La storia

Chiesa in legno di Gol

Chiesa in legno di Gol


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Chiesa di Gol Stave, Oslo

La chiesa di Gol Stave è ospitata all'interno del Museo norvegese di storia culturale, un museo all'aperto 'skansen', o museo vivente, che contiene diversi edifici antichi provenienti da tutta la nazione. La chiesa risale agli inizi del XIII secolo. Una chiesa a doghe di design, è una costruzione a graticcio e a molti livelli. Le chiese a doghe erano molto diffuse nella Scandinavia medievale, ma poche sono sopravvissute intatte. Originariamente costruito e situato nel piccolo villaggio di Gol nella Norvegia meridionale, è stato salvato dalla demolizione dalla Society for the Preservation of Ancient Norwegian Monuments, che ha acquistato l'edificio nel 1880.

Ora trasferito al Museo di Storia Culturale, è arrivato qui tramite il re Oscar II, che ha acquistato la chiesa e l'ha trasferita nel suo museo privato all'aperto. Alla fine, questo museo è stato fuso con l'attuale sede della chiesa. Una delle chiese in legno meglio conservate dell'intero paese, è una delle attrazioni più importanti del museo. La sua popolarità è tale che nel suo villaggio natale originale di Gol, è stata costruita una replica moderna come attrazione turistica. Fu costruita negli anni '80, cento anni dopo che la chiesa era stata venduta e sostituita con un nuovo edificio.

Perché dovresti visitare:
Ottimo per iniziare a conoscere le antiche chiese norvegesi in un'atmosfera intima.
All'interno si possono vedere numerose iscrizioni runiche e incisioni risalenti all'alto medioevo!

Vuoi visitare questo spettacolo? Dai un'occhiata a questi tour a piedi senza guida a Oslo. In alternativa, puoi scaricare l'app mobile "GPSmyCity: Walks in 1K+ Cities" da iTunes App Store o Google Play. L'app trasforma il tuo dispositivo mobile in una guida turistica personale e funziona offline, quindi non è necessario alcun piano dati quando viaggi all'estero.


I vichinghi norvegesi diventano cristiani

L'originale chiesa a doghe di Hopperstad è nata durante un periodo di grandi cambiamenti in Norvegia, quando le religioni tradizionali nordiche dei Vichinghi sono state sostituite dal cristianesimo.

Il cristianesimo arriva in Norvegia

La religione tradizionale dei Vichinghi era piena di dei, giganti e molti conflitti soprannaturali. Ma mentre viaggiavano, i vichinghi entrarono in contatto con il cristianesimo.

Sebbene noti come predoni, in molti luoghi i Vichinghi cercarono di stabilire rotte commerciali e insediamenti a lungo termine. Per farlo avevano bisogno di rapporti di lavoro con le persone che già abitavano in quei luoghi. Ma quando arrivarono i vichinghi, il popolo delle isole britanniche e della Normandia era già cristiano. E ai cristiani era proibito trattare con i pagani.

Per i vichinghi, la semplice risposta era convertirsi al cristianesimo. All'inizio ciò non significava rinunciare alle loro credenze tradizionali. Invece i Vichinghi spesso aggiungevano semplicemente il Dio cristiano al loro pantheon esistente. E questo era generalmente sufficiente per le comunità cristiane desiderose di commerciare con i Vichinghi.

Tuttavia, poiché i re e i capi vichinghi trascorrevano più tempo a vivere in mezzo ai loro vicini cristiani, iniziarono a convertirsi completamente a questa nuova religione. E, nel farlo, abbandonarono gli dei nordici e le pratiche religiose. Quando tornarono a casa, portarono con sé la loro nuova religione. Non solo hanno riportato le proprie credenze cristiane in Norvegia, ma hanno instillato quelle credenze, spesso sotto minaccia di morte, alle persone che governavano.

Nel XII secolo il cristianesimo era ben radicato in Norvegia. Ma anche allora, la chiesa cattolica ha lottato per il pieno controllo sulla pratica religiosa, poiché tracce dell'antica religione norrena potevano essere trovate in tutta la terra di recente cristianizzazione. Questo passaggio dalla vecchia religione alla nuova è spesso visibile nell'architettura delle chiese medievali come le stavkirke norvegesi, dove draghi e altri simboli pagani si mescolano con le immagini cristiane.

(Anche se oggi la Norvegia è ufficialmente un paese luterano, ciò non accadde fino alla fine del XVI secolo. Molto tempo dopo la fine dell'era vichinga.)

Cos'è una chiesa in legno?

Le chiese a doghe (chiamate stavkirke in norvegese) sono edifici in legno costruiti utilizzando pali verticali portanti e travi verticali portanti (chiamati doghe) per formare la struttura centrale. Sia i pali che le doghe erano sepolti nel terreno (che li faceva marcire) o inseriti in davanzali di pietra per tenerli in posizione. Un davanzale di legno superiore legava insieme i pali e le doghe in alto.

I livelli superiori aiutavano a sostenere ciò che era al di sotto, con bretelle e supporti per mantenere tutto stretto e in posizione.

Disegno della chiesa a doghe di Hopperstad a Vik, Norvegia, di Peter Andreas Blix dalla collezione della Direzione norvegese per il patrimonio culturale [dominio pubblico] tramite Wikimedia.

Poche chiese in legno sono sopravvissute al passare del tempo

La costruzione a doghe era comune nell'Europa settentrionale, in particolare nei paesi nordici, poiché il cristianesimo si diffuse nella regione alla fine dell'era vichinga. Sebbene oggi sia raro ed esotico, si ritiene che nella sola Norvegia siano state costruite fino a 2000 chiese in legno.

Nelle prime chiese le doghe erano incastonate direttamente nel terreno. Essendo di pino, marcivano piuttosto rapidamente, richiedendo la ricostruzione dell'intera chiesa su base regolare. Per questo motivo, la Svezia e altri paesi si sono presto rivolti a chiese di pietra come quelle che ho visto in tutta Gotland.

Tuttavia, in Norvegia, la tradizione di costruire con il legno è continuata molto più a lungo.

Nel XII secolo, i norvegesi migliorarono la loro tecnica per la costruzione di chiese in legno costruendo su davanzali di pietra. L'installazione dei montanti e delle pareti sopra il davanzale li ha protetti dall'umidità, aumentando così notevolmente la loro durata.

Sebbene le prove archeologiche indichino che siano state costruite prima, le uniche chiese a doghe esistenti in Norvegia sono state costruite dopo che i davanzali in pietra sono entrati in uso nel XII secolo.

Nel XIV secolo l'era dei Vichinghi era finita e questa tecnica di costruzione non era più utilizzata.


Chiesa in legno di Gol

La chiesa a doghe di Gol, che si trova nel parco medievale Gordarike, è una copia fedele della chiesa a doghe di Gol costruita nel 1200. La copia è stata realizzata negli anni '80 e consacrata dal vescovo di Tunsberg nel 1994. La sera d'estate il mercoledì ha luogo uno spettacolo devozionale e talvolta musicale. La chiesa è spesso utilizzata per matrimoni. La lavorazione del legno all'interno della chiesa è ancora brillante ed è facile individuare tutti i bellissimi intagli e dettagli. Visita la chiesa e sii umiliato dallo stato d'animo da cui sarai accolto. All'interno è possibile ascoltare la bellissima musica del coro gregoriano (cd). Nella sala vichinga accanto alla mostra è possibile studiare l'architettura della chiesa a doghe. Stessi orari di apertura / biglietto d'ingresso del Gordarike Family Park. La stavkirke di Gol (Gol stavkirke) è una stavkirke originaria di Gol, Hallingdal, Norvegia. Ora si trova nel Museo norvegese di storia culturale a Bygdøy a Oslo, Norvegia. Quando la città costruì una nuova chiesa intorno al 1880, si decise di demolire la vecchia chiesa a doghe. È stato salvato dalla distruzione dalla Società per la conservazione degli antichi monumenti norvegesi, che ha acquistato i materiali per ricostruire la chiesa altrove. Fu acquistato dal re Oscar II, che ne finanziò il trasferimento e il restauro come edificio centrale del suo museo privato all'aperto vicino a Oslo. Il restauro, supervisionato dall'architetto Waldemar Hansteen, fu completato nel 1885. Nel 1907 questo primo museo all'aperto, il primo al mondo, fu fuso con il Museo norvegese di storia culturale, che ora gestisce la chiesa a doghe, ancora nominalmente proprietà del regnante monarca. La chiesa è datata dendrocronologicamente al 1212. Negli anni '80, la replica moderna è stata eretta a Gol.


Centro Hjemkomst

Moorehead, MN, ospita l'esclusivo centro Hjemkomst (pronunciato Yem-komst), nonché una significativa popolazione scandinava. Il gioiello della corona del centro è la nave vichinga Hjemkomst, costruita da un uomo del posto negli anni '80 e navigata fino in Norvegia come tributo al patrimonio della regione. Ora è in mostra, insieme alla Hopperstad Stave Church. Questa è una replica in scala reale, alta 72 piedi, della chiesa originale di Hopperstad a Vik, in Norvegia. Le sculture, che presentano temi vichinghi e cristiani, sono state donate da un artigiano locale che le ha rese un vero lavoro d'amore. Assicurati di notare che l'ambulatorio, il tradizionale passaggio coperto, è stato progettato per consentire ai lebbrosi di partecipare alla comunione.


La Stave Church: un grande pezzo di "storia nascosta" nella città magica

Uno specifico alimento scandinavo si trova a circa due miglia a sud-ovest del Norsk Hostfest.
La Stave Church si trova in cima a una collina nel mezzo di Minot ed è piuttosto difficile da non vedere, ma ciò che rappresenta è una parte enorme della storia e della cultura norvegese.

Allora, come è arrivato alla Città Magica?
Un dottore di Minot una volta vide la costruzione di una Stave Church a Epcot a Disney World.

Decise che voleva qualcosa di simile, così chiamò le persone a sostenerlo, costruttori, architetti, tutti quelli di cui aveva bisogno, e partirono tutti per la Norvegia per studiare le chiese in legno.
Sono tornati a casa con i progetti e sono responsabili di un grande pezzo di storia norvegese nel cuore di Minot.

"Questa è una replica esatta della chiesa di Gol Stave, che ora si trova a Olso in Norvegia", ha spiegato Sandra Starr, volontaria dello Scandinavian Heritage Park.

È esatto in quasi tutti i modi. L'architettura dall'esterno verso l'interno, comprese le intricate sculture in legno.

La scultura include simboli sia pagani che cristiani, come draghi pagani e creature per proteggere la struttura, croci per il cristianesimo e 12 volti all'interno della chiesa per rappresentare i 12 discepoli di Gesù.

Sono i dettagli raffinati in cose come le sculture e l'architettura che rendono la Stave Church, beh, una Stave Church.

La parola ‘stave’ significa ‘un palo di legno verticale o una tavola in un edificio’ – e le doghe sono ciò che sostiene la struttura.

Un altro aspetto unico dell'edificio – non ci sono chiodi e niente colla – nient'altro che materie prime.
“La costruzione è composta da prodotti completamente naturali,” ha detto Starr. “Mille anni fa, non avrebbero avuto chiodi, avevano pioli. Quindi la costruzione è un raccordo maschio e femmina, costretto a posizionare scandole, pioli e tasselli lassù. Nella parte superiore sopra i telai delle porte, puoi vederli tenere ciascuna trave in posizione

Anche se potresti non notare ogni singolo dettaglio a prima o anche a un secondo sguardo, non è solo estetico, ci sono molti tratti storici che risalgono a mille anni fa.

“Se eri malato, se avevi dei germi, non potevi entrare,” spiegò Starr. “Quindi alla fine ci fu un'epidemia di lebbra e così fu detto ai lebbrosi che non potevano entrare.

“Ecco uno dei nostri tesori nascosti,”, “, “è una porta che nessuno nota finché non guarda attentamente. Questa è chiamata una porta dei lebbrosi. Se eri malato, venivi a fare la comunione là fuori, non ti rifiutavano mai

Starr racconta la storia della Stave Church ogni martedì quando fa volontariato allo Scandinavian Heritage Park.

Vede circa 50 persone in un giorno medio. Alcuni sono locali, alcuni provengono da tutto il paese e alcuni, opportunamente, sono venuti dalla Norvegia.

A proposito di persone provenienti da ogni parte, assicurati di cercare il Wells Faro Mystery Viking qui al Norsk Hostfest questa settimana! Basta chiedere alla gente, ‘hi da dove vieni?’ e se chiedi al Mystery Viking, allora vinci un centinaio di dollari!

Copyright 2021 Nexstar Media Inc. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.


Le chiese in legno della Norvegia

Durante il Medioevo, un nuovo tipo di tecnica costruttiva in legno si diffuse in tutta l'Europa nord-occidentale, in particolare in Norvegia, dove veniva impiegata per costruire chiese. Sono chiamate “chiese a doghe”. La caratteristica fondamentale del loro design è che invece di conficcare i pali di legno portanti, detti doghe, e le assi della struttura direttamente in buchi nel terreno, che li rendevano suscettibili di marciume, è stata posata una fondazione di massi su cui il legno fu eretto il telaio dell'edificio. Le assi di legno ei pali d'angolo poggiano così su una piattaforma rialzata che li protegge dal decadimento dell'acqua. Il metodo si dimostrò così efficace che molte chiese costruite nel XII secolo sono ancora in piedi oggi.

Si stima che durante il XII e il XIII secolo in Norvegia siano state costruite tra le 1.300 e le 2.000 chiese in legno, che molti considerano il primo boom edilizio della Norvegia. Alcune delle più note chiese a doghe sono caratterizzate da un tetto a più ordini di cornici triangolari che progressivamente diminuiscono di dimensioni. Molti hanno anche portali impreziositi da pregevoli intagli in legno e pitture murali che presentano motivi pagani e cristiani. Ancora oggi sopravvivono una trentina di chiese in legno. Ecco alcuni dei più famosi.

La Stavkirke di Borgund. Credito fotografico: Steve Cottrell/Flickr

Stavkirke di Borgund

La chiesa in legno di Borgund, nel villaggio di Borgund nel comune di Lærdal, è la chiesa in legno più conosciuta della Norvegia. Fu costruito tra il 1180 e il 1250 d.C. La chiesa è oggi adibita a museo.

L'interno della Stavkirke di Borgund. Credito fotografico: Andreina Schoeberlein/Flickr

Dettagli della lavorazione del legno. Credito fotografico: Roman Königshofer/Flickr

Dettagli del tetto. Credito fotografico: Steve Cottrell/Flickr

Stavkirke di Urnes

La chiesa a doghe di Urnes fu costruita nel 1130 o poco dopo ed è la più antica chiesa a doghe ancora in piedi. Si trova a Ornes, lungo il Lustrafjorden nel comune di Lustre nella contea di Sogn og Fjordane. Contiene molte incisioni dettagliate che incorporano elementi della tradizione vichinga che riflettono le caratteristiche di una precedente chiesa a doghe situata nello stesso sito. La chiesa contiene anche numerosi reperti liturgici di epoca medievale.

Dettaglio di Urnes Stave Church’s sculture in legno. Credito fotografico: Bosc d'Anjou/Flickr

Stavkirke di Heddal

La chiesa in legno di Heddal è la più grande chiesa in legno della Norvegia. Si trova a Heddal nel comune di Notodden. La chiesa fu costruita all'inizio del XIII secolo, ma dopo la riforma, nel XVI secolo, la chiesa era in pessime condizioni. Fu restaurato nel 1849� e di nuovo negli anni '50.

Stavkirke di Hopperstad

La chiesa in legno di Hopperstad si trova appena fuori dal villaggio di Vikøyri nel comune di Vik, nella contea di Sogn og Fjordane. Si presume che la chiesa a doghe sia stata costruita intorno all'anno 1130, ma potrebbe risalire fino a un secolo prima, il che la rende una delle più antiche chiese a doghe ancora in piedi.

Chiesa in legno di Gol

La chiesa si trova attualmente nel Museo norvegese di storia culturale a Bygdøy a Oslo, ma originariamente si trovava a Gol a Hallingdal. Quando la città decise di costruire una nuova chiesa intorno al 1880, demolendo la vecchia chiesa a doghe, la Società per la conservazione degli antichi monumenti norvegesi la acquistò e la trasferì a Oslo.

Stavkirke di Lom

Lom Stave Church si trova nel comune di Lom nel distretto di Gudbrandsdal in Norvegia. La chiesa è una chiesa a doghe a tre navate che utilizza colonne interne autoportanti per sostenere una sezione rialzata nel soffitto della navata principale. Questo tipo di chiesa è tra le più antiche chiese a doghe. Fu costruito nella seconda parte del XII secolo. È una delle poche chiese a doghe di cui sopravvive ancora l'originario stemma medievale con una testa di drago.


Chiesa in legno di Gol - Storia

Benvenuto e grazie per aver visitato il sito web della Scandinavian Heritage Association! Ci auguriamo che troverai il nostro sito Web pieno di immagini vivaci, descrizioni colorate e altre informazioni che alla fine ti indurranno a visitare il nostro parco di persona! Troverai un mondo di storia scandinava come nessun altro. Se sei interessato a scoprire il tuo patrimonio o semplicemente a condividerlo con gli altri, questo è un ottimo inizio per il tuo viaggio.

Lo Scandinavian Heritage Park, situato a Minot, nel Dakota del Nord, è un luogo magico dove troverai ricordi e repliche di ciascuno dei cinque paesi scandinavi e nordici: Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia. Entra in un vero Stabbur, esplora la nostra replica in scala reale della Stave Church, da Gol, in Norvegia, e cammina intorno al cavallo svedese Dala alto 25 piedi, per citare alcune delle nostre attrazioni più popolari!

Diventa un membro o onora i tuoi antenati con un memoriale. Trova collegamenti ad altre avventure scandinave nel Minot e nelle aree circostanti. È tutto qui, quindi salta subito e divertiti.


Le chiese in legno: il contributo unico della Norvegia all'architettura mondiale

Le chiese a doghe erano costruite in legno e si trovavano nelle parti settentrionali del continente europeo, inclusa la Scandinavia.

È praticamente solo nel paesaggio aspro della Norvegia che questi edifici unici sono sopravvissuti, dal Medioevo fino ai giorni nostri. Le chiese a doghe sono quindi una parte particolarmente preziosa del nostro patrimonio architettonico e sono diventate il nostro contributo più importante all'architettura mondiale. La stavkirke di Urnes è stata iscritta nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO, come l'unica stavkirke, già nel 1979. Rappresentava quindi non solo se stessa, ma anche tutte le altre chiese medievali rimaste. Sono esempi del brillante artigianato trovato in Norvegia per quanto riguarda la struttura, i materiali, la decorazione e gli interni.

Tuttavia, anche in Norvegia, abbiamo assistito a una drastica diminuzione del numero di stavkirke. Prima che la peste nera raggiungesse la Norvegia nel 1349, c'erano circa 1.000 chiese in legno in tutto il paese. Ben 2.000, se non di più, furono eretti prima della Riforma nel 1537.

Solo 28 sono sopravvissuti. Servono quindi come importanti portatori di cultura e narratori di storie. Rappresentano quasi 1.000 anni di storia norvegese e forniscono ancora nuove conoscenze sul nostro passato condiviso. Mostra rispetto e la dovuta considerazione quando visiti le nostre chiese in legno. Vogliamo trasmetterli in buone condizioni alle generazioni future.


Contenuti

Norsk Folkemuseum è stata fondata nel 1894 dal bibliotecario e storico Hans Aall (1869-1946). Acquisì il nucleo dell'attuale proprietà nel 1898. Dopo aver costruito edifici per mostre temporanee e ricostruito alcuni edifici rurali, il museo poté aprire le sue porte al pubblico nel 1901. Nel 1907, le collezioni del re Oscar II, sul sito vicino, è stato incorporato nel museo. I suoi cinque edifici trasferiti, con al centro la chiesa di Gol Stave, sono riconosciuti come il primo museo all'aperto del mondo, fondato nel 1881. [2]

Hans Aall è stato il direttore fino alla sua morte nel 1946. Sotto la sua guida il museo ha registrato una crescita sostanziale della sua area, del personale, delle collezioni, degli edifici e del numero di visitatori. Reidar Kjellberg (1904-1978) è diventato direttore del museo nel 1947 ed è rimasto direttore del museo fino al suo pensionamento, nel 1974. Dal 1990 al 2000, Erik Rudeng è stato il direttore. La direttrice dal 2020 è Nina Refseth. [3] [4]

Tra gli edifici più significativi del museo ci sono la chiesa Gol Stave del XIII secolo, che fu incorporata nel Norsk Folkemuseum nel 1907. La chiesa Gol Stave è uno dei cinque edifici medievali del museo, che comprende anche la fattoria Rauland del XIV secolo (Raulandstua) e l'edificio popolare del 1865 trasferito da 15 Wessels gate a Oslo. Sette dei nove appartamenti mostrano interni tipici di vari periodi del XIX e XX secolo, tra cui un appartamento abitato da una famiglia immigrata dal Pakistan come è stato arredato nel 2002. Nel 1951, le collezioni Sami nel Museo Etnografico dell'Università di Oslo furono trasferiti al Norsk Folkemuseum.

Il museo possiede anche un ampio archivio fotografico, che comprende una parte significativa delle opere del noto fotografo Anders Beer Wilse (1865-1949). Nel 2004, l'amministrazione dell'adiacente Bygdøy Royal Estate è stata trasferita al museo. Nel corso della sua esistenza, la ricerca si è concentrata su edilizia e mobili, abbigliamento e tessuti, cultura tecnica e sociale, agricoltura, memoria di lavoro e cultura Sami. [5]


Stave Church Replica

IL MODELLO DI CHIESA A DOGHE GOL

Un tempo in Norvegia c'erano da 800 a 1000 stavkirker (stavkirker), tuttavia oggi rimangono solo 30 stavkirke originali. Molti sono stati spostati, ricostruiti e conservati in nuove posizioni. Repliche di alcuni sono state costruite negli Stati Uniti.

L'originale chiesa di Gol Stave in Norvegia era una minuscola basilica a tre livelli, risalente all'inizio del 1200 d.C. Gol si trova nella valle di Hallingdal nella contea di Buskerud, in Norvegia.

Durante la riforma luterana, 1536-37, il re prese possesso di tutte le chiese in Norvegia. Nel 1723 il re Federico IV vendette Gol e molte altre chiese insieme alle terre associate per raccogliere fondi per pagare le guerre nordiche. Ogni chiesa possedeva molti beni immobili, che era l'attrazione principale per l'acquisto di una chiesa. Due persone, Ola O. Barkegård, un contadino, e il suo amico, Anders Bøyesen, il parroco di Nes, acquistarono Gol e altre tre chiese.

Nel 1880, la chiesa di Gol Stave divenne una delle chiese destinate alla demolizione. Era diventato troppo piccolo per il numero di persone in parrocchia. È stato salvato dalla demolizione dalla “Fortidmindesmerkeforeningen” (un'associazione per la conservazione delle vecchie strutture in Norvegia). Hanno smantellato la chiesa e l'hanno trasferita a Oslo per riporla.

Infine, nel 1885, alcuni uomini entusiasti, con il permesso del re Oscar II, ricostruirono la chiesa di Gol Stave nella sua fattoria reale a Bygdøy, un'isola nel fiordo di Oslo. Oggi, quest'isola è dedicata al Norwegian Folkesmuseum dove ci sono fattorie complete, navi vichinghe, la Froya che Amundson salpò per il Polo Sud, la Kon-Tiki, arazzi e molti altri oggetti antichi.

In origine, la chiesa di Gol Stave aveva un aspetto molto diverso. Non c'era chiostro intorno all'esterno della navata, del presbiterio e dell'abside. Questo è stato aggiunto al momento del rimontaggio ed è simile al chiostro intorno alla Stave Church di Borgund.

Sono state costruite due repliche a grandezza naturale della Chiesa di Gol: una a Gol a Hallingdal (completata nel 1994) e un'altra a Minot nel Nord Dakota (completata nel 2001). Una replica parziale è stata costruita presso l'Epcot Center in Florida, negli Stati Uniti.

Anders Anderson di Edmonton ha preparato i disegni architettonici per la replica della Gol Stave Church che ora si trova a Minot. Il Dr. Myron Peterson ha guidato l'organizzazione del gruppo che ha raccolto fondi per la costruzione di questa replica. Da solo ha contribuito con $ 350.000 in contanti e ha fatto sette o otto viaggi in Norvegia per scattare foto e confermare le misurazioni in modo da poter preparare accurati disegni architettonici. L'appaltatore, Don Guida, nato in Norvegia e residente vicino a Rapid River in Minnesota, era responsabile della costruzione della struttura.

Nell'autunno del 2002, Wayne Nordstrom, un membro del Sons of Norway Solglyt Lodge a Edmonton, era interessato a far costruire un modello in scala della stavkirke di Gol. Sono stati messi in atto piani per costruire un modello della chiesa e sono state contattate le persone chiave. Si è deciso di costruire il modello in scala 1/15 della dimensione dell'originale. I disegni che Anders Anderson aveva preparato per la replica della stavkirke di Gol che ora si trova a Minot sono stati usati per costruire il modello.

Molte persone hanno contribuito con il loro tempo e i loro sforzi per lavorare sul modello della chiesa. Dennis Douglas, Wayne Nordstrom e Anders Anderson hanno contribuito per la maggior parte del tempo. Altri contributi significativi includevano Stan Johnson, Jo Storhaug, Nathan Schmidt, Bob Ardiel, Ryan Ardiel, Bjarne Myhre e John Stensland. Cliff Hansen della Loggia dei Figli di Norvegia a Red Deer ha costruito le due sedie e la tavola dell'altare per il santuario. Le bambole sono state fornite da Lynn Douglas e i candelabri da Valerie Vale. Senza gli sforzi di tutti, il modello non sarebbe stato completato.

I modellisti della chiesa si incontravano generalmente una sera alla settimana nel corso di diversi anni durante i mesi invernali e lavoravano al modello nel garage di Dennis Douglas a Edmonton. Si stima che siano state impiegate 2100 ore di tempo per costruire il modello e la sua custodia protettiva in plexiglass.

Una prima fase del modello è stata mostrata all'evento Scandinavian Showcase che si è tenuto a Edmonton come parte della componente "feature country" dei Klondike Days dal 17 al 26 luglio 2003. In quell'evento, il modello ha attirato una notevole attenzione.

Il modello della chiesa in legno ha anche attirato l'attenzione di un certo numero di persone e organizzazioni in Alberta. Access TV (Canale 9) ha intervistato i costruttori e filmato la chiesa nel 2004. Hanno mandato in onda un segmento il 14 maggio 2004.

Negli ultimi anni il modello è stato esposto in luoghi come:

  • Norwegian Lafthus Society in Red Deer – maggio 2004, maggio 2005.
  • Sons of Norway Lodge a Red Deer, ottobre 2004.
  • Sons of Norway Lodge a Olds, gennaio 2005.
  • Sons of Norway Lodge a Edmonton – vari eventi della Loggia.
  • Folkfest a Saskatoon, SK - agosto 2005.
  • Sons of Norway Sports Weekend a Calgary, marzo 2006.
  • Torskeklubben di Edmonton – in tre occasioni (2005, 2006, 2008).
  • Chiesa luterana di Skudesness (100° anniversario), 4 giugno 2006.
  • Chiesa luterana di Trondhjem (100° anniversario), 25 giugno 2006.
  • Celebrazione del Patrimonio presso la Sala della Comunità Holden, 27 maggio 2007.
  • La Fiera della comunità di Lougheed, 11 agosto 2007.
  • Bethel Lutheran Church - Ryley (100° anniversario), 17 agosto 2008
  • Sons of Norway Lodge a Kelowna, BC – 15 ottobre 2008
  • Sons of Norway Sports Weekend a Edmonton, marzo 2009.
  • Congresso dei Figli di Norvegia Distretto IV a Edmonton, 15-16 giugno 2012.
  • Norwegian Laft Hus (25° anniversario) a Red Deer, 17-18 agosto 2013

Nel 2012, una foto del modello è stata incorporata nello stendardo della loggia del Sons of Norway Solglyt Lodge a Edmonton. Quello stendardo è usato in vari eventi della loggia.

Nel gennaio 2017, il modello della stavkirke è stato trasferito al Campus Augustana di Camrose ed è ospitato nella biblioteca che si trova nel campus. Prima del trasloco è stato firmato un accordo tra due rappresentanti di Augustana e due rappresentanti dei “costruttori del modello”. L'accordo, da rinnovare annualmente, delinea i dettagli relativi alla gestione del modello ecclesiale. Augustana è stata di grande aiuto nell'avere il modello ospitato nella loro biblioteca. Ritengono che sia adatto ad alcuni dei loro programmi e iniziative che hanno nel campus.

Coloro che hanno visto il modello della chiesa in legno (stavkirke) ne sono rimasti colpiti ed è servito a promuovere una maggiore consapevolezza della cultura norvegese.


Guarda il video: Federico Chiesa 2021 - The Complete Striker. Skills u0026 Goals. HD (Giugno 2022).