands. "Take your time in leaving the arena tonight, and do so in an orderly fashion."

The Jazz tested the rest of its players and traveling party and found that a second player, Donovan Mitchell, was also positive for the virus.

Word soon got out of even bigger news: The NBA would be postponing its entire season. In Dallas, ESPN trained a camera on Mavericks owner Mark Cuban as he got the news on his phone.

He reacted in shock: His jaw dropped, and he leaned way back in his chair. "Now it's much more personal. You've seen what's happening in other countries," he told a reporter a few minutes later. "But just the whole idea that it's come this close, potentially a couple players have it . just stunning isn't the right word. It's crazy."

The players on the Mavericks bench were aware of the news and talking about it, Cuban said — the only ones who didn't know were the players still in the game.

At 9:46 p.m., the NBA made it official: The season was suspended until further notice.

"This is much bigger than just the NBA," Cuban told the reporter.

"Do we send our kids to school tomorrow? Is it that big?" he mused. "It's like out of a movie. It doesn't seem real."


The History of Earth Day

Every year on April 22, Earth Day marks the anniversary of the birth of the modern environmental movement in 1970.

Let’s take a look at the last half-century of mobilization for action:

ORIGINS OF EARTH DAY

Earth Day 1970 gave a voice to an emerging public consciousness about the state of our planet —

In the decades leading up to the first Earth Day, Americans were consuming vast amounts of leaded gas through massive and inefficient automobiles. Industry belched out smoke and sludge with little fear of the consequences from either the law or bad press. Air pollution was commonly accepted as the smell of prosperity. Until this point, mainstream America remained largely oblivious to environmental concerns and how a polluted environment threatens human health.

However, the stage was set for change with the publication of Rachel Carson’s New York Times bestseller Primavera silenziosa in 1962. The book represented a watershed moment, selling more than 500,000 copies in 24 countries as it raised public awareness and concern for living organisms, the environment and the inextricable links between pollution and public health.

Earth Day 1970 would come to provide a voice to this emerging environmental consciousness, and putting environmental concerns on the front page.

EARTH DAY FOR A NEW MILLENNIUM

As the millennium approached, Hayes agreed to spearhead another campaign, this time focused on global warming and a push for clean energy. With 5,000 environmental groups in a record 184 countries reaching out to hundreds of millions of people, Earth Day 2000 built both global and local conversations, leveraging the power of the Internet to organize activists around the world, while also featuring a drum chain that traveled from village to village in Gabon, Africa. Hundreds of thousands of people also gathered on the National Mall in Washington, DC for a First Amendment Rally.

30 years on, Earth Day 2000 sent world leaders a loud and clear message: Citizens around the world wanted quick and decisive action on global warming and clean energy.

EARTH DAY 2010

As in 1970, Earth Day 2010 came at a time of great challenge for the environmental community to combat the cynicism of climate change deniers, well-funded oil lobbyists, reticent politicians, a disinterested public, and a divided environmental community with the collective power of global environmental activism. In the face of these challenges, Earth Day prevailed and EARTHDAY.ORG reestablished Earth Day as a major moment for global action for the environment.

Over the decades, EARTHDAY.ORG has brought hundreds of millions of people into the environmental movement, creating opportunities for civic engagement and volunteerism in 193 countries. Earth Day engages more than 1 billion people every year and has become a major stepping stone along the pathway of engagement around the protection of the planet.

EARTH DAY TODAY

Today, Earth Day is widely recognized as the largest secular observance in the world, marked by more than a billion people every year as a day of action to change human behavior and create global, national and local policy changes.

Now, the fight for a clean environment continues with increasing urgency, as the ravages of climate change become more and more apparent every day.

As the awareness of our climate crisis grows, so does civil society mobilization, which is reaching a fever pitch across the globe today. Disillusioned by the low level of ambition following the adoption of the Paris Agreement in 2015 and frustrated with international environmental lethargy, citizens of the world are rising up to demand far greater action for our planet and its people.

The social and cultural environments we saw in 1970 are rising up again today — a fresh and frustrated generation of young people are refusing to settle for platitudes, instead taking to the streets by the millions to demand a new way forward. Digital and social media are bringing these conversations, protests, strikes and mobilizations to a global audience, uniting a concerned citizenry as never before and catalyzing generations to join together to take on the greatest challenge that humankind has faced.

By tapping into some of the learnings, outcomes, and legacy of the first Earth Day, EARTHDAY.ORG is building a cohesive, coordinated, diverse movement, one that goes to the very heart of what EARTHDAY.ORG and Earth Day are all about — empowering individuals with the information, the tools, the messaging and the communities needed to make an impact and drive change.

We invite you to be a part of Earth Day and help write many more chapters—struggles and victories—into the Earth Day book.


U.S. Medical Eligibility Criteria Categories for Classifying Hormonal Contraceptives and Intrauterine Devices

1 = A condition for which there is no restriction for the use of the contraceptive method

2 = A condition for which the advantages of using the method generally outweigh the theoretical or proven risks

3 = A condition for which the theoretical or proven risks usually outweigh the advantages of using the method

4 = A condition that represents an unacceptable health risk if the contraceptive method is used

Data from Curtis KM, Tepper NK, Jatlaoui TC, Berry-Bibee E, Horton LG, Zapata LB, et al. U.S. medical eligibility criteria for contraceptive use, 2016. MMWR Recomm Rep 201665(RR-3):1–103.


March 2, 2017 Day 41 of the First Year - History

Historical events in the month of March by day:

March 1, 1790 - The U.S. Supreme Court convenes for the first time.

March 1, 1872 - Yellowstone becomes the U.S.'s first national park.

March 1, 1932 - The Hoover Dam is completed.

March 1, 1958 - U.S. launches Explorer I, its first satellite.

March 1, 1961 - The U.S. Peace Corps was founded.

March 1, 1982 - Late Night with David Letterman premieres on NBC.

March 2, 1836 - Texas declared its independence from Mexico.

March 2, 1887 - The first Ground Hog Day is observed in Punxsutawney, PA

March 2, 1933 - The movie King Kong premieres.

March 2, 1962 - Wilt Chamberlain of the Philadelphia Warriors scores 100 points in a basketball game.

March 3, 1931 - The Star Spangled Banner becomes the National Anthem

March 3, 1791 - Congress establishes the U.S. Mint.

March 3, 1855 - The U.S. Congress authorizes $30,000 to study the feasibility of using camels for military purposes.

March 3, 1899 - George Dewey becomes the first Admiral of the U.S. Navy.

March 3, 1931 - Congressional resolution makes the "Star Spangled Banner" the official U.S. anthem.

March 3, 1933 - Mount Rushmore is dedicated.

March 3, 1997 - The Howard Stern Radio Show premieres in Fayetteville, NC

March 4, 1789 - The Constitution of the United States of America goes into effect.

March 4, 1924 - "Happy Birthday to You" is published by Claydon Sunny/

March 4, 1930 - Mrs. Charles Fahning of Buffalo N.Y. is recognized as the first woman to bowl a perfect 300 game.

March 4, 1966 - John Lennon proclaims "We (Beatles) are more popular than Jesus."

March 5, 1770 - The Boston Massacre occurred.

March 5, 1836 - Samuel Colt manufactures the first pistol, the 34 caliber "Texas".

March 5, 1868 - C.H. Gould patents the Stapler in England.

March 5, 2004 - Martha Stewart is convicted of Obstructing Justice, a felony.

March 6, 1836 - The battle of the Alamo ends as Mexican forces overwhelm and kill all defenders.

March 6, 1899 - Felix Hoffmann at German Bayer company patents aspirin.

March 6, 1950 - Silly putty is invented.

March 6, 1964 - Boxing great Cassius Clay converts to Islam and changes his name to Muhammad Ali.

March 6, 1981 - Well known and loved Walter Cronkite signs off as anchorman off the CBS Evening News

march 7, 1857 - Baseball determines that nine innings constitutes a full game, not nine runs.

March 7, 1876 - Alexander Graham Bell patents the Telephone.

March 7, 1933 - Monopoly board game is invented.

March 7, 2011 - Charlie Sheen is fired from CBS comedy sitcom "Two and a Half Men"

March 8,1531 - King Henry III is officially recognized as the Supreme Head of the Church of England by the Convocation of Canterbury.

March 8, 1817 - The New Your Stock Exchange is founded.

March 8, 1936 - The first stock car race is run at Daytona Beach.

March 8, 1983 - President Ronald Reagan calls the USSR an "Evil Empire".

March 8, 1999 - Baseball great Joe DiMaggio dies.

March 9, 1562 - Kissing is banned in Naples, Italy, punishable by death.

March 9, 1862 - Ironclad ships the Monitor and the Merrimack battle in the Civil war.

March 9, 1959 - Mattel debuts Barbie dolls at the International American Toy Fair in New York City. See Barbie Doll Day

March 9, 1964 - The first Ford Mustang rolls off the assembly line.

March 10, 1862 - The U.S. government issues paper money for the first time.

March 10, 1876 - Alexander Graham Bell places the world's first telephone call, to his assistant in the next room.

March 11, 1669- Mt. Etna in Sicily erupts in its largest eruption ever, killing over 15,000 people.

March 11, 1888 - The most famous storm in American history begins. the Blizzard of 1888.

March 11, 1997 - The ashes of Star Trek creator Gene Roddenberry are launched into space.

March 11, 1997 - Paul McCartney is knighted by Queen Elizabeth II.

March 12, 1894 - Coca Cola is sold in bottles for the first time in a candy store in Vicksburg, Mississippi.

March 12, 1912 - Girl Scouts of USA were founded by Juliette Low of Savannah, GA..

March 12, 1942 - Baseball great Joe DiMaggio agrees to a new contract with the NY Yankees, and gets a $6,250 raise. My, how times have changed!

March 12, 1965 - The song "Wooly Bully" by Sam the Sham and Pharaohs is released as a single. Karaoke anyone!?

March 13, 1639 - Harvard University is named after clergyman John Harvard.

March 13, 1868 - Senate begins impeachment trial of President Andrew Johnson.

March 13, 1887 - Greenwood patented earmuffs, originally called the "Champion Ear Protector". See Ear Muff Day

March 13, 1936 - Work on the Boulder dam is completed.

March 13, 1969 - Disney releases movie "The Love Bug".

March 13, 2012 - Encyclopedia Britannica announces it will no longer produce a printed version of its encyclopedia.

March 14, 1794 - Eli Whitney patents the Cotton Gin.

March 14, 1899 - German inventor Ferdinand von Zeppelin receives a U.S. patent for a "navigable balloon".

March 14, 1932 - George Eastman, founder of Eastman Kodak Company, commits suicide rather than facing the ravages of cancer.

March 15, 44 B.C. - "The Ides of March" Julius Caesar is stabbed to death by Marcus Junius Brutus.

March 15, 1892 - Inventor Jesse W. Reno receives a patent for the world's first escalator.

March 15, 1965 - TGI Friday's opens their first restaurant, in NYC.

March 15, 2018 - After filing for bankruptcy, Toys R Us announces it will close all of its toy stores.

March 16, 1926 - Professor Robert Goddard launches the first liquid fuel rocket.

Marc 16, 1968 - General Motors produces their 100 millionth automobile, an Oldsmobile Toronado.

March 17 - On this day everyone is a little bit Irish- It's Saint Patrick's Day!

March 17, 1762 - First Saint Patrick's Day parade in NYC.

March 17, 1845 - The rubber band was invented by Stephen Perry in London. Can you imagine life without them.

March 17, 1969 - Golda Meir becomes the first female Prime Minister of Israel.

March 18, 1818 - The U.S. government approves the first pensions for government service.

March 18, 1931 - Shick introduces the first electric shaver to the marketplace.

March 18, 1965 - Soviet Union cosmonaut Aleksei Leonov becomes the first person to take a space walk.

March 19, 1911 - First International Women's Day, over 1 million men and women attend rallies around the world.

March 19, 1918 - Congress approves Daylight Savings Time

March 20, 1852 - Harriet Beacher Stowe publishes the book Uncle Tom's Cabin .

Mach 20, 1922 - The U.S. Navy commissions the first aircraft carrier, the USS Langley.

March 20, 1930 - Kentucky Fried Chicken is founded by "Colonel" Harlan Sanders in North Corbin, KY. It proves to be "finger lickin' good!"

March 20, 1941 - General Douglas McArthur escapes Japanese occupied Philippines, vowing "I shall return!"

March 21, 1935 - Persia is formally renamed Iran.

March 21, 1963 - The infamous Alcatraz prison is closed.

March 21, 2006 - Twitter was created. Social media will never be the same.

March 22, 1960 - The first patent for a laser is issued to Arthur Schlow and Charles Townes.

March 22, 1963 - The Beatles first album "Please, Please Me" is released in England.

March 23, 1775 - Patrick Henry declares "Give me liberty, or give me death!"

March 23, 1857 - Elisha Otis installs the first elevator at 488 Broadway in New York City.

March 24, 1882 - German scientist Robert Koch announces he has discovered the bacillus that causes Tuberculosis.

March 24, 1958 - Elvis Presley joins the U.S. Army.

March 24, 1964 - The Kennedy half dollar is put into circulation.

March 24, 1989 - The super tanker Exxon Valdez runs aground in Alaska's Prince William Sound and ruptures, spilling millions of gallons of oil.

March 25, 31 - The First Easter celebration is held.

March 25, 1954 - RCA manufactures the first color television.

March 25, 1957 - The European Economic Community (ECC) is established by the Treaty of Rome.

March 25, 1970 - The Concorde jet makes its maiden supersonic flight.

March 26, 127 - Greek Astrologer and mathematician Ptolemy begins his observations of the heavens.

March 26, 1827 - Ludwig von Beethoven dies in Vienna, Austria.

march 26, 1830 - The Book of Mormon is published in Palmyra, New York.

March 26, 1885 - The Eastman Dry Plate and Chemical Company manufactures the first motion picture film.

March 26, 1945 - U.S. Marines raise the American flag at Iwo Jima.

March 27, 1855 - Abraham Gesner receives a patent for kerosene.

March 27, 1909 - Fingerprints are used as evidence in a murder trial for the first time.

March 27, 1964 - The biggest earthquake ever recorded strikes Anchorage, Alaska. It measured 8.3 on the Richter scale.

March 28, 1797 - Nathaniel Briggs patents the washing machine.

March 28, 1866 - The first ambulance goes into service.

March 28, 1939 - The city of Madrid falls to the forces of Francisco Franco, ending the Spanish Civil War.

March 28, 1963 - The AFL's NY Titans become the NY Jets.

March 28, 1979 - Three Mile Island nuclear power plant accident occurs in Middletown, Pa.

March 29, 1795 - At age 24, Ludwig von Beethoven debuts as a pianist in Venice

March 29, 1848 - Ice jams stop the flow of water over Niagara Falls.

March 29, 1882 - The Knights of Columbus is founded.

March 29, 1886 - Coca Cola is invented.

March 30, 240 B.B. - First recorded perihelion passage of Halley's Comet.

March 30, 1842. Ether is used as an anesthesia for the first time by Doctor Crawford Long in Georgia. See Doctor's Day.

March 30, 1858 - A pencil with an attached eraser is patented by Hyman L. Lipman of Philadelphia, PA.

March 30, 1867 - The United States buys Alaska from Russia for $7.2 million.

March 30, 1870 - The 15th amendment goes into effect, giving black men the right to vote.

March 30, 1964 - Jeopardy debuts on television.

March 30, 2020 - The International Olympic Committee announces the postponement of the 2020 summer games until 2021 due to the COVID-19 Pandemic.

March 31, 1880 - Wabash, Indiana claims to be the first town to be illuminated 100% by electricity.

March 31, 1958 - The Eiffel Tower opens in Paris, France

March 31, 1918 - Daylight Savings Time goes into effect for the first time in he U.S.

Holiday Insights , where every day is a holiday, a bizarre or wacky day, an observance, or a special event. Join us in the daily calendar fun each and every day of the year.

Did You Know? There are literally thousands of daily holidays, special events and observances, more than one for every day of the year. Many of these holidays are new. More holidays are being created on a regular basis. At Holiday Insights, we take great efforts to thoroughly research and document the details of each one, as completely and accurately as possible.

Note: If you are using the dates or historical information on our site for calendar or other publishing purposes, we recommend you double check with other sources.


Here are the dates of Palm Sunday in future years:

  • Palm Sunday 2020: April 5, 2020 (first Sunday of April)
  • Palm Sunday 2021: March 28, 2021 (fourth Sunday of March)
  • Palm Sunday 2022: April 10, 2022 (second Sunday of April)
  • Palm Sunday 2023: April 2, 2023 (first Sunday of April)
  • Palm Sunday 2024: March 24, 2024 (fourth Sunday of March)
  • Palm Sunday 2025: April 13, 2025 (second Sunday of April)
  • Palm Sunday 2026: March 29, 2026 (fifth Sunday of March)
  • Palm Sunday 2027: March 21, 2027 (third Sunday of March)
  • Palm Sunday 2028: April 9, 2028 (second Sunday of April)
  • Palm Sunday 2029: March 25, 2029 (fourth Sunday of March)
  • Palm Sunday 2030: April 14, 2030 (second Sunday of April)
  • Palm Sunday 2031: April 6, 2031 (first Sunday of April)
  • Palm Sunday 2032: March 21, 2032 (third Sunday of March)
  • Palm Sunday 2033: April 10, 2033 (second Sunday of April)
  • Palm Sunday 2034: April 2, 2034 (first Sunday of April)
  • Palm Sunday 2035: March 18, 2035 (third Sunday of March)


Guarda il video: SEJARAH KALENDER MASEHI #2 (Agosto 2022).