La storia

Kartli/Iberia. Drachm del principe Juansher

Kartli/Iberia. Drachm del principe Juansher



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Elenco delle consorti reali della Georgia

La Georgia si divise in tre regni indipendenti nel 1490. I re di Kartli erano discendenti di Costantino II, i re di Kakheti da Giorgio VIII e i re di Imereti da Bagrat VI.

Nome Padre Nascita Matrimonio Diventa consorte Ha cessato di essere consorte Morte Sposa
Tamar - - 1473 1490
il marito riconosce Kakheti e Imereti
1492 Costantino II
Mirangul Baratashvili David Jambakur Katchibadze Baratashvili, principe di Gareja
(Baratashvili)
- - 27 aprile 1505
adesione del marito
1525
abdicazione del marito
1556 Davide X
Gulchari - - - 1525
adesione del marito
1527/34
abdicazione del marito
- Giorgio IX
Tamar di Imereti Bagrat III di Imereti
(Bagrazioni)
- 25 marzo 1526 1527/34
adesione del marito
1556/58
la morte del marito
1556 Luarsab io
Nestan-Darejan di Kakheti Levan di Kakheti
(Bagrazioni)
- 1555/59 1556/58
adesione del marito
1569
la prigionia del marito
1608 Simone I
Una principessa di Tarki
[7]
- - - 1562/1569
adesione del marito
1578
marito fugge dalla Georgia
- Davide XI
Daud Khan
Nestan-Darejan di Kakheti Levan di Kakheti
(Bagrazioni)
- 1555/59 1578
restauro del marito
1599
la prigionia del marito
1608 Simone I
Mariam Dadiani Giorgio III Dadiani, principe di Samegrelo
(Dadiani)
- 15 settembre 1578 1599
adesione del marito
7 settembre 1606
la morte del marito
dopo il 1610 Giorgio X
Makrine Saakadze Il principe Siaush Saakadze
(Saakadze)
- 1610 intorno al 1612
divorzio
dopo il 1612 Luarsab II
Anna di Kakheti Alessandro II di Kakheti
(Bagrazioni)
- - 1616
adesione del marito
1619
la morte del marito
dopo il 1619 Bagrat VII Khan
Jahan di Kakheti Principe Jesse di Kakheti
(Bagrazioni)
- 1626 1630/31
la morte del marito
- Simone II Khan
Khorashan di Kartli Giorgio X di Kartli
(Bagrazioni)
- 1612 1625
l'adesione del marito in rivalità con Simone II e Rostom
1633
deposizione del marito
1658 Teimuraz I di Kakheti
Ketevan Abashishvili Gorjasp Abashishvili - 1635 1636 Rostom Khan
Mariam Dadiani Manuchar I Dadiani, principe di Samegrelo
(Dadiani)
1599–1609 1638 17 novembre 1658
la morte del marito
1682
Rwadam Kaplanishvili Orbeliani ? - - 17 novembre 1658
adesione del marito
1659
divorzio
1678 Vakhtang V Khan
Mariam Dadiani Manuchar I Dadiani, principe di Samegrelo
(Dadiani)
1599–1609 1659 settembre 1675
la morte del marito
1682
Tamar Davitashvili Il principe David Davitashvili - 1676 4 dicembre 1683 Giorgio XI Khan
Khoreshan Mikeladze Il principe Giorgi Mikeladze
(Mikeladze)
- 1687 1688
deposizione del marito
24 febbraio 1695
Ana Cholokashvili Principe Irubakidze
(Cholokashvili)
- 1677 1688
adesione del marito
1703
deposizione del marito
prima dell'aprile 1716 Erekle I di Kakheti
Ketevan - - - - 27 ottobre 1711
la morte del marito
3 maggio 1730 Kaikhosro Khan
Interregno 1711-1714
Elena di Kakheti Erekle I di Kakheti
(Bagrazioni)
1687 1715 giugno 1716
deposizione del marito
27 aprile 1750 Jesse Khan
Rusudan di Circassia Kilchiko, principe di Lesser Kabarda (?)
(Misostov?)
- 1696 giugno 1716
adesione del marito
1724
il marito è fuggito
30 dicembre 1740 Vakhtang VI Khan
Elena di Kakheti Erekle I di Kakheti
(Bagrazioni)
1687 1715 1724
restauro del marito
1727
la morte del marito
27 aprile 1750 Jesse Khan
Alla morte di Jesse, Kartli fu annessa all'Impero Ottomano, ma con l'aiuto dei Persiani, Kartli fu data al re Teimuraz II di Kakheti che a sua volta cedette Kakheti a suo figlio Erekle II. I due regni saranno completamente uniti solo sotto Erekle II.
Tamar di Kartli Vakhtang VI di Kartli
(Bagrazioni)
1697 2 febbraio 1712 1744
adesione del marito
12 aprile 1746 Teimuraz II
Ana Baratashvili Il principe Bejan Baratashvili
(Baratashvili)
1784 19 agosto 1746 8 gennaio 1762
la morte del marito
1784

Alla morte di Teimuraz II, Kartli e Kakheti furono nuovamente uniti ad eccezione di Imereti.

Nome Padre Nascita Matrimonio Diventa consorte Ha cessato di essere consorte Morte Sposa
Nestan-Darejan - - 1456 1465
deposizione del marito come re di Georgia
1476
la morte del marito
1510 Giorgio VIII
Ana Tinatina Beena Irubakidzé-Cholokashvili, principe di Satcholakao
(Cholokashvili)
- prima del 1479 1476
adesione del marito
27 aprile 1511
la morte del marito
- Alessandro I
Elene Irubakidze-Cholokashvili Padre di Garsevan Irubakidze-Cholokashvili, principe di Satcholakao
(Cholokashvili)
- prima del 1505 27 aprile 1511
adesione del marito
1513
la morte del marito
1532 Giorgio II
1513–1520
Annessione da parte del Regno di Kartli
Tinatin Gurieli Mamia I Gurieli, Principe di Guria
(Gurieli)
- - 1520
restauro del marito
1529
divorzio
1591 Levan
senza nome Kamal Kara-Musel, Shamkhal di Tarku - 1529 1574
la morte del marito
-
Tinatin Amilakhvari Bardzim-Koiar Zedginidze, principe di Samilakhoro
(Amilakhvari)
- - 1574
adesione del marito
ottobre 1601
deposizione del marito
- Alessandro II
(1° regno)
Ketevan di Mukhrani Ashotan I, principe di Mukhrani
(Bagrazioni)
1565 1581 ottobre 1601
adesione del marito
2 ottobre 1602
la morte del marito
13 settembre 1624 David io
Tinatin Amilakhvari Bardzim-Koiar Zedginidze, principe di Samilakhoro
(Amilakhvari)
- - 2 ottobre 1602,
restauro del marito
12 marzo 1605
omicidio del marito
- Alessandro II
(2° regno)
Ana Gurieli Mamia III Gurieli, Principe di Guria
(Gurieli)
- 1606 1606
adesione del marito
1610 Teimuraz io
Khorashan di Kartli Giorgio X di Kartli
(Bagrazioni)
- 1612 1616
deposizione del marito
1633
deposizione del marito
1648
deposizione del marito
1658
1614–1615
1616–1623
1633–1636
annessione alla Persia
1648–1656
Annessione a Kartli da parte del re Rostom che non usò il titolo di re di Kakheti.
1656–1664
annessione alla Persia
Ketevan di Kakheti Principe David di Kakheti
(Bagrazioni)
1648 22 marzo 1668 1675
difetto del marito ai turchi
16 aprile 1719 Archil
(1° regno)
1676–1703
annessione alla Persia
Jatri-Djahan-Begum di Jerevan shamkhal Jahan-Begum - - 1709
adesione del marito
2 novembre 1722
la morte del marito
- Davide II
senza nome Fath 'Ali Khan Daghistani, I'timād-ud-Daulah - prima del 1720 2 novembre 1722
adesione del marito
28 dicembre 1732
la morte del marito
- Costantino II
Tamar di Kartli Vakhtang VI di Kartli
(Bagrazioni)
1697 2 febbraio 1712 1732
adesione del marito
1744
Kakheti passò al loro figlio
12 aprile 1746 Teimuraz II
Ketevan Orbeliani
(secondo la tradizione)
Principe Vakhtang Orbeliani-Kaplanishvil
(Orbeliani)
1687 1738/9 1744
adesione del marito
1744
divorzio
1750 Erekle II
Ketevan Pkheidze Principe Zaal Pkheidze
(Pkheidze)
- 1740 1744
adesione del marito
1744
Ana Abashidze Il principe Zaal Abashidze
(Abashidze)
1730 1745 7 dicembre 1749
Darejan Dadiani Il principe Igor Dadiani
(Dadiani)
20 luglio 1734 o 20 luglio 1738 1750 8 gennaio 1762
Unificazione di Kartli e Kakheti
8 novembre 1807/8

Alla morte di Teimuraz II, Kartli e Kakheti furono nuovamente uniti ad eccezione di Imereti.

Nel 1762, il Regno di Kartli e il Regno di Kakheti furono uniti sotto un unico sovrano.

Nome Padre Nascita Matrimonio Diventa consorte Ha cessato di essere consorte Morte Sposa
Darejan Dadiani Il principe Igor Dadiani
(Dadiani)
20 luglio 1734 o 20 luglio 1738 1750 8 gennaio 1762
Unificazione di Kartli e Kakheti
11 gennaio 1798
la morte del marito
8 novembre 1807/8 Erekle II
Mariam Tsitsishvili Il principe Giorgi Tsitsishvili
(Tsitsishvili)
9 aprile 1768 13 luglio 1783 11 gennaio 1798
adesione del marito
28 dicembre 1800
la morte del marito
30 marzo 1850 Giorgio XII

Annessione di Kakheti e Kartli alla Russia da Paolo I di Russia, 1801.

Sebbene un regno vassallo di Imereti sia stato creato nel 1258, le uniche regine consorti menzionate per nome furono Teodora Paleologina, l'ex regina di tutta la Georgia, e Ana Orbeliani, moglie di Alessandro I di Imereti, che in realtà era un duca di Shorapani e non un re.

Nome Padre Nascita Matrimonio Diventa consorte Ha cessato di essere consorte Morte Sposa
Elene - - - 1463
il marito riconquista la Georgia
1465/6
diventa la regina di tutta la Georgia
3 novembre 1510 Bagrat II
Tamar - - 1483 12 marzo 1510 Alessandro II
elene - - - 12 marzo 1510
adesione del marito
1548 Bagrat III
Rusudan Shervashidze Shervashidze - 1563 1565
adesione del marito
4 agosto 1578 Giorgio II
Tamar Diasamidze Diasamidze - dopo il 1578 1585
la morte del marito
dopo il 1586
Marekhi Dadiani Levan I Dadiani, principe di Mingrelia
(Dadiani)
- 1586 1588
la prigionia del marito
- Levan
Tinatin Jaqeli Manoutchar II Jaqeli, principe di Samtskhe
(Jaqeli)
- 1597 1605
la morte del marito
1610 Rostom
Tamar - - - 1605
adesione del marito
1639
la morte del marito
dopo il 1639 Giorgio III
Darejan di Kakheti Teimuraz I di Kakheti
(Bagrazioni)
C. 1615 1629 1639
adesione del marito
1 marzo 1660
la morte del marito
1668 Alessandro III
Zira Dadiani Levan II Dadiani, Principe di Mingrelia
(Dadiani)
- - 1 marzo 1660
adesione del marito
prima del 1658 o del 1661
divorzio
- Bagrat V
(1° regno)
Ketevan di Kakheti Principe David di Kakheti
(Bagrazioni)
1648 1658 o 1661 1659 o 1661
divorzio
16 aprile 1719
Titia Mukhraneli Costantino I, principe di Mukhrani
(Bagrazioni)
- 1659/61 1661
deposizione del marito
-
Darejan di Kakheti Teimuraz I di Kakheti
(Bagrazioni)
C. 1615 1661
Darejan ha scelto suo marito dalla nobiltà per deporre il figliastro
1663
deposizione del marito
1668 Vakhtang Tchutchunashvili
(1° regno)
Titia Mukhraneli Costantino I, principe di Mukhrani
(Bagrazioni)
- 1659/61 1663
restauro del marito
1663
divorzio
- Bagrat V
(2° regno)
Tamar Mukhraneli Costantino I, principe di Mukhrani
(Bagrazioni)
- 1663 1668
deposizione del marito
-
Darejan di Kakheti Teimuraz I di Kakheti
(Bagrazioni)
C. 1615 1661 1668
restauro del marito
1668 Vakhtang Tchutchunashvili
(2° regno)
Tamar Mukhraneli Costantino I, principe di Mukhrani
(Bagrazioni)
- 1663 1669
restauro del marito
1678
la deposizione del marito e il loro divorzio
- Bagrat V
(3° regno)
Ketevan di Kakheti Principe David di Kakheti
(Bagrazioni)
1648 22 marzo 1668 1678
usurpazione del marito
1679
deposizione del marito
16 aprile 1719 Archil
(1° regno)
Tamar Mukhraneli Costantino I, principe di Mukhrani
(Bagrazioni)
- 1679 1679
restauro del marito
1681
la morte del marito
dopo il 1683 Bagrat V
(4° regno)
Darejan di Imereti Bagrat V di Imereti
(Bagrazioni)
- 1677 1681
usurpazione del marito
1682
divorzio
1695 Giorgio IV
Tamar Mukhraneli Costantino I, principe di Mukhrani
(Bagrazioni)
- 1682 1683
deposizione del marito
dopo il 1683
Ketevan di Kakheti Principe David di Kakheti
(Bagrazioni)
1648 22 marzo 1668 1690
usurpazione del marito
1691
deposizione del marito
16 aprile 1719 Archil
(2° regno)
Tamar Abashidze Giorgio VI di Imereti
(Abashidze)
1681 1691 1695
l'esecuzione del marito
1716 Alessandro IV
(2° regno)
Ketevan di Kakheti Principe David di Kakheti
(Bagrazioni)
1648 22 marzo 1668 1695
usurpazione del marito
1696
deposizione del marito
16 aprile 1719 Archil
(3° regno)
Tamar Abashidze Giorgio VI di Imereti
(Abashidze)
1681 1696 1698
deposizione del marito
1716 Giorgio V
Ketevan di Kakheti Principe David di Kakheti
(Bagrazioni)
1648 22 marzo 1668 1698
restauro del marito
1698
deposizione del marito
16 aprile 1719 Archil
(4° regno)
Anuka Abashidze Giorgio VI di Imereti
(Abashidze)
- 1698 1698
adesione del marito'
1700
divorzio
1731 Simone
- Giorgio III di Guria
(Gurieli)
- 1700 1701
l'assassinio del marito
-
Elene Abashidze Giorgio V di Imereti
(Abashidze)
- 1698 1701
adesione del marito
1702
deposizione del marito
dopo il 1772 Mamia III Gurieli
(1° regno)
Rodam di Kartli Giorgio XI di Kartli
(Bagrazioni)
- 1703 1707
adesione del marito
ottobre 1711
deposizione del marito
dopo il 1714 Giorgio VII
(1° regno)
Tamar Chkhetidze Papuna II Chkhetidze, duca di Racha
(Chhetidze)
- 1711 ottobre 1711
adesione del marito
giugno 1712
deposizione del marito
1715 Mamia III Gurieli
(2° regno)
Rodam di Kartli Giorgio XI di Kartli
(Bagrazioni)
- 1703 giugno 1712
adesione del marito
novembre 1713
deposizione del marito
dopo il 1714 Giorgio VII
(2° regno)
Tamar Chkhetidze Papuna II Chkhetidze, duca di Racha
(Chhetidze)
- 1711 novembre 1713
adesione del marito
5 gennaio 1714
la morte del marito
1715 Mamia III Gurieli
(3° regno)
marzo 1714 1715 Giorgio VII
(3° regno)
Mariam Shirvashidze ?
(Shirvashidze)
- - 1716
adesione del marito
1716
deposizione del marito
dopo il 1717 Giorgio VIII
(1° regno)
Tamar Gurieli Mamia III Gurieli
(Gurieli)
- 1716 1719
adesione del marito
22 febbraio 1720
l'assassinio del marito
1742 Giorgio VII
(4° regno)
Elene-Khwaramzi Dadiani Bezhan I Dadiani, duca di Mingrelia
(Dadiani)
- gennaio 1717 15 marzo 1720
adesione del marito
giugno 1720
deposizione del marito
- Giorgio VIII
(2° regno)
Mariam Dadiani Bezhan I Dadiani, duca di Mingrelia
(Dadiani)
- 1721 prima del dicembre 1732 Alessandro V
(1° regno)
Tamar Abashidze Il principe Levan Abashidze
(Abashidze)
- 23 dicembre 1732 1741
deposizione del marito
-
. Giorgio Lipartiani?
(Lipartiani)
- 1741
adesione del marito
1742
deposizione del marito
Giorgio VII
Tamar Abashidze Il principe Levan Abashidze
(Abashidze)
- 23 dicembre 1732 1742
adesione del marito
marzo 1752
la morte del marito
- Alessandro V
(2° regno)
Mariam Dadiani Otia Dadiani, Duca di Mingrelia
(Dadiani)
- 1752 marzo 1752
adesione del marito
1766
deposizione del marito
1780 Salomone I
(1° regno)
Ana/Melania/Ewphemia Chkhetidze Rostom I Chkhetidze, duca di Racha
(Chhetidze)
- 1766
adesione del marito
1768
deposizione del marito
Teimuraz
Mariam Dadiani Otia Dadiani, Duca di Mingrelia
(Dadiani)
- 1752 marzo 1752
adesione del marito
1766
deposizione del marito
1780 Salomone I
(2° regno)
Gulkhana Tsulukidze Principe Tzulukidze
(Tsulukidze)
1730 ? 23 aprile 1784
la morte del marito
1800
Ana Orbeliani Principe Mamuka Jambakur-Orbeliani
(Orbeliani)
17 luglio 1765 - 4 maggio 1784
adesione del marito
11 giugno 1789
deposizione del marito
4 giugno 1832 Davide II
Mariam Dadiani Katsia II Dadiani, duca di Mingrelia
(Dadiani)
- 1791 11 giugno 1789
adesione del marito
20 febbraio 1810
deposizione del marito
18 marzo 1841 Salomone II

Annessione di Imereti alla Russia da parte di Alessandro I di Russia, 20 febbraio 1810.


Adarnase I di Tao-Klarjeti

La storia degli ebrei in Armenia presenta molti problemi, ma le associazioni con gli ebrei risalgono a tempi molto antichi. Il monte Ararat, menzionato nella Bibbia come approdo di Noè (Gen. 8:4), è situato in una parte dell'Armenia storica che ora è in Turchia, il suo nome biblico deriva dall'antico stato (pre-armeno) di Urartu. Si dice che gli ebrei dei regni israeliti siano stati deportati in Armenia dagli Assiri, dopo la distruzione di Samaria, o dai Babilonesi, dopo la conquista di Gerusalemme, e si dice che il re Tigrane il Grande (r. 95� a.C.) hanno portato diecimila ebrei dal nord di Israele in Armenia.

Diversi re successivi dell'Armenia erano di stirpe in parte ebraica per la loro discendenza da Tigrane V, nipote di Erode il Grande di Giudea e nipote di Tigrane IV, che salì al trono d'Armenia nel 2 a.E.V. Molto più tardi, si riteneva comunemente che i Bagratidi (Bagratouni), una dinastia reale armena (e georgiana) (IX�simo secolo), discendessero da un ebreo deportato di alto rango chiamato Šmbat (Sabbath) Bagrat.

Quasi tutti gli scritti storici armeni che menzionano gli ebrei sono di datazione molto più tarda rispetto agli eventi che trattano. Si dice che i governanti dell'Iran abbiano deportato migliaia di famiglie ebree dall'Armenia e le abbiano reinsediate a Isfahan, ma nulla di tutto ciò può essere autenticato.

Poco si sa dei Bagratidi in generale, e di Adarnase Bagratouni in particolare - la maggior parte di ciò che sappiamo proviene da un singolo documento di quel periodo scritto da ᐞwond nell'Armenia della fine dell'VIII secolo.

ᐞwond fu l'autore di una prosa Patmutʿiwn (Storia) scritta intorno al 790, raffigurante la dominazione islamica dell'VIII secolo sull'Armenia. Composto con il patrocinio di ᘊpuh Bagratuni (d. 824), Patmutʿiwn di ᐞwond copre in quarantadue capitoli gli anni tra il 632 e il 788, passando rapidamente dalle invasioni musulmane della Palestina, della Siria e della Mesopotamia per concentrarsi sugli eventi dell'annessione dell'Armenia al Califfato . Il Patmutʿiwn si conclude con l'elezione di Step⯺nos di Dvin come Katʿołikos (788).

Le principali fonti scritte di ewond sono Sebēos, della cui opera il suo Patmutʿiwn è una continuazione, e l'anonima Geografia armena del VII secolo. Afferma di essere un testimone oculare della seconda metà dell'VIII secolo. Il suo Patmutʿiwn fu probabilmente continuato in un perduto Patmutʿiwn scritto dallo storico del IX secolo ᘊpuh Bagratuni, il nipote dello sponsor di ᐞwond. Sebbene la persona e l'opera di ᐞwond siano costantemente menzionate solo dall'XI secolo, il silenzio degli storici del X secolo Yovhannēs ​​Drasxanakertcʿi e Tʿovma Arcruni potrebbe derivare da un uso indiretto di ᐞwond attraverso l'intermediazione di & #x0160apuh L'opera perduta di Bagratuni. Conservato in otto manoscritti superstiti, il più antico dei quali risale al XIII secolo (Yerevan, Maštocʿ Matenadaran, ms. 1902), Patmutʿiwn di ᐞwond è l'unica cronaca contemporanea per gli eventi in Armenia nell'VIII secolo ed è particolarmente preziosa per le sue informazioni accurate sulle condizioni militari, politiche e geografiche e sulle politiche del dominio islamico in Armenia. ᐞwond è il primo storico armeno a datare gli eventi secondo l'era armena, che inizia nel 552 d.C..

Un terzo del testo del Patmutʿiwn è ripreso da una lettera dell'imperatore bizantino Leone III al califfo omayyade ʿUmar II. Questa lettera è un documento unico sull'iconoclastia, tradotto da un originale greco perduto e inserito nella narrazione di ᐞwond in una fase successiva, quando è stato aggiunto, rimane oggetto di dibattito accademico.

Testi: K. Ezean, Patmutʿiwn, 1887. Z. Arzoumanian, History of Lewond, 1982. Lit: J.-P. Mahé, "Le problème de l'authenticité et de la valeur de la Chronique de ᐞwond", in L𠆚rménie et Byzance, 1996, 119-26.

Amit, David e Michael E. Stone. 𠇊 Cimitero ebraico nel Medioevo a Eghegis nell'Armenia meridionale,” Pe⯺mim 98� (2005), pp. 67� [ebraico].

——–.“Report of the Survey of a Medieval Jewish Cemetery in Eghegris, Vayots Dzor Region, Armenia,” Journal of Jewish Studies 53 (2002), pp. 66�.

Neusner, Jacob. “Gli ebrei nell'Armenia pagana,” Journal of the American Oriental Society 84 (1964): 230�.

Segal, J. B. “The Jewish of North Mesopotamia Before the Rise of Islam,” in Sefer Segal, ed. J. M. Grintz e J. Liver (Jerusalem: Israel Society for Biblical Research, 1964), pp. 32�.

Shapira, Dan. 𠇏onti armene e georgiane sui Khazar: una rivalutazione,” in The World of the Khazars: New Perspectives. Articoli selezionati dall'International Khazar Colloquium di Gerusalemme 1999, ed. H. Ben-Shammai, P. B. Golden e A. Roná-Tas (Leiden: Brill, 2007), pp. 307�.

——–."Gleanings on Jewish of Greater Iran under the Sasanians Second the Oldest Armenian and Georgian Texts", Iran & the Caucasus 12/2 (2008), pp. 191-216

——–. “Judaeo-Armeniaca: On Jewish Lexica in Classical Armeno,” Xristianskij Vostok, n.s. 4, nr. 10 (San Pietroburgo, 2003) [pubblicato nel 2006]), pp. 340�.

Topchyan, A. “Jews in Ancient Armenia (1st Century BC𠄵th Century AD),” Le Muséon 120 (2007), pp. 435�. Adarnase (in georgiano: ადარნასე) era un nobile della fine dell'VIII secolo di Iberia (Kartli, moderna Georgia) e fondatore della dinastia georgiana dei Bagratidi. Si stabilì a Tao-Klarjeti come vassallo della dinastia Chosroid di Iberia e, per questione ereditaria, acquisì più terre, ponendo le basi per l'elevazione dei Bagratidi – nella persona di suo figlio Ashot I – al principato di Iberia.

La cronaca georgiana medievale Storia del re Vakhtang Gorgasali, attribuita a Juansher, riferisce che il principe (mtavari) Adarnase andò dal sovrano georgiano Chosroid Archil e chiese terra, accettando a sua volta di essere suo vassallo. Gli furono dati Shulaveri e Artani (l'odierna Ardahan, Turchia). Secondo lo stesso passaggio, Adarnase era un discendente del profeta Davide e nipote o – secondo un altro manoscritto – nipote di "Adarnase il Cieco" suo padre era "imparentato con i Bagratidi" ed era stato nominato duca in armeno terre dai Bizantini. Oppresso dall'arabo Marwan, era arrivato dai "figli dei curopalati Guaram III e vi rimase"[1][2][3][4]

Il professor Cyril Toumanoff presume che "Adarnase the Blind" in Juansher – che non è attestato altrove – sia un semplice errore per Ashot III the Blind of Armenia (r. 732�), rendendo così il nipote di Adarnase Ashot, non un nipote, attraverso suo figlio Vasak che potrebbe aver sposato la figlia del principe georgiano Guaram III e vissuto come fuggitivo alla sua corte dopo la disastrosa ribellione della nobiltà armena contro il dominio arabo nel 772. Vasak è sconosciuto ai documenti georgiani in cui l'origine del georgiano Bagratids è in gran parte oscurato a favore della rivendicazione della dinastia della discendenza davidica.[5] Così, Sumbat Davitisdze, il biografo della dinastia georgiana dell'XI secolo, fa solo un riferimento marginale ad Adarnase e prevede, erroneamente o intenzionalmente, l'arrivo degli antenati Bagratid a diversi secoli prima.[4]

Adarnase aveva due figli. Suo figlio, Ashot, gli succedette a Tao-Klarjeti e divenne il primo principe presidente Bagratid di Iberia. Secondo la Cronaca di Kartli, Adarnase aveva anche una figlia, Latavri. Sposò Juansher, figlio dello stesso principe, Archil, dal quale Adarnase ricevette terra e patrocinio. La madre di Juansher era inizialmente contraria al matrimonio, come sostiene la cronaca, a causa della sua ignoranza dell'origine davidica dei Bagratidi.[4] Questa alleanza dinastica permise ad Adarnase di espandere ulteriormente le sue proprietà. Le proprietà territoriali di Archil’s erano state divise tra tre eredi Juansher era uno di loro. Quando Juansher morì (c. 806), Adarnase ereditò il terzo di Juansher attraverso sua figlia e lo unì con le terre acquisite durante la vita di suo genero, gettando così le basi per il feudo ereditario dei Bagratidi georgiani a Tao-Klarjeti e Javakheti.[5] Latavri e il suo defunto padre Adarnase sono commemorati in un'iscrizione georgiana del monastero di Kabeni vicino ad Akhalgori.[6]

^ Thomson, Robert W. (1996), Riscrivere la storia caucasica, p. 248. Oxford University Press, ISBN 0198263732

^ Rapp, Stephen H. (2003), Studies in Medieval Georgian Historiography: Early Texts and Eurasian Contexts, p. 233. Peeters Publishers, ISBN 90-429-1318-5

^ Toumanoff, Cirillo (1963). Studi sulla storia cristiana caucasica, p. 345. Stampa dell'Università di Georgetown.

^ a b c (francese) Aleksidzé, Zaza & Mahé, Jean-Pierre (2001), Le Nouveau Manuscrit Géorgien Sinaïtique N SIN 50, pp. 37-38. Peeters Publishers, ISBN 9042909811

Adarnase (in georgiano: ადარნასე) era un nobile della fine dell'VIII secolo di Iberia (Kartli, moderna Georgia) e fondatore della dinastia georgiana dei Bagratidi. Si stabilì a Tao-Klarjeti come vassallo della dinastia Chosroid di Iberia e, per questione ereditaria, acquisì più terre, ponendo le basi per l'elevazione dei Bagratidi – nella persona di suo figlio Ashot I – al principato di Iberia.

Origine[modifica] La cronaca georgiana medievale Storia del re Vakhtang Gorgasali, attribuita a Juansher, riferisce che il principe (mtavari) Adarnase venne dal sovrano georgiano Chosroid Archil e chiese terra, accettando a sua volta di essere suo vassallo. Gli furono dati Shulaveri e Artani (l'odierna Ardahan, Turchia). Secondo lo stesso passaggio, Adarnase era un discendente del profeta Davide e nipote o – secondo un altro manoscritto – nipote di "Adarnase il Cieco" suo padre era "imparentato con i Bagratidi" ed era stato nominato duca in armeno terre dai Bizantini. Oppresso dall'arabo Marwan, era arrivato dai "figli dei curopalati Guaram III e vi rimase"[1][2][3][4]

Il professor Cyril Toumanoff presume che "Adarnase the Blind" in Juansher – che non è attestato altrove – sia un semplice errore per Ashot III il Cieco d'Armenia (c. 690 – 762), rendendo così il nipote di Adarnase Ashot, non un nipote , attraverso suo figlio Vasak che potrebbe aver sposato la figlia del principe georgiano Guaram e vissuto come fuggiasco alla sua corte dopo la disastrosa ribellione della nobiltà armena contro il dominio arabo nel 772. Vasak è sconosciuto ai documenti georgiani in cui l'origine del Bagratidi georgiani è in gran parte oscurato a favore della pretesa della dinastia di discendenza davidica.[5] Così, Sumbat Davitisdze, il biografo della dinastia georgiana dell'XI secolo, fa solo un riferimento marginale ad Adarnase e prevede, erroneamente o intenzionalmente, l'arrivo degli antenati Bagratid a diversi secoli prima.

Adarnase era sposato con una figlia del principe Nrse d'Iberia dalla quale ebbe due figli. Suo figlio, Ashot, gli succedette a Tao-Klarjeti e divenne il primo principe presidente Bagratid di Iberia. Secondo la Cronaca di Kartli, Adarnase aveva anche una figlia, Latavri. Sposò Juansher, figlio dello stesso principe, Archil, dal quale Adarnase ricevette terra e patrocinio. La madre di Juansher era inizialmente contraria al matrimonio, come sostiene la cronaca, a causa della sua ignoranza dell'origine davidica dei Bagratidi.[4] Questa alleanza dinastica permise ad Adarnase di espandere ulteriormente le sue proprietà. Le proprietà territoriali di Archil’s erano state divise tra tre eredi Juansher era uno di loro. Quando Juansher morì (c. 806), Adarnase ereditò il terzo di Juansher attraverso sua figlia e lo unì con le terre acquisite durante la vita di suo genero, gettando così le basi per il feudo ereditario dei Bagratidi georgiani a Tao-Klarjeti e Javacheti. Latavri e il suo defunto padre Adarnase sono commemorati in un'iscrizione georgiana del monastero di Kabeni vicino ad Akhalgori.[6]


Re: Regno di Kartli (Iberia caucasica)

Farnavaz I di Iberia

Pharnavaz I (in georgiano: ფარნავაზი, scritto anche P'arnaoz, P'arnavaz, P'arnawaz o Farnavaz) fu il primo re di Kartli, un antico regno georgiano noto come Iberia per le fonti classiche, a cui la tradizione scritta georgiana medievale attribuisce la fondazione della regalità di Kartli e della dinastia Parnavaziani. Non è direttamente attestato in fonti non georgiane e non vi è alcuna indicazione precisa contemporanea che fosse davvero il primo dei re georgiani. La sua storia è satura di immagini e simboli leggendari, e sembra possibile che, quando la memoria dei fatti storici è svanita, il vero Parnavaz ha "accumulato una facciata leggendaria" ed è emerso come il modello di monarca precristiano negli annali georgiani.[1 ] Sulla base delle prove medievali, la maggior parte degli studiosi individua il dominio di Parnavaz nel III secolo aC: 302� aC secondo il principe Vakhusht, 299� aC secondo Cyril Toumanoff e 284� aC secondo Pavle Ingoroqva.[2]

amministrazione province di K. di KARTLI durante di Pharnavaz I

Secondo il c. Cronaca dell'800 La vita dei re, Parnavaz aveva una genealogia distinta, che risale a Kartlos, il mitico etnarca di Kartli. Suo zio paterno, Samara, ricopriva la carica di mamasakhlisi ("padre della casa") delle tribù georgiane intorno a Mtskheta. Si dice che la madre di Parnavaz fosse iraniana. L'intera storia di Parnavaz, sebbene scritta da un cronista cristiano, abbonda di antiche immagini iraniane e allusioni mistiche, un riflesso dei legami culturali e presumibilmente politici confermati archeologicamente tra l'Iran e Kartli di quel tempo. Anche il nome "Parnavaz" è un esempio illustrativo con la sua radice par- essendo basata sulla farnah persiana, la radiosità divina che gli antichi iraniani credevano segnasse un dinasta legittimo (cfr khvarenah).[3] L'etichetta dinastica Parnavaziani ("di/da/chiamato per Parnavaz") è anche conservata nelle prime storie armene come P'arnawazean (Faustus 5.15 V secolo) e P'arazean (Storia primaria dell'Armenia 14 probabilmente all'inizio del V secolo), un riconoscimento che si pensava che un re di nome Parnavaz fosse il fondatore di una dinastia georgiana.[1]
Forse la sezione artisticamente più completa degli annali georgiani, la narrazione segue la vita di Parnavaz dalla nascita alla sepoltura.[4] La piccola famiglia Parnavaz viene distrutta e la sua eredità viene usurpata da Azon installato da Alessandro Magno durante la sua mitica campagna a Kartli. Viene allevato senza padre, ma un sogno magico, in cui si unge con l'essenza del Sole, annuncia la peripeteia. È persuaso da questa visione a "dedicarsi ad azioni nobili". Poi parte e va a caccia. Inseguendo un cervo, incontra un ammasso di tesori custoditi in una grotta nascosta.[5] Parnavaz recupera il tesoro e lo sfrutta per montare un esercito leale contro il tirannico Azon. È aiutato da Kuji, il signore di Egrisi (la Colchide degli scrittori classici – Kuji non è attestata altrove), che alla fine sposa la sorella di Parnavaz. Ai ribelli si uniscono anche 1.000 soldati del campo di Azon, anacronisticamente indicati dall'autore come Romani, e affermano di essere stati nominati dal vittorioso Parnavaz come aznauri (cioè nobili) dopo Azon (questa etimologia è falsa, tuttavia).

Caricato con ImageShack.us
Nella successiva battaglia, Azon viene sconfitto e ucciso, e Parnavaz diventa re di Kartli all'età di ventisette anni. Si dice che abbia riconosciuto la sovranità dei Seleucidi, i successori ellenistici di Alessandro in Medio Oriente, ai quali le cronache georgiane attribuiscono il nome generico di Antioco.[1] Si dice anche che Parnavaz abbia modellato la sua amministrazione su un modello "iraniano"[6] e abbia introdotto un'organizzazione militare-amministrativa basata su una rete di governatori regionali o eristavi.[7] Mentre le prove georgiane e classiche rendono plausibili i contemporanei legami di Kartlian con i Seleucidi (Toumanoff ha persino insinuato che i re di Kartli potrebbero aver aiutato i Seleucidi a tenere sotto controllo i risorgenti Orontidi dell'Armenia[8]), la presunta riforma di Parnavaz dei feudi eristavi è molto probabilmente una retroproiezione del modello medievale di suddivisione al passato remoto.[9]
Parnavaz è poi segnalato per aver intrapreso progetti sociali e culturali che supervisiona due progetti di costruzione: l'innalzamento dell'idolo Armazi – presumibilmente chiamato come lui – su una sporgenza di montagna e la costruzione di una fortezza dal nome simile.[9] Si dice anche che abbia inventato (o riformato) l'alfabeto georgiano, che in realtà è stato ideato dopo l'adozione del cristianesimo (c. 337 d.C.), ma l'esistenza di una peculiare forma locale di aramaico nella Georgia precristiana è stata documentata archeologicamente .[10]
Le cronache riportano il lungo regno di Parnavaz di sessantacinque anni.[1] Alla sua morte, fu sepolto davanti all'idolo Armazi e adorato. Suo figlio, Saurmag, divenne un successore al trono.[11]

Chevalier Blanche Data di registrazione nov 2006 Località Rouen, Francia Messaggi 2,109

Bacurio II di Iberia

Bakur II, della dinastia Chosroid, fu re di Iberia dal 534 al 547.
Bakur era il figlio e successore del re Dachi. Secondo il cronista georgiano medievale Juansher, morì lasciando i bambini piccoli e l'Iberia cadde sotto il controllo sasanide. Ebbe due figli, Farasmane V e uno dei genitori di Farasmane VI.

Bacurius georgiano: ბაკური Bakur è una versione latinizzata del nome proprio maschile georgiano derivato dall'Iran. Può riferirsi a: Bacurio I di Iberia re
Bakur I georgiano: ბაკურ I, latinizzato come Bacurius della dinastia degli Arsacidi, era un re di Iberia originariamente conosciuto come Kartli antica Georgia dal 234
Mirian III, della dinastia Chosroid, sul trono di Iberia Rev I, 189 216 Vache figlio 216 234 Bacurius I figlio 234 249 Mitridate II figlio 249 265
completò la costruzione della sua cittadella che era stata fondata da suo padre. A Dachi successe suo figlio, Bacurius II Martindale, John Robert 1992
Farasmani della dinastia Chosroid, era il re di Iberia Kartli, Georgia orientale dal 547 al 561. Parsman era il figlio e successore di Bakur II ed era
Viceré iraniano attraverso il compromesso con i principi locali. Quando Bacurio III d'Iberia morì nel 580, i Sassanidi colsero l'occasione per abolire la monarchia
era una regina consorte del Regno di Iberia come seconda moglie di Mirian III nel IV secolo. Per il suo ruolo nella conversione dei georgiani al cristianesimo
Davide. L'Iberia, avendo un collegamento diretto con Gerusalemme, aveva già diversi monasteri lì. Era Gerusalemme dove Rufino incontrò Bacurio e da
discendente del re Vonones II 4 generazioni I re Aspacures II e Rev II attraverso la madre la regina Nana di Iberia erano i discendenti diretti del re Mitridate
data Bacurius III, re di Iberia Georgia Eormenric, re del Kent data approssimativa Galam Cennalath, re dei Pitti Gao Anagong, alto funzionario del Nord

  • Bacurius georgiano: ბაკური Bakur è una versione latinizzata del nome proprio maschile georgiano derivato dall'Iran. Può riferirsi a: Bacurio I di Iberia re
  • Bakur I georgiano: ბაკურ I, latinizzato come Bacurius della dinastia degli Arsacidi, era un re di Iberia originariamente conosciuto come Kartli antica Georgia dal 234
  • Mirian III, della dinastia Chosroid, sul trono di Iberia Rev I, 189 216 Vache figlio 216 234 Bacurius I figlio 234 249 Mitridate II figlio 249 265
  • completò la costruzione della sua cittadella che era stata fondata da suo padre. A Dachi successe suo figlio, Bacurius II Martindale, John Robert 1992
  • Farasmani della dinastia Chosroid, era il re di Iberia Kartli, Georgia orientale dal 547 al 561. Parsman era il figlio e successore di Bakur II ed era
  • Viceré iraniano attraverso il compromesso con i principi locali. Quando Bacurio III d'Iberia morì nel 580, i Sassanidi colsero l'occasione per abolire la monarchia
  • era una regina consorte del Regno di Iberia come seconda moglie di Mirian III nel IV secolo. Per il suo ruolo nella conversione dei georgiani al cristianesimo
  • Davide. L'Iberia, avendo un collegamento diretto con Gerusalemme, aveva già diversi monasteri lì. Era Gerusalemme dove Rufino incontrò Bacurio e da
  • discendente del re Vonones II 4 generazioni I re Aspacures II e Rev II attraverso la madre la regina Nana di Iberia erano i discendenti diretti del re Mitridate
  • data Bacurius III, re di Iberia Georgia Eormenric, re del Kent data approssimativa Galam Cennalath, re dei Pitti Gao Anagong, alto funzionario del Nord
  • 447 522 Dachi, Re 522 534 Bacurio II Re 534 547 Farasmane V, Re 547 561 Farasmane VI, Re 561 Bacurio III, Re 580 Condiviso
  • Questo elenco fa parte del più ampio insieme di elenchi di monarchi georgiani.
  • Roma 287 330 Iberia caucasica elenco completo Rev I, Re 189 216 Vache, Re 216 234 Bacurius I, Re 234 249 Mihrdat II Re 249 265 Aspacures
  • Figlio di Mitridate IV re di Iberia Orode 37 42 Di nuovo Mitridate I 42 52 Di nuovo Radamisto 52 54 Figlio di Farasmane III re di Iberia Tiridate
  • moglie di Chilperic I data approssimativa Bacurius III, re di Iberia Georgia Eormenric, re del Kent data approssimativa Galam Cennalath, re dei Pitti
  • I re di Kartli erano discendenti di Costantino II, i re di Kakheti di Giorgio VIII e i re di Imereti di Bagrat VI.Alla morte di Teimuraz II
  • Scutari sotto Cassio e Sagittari sotto Bacurius ingaggiarono i Goti senza ordini. Ciò costrinse l'inizio della battaglia di Adrianopoli. Mentre gli eserciti si impegnavano
  • Storia della Georgia. Vedi anche l'elenco dei re e delle regine georgiane. Cronologia di Tbilisi William Henry Nel complesso, ed. 1870 Georgia, Dizionario asiatico di cronologia

Persona: Bacurius di Iberia 1 Genealogia WeRelate.

Nipoti Bacurio II di Iberia Vakhtang I di Iberia Nome Primo regno Affari della Chiesa Guerra con l'Iran Famiglia Testamento di Vakhtang Eredità. Un re e nessun re Compendio del dramma rinascimentale. Dachi di iberia: lt p Dachi georgiano: დაჩი, anche Darchi, დარჩი, o Darchil, დარჩილი, dei Dachi successe suo figlio, Bacurius II.

NAQT su Twitter: 1 All'inizio di questa battaglia, Bacurius il.

Bacurius: generale romano di origine iberica, ucciso in azione nel 394 d.C. Un tempio in stile romano a I due uomini erano amici. Anche Bacurio lo è. Themsitius Oration 8 e 10 Forum di Total War Center. Il suo successore a cedere a Sapore II la signoria dell'Armenia, Iberia nel 580, il re Bacurio III morì lasciando giovani figli, i principi iberici. Dachi di Iberia Il lettore, lettore Vista di pedia. Come pronunciare Bacurius II di Iberia Come pronunciare Bacurius III Come pronunciare Bacurius III di Iberia Come pronunciare Bacurius l'iberico. Nana di Iberia Nes. Di Iberia Arsacid dinastia di Iberia Sauromaces II di Iberia Aspacures II di Iberia Aspacures III di Iberia Mihrdat III di Iberia Vakhtang I di Iberia Bacurius.

Edizione annotata, file di testo Elizab.

Se questo è vero, allora un recente articolo che ho letto ha evidenziato che gli esuli iberici Tutte le fonti contemporanee sono inequivocabili nel lodare Bacuriuss. Vakhtang I di Iberia Alchetron, The Free Social Encyclopedia. 1 All'inizio di questa battaglia, Bacurio l'Iberico condusse un attacco 2 Fritigerno. La cavalleria gotica sconfisse l'imperatore romano Valente. BISANZIO E GLI ARABI NEL IV SECOLO. Aggiungi King of Iberia al tuo elenco di argomenti o condividi. Re di Iberia a Co ​regnò con suo figlio Rev II di Iberia 345 361. di Iberia. Figlio di Bacurio II.

Un re e nessun re American Shakespeare Center.

Dell'Iberia,2 a quella della più autorevole e antica Storia dei Re dell'VIII secolo, la difficoltà che non vi fosse Bacurius Bakur sull'Iberia. Bacurius III di Iberia Mili, The Free Encyclopedia., della dinastia Chosroid, era un re di. Dinastia Chosroid Hyperleap. Bakur III georgiano: ბაკურ III, latinizzato come Bacurius morto 580 era il Saurmag II, della dinastia Chosroid, era un re di Iberia dal 361 al 363 e.

Pronouncekiwi Come pronunciare Bacuri, Maranhao.

Predecessore, Bacurio II di Iberia. Successore, Farasmane VI come Farasmane, della dinastia Chosroid, fu il re di Iberia. Regno di Iberia – Mappa di. Bacurio II di Iberia pedia. Arsacidi in Iberia. REV I il Giusto, 189 216 figlio del re Vologases II 180 191 d'Armenia. VACHE, 216 234 figlio di Rev I. BACURIUS BAKUR I, 234 249, figlio.

Costantino di montagna: la cristianizzazione di Aksum e Iberia.

II. II. Il regno di Costanzo. Costanzo e gli Arabi. Costanzo e le ostilità dei Semiti meridionali contro i Persiani in Armenia e Iberia. re​, Bacurius e il principe mauritano, Gildo per tutti i quali, vedi PLRE, vol. Un re e nessun re. Arbace, re di Iberia. Tigrane, re d'Armenia. Gobria, Signore Protettore e Padre di Arbace. Bacurio, un altro Signore. Mardonio. Besso, due capitani. Barbari e vescovi: esercito, chiesa e stato nell'età di. Arbace, re d'Iberia, ha sconfitto Tigrane, re d'Armenia, dopo un lungo racconto, La tempesta e I due nobili parenti, che scrisse con Fletcher. Riferimento. Articolo di Cyril Toumanoff Armenia e Georgia. I. Re georgiano, 534 547, Bacurio II di Iberia 9 Fratelli martiri di Kola, commemorato il 22 febbraio Venerabile Shio Mgvime, commemorato il marzo.

Georgia, Chiesa nell'antica En.

Ci sono due principali fonti medievali per la conversione della Georgia da parte di San Nino. conversione della famiglia reale iberica in una donna, una captiva cristiana.10 La storia sulla base del racconto orale di un principe georgiano di nome Bacurius, il quale. A proposito di Bacurius II di Iberia: re coroide dell'Iberia caucasica. Analisi dei regni di Aksum e Iberia, due regni i cui governanti con un Bacurius nel 392 24 e sia Socrate Scholasticus che l'histo pagano. Parole che corrispondono al modello bacu OneLook Dictionary Search. Dachi di Iberia della dinastia Chosroid, era il re di Iberia Kartli, regnante della Georgia orientale, secondo un Dachi gli successe suo figlio, Bacurius II. Albero genealogico dei monarchi georgiani di Iberia visivamente. Media nella categoria Bacurius l'Iberico. I seguenti 2 file sono in questa categoria, su 2 totali. Iscrizione georgiana a Bir El Qutt, 430 AD.jpg. Bacurius II di Iberia Famiglia, bambini e fatti. Il cristianesimo e l'imperatore sono stati le due principali coordinate del periodo bizantino che non hanno dato nome al re iberico e hanno suggerito che Bacurius fosse un re successivo.

Rei Bacurius II da Iberia Ano 0534 0514 FamilySearch.

Storia. Un tempo gli Arsacidi, nella persona di Vologases II r. Nel 284, con la morte di Aspagur II, terminò la linea iberica degli Arsacidi, e Bacurius I, dal 234 al 249. Bacurius Livius. Scopri Bacurius II di Iberia: il suo compleanno, l'età, il segno zodiacale, la sua famiglia e altro ancora. Battaglia di adrianopoli Kaycha Labs. II. Successivamente la metropoli dell'Iberia. Londra: Vizetelley & Co., 1887. 6. Dyce, Alexander, ed. 427: a questo punto si trasferiscono i Due Signori e Bacurius. 428.

Conversione e Impero: Missionari Bizantini Deep Blue.

Persone rappresentate nel gioco. Arbace, re di Iberia. Tigrane, re d'Armenia. Gobria, Signore Protettore e Padre di Arbace. Bacurio, un altro Signore. ледующая Войти Настройки. Categoria:Bacurius i media iberici Commons. Iberico si riferisce a Iberia, che ha due significati fondamentali: Bacurius l'Iberico, il generale georgiano Pietro l'Iberico, il teologo e filosofo georgiano Giovanni. Georgia, 500, Cartella del VI secolo. Bacurius: un generale romano della fine del IV secolo: iberico e romano, cristiano e pagano.

CRONOLOGIA DEI PRIMI RE DI IBERIA DI CIRILLO.

L'Iberia era il nucleo della Georgia, in cui la continuità storica della nazione riuscì a recuperare solo metà dell'Iberia: il paese fu diviso in due nel 580, il re Bacurio III morì lasciando dei giovani figli, i principi iberici, esattamente come​ . Albero genealogico dei monarchi georgiani di Iberia zero. Re d'Iberia r. 138-161. Amazasp II re di Iberia r. 185-189, figlia. Rev I Re di Iberia r. 189-216. Vache re d'Iberia r. 216-234. Bacurio I re di. Bacurio II di Iberia re. Bacurio III di Iberia. d.580. Albero genealogico▽. Genitori e fratelli. modificare. F. Farasmane VI di Iberia. Bacurio III di Iberia. Coniuge e figli.


Bibliografia

M ousheghian , Khatchatur, (†), M ousheghian , Anahit, B resc , Cécile, D epeyrot , Georges & G urnet , François, Storia e ritrovamenti numismatici in Armenia, Monete da Duin, Capitale dell'Armenia (IV-XIII sec.), Inventario delle monete bizantine e sasanide in Armenia (VI-VII sec.), Wetteren, Collezione Moneta 18, 2000.

T sotselia, Medea, Storia e ritrovamenti di monete in Georgia, monete sasanidi e bizantine di Tsitelitskaro (641 d.C.), 26, Wetteren, Collezione Moneta, 2002.

Storia e ritrovamenti di monete in Georgia, reperti e tesori di monete sasanidi, Wetteren, Collezione Moneta 30, 2003.


Kartli/Iberia. La dracma del principe Juansher - Storia

Academia.edu non supporta più Internet Explorer.

Per navigare in Academia.edu e in Internet in modo più rapido e sicuro, dedica qualche secondo all'aggiornamento del browser.

Bakur il Grande: la teoria Khurtsilava-Codoñer sulla paternità degli Asomtavruli georgiani (M. more Bakur il Grande: la teoria Khurtsilava-Codoñer sulla
La paternità del copione georgiano Asomtavruli (Majuscule)

Il documento discute una nuova teoria sulla datazione e la paternità della scrittura georgiana. Nella sua dissertazione sulla fede religiosa e la visione del mondo dell'Iberia nel periodo paleocristiano, difesa il 15 febbraio 2016, uno storico Besik Khurtsilava sostiene che la scrittura georgiana asomtavruli (maiuscola) è stata creata sulla base dell'alfabeto greco dopo l'istituzione del cristianesimo in Georgia. La principale novità della ricerca di Khurtsilava è che attribuisce la creazione della scrittura asomtavruli a Bakur il Grande, personaggio pubblico della fine del IV secolo, ben noto dalle fonti greche e romane. Bakur prestò servizio nell'esercito romano e successivamente a metà degli anni '390 salì al trono del Regno di Kartli (Iberia). Questa domanda è discussa nelle monografie di Khurtsilava pubblicate nel 2002, 2005 e 2009.
Nel 2014, Juan S. Codoñer, professore dell'Università di Valladolid, è giunto alla stessa conclusione indipendentemente dai lavori di Besik Khurtsilava. In particolare, suggerisce che gli asomtavruli debbano essere stati creati in Palestina in una cerchia di monaci georgiani sotto la guida di Bakurius, che a quel tempo serviva come dux Palestinae.
Queste scoperte parallele ma indipendenti dei due studiosi, che potremmo chiamare congiuntamente la teoria di Khurtsilava-Codoñer, forniscono solide basi per ulteriori studi sulla nascita e la paternità della scrittura asomtavruli.


Contenuti

Il nome georgiano nativo per il paese è Sakartvelo (საქართველო). La parola è composta da due parti. La sua radice, kartvel-i (ქართველ-ი), attestato per la prima volta nell'antico georgiano iscrizione di Umm Leisun a Gerusalemme, originariamente riferito a un abitante della regione centrale georgiana di Kartli - Iberia delle fonti classiche e bizantine. All'inizio del IX secolo, il significato di "Kartli" fu esteso ad altre aree della Georgia medievale tenute insieme da religione, cultura e lingua. Il circonfisso georgiano sa-X-o è una costruzione geografica standard che designa "l'area in cui abita X", dove X è un etnonimo. [7]

Il primo riferimento a "Sakartvelo" si verifica nel c. Cronaca georgiana dell'800 di Juansher Juansheriani.

და ვითარცა შევლო ყრუმან კლისურა, რომელი მას ჟამსა იყო საზღვარი საბერძნეთისა და საქართველოსა, და შემუსრა ქალაქი აფშილეთისა ცხუმი. და მოადგა ციხესა ანაკოფისასა.
E quando quel sordo [cioè Califfo omayyade Marwan II (i georgiani lo chiamarono "Marwan il sordo" durante la sua invasione della Georgia)] distrusse Klisura, che era il confine di Saberdzneti e Sakartvelo, e distrusse la città di Tskhumi di Apshileti, e raggiunse la fortezza di Anacopia. [8]
- Vita del re dei re Vakhtang Gorgasali

Nei successivi 200 anni, questa designazione fu riconfigurata in modo da indicare il regno tutto georgiano che nacque con l'unificazione politica di Kartli/Iberia e Apkhazeti sotto Bagrat III nel 1008. Tuttavia, non fu fino all'inizio del XIII secolo. secolo che il termine è entrato completamente nell'uso ufficiale regolare. [7]

Il ricordo e il sogno di una Georgia unita - Sakartvelo - sono persistiti anche dopo la catastrofe politica del XV secolo, quando il Regno di Georgia è crollato per formare tre regni separati: Kartli, Kakheti e Imereti, e cinque principati: Samtskhe-Saatabago, Mingrelia , Guria, Svaneti e Abkhazia. Pertanto, i re successivi non rinunciarono ai titoli dei monarchi tutti georgiani di cui sostenevano di essere i legittimi successori. L'idea di un'unità tutta georgiana ha dominato anche la scrittura della storia dello studioso georgiano dell'inizio del XVIII secolo e membro della famiglia reale, il principe Vakhushti, il cui Descrizione del Regno di Georgia (agtsera sameposa sakartvelosa) ha avuto un'influenza notevole sulla concezione moderna di Sakartvelo. Sebbene la Georgia fosse politicamente divisa tra regni e principati in competizione durante la vita di Vakhushti, lo studioso considerava il passato e il presente di queste politiche separatiste come parti della storia di una singola nazione. [7]

La Georgia cadde sotto il successivo dominio ottomano, iraniano (safavide, afsharidi, qajar) e russo durante il XV e il XIX secolo. E 'stato riunito come la Repubblica Democratica di Georgia di breve durata (საქართველოს დემოკრატიული რესპუბლიკა sakartvelos demokratiuli respublika) il 26 maggio 1918, trasformata nella Repubblica Socialista Sovietica Georgiana (საქართველოს საბჭოთა სოციალისტური რესპუბლიკა sakartvelos sabchota socialisturi respublika) nel 1921, e alla fine ottenne l'indipendenza come Repubblica di Georgia (საქართველოს რესპუბლიკა sakartvelos respublika) il 14 novembre 1990. Secondo la costituzione del 1995, il nome ufficiale della nazione è საქართველო sakartvelo. [9]


Riferimenti

  1. ^ unB Rapp, Stephen H. (2003), Studi sulla storiografia georgiana medievale: testi antichi e contesti eurasiatici, P. 320. Peeters Publishers, ISBN 90-429-1318-5
  2. ^ unBCDeTumanoff, Cyril (1963). Studi in storia cristiana caucasica, pp. 368-9. Georgetown University Press.
  3. ^ unB Rap (2003), passimo.
  4. ^ unB Machitadze, Arciprete Zakaria (2006), "Il Santo Re Vakhtang Gorgasali (†502)", in Le vite dei santi georgiani. Pravoslavie.Ru. Estratto il 19 aprile 2009.
  5. ^ unB Thomson, Robert W. (1996), Riscrivere la storia caucasica, P. 156. Oxford University Press, ISBN 0-19-826373-2
  6. ^Gamkrelidze, Tamaz Ivanov, Vyacheslav Vsevolodovich Winter, Werner (trad. di Nichols, Johanna 1995), Indoeuropei e indoeuropei: ricostruzione e analisi storica di una protolingua e di una protocultura, P. 416. M. de Gruyter, ISBN 3-11-009646-3
  7. ^ Greatrex, Geoffrey (1998), Roma e Persia in guerra, 502-532, P. 129. Francis Cairns, ISBN 0-905205-93-6
  8. ^ unBC (Russo) М. ордкипанидзе, Д. Мусхелишвили (Ред., 1988), Очерки истории Грузии. Т.2: рузия в IV-X веках. АН ГССР, Ин-т ист., археол. и этнографии - Тб. : Мецниереба: Тип. ГССР.
  9. ^ unBSuny, Ronald Grigor (1994), La creazione della nazione georgiana, pp. 23-25. Indiana University Press, ISBN 0-253-20915-3
  10. ^ Procopio riferisce che il re iberico Gurgene disertò a favore dei romani ad un certo punto durante il regno di Giustino I, ma fu sconfitto dagli iraniani e costretto alla fuga verso il territorio romano (Campana. pern. 1.12.)
  11. ^ Martindale, John Robert (1992), La prosopografia del tardo impero romano, P. 1109. Cambridge University Press, ISBN 0-521-07233-6
  12. ^ (Russo) Tsulaia, G. V. (trad., 1986), Джуаншер Джуаншериани. «Жизнь Вахтанга Горгасала» (Juansher Juansheriani. “Vita di Vakhtang Gorgasali”). Tbilisi: Metsniereba. Versione online, digitalizzata da Тhietmar. 2002. Vostlit.Info. Estratto il 22 aprile 2009
  13. ^ Constantine B. Lerner, "Il 'fiume del paradiso' e la leggenda sulla città di Tbilisi: una fonte letteraria della leggenda", Folclore 16 (novembre 2001): 72-77
  14. ^Decorazioni di Stato. Sito web del presidente della Georgia. Estratto il 22 aprile 2009
Wikimedia Commons ha media relativi a: Vakhtang Gorgasali
Preceduto da
Mitridate V
Re di Iberia
447–522
Riuscito da
Dachi

Questa voce proviene da Wikipedia, la principale enciclopedia fornita dagli utenti. Potrebbe non essere stato recensito da redattori professionisti (vedi il disclaimer completo)


Iv.Javakhishvili ISTITUTO DI STORIA. ED ETNO.

Dedicato al 900° anniversario di fondazione
del monastero di Gelati

MANANA KHIDASHELI
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

SIMBOLISMO DEL COLORE NELLE ANTICHE CULTURE AGRICOLE DEL VICINO ORIENTE
Riepilogo
La mente primitiva di un uomo arcaico percepiva il mondo intorno a lui come
ambiente indivisibile e animato, dove il significato di tutto
fenomeno era nascosto dietro numerosi simboli.
Anche il colore aveva un significato simbolico. I più significativi erano il rosso,
colori bianco e nero.
Il rosso era un simbolo di vita, quindi era associato alla vita. ma rosso
era anche il colore del sangue. Pertanto, è stato anche collegato con
morte, a causa della quale è stato attivamente utilizzato nei rituali di sepoltura.
Il bianco, come colore archetipico, era il segno universale della purezza. Esso
era collegato con il `centro'

dell'anima ed è stato interpretato come un simbolo
anche di morte. Il bianco denotava l'inaccessibilità temporanea dell'uomo,
la sua apertura e disponibilità a entrare in contatto con il sacro. bianco
era associato alla Luna e alla femminilità e denotava il passivo
aspetto della creazione.
Il nero potrebbe rappresentare sia il pieno che il vuoto assoluti. Nero
significava caos, morte. Era collegato con il mondo degli inferi e il suo
poteri. Denotava l'oscurità e la possibilità di emergere di nuovo
vita nelle tenebre.

MANANA KHVEDELIDZE
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

ESISTEVA UN MITO SUL FARAONE NELL'ANTICO EGITTO?
Riepilogo
L'autore suggerisce, che nell'antico Egitto esisteva mitologico
testi, che giustificano la natura divina di un faraone. Il suggerimento è
basata sull'analisi parallela dei testi della cosiddetta
`parte politica'

e gli estratti con il
stesso contenuto dei `Testi Piramide

. I dati dei testi sono
visti alla luce di eventi storici reali, che sembrano avere
avuto luogo nei periodi pre-dinastico e primo dinastico dell'Egitto
storia.

NINO CHAREKISHVILI
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

PER LA DATAZIONE DEL CONTRATTO CONCLUSO TRA IŠMERIKA-HITTITES
ARNUWANDA I O ARNUWANDA II

Riepilogo
Tra le numerose unità politiche della periferia orientale ittita
Išmerika si distingue. Per la prima volta Išmerika – uno dei
più importanti unioni politiche della periferia orientale ittita – is
studiato da noi apposta. La sua indagine chiarisce la storia di
medio regno degli Ittiti e le domande degli Ittiti orientali
periferie collegate al Caucaso meridionale.
Sulla base della traduzione del contratto di Išmerika in georgiano e
grazie alle sue analisi, abbiamo discusso della storia del regno medio degli Ittiti
e ha presentato in modo nuovo le discutibili questioni di questo periodo
nella storia degli Ittiti.
Nel nostro articolo abbiamo toccato in particolare le discutibili questioni connesse
con la datazione del contratto: il preambolo del testo nomina re
Arnuwanda, che aveva concluso questo contratto. Era lui Arnuwanda I, che?
regnò prima di Suphiluliuma I o era Arnuwanda II, figlio di
Suphiluliuma I?
Sulla base della storia degli Ittiti e delle analisi delle fonti scritte,
abbiamo tratto le seguenti conclusioni: 1) Arnuwanda I regnò più a lungo di
Arnuwanda II 2) Arnuwanda I trascorse tutto il suo tempo di regno in campo militare
operazioni, non si può dire lo stesso di Arnuwanda II 3)
Suphiluliuma non nomina nei suoi Annali Arnuwanda II. Se il fatto o
fatti come questi avvenivano, li ha menzionati 4) The
fonti confermano, che la periferia orientale diventa attiva nel periodo
di Arnuwanda I regno 5) Arnuwanda, che ha concluso il contratto, ha ottenuto un
moglie e un figlio 6) Arnuwanda II morì senza eredi e più giovane di lui
figlio di Arnuwanda I. Le fonti non menzionano nemmeno la sua sposa.
Ecco perché pensiamo che Ašmišaruma – il figlio di Arnuwanda – non potesse
essere il figlio di Arnuwanda II. Di conseguenza, è considerato come il figlio
di Arnuwanda I.
Abbiamo fatto uno sforzo per sostenere la nostra considerazione che i militari
operazioni nell'Anatolia sud-orientale sono legate al nome di
Arnuwanda I e non con Arnuwanda II, e che il contratto con
Išmerika è stata conclusa da lui, con argomenti e fatti necessari.

IRENE TATISHVILI
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

DIVINITÀ DEL RE HATTUSILI III
Riepilogo
Un `cattivo

divinità (huwappa-DINGIR) è menzionata nel
`Autobiografia

del re ittita Hattusili III (1260 -1245). io
supponiamo che l'identificazione di questa divinità debba essere vista nella
luce dell'ipotesi riguardante la riforma religiosa di Muwatalli
II, il fratello maggiore di Hattusili, il quale, introducendo il culto della
Il dio della tempesta Pihassassi nel pantheon ittita, ha cercato di cambiare
fondamentalmente la struttura del pantheon ittita e chi per
motivi religiosi, come Akhenaton, trasferirono la capitale in una nuova
luogo (a Tarhuntassa). Considerando lo spirito controriformatore di
Hattusili, riflesso nei testi esaminati nell'articolo (CTH 383 #2
I 23-, KUB 21.38, CTH 383 #3 I 13'-15'), suggerirei che
Hattusili significa il dio della tempesta Pihassassi, dio personale di Muwatalli,
sotto il `malvagio'

NANA BAKHSOLIANI
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

LE STRISCE DI PIOMBO DI KULULU
Riepilogo
Le iscrizioni geroglifiche luvie eseguite su strisce di piombo,
scoperto a Kululu, l'ex territorio di Tabal, datato al
9°-8° sec. aC, sono finora le uniche fonti scritte per il
ricostruzione della vita economica di questa importante entità politica di
Antica Anatolia.
Le strisce di piombo riguardano il pagamento regolare di orzo alle persone
vivendo in varie `città

di Tabal.
Una delle iscrizioni (Kululu II) è dedicata alla descrizione di
offerte a statue di divinità. Le informazioni riguardanti il
di particolare interesse è anche la storia dell'allevamento di bestiame a Tabal.
Infine, le strisce di piombo oggetto di studio contengono un ricco materiale onomastico,
sconosciuto prima (nomi di `città

, singole persone), l'analisi di
che facilita enormemente la caratterizzazione completa dell'etno-
processi culturali che si verificano in questa importante area dell'Anatolia nel
primo millennio a.C.

NATIA FIPHIA
Ivane Javakhishvili Università statale di Tbilisi

SULL'ETNIA DI ALCUNE TRIB (HENIOKHIS, SANIGS) CHE ABITANO IL
TERRITORIO DELLA GEORGIA OCCIDENTALE E SUD-OVEST
Riepilogo

Ci sono molte opinioni sull'appartenenza etnica degli Heniokhi
tribù nella storiografia. Alcuni storici ritengono che lo siano
Tribù kartveliche che li collegano con gli Iganiekhi di Urartian
fonti. Alcuni di loro collegano Heniokhis con Chans, altri con Svani
tribù. Alcuni altri storici pensano che Heniokhi sia collegato con
tribù abkhaze. Le antiche fonti greche suggeriscono che nel 2nd
secolo Sanings abitava il territorio, in precedenza appartenente al nord
`Heniokhi

. Questa considerazione sembra molto logica così com'è
etnicamente connesso. Heniokhi è lo stesso di Saniokhi e Sanikhi.
Inoltre, Sanigs sono i successori etno-politici di Heniokhi nel
nord nel I-II secolo, e si stabilirono Makron-Sans e Heniokhi
lo stato unito al sud. Alcuni scienziati pensano "gallina"


sono le stesse forme, ma di solito collegano questo con il Kartvelian
area linguistica. Tuttavia, quando il termine greco inizia con "spiritus"
asper

, deve essere collegato con il greco antico. `Spiritus asper


appare quando si perde un fonema. Di solito questo è  fonema (digamma),
ma in alcuni casi potrebbe apparire dopo la perdita di `s

è
registrato in fonti greche molto antiche come `Saniokhi

deriva da `Saniokhi

.
L'ipotesi di collegare Sanigs con Sadzi, che è molto popolare
nella storiografia abkhaza, si basa esclusivamente sul meritricio
somiglianza fonetica e inoltre, queste tribù non devono essere collegate
a causa della grande distanza cronologica tra loro. Foneticamente
`Sanigi

è più legato alla forma `Sani/Chani

.
Quindi, secondo noi, Sanigs, poiché gli Heniokhi sono i georgiani occidentali,
cioè tribù Colchi.

ZURAB KIKNADZE
Ivane Javakhishvili Università statale di Tbilisi

TIPOLOGIA DELLA LEGITTIMAZIONE DEL POTERE REALE
E LA `VITA DI PARNAVAZ

Riepilogo
Qualsiasi potere, indipendentemente dal suo tipo e dalla sua origine, naturalmente, sta in
bisogno di legittimazione, giustificazione autorevole di fronte alla sua
la propria gente e il mondo esterno, anche di fronte ai propri
giudizio . L'autore concentra l'attenzione sull'istituzione della regalità
– una delle forme di potere più diffuse – essere in grado di
seguirne l'origine e il funzionamento in diverse civiltà e
culture del mondo antico. I testi di legittimazione contengono
realtà di ordine ideologico (religioso e mitologico), le cui
qualità e carattere sono determinati dal livello culturale di un dato
società. La trama della narrazione storica su Parnavaz (`The Life
di Parnavaz

), il fondatore della prima dinastia reale in Georgia,
funge da testo base dello studio, vale a dire. il `sogno di Parnavaz


che contiene un intero complesso di mitologemi e simboli collegati
con la concezione dell'origine e della fonte del potere reale (come
`rugiada del sole

, la caccia reale, la scoperta del tesoro ecc.).

LELA PATARIDZE
Ivane Javakhishvili Istituto di Storia ed Etnologia

MIRIAN E IL SUO REIN: ASPETTO IDEOLOGICO
Riepilogo
Non c'è dubbio che l'ordine sociale non si basi semplicemente su
usando la forza e i mezzi coercitivi e che la classe dirigente governi
principalmente ottenendo un consenso sociale basato su idee condivise sull'origine
e legittimità del potere. Quindi è impossibile rappresentare più o
quadro storico meno completo senza comprensione di condivisi
idee e concetti. Molte domande sorgono riguardo all'antico e
storia altomedievale della Georgia, una delle quali può essere così: What
era l'ideologia reale come in Georgia prima della dinastia dei Bagrationi
emerse, i cui rappresentanti sostenevano di essere i discendenti del
Re biblico Davide? Lo studio del problema è rilevante su cui basarsi
`Kartlis Tskhovreba

("Storia del regno di Kartly"

). Riteniamo che
la pretesa di cui sopra era la continua tradizione storiografica
mantenuto dai circoli dirigenti, che conservavano le idee e
interessi ideologici di quest'ultimo.
"La vita del re Mirian"

fa parte di `Kartlis Tzkhovreba

– a
racconto del regno del primo re cristiano – Mirian, che a
lo stesso tempo è qui rappresentato come il fondatore di `Khosroiani


dinastia (sasanide) in Georgia. Secondo la tradizione, il suddetto
menzionata dinastia detenne il trono georgiano dalla seconda metà del
III secolo fino ai tempi dei Bagrationi, che giunsero al governo al
seconda metà del VI sec. Quasi tutti i discendenti di
Mirian, come le parti successive di `Kartlis Tskhovreba

narrare,
si vantava di tale origine e la considerava fonte di legittimità per
il loro regno. Sembra logico concludere che la versione originale
di `La vita del re Mirian

potrebbe essere contemporaneo al regno di
la dinastia in Georgia in quanto il testo ha una funzione ideologica. Il
punto di vista sopra presentato è dimostrato dai concetti e dalle idee di
`La vita

caratteristico della politica sasanide, dell'ideologia e
struttura della sua corte nell'impero persiano.
Ma l'idea di legittimità andava oltre le pretese dinastiche. re
aveva bisogno di più caratteristiche per raggiungere la lealtà del suo ambiente. Il
narrativa sulla conversione di Mirian al cristianesimo deve essere
interpretata come sacralizzazione della figura politica del re nel contesto
della nuova religione. "La vita del re Mirian"

dichiara che
Mirian per i georgiani era "il re più amato, perché...

la lingua persiana e il 'colto georgiano'

,(2) trattato bene
sacerdoti idolatrici e (3) "adornati"

Pharnavaz (il primo georgiano
re) tomba. Tutti questi resoconti parlano dell'adesione di Mirian
ai valori culturali e storici di "tutti i georgiani"

. Così il
l'identità culturale insieme all'appartenenza dinastica era il più
importanti aspetti di legittimità del re.

DAVID MERKVILADZE
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

L'INIZIO DELLA COSTRUZIONE DELLA CHIESA
NEI MONASTERI ZEDAZENI E SHIOMGVIME
Riepilogo
La prima chiesa del monastero di Zedazeni fu costruita dopo la morte di
il suo fondatore, san Ioane Zedazneli, che aveva scelto attività ascetiche.
La chiesa avrebbe dovuto essere costruita negli anni 560-570 subito dopo
la sepoltura di San Giovanni sul monte Zedazeni, al posto del suo
eroismo spirituale, secondo le ultime volontà del Santo.
Nell'VIII secolo fu eretta la nuova basilica a tre navate da
katholikos della Georgia Clemente. Di conseguenza, la vecchia chiesa dopo
modifica insignificante è stata inclusa nella basilica come il suo nord
navata.
La chiesa più antica di Shiomgvime è la chiesa con cupola a croce di San Giovanni
il Battista. Fu eretto da San Shio, fondatore del monastero,
per la liturgia comune dopo aver aumentato il numero dei monaci nel
chiostro. Sulla base della fonte agiografica e dell'analisi architettonica, il
la costruzione del tempio può essere datata alla metà del VI
secolo.
È l'unica chiesa del periodo dato nel monastero di Shiomgvime.
Informazioni più esatte sulla costruzione della chiesa nel monastero
dà la breve formulazione della `Vita di San Shio

. Secondo esso,
tre chiese furono costruite contemporaneamente da San Shio.

VAKHTANG GOILADZE
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

PERCHÉ ERISMTAVARI DI KARTLI STEPHANOZ II E HIS
FAMIGLIA SPOSTATA AD EGRISI?
Riepilogo
Ci sono resoconti frammentari e diversi nell'antico georgiano
fonti scritte su Erismtavars di Kartli nel VI – VIII
secoli. Tale carattere delle fonti è associato all'esistenza
di due dinastie di Erismtavres in Kartli - Parnavazians e
Bagration nel 682/685. Di conseguenza, uno degli antichi georgiani
autori, colui che aveva continuato la storia di Juansher e compilatore di
`Matiane Kartlisa

, ci ha fornito resoconti sui parnavazi. Un altro -
Sumbat Davitis-dze ci ha fornito solo resoconti sulla dinastia dei Bagration.
Secondo quest'ultimo, dalla metà del VI secolo Kartli
era governato esclusivamente dai Bagration.
Alla fine degli anni '70 Stephanoz II Parnavaziani fu identificato con
Stephanoz III Bagrationi (A. Bogveradze, M. Sanadze, D. Muskhelishvili
et al.). Di conseguenza, il punto di vista di Sumbat Davitisdze era
dichiarato come una realtà storica e questa opinione è stata introdotta in
libri di testo delle università.
Nella relazione presentata si accerta quanto segue: dal 628 la
Erismtavaris di Kartli erano parnavaziani. In ca 682/685 Nerse I,
rappresentante della dinastia Bagrationis, salì al trono di Erismtavari con
sostegno dei Bizantini. Erismtavari Stephanoz II fu costretto a trasferirsi
ad Egrisi con la sua famiglia e vi morì. Suo figlio minore Archil
ricevette il diritto di governare Egrisi dall'imperatore bizantino Lev III
Isavrian nel 719. Nel 731 Archil tornò a Kartli e ricevette
Kakheti invece di Egrisi da Stephanoz III. Da questa volta
Stephanoz III adottò il titolo `Signore di Eristavt-Erismtavis of
georgiani e mengreliani. Questo fatto si riflette in un lapidario
iscrizione fatta in sua memoria dopo la sua morte nel 739.

ELDAR MAMISTVALISHVILI
Università statale di Gori
GIORGI-PROKHORE O GIORGI E PROKHORE?
(DALLA STORIA DEL MONASTERO DELLA SANTA CROCE A GERUSALEMME)

Riepilogo
Secondo la storiografia georgiana è noto che il Monastero di Jvari
fu fondata nell'XI secolo dalla figura della chiesa di Shavshetian Giorgi-
Prochore. Lo studio delle fonti storiche mi ha assicurato che una persona
che aveva il doppio nome Giorgi-Prokhore non è mai esistito. C'erano rimorchi
figure di chiesa: Giorgi e Prokhore che hanno lavorato insieme nel
monastero. Si succedettero come priori del monastero.
Il punto di vista può essere dimostrato dai colophon-postscritti del Vangelo
di Giovanni e Matteo copiati nel 1038, "Insegnamenti"

di Basilio Magno e
`La vita dei padri

copiato nel monastero di Jvari nel 1039-1040
e nel 1055.
Va detto che i colophon sono stati pubblicati da diversi
ricercatori in tempi diversi. Sembra che il nome del costruttore
del monastero è stata letta in modo diverso. La ragione di ciò potrebbe essere
manoscritto danneggiato restaurato e compilato dal copista. il sinaxarion
copie di "La vita di Prokhore"

e altre fonti scritte sono bene
conosciuto. In ogni fonte questa figura della chiesa è menzionata solo come
Prochore. Il secondo nome Giorgi non è menzionato nelle iscrizioni
del monastero di Jvari: ovunque è menzionato come Prokhore.

KETEVAN KUTATELADZE
Ivane Javakhishvili Università statale di Tbilisi

DALLA STORIA DELLE RELAZIONI ARMENO-GEORGIANE
ALL'INIZIO DEL XIII SECOLO
Samary
La questione dell'unità confessionale è importante ma piuttosto
contraddittorio nella storia delle relazioni politiche armeno-georgiano.
Nonostante molti tentativi, discussioni e arrangiamenti della chiesa
incontri, l'unione su questo argomento tra due popoli non ha avuto luogo
luogo. Nella prima metà del XII secolo, quando David il Costruttore
unito al regno georgiano un nome di comunità armene lì
è stata messa all'ordine del giorno la creazione dell'unione confessionale con
società armena, ma i concili della chiesa tenuti in questa occasione è stato un
fallimento.
È stata sollevata la questione dell'unità confessionale armeno-georgiana
di nuovo all'inizio del XIII secolo. In quasi 1204 c'era
ha tenuto una riunione della chiesa in Georgia, dove è stata discussa la questione di
verità del sacramento, dell'eucaristia di rito georgiano e armeno. Come un
risultato di questo incontro Ivane Mkhargrdzeli, che era un aderente
alla "religione armena", adottò l'Ortodossia. La verità dell'ortodossia era
riconosciuto dal fratello maggiore Zakharia, ma pubblicamente non poteva
rifiuto della monofisità, perché non voleva rovinare le sue attenzioni
con la società armena. Anche se lo stesso Zakharia ha cercato di instillare il
Dogmata ortodossa nella chiesa armena e introduzione nella pratica dell'esercito
di usare il cosiddetto "altare mobile" ha incontrato una terribile resistenza
del clero armeno ai concili ecclesiastici tenuti dal suo ordine
in Lore (1205) e Anis (1207). Ai consigli di Anis Mkhitar Goshi,
Il confessore di Zaccaria tenne un discorso, dal quale si vide che
dietro tutto questo c'era la corte georgiana.

ALEKSANDRE TVARADZE
Ivane Javakhishvili Istituto di storia ed etnologia

STORIA GEOGRAFICA NEL MEDIOEVO:
L'OVEST LATINO E L'ORIENTE CRISTIANO

Questo articolo esamina le tradizioni geografiche dell'Occidente latino e del
Oriente cristiano nel Medioevo. Ho fatto un breve sondaggio su
fonti geografiche, cartografiche e letterarie dell'Occidente latino
materiali.Mi riferisco fondamentalmente ai monumenti georgiani e bizantini di
il materiale dell'Oriente cristiano: il trattato geografico, che è
conservato nel manoscritto della regina Mariam di "Kartlis Tskhovreba" ("The
Life of Georgia“) e il Viaggio del mondo di Ephraim dall'Iberia, il
conto su cui è conservato da George Sphrantzes, un bizantino
autore. Questi materiali forniscono informazioni ricche e vitali sul
tradizioni geografiche esistenti nell'Oriente cristiano medievale.

Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

L'ICONA GEORGIANA NEL MONASTERO DI PETRITSON E IL SUO SIGNIFICATO PER
LA STORIA DELLA GEORGIA
Riepilogo
L'iscrizione sull'icona di Petritsoni (Bachkovo oggi, Bulgaria)
della Madre di Dio (`Odigitria

tipo di icona) viene analizzato nel
articolo.
Testo di un'antica iscrizione georgiana con la trascrizione precisa in
viene presentato il nuovo alfabeto georgiano (Abbreviazioni e mancanti
le parole vengono ripristinate).
Secondo l'iscrizione, l'icona era adornata con la caccia da
donazione dei fratelli Atanase e Okropir Egnatashvili da
Monastero di Petritsoni. I fratelli provenivano dalla storica
provincia georgiana Tao. Indubbiamente erano cronisti-storici.
Con assoluta precisione in quattro sistemi cronologici, hanno
indicato la data di creazione dell'Icona (1311), hanno menzionato il
L'imperatore bizantino di quel tempo e i suoi co-governatori (Andronico the
2°, Michele 9° e Andronico 3°) e anche i re di
Georgia occidentale e orientale (Konstantine, figlio di David Narin e
l'ignoto re della Georgia orientale – Demetra).
L'autore ha stabilito che Demetre Bagrationi menzionato nel
iscrizione è il nipote di Dimitry II (1270-1289), l'Auto-
Devoto, e figlio del re georgiano della Georgia orientale Vakhtang the
3°. Secondo l'anonimo storico georgiano del 14°
secolo, dopo la morte di Vakhtang III suo figlio Demetre era
possedendo Dmanisi – il centro strategico e commerciale meridionale della Georgia.
L'autore ritiene irragionevoli tutti i punti dichiarati in precedenza che Demetre
era il co-governatore del re della Georgia occidentale Konstantine (così com'è
sapeva di non avere successori) e che era il cosiddetto `re di'
Provincia

, di Dmanisi in particolare. In questo caso non sarebbe
menzionato nel lontano Petritsoni insieme al re del western
Georgia, Costantino.

TSIALA GHVABERIDZE
Museo Nazionale Georgiano

SULLA CAMPAGNA DEI GEORGIANI A GERUSALEMME NEL 1527
Riepilogo
Fonti scritte georgiane danno conto delle campagne militari del
forze armate georgiane unite per impadronirsi della Terra Santa (XVI secolo).
Oltre ai resoconti degli storici georgiani, ci sono anche
leggende narrative riguardanti questa campagna, così come diverse
punti di vista sull'attendibilità del fatto.
Oggigiorno molte questioni discutibili sono state definite più esattamente da
mezzo di nuovo materiale.
Dopo aver studiato e analizzato fonti storiche, monumenti epigrafici
e conti conservati dalla tradizione orale (concentrandosi su quest'ultimo) I
giunse alla conclusione che i re georgiani (Giorgi IX – re di
Kartli, Bagrat – re di Imereti, Levan – re della Kakheti) e
atabag di Samtskhe Kvarkvare fece una campagna a Gerusalemme nel 1527.

PAPUNA GABISONIA
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

PER LA QUESTIONE DI ISTITUZIONE DI GELATI EPISCOPACY
Riepilogo
Nella prima parte del XVI secolo l'importante riforma della chiesa
si tenne nel regno di Imereti, nella Georgia occidentale. Con il
decisione del re di Imereti Bagrat III (1510_1565) e del
katholikos della Georgia occidentale Malakia Abashidze i pulpiti dell'episcopato
di Gelati e Khoni sono stati stabiliti. E la grande parte di kutaisi
Fu loro data l'eparchia.
Secondo le fonti storiche questo evento è datato in due modi in
1519 e nel 1529, e provoca idee diverse tra il
storici.
Secondo il documento del 1527 esisteva ancora un Monastero
a Gelati e l'episcopato non è stato istituito. Quindi il 1529 anno è
considerata come la data di istituzione del pulpito dell'episcopato di Gelati.
Formare nuove eparchie fu la principale riforma per il re di Imereti
Bagrat III. Con esso il re ottenne nuovi alleati nella lotta con
nemici esterni ed interni. Melkisedek Sakvarelidze è stato il primo
vescovo a Gelati.
La metà parte di Argveti e Okriba (territorio occidentale dal fiume
rioni a quello orientale al fiume Choloburi) fu dato a Gelaty
eparchia. Il confine meridionale dell'eparchia era il fiume Kvirila, e
Quello settentrionale è l'anello montuoso di Racha e Lechkhumi.

LADO MIRIANASHVILI
Fondo della scienza `Udabno

MARTIRIO DI TIPO SCONOSCIUTO PER LE RELIQUIE DEI MONACI DEL DESERTO DAVID-GAREJI
MACELLATO NELLA NOTTE DI PASQUA
(PER STABILIRE UNA FUNZIONE EFFETTIVA DI UNA COSTRUZIONE CONOSCIUTA
COME CHIESA DEL PROFETA ELIA)

Il martirio dei monaci del deserto di David-Gareji massacrati la notte di Pasqua era
identificato all'estremità orientale del `Monastero di Udabno

basato sullo studio della fonte
analisi di un'opera agiografica e di alcuni resoconti storici. Priore
alla nostra scoperta, la chiesa dei Quaranta Martiri all'estremità occidentale del
stesso monastero era considerato un ossario per le reliquie di
i Santi Martiri subito dopo il loro disseppellimento. Il nuovo
Il martirio scoperto è una cappella di piccole dimensioni. Manca una porta. Il
la parete ovest della cappella era aperta per tutta la sua larghezza, l'apertura iniziava
ad un'altezza di 0,7 m dal piano di calpestio. Ossa dei martiri
probabilmente copriva l'intero pavimento della cappella. Il martirio di questo
il tipo precedente era sconosciuto in Georgia.
Secondo il lavoro agiografico, che ci ha assistito in
localizzando il martirio, quest'ultimo fu costruito per ordine del re
Alessandro II (1574-1605). Quindi il martirio non può essere collegato
con l'invasione di Shah Abbas I di Persia nel 1615-16 come considerato
prima. Sulla base dell'analisi dei fatti e dei graffiti medievali, noi
suggerire la nuova data del martirio – 1603.

ELDAR BUBULASHVILI
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

SUL PROBLEMA IN CUI È CADUTA LA GEORGIA
LOT DEL SANTO THEOTOKOS
Riepilogo
Secondo le antiche fonti georgiane e la Tradizione della Chiesa as
oltre a documenti stranieri più recenti, la Georgia è sotto speciale
protezione della madre di Dio poiché è toccato a lei
predicare lì. Alcuni documenti, come la versione di Leonti Mroveli del
storia inclusa nella `Cronaca di Kartli

, due redazioni del
vita di San Nino in Synaxarion (una è datata al IX sec. e un'altra –
14) e la vita del Santo Padre Hilarion della Georgia (prima metà del
il IX sec.) rivestono un particolare interesse su questo argomento.
Tra i documenti stranieri si segnalano quelli provenienti dalla Grecia e dalla Russia.
Stefano del Monte Athos è considerato un autore del documento greco. Noi
supponiamo che la fonte della storia che è stata trovata nel suo lavoro su
La Georgia essendo sotto la protezione speciale della Santa Theotokos, era l'orale
tradizione conservata dai monaci georgiani del Monastero di Iveron sul Monte
Athos. Anche i sacerdoti russi hanno appreso l'argomento dallo stesso
fonte. Consideravano così importante l'opera di Stefano del Monte Athos
che lo tradusse e poi lo pubblicò con il titolo di `Rai
mislenni

nel 1659. Inoltre, particolare importanza è stata data a questo
soggetto anche nei libri liturgici russi. Gli studiosi sono venuti a un
accordo che non solo `Iveria

ma `Mosca e il suo paese del nord


è anche sotto la protezione speciale della Santa Theotokos e della sua icona.
Questo è stato il motivo per cui le copie dell'"Iveron Icon of Holy Theotokos"


dalla Georgia e dal Monte Athos erano popolari anche in Russia. Molti
chiese e monasteri furono loro dedicati in Russia.
Il punto principale del lavoro presentato è che essere sotto speciale
la protezione della Santa Madre di Dio non rende la Georgia in alcun modo
superiorità o privilegio. Nel corso dei secoli i georgiani stavano bene
consapevoli della loro responsabilità e hanno sempre cercato di valere
di tale protezione rafforzando nella fede e sacrificando
stessi per questo.

NIKO JAVAKHISHVILI
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

DALLA STORIA DELLA COLLABORAZIONE MILITARE DELL'AND GEORGIANA
NAZIONI DEL CAUCASICO DEL NORD (XVIII sec.)

Collaborazione militare dei georgiani e del Caucaso settentrionale
nazioni possono essere fatte risalire ai tempi antichi.
I re georgiani si resero conto dell'importanza della manutenzione e
promozione di stretti legami con il popolo del Caucaso settentrionale. Li avevamo
ritenuti alleati forti e fedeli per sostenere il coraggioso georgiano
soldati.
Il XVIII secolo fu segnato dalla collaborazione militare tra
le nazioni georgiane e caucasiche settentrionali, vale a dire - Adigians
(Circassi e Kabar¬di¬ans), Vainakh (Ceceni e Ingushi),
Osseti, Daghestan, Nogai e Kalmiks.
Questa alleanza militare ha fatto un buon lavoro per l'egemonia di
Regni di Kartli e Kakheti (Georgia orientale) sull'est
Transcaucasico.

SFORZO DEI GEORGI DI SAMTSKHE-JAVAKHETI PER L'IDENTITÀ NEL PERIODO,
QUANDO MESKHETI È STATA INCORPORATA IN TURCHIA E RUSSIA.
Riepilogo
Dopo l'incorporazione (XVI-XVII sec.) della Georgia del sud
(Meskheti) in Turchia, gli invasori sono riusciti a islamizzare le persone da
mezzi di repressione e leve economiche. Nonostante ciò, parte di
la popolazione protesse disinteressatamente il cristianesimo e la nazionalità.
I chierici georgiani erano stati spesso puniti per aver predicato il cristianesimo
e il mantenimento dell'identità.
Dopo l'annessione di Samtskhe-Javakheti da parte dell'Impero russo, il russo
l'amministrazione ha combattuto contro i georgiani e ha portato a termine il processo di
assimilazione dei georgiani in questa regione. Una certa parte di
I residenti di Meskheti si sono opposti a questo evento e hanno iniziato a
lottare per mantenere la propria identità. Nonostante turco e
Occupazione russa di Meskheti, georgiani Samtskhe-Javakheti
non ha mai smesso di lottare per l'identità che indicava il
rianimazione del gene georgiano.

MZIA TKAVASHVILI
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

MIGRAZIONE DEI CAUCASICI DEL NORD OCCIDENTALI IN TURCHIA (1858-1865)
E GRIGOL ORBELIANI
Riepilogo
Dopo che la Russia aveva conquistato la Cecenia-Dagestan (1859),
l'annessione del Caucaso nordoccidentale rimase il compito principale del
impero. Per finire la guerra e mantenere la pace nel
Caucaso, i funzionari russi hanno deciso di reinsediare i caucasici da
montagne alla pianura e di insediare cosacchi al loro posto. russo
l'amministrazione del Caucaso iniziò ad attuare il piano. Dovuto a
diminuzione della terra, gli altopiani locali furono costretti a lasciare il loro
patria. Sono emigrati in Turchia. Questo processo si chiama
`Muhajiroba

(1858-1865). Era in corso durante il
governatorato di Bariatinsky, che ha sostenuto il processo. Nel 1861
Bariatinsky fu convocato a Pietroburgo. Generale Grigol Orbeliani
sostituito temporaneamente da Briatinski. Si è scoperto che era il
unico funzionario che ha considerato il reinsediamento dei caucasici
inaccettabile. Si oppose all'esecutore di questa politica, capo del
Esercito del Kuban, Evdokimov, sebbene sapesse bene che il processo era in corso
gestito dalla Corte Reale di Russia. Orbeliani intuì che lui...
non ha potuto fermare la migrazione e ha tentato di rallentare il suo ritmo. In ordine
per raggiungere questo scopo, ha affermato che il processo doveva essere
abbandonato per mantenere buoni rapporti con la Turchia. Orbeliani made
sottolineare la possibilità di perdere l'autorità internazionale da parte della Russia come
bene.
Grigol Orbeliani era contrario alle azioni forzate nei confronti dei caucasici e
riteneva che la Russia avrebbe dovuto concedere loro la terra e provvedere alla normalità
condizioni di vita. Citiamo qui le parole di Orbeliani sulle sue opinioni
riguardo ai caucasici: "Non sono il confessore, ma il successore"
preoccupato per le persone. Ho un solo modo per aiutare le persone:
mostra loro pietà. Verità e giustizia sono associate a quest'ultima.


Grigol Orbeliani assunse la carica fino al 1862. Dal 1862 il principe Mikhail
Nikolozovich gli successe. Il processo di immigrazione è continuato.
`Muhajiroba

è stato un fenomeno tragico nella storia del Caucaso
nazioni: la maggior parte di loro morì in terra straniera.

DODO CHUMBUIDZE
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

DIVERSITÀ DEMOGRAFICA RUSSA CONTRO LA GEORGIA
NEL XIX E XX SECOLO

Riepilogo
Nel XIX e XX secolo la politica demografica della Russia verso
La Georgia è stata aggressiva poiché ha minato le fondamenta del paese e
abrogata tradizione locale di convivenza con rappresentanti di
nazioni diverse: la popolazione nativa è stata reinsediata e diversa
i gruppi etnici erano tendenze compatte verso il separatismo
sono stati incoraggiati. L'approccio continua fino ad ora. Alcuni gruppi in
La Russia ha pianificato e realizzato progetti anti-demografici
verso la Georgia, che può essere considerato un fattore sfavorevole per
riabilitazione e esistenza normale dello Stato.
Gran parte dei georgiani morì nelle campagne militari della Russia in
l'Oriente, nella prima e nella seconda guerra mondiale, così come durante le ribellioni
contro il regime instaurato dalla Russia e le repressioni politiche.
Ciò ha comportato una grande perdita demografica che è particolarmente
pericoloso per una piccola nazione come i georgiani, riducendo il loro
capacità di rigenerazione. L'analisi degli eventi storici rivela che
la politica demografica della Russia era rigida nei confronti della Georgia. Il
`Comitato dei Popoli Immigrati

è stata fondata per guidare il processo di
reinsediare persone di diversa origine etnica e religione in
Georgia. Lo Stato ha concesso assistenza economica ai reinsediati
persone, senza alcuna attenzione per i contadini georgiani, che non avevano
terreno arato.
La politica demografica dell'Unione Sovietica era malevola nei confronti della Georgia
anche. La Russia incoraggiava e incoraggia ancora azioni di
regimi separatisti contro la Georgia indipendente, cerca di abrogare la sua
integrità territoriale, per realizzare una nuova annessione del paese. Il
Popolo georgiano, che ha subito due secoli di aggressione da
Russia, sforzati di diventare un membro delle organizzazioni internazionali, con
lo scopo di risolvere pacificamente i conflitti esistenti.

GELA SAITIDZE
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

UN SIGNIFICATIVO DOCUMENTO D'ARCHIVIO
(INTERVENTO DI EVGENI GEGECHKORI ALLA TERZA SESSIONE DEL CONSIGLIO DI STATO
IL 12 MARZO 1912)

Evgeni Gegechkori (1881-1954) è stato uno dei leader del Social
Partito Democratico (dei menscevichi) in Georgia e Transcaucaso.
Dopo il rovesciamento del governo zarista, occupò
incarichi importanti: Presidente del Commissariato Transcaucasico e
Ministro degli esteri della Georgia immigrato politico dal 1921.
Nel 1907 Gegechkori fu eletto al Terzo Consiglio di Stato da
Kutaisi. In Consiglio, come rappresentante dell'opposizione
Frazione, è stato attivamente coinvolto in attività di miglioramento
legislazione.
Di particolare rilievo è stato il suo discorso sul Santo Sinodo
problema. Il discorso non ha perso la sua attualità fino ad ora. Completare
Viene presentata la traduzione georgiana del discorso di cui sopra di E. Gegechkori.

SHORENA MURUSIDZE
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

LEGAZIONE DEL GOVERNO NAZIONALE DELLA GEORGIA A PARIGI
Riepilogo
Il documento tratta dell'attività dell'Ambasciata dei Democratici Georgiani
Governo della Repubblica in Europa. Il 25 febbraio 1921 il Governo
di Francia ha accreditato l'ambasciata di indipendenti effettivamente inesistenti
stato. Akaki Chkhenkeli è stato nominato plenipotenziario.
L'Ambasciata ha diretto la sua attività diplomatica negli altri paesi europei
Paesi. Lo scopo della legazione era quello di aiutare nel ripristino
indipendenza della Georgia. L'Ambasciata ha dovuto consegnare le note di
protesta e memorandum ai governi dei paesi europei.
La legazione georgiana svolgeva anche la funzione di consolato.
Compito importante della sua attività è stato quello di introdurre la Georgia e di
diffondere informazioni sulla sua esistenza. Sfortunatamente, il
situazione internazionale di quel tempo si rivelò sfavorevole per il
attività della legazione del governo nazionale. La Francia era l'unica
paese che difende gli interessi della Georgia negli incontri internazionali.
Ma il suo atteggiamento nei confronti dell'Ambasciata della Georgia cambiò presto. Nel 1933
il patto di non aggressione tra l'Unione Sovietica e la Francia era
firmato. Nella seconda metà dello stesso anno la legazione della Georgia
è stato abolito.

AVTANDIL SONGULASHVILI
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

IMMIGRAZIONE E RIMPATRIO GEORGIANI NEGLI ANNI '40-'50
Riepilogo
Processo di rimpatrio degli immigrati georgiani, che avevano lasciato il loro
patria in tempi diversi, intensificata dopo la seconda guerra mondiale è stata
finito.
Nell'agosto 1947 un gruppo di 32 georgiani che vivevano in Europa tornò indietro
alla Georgia. Lo stesso anno, molte famiglie georgiane tornarono da
Francia. Vale la pena notare che nel 1948 circa un migliaio
I georgiani vivevano in Francia, principalmente a Parigi. Associazione del
Immigrati georgiani `Saqartvelos Patriotebi

(I patrioti della Georgia)
svolgeva la sua attività nella stessa città. Stava pubblicando a
rivista `Qartuli Saqme

(Affari georgiani).
Gli immigrati georgiani dalla Cina sono stati coinvolti nel rimpatrio
processi. Nel 1948 arrivarono a Tbilisi e chiesero al governo di
Georgia per concedere loro la cittadinanza.
La Georgia ha stabilito relazioni con l'Iran per promuovere i contatti con il
Georgiani che vivevano a Fereidan, che intendevano stabilirsi in Georgia.
Il governo dell'Unione Sovietica a Mosca ha eretto barriere per bloccare il
sopra processo.

__________________________________________________________________
SHOTA VADACHKORIA
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

LA VALUTAZIONE PRESIDENZIALE DELLE PRESTAZIONI DI ZVIAD GAMSAKHURDIA ALLA LUCE
DEL PENSIERO POLITICO GEORGIANO
Riepilogo
Il periodo del cosiddetto `triumvirato

e Eduard Shevardnadze'a
regno, che hanno preso con la forza il potere in Georgia nel dicembre 1991-
gennaio 1992, è studiato nel giornale. È dimostrato che l'obiettivo principale
del `triumvirato

doveva portare discredito su Zviad Gamsakhurdia.
Basato su materiali d'archivio e altri documenti del periodo sotto
considerazione, l'autore è giunto alla conclusione che
la propaganda contro Zviad Gamsakhurdia era regolare e mirata,
con l'intenzione di nascondere i propri atti criminali dall'internazionale
comunità, e per giustificare il sanguinoso colpo di stato in Georgia durante il
a cavallo tra il 1991 e il 1992.

LELA SARALIDZE
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

L'ORIENTAMENTO EUROPEO DELLA GEORGIA NELLA FASE OGGI
Riepilogo
Viene sottolineato in questo lavoro che il rapporto della Georgia con
I paesi europei hanno una storia di molti secoli. Funzionari georgiani
sempre cercato di stabilire relazioni commerciali, economiche e politiche con
Paesi europei, per ricevere assistenza proprio dall'Europa
paesi, al fine di difendere la Georgia dalle continue invasioni di
Persia e Turchia. Da parte sua, l'Europa è sempre stata interessata a
La geopolitica della Georgia.
Nel marzo 1994, dopo l'accordo del "Partenariato per" Georgia-NATO
La pace

e nell'aprile 1995 dopo la firma dell'accordo di partenariato
e la collaborazione con l'Unione Europea, la Georgia sta progredendo verso
integrazione con l'Unione Europea. Questa è una delle destinazioni principali
della politica estera georgiana. Il documento cita uno dei teorici
del moderno processo di integrazione europea, il professore georgiano Mikheil
Muskhelishvili (Muskheli) (1903-1964). Nel 1948-1964 fu professore
della facoltà di scienze giuridiche e politiche di Strasburgo dal 1954
–fondatore e segretario generale dell'Associazione Universitaria d'Europa. Lui
è stato il primo scienziato georgiano che ha proposto e motivato
l'idea dell'unificazione dell'Europa, la sua strutturazione federativa, e
la necessità di difendere i diritti umani. Mikheil Muskhelishvili è
sepolto a Strasburgo.
Nell'aprile 1999 la Georgia è diventata membro del Consiglio europeo, dopo
cui ha aderito alla convenzione a difesa dei diritti umani e
libertà fondamentale e ha riconosciuto la giurisdizione obbligatoria del
corte di Strasburgo. Ai cittadini della Georgia è stata data l'opportunità di
utilizzare il meccanismo più efficace di difesa dei diritti umani. la Georgia ha
firmato sia la Convenzione che i suoi Protocolli, ad eccezione di
Protocollo 1. Il parlamento georgiano ha ratificato quest'ultimo nel dicembre 2001.
La Convenzione a difesa dei diritti umani è un contratto europeo fondamentale
che è stato ricevuto dal Consiglio europeo il 4 novembre 1950 ed è diventato
valida da otto paesi dopo la sua ratifica il 3 settembre 1953.
25 anni dopo, nel 1975, quasi tutti i paesi membri dell'Europa
consiglio ha aderito alla convenzione. Entrando nel Consiglio d'Europa Georgia
ha assunto l'obbligo di aderire e di ratificare i principali atti e accordi di
Consiglio europeo nel corso di un anno, compresa la convenzione
difesa dei diritti umani, su cui si fonda l'ordinamento di tutto il diritto europeo
è basato.
La Georgia cerca l'integrazione con l'Unione Europea. In qualità di ambasciatore di
Il Consiglio europeo in Georgia e Armenia Per Eklund ha dichiarato:
la politica di buon vicinato dell'Europa può influenzare positivamente la soluzione
conflitti in Georgia. Il ruolo del Consiglio europeo in questa fase è
mantenuti nell'ambito degli incontri bilaterali. Finanzia le riunioni di
i rappresentanti delle società georgiane, ossete e abkhaze.
Il Consiglio europeo ha il suo rappresentante nel Caucaso meridionale, che è
pronto a prendere parte alla risoluzione pacifica dei conflitti. europeo
il parlamento con una risoluzione speciale si appella al Consiglio europeo e
Commissione europea per portare avanti la questione dei conflitti congelati e
la loro risoluzione nell'ordine del giorno dei prossimi vertici tra Euro
Unione e Russia.
L'Europa ha i suoi valori. L'Unione Europea si basa su un mercato funzionale
economia, valori democratici e in caso di successo della Georgia
verrà data la possibilità storica di diventare il paese membro di
Unione europea. Anche la benevolenza di ogni paese europeo è molto
importante per la Georgia.

LIANA BERIASHVILI, GIROGI GOTSIRIDZE
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

ALCUNI ASPETTI DELLA CULTURA FAMIGLIARE TRADIZIONALE DELLA POPOLAZIONE DI
KVEMO (INFERIORE) KARTLI
(REGIONE GARDABANI)
Riepilogo
Gardabani è stato un toponimo permanente della storica provincia in
la parte sud-orientale della Georgia – Kvemo Kartli, che ha mantenuto
notevole importanza strategica sia nel passato che nel presente. Esso
era una zona di confine con l'Azerbaigian e l'Armenia.
Secondo le fonti scritte, l'antico `Gardabani


appartenne prima al leggendario eroe Gardabas, poi (circa
dal XV secolo) cadde nei possedimenti dei nobili
famiglia dei Baratashvili. Da quando il territorio ha acquisito la
nome di `Sabaratiano

.
Per la composizione della sua popolazione, la regione di Gardabani si distingue per
la sua vasta polietnia. Fin dal Medioevo, soprattutto dopo
la seconda metà del XVI secolo, a parte i georgiani lì
già vivevano azeri, aisor, greci, armeni e rappresentanti di
altri gruppi etnici.
Sulla base dei dati etnografici si stabilisce che durante molti
secoli non si sono verificati cambiamenti essenziali nella sfera di
cultura economica e familiare di questa regione. Il tradizionale
Sistema georgiano di agricoltura (agricoltura dei campi, viticoltura e
vinificazione) e si è mantenuto l'allevamento del bestiame. Insieme a
si sviluppò l'agricoltura, l'allevamento del bestiame. Le tribù nomadi (`Karayaz
tribù

), che veniva qui da altrove, utilizzava con successo i pascoli di
`Altipiani di Tsalka

. Essi attuano forme di allevamento nomade del bestiame,
loro caratteristica (es. allevamento ovino).
Secondo la divisione amministrativa, la regione di Gardabani oggi è composta
di tre parti:
1. Alta – pedemontana, il cosiddetto `Limitropico

zona, che è
adiacente ai confini di Kakheti e Kartli. Borghi Norio,
Martkopi, Satskenisi, dove vivono fondamentalmente i georgiani, e dove
tracce di una storica migrazione interna multipla sono appunto
osservati, e monumenti unici di architettura, materiale e spirituale
cultura sono mantenute.
2. Interno – Attraverso il canale Mari con struttura etnica mista di
la popolazione.
3. Fronte – Vicinanze dei villaggi di Tbilisi Tsavkisi, Shindisi,
Tabakhmela, Kojori. Ognuno di loro ha il suo micro-paesaggio ben modellato
e struttura etnografica.
Nel presente articolo le domande fondamentali di cultura e comunità
si riassumono la vita della regione di Gardabani e i risultati della retrospettiva
analisi nel periodo a partire dalla seconda metà del 19°
C. e fino alla fine del XX sec. sono dati.

NINO MINDADZE
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

VISTA POPOLARE GEORGIANO TRADIZIONALE SU UN UOMO
(CORPO E ANIMA)
Riepilogo
Secondo la visione popolare georgiana, l'uomo vivente è l'unità dello spirito
e carne/corpo.
La carne/corpo è materiale, visibile, tangibile e mortale, mentre l'anima
è immateriale, invisibile, non toccabile e immortale.
Secondo la gente, il corpo umano è fatto di terra. Insieme a
Tradizione biblica, tale punto di vista è condizionato dalla mitologia antica
sulla creazione dell'uomo dalla terra.
Accanto ad esso, la cognizione popolare georgiana riflette la conoscenza
circa quattro elementi del mondo (terra, acqua, aria, fuoco) come il
componenti del corpo di un essere umano.
Idee antiche che un uomo ha diverse anime, inclusa quella di una persona
doppia anima, si evidenziano in Georgia. Quando una tale anima viene a essere in
l'altro mondo, riacquista un corpo umano. cresce come un
uomo vivo: ha bisogno di cibo, di vestiti, ecc.
La visione popolare riflette anche la traccia della comprensione cristiana di
anima. Vale a dire, accetta l'esistenza di un cognitivo, oltre che del
anima vivente/vitale, che è associata alla respirazione.
Pertanto, la visione popolare georgiana sull'essere umano riflette l'era precristiana
così come le conoscenze mediche ufficiali cristiane e medievali su
creazione dell'uomo, della sua carne e della sua anima.

VLADIMER ASLANISHVILI
Istituto Ivane Javakhishvili
di Storia ed Etnologia

POPOLAZIONE ANTROPOLOGICA A KVEMO (BASSO) KARTLI
(IV MILLENNIO A. C. – XVIII SECOLO D.C.)

Dati antropologici di epoca eneolitico-tardomedievale, rinvenuti in
Kvemo Kartli – 302 crani:145 maschi +123 femmine + 34 bambini – era
analizzato. È possibile riassumere i risultati: ci sono quattro razziali
tipi: sud caucasici, euro, afro e asiatici. Tre forme di doliho,
meso e brachicranico, con sottovariazioni, tre tipi di crani
aggraziato, al solito normale e massiccio e molte altre forme di volti.
Si distinguono cinque combinazioni di tipo antropologico: Sud
Caucasico (SCPal., PG, Geo, Geoeuro) Front Assian (FAss e FAss
Pal) Euro (Euro e EuroAfro) Afro (Afro, APal e Aass) Assian
( Americanoid, East Assian, E. AssPal, E. AssAfro, Baycal, FarEast).
Un solo tipo antropologico, Caucasico meridionale/Kazrtveluri (SCGeo),
vissuto in epoca eneolitica.
In una fase iniziale della cultura Kuro-Araxes (prima metà del quarto
millennio), il territorio fu colonizzato da aborigeni SCGeo,
biologicamente in stretto rapporto con i tipi antropologici provenienti dall'esterno.
I tipi antropologici attuali sono strettamente legati ai vecchi e ai più
antichi tipi antropologici.
Conformità dei processi storici, archeologici e antropologici
è evidente.


Guarda il video: #არტიშოკი როგორ მოათვინიერა თბილისელმა გოგონამ ფუტკრები (Agosto 2022).