La storia

La privazione dell'ossigeno ha portato a stati alterati per gli artisti sotterranei

La privazione dell'ossigeno ha portato a stati alterati per gli artisti sotterranei



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Sballarsi, o sballarsi, è sempre stato un modo per sfuggire alle pressioni della realtà quotidiana. Tuttavia, gli artisti moderni e gli psiconauti sono alla fine di una lunga catena di drogati che apparentemente è iniziata con artisti sotterranei che lavoravano nelle caverne che erano affamati di ossigeno e quindi "sballati". Un team di archeologi dell'Università di Tel Aviv ha pubblicato un nuovo documento pubblicato su Tempo e mente: il giornale di archeologia, coscienza e cultura mostrando che gli artisti sotterranei che lavoravano in caverne profonde, da 50.000 a 12.000 anni fa, erano probabilmente ubriachi mentre lo facevano. La particolarità di queste particolari opere d'arte del Paleolitico superiore è che le probabilità sono alto che anche gli artisti erano alto.

Gli artisti sotterranei dipingevano scene rupestri come questa in caverne profonde dove la mancanza di ossigeno sufficiente provocava ipossia, che probabilmente ha causato un elevato stato di euforia. ( gerasimov174 /Adobe Stock)

Inciampare? Antichi artisti sotterranei in grotte a basso contenuto di ossigeno

Mentre molti consumatori di droghe ricreative oggi associano le loro esperienze a dimensioni e piani di esistenza inesplorati, un rapporto del 2011 discusso in Nuovo scienziato ha spiegato come le droghe psichedeliche "tagliano il flusso sanguigno cerebrale e le connessioni nelle regioni note come talamo".

Il team di archeologi israeliani ha suggerito che gli artisti sotterranei che hanno studiato, in tutta Europa "stavano inciampando" quando hanno creato l'arte rupestre perché l'ossigeno ridotto nelle caverne profonde avrebbe causato "ipossia" (privazione di ossigeno) nei loro cervelli portando a uno stato di euforia.

  • Dieci misteriosi esempi di arte rupestre dal mondo antico
  • Gli archeologi identificano la prima arte rupestre figurativa preistorica nei Balcani: è simbolica!

Quando il flusso sanguigno al cervello è compromesso, i risultati possono essere catastrofici. Questo è simile a quello che succede quando qualcuno ha un ictus. Tuttavia, quando il flusso sanguigno è alterato da determinati farmaci, gli utenti possono sperimentare stati alterati di coscienza. Con quantità maggiori di sostanze chimiche psicotrope, il flusso sanguigno viene ulteriormente alterato e l'utente può provare "euforia, esperienze extracorporee e forse anche allucinazioni", secondo il nuovo studio.

Questi disegni murali preistorici nella grotta Magura, in Bulgaria, erano realizzati da artisti sotterranei che erano "alti" a causa della mancanza di ossigeno sufficiente? ( MEDIAIMAG /Adobe Stock)

Che cosa era più importante, la grotta o il viaggio?

Il team di ricerca israeliano ha ipotizzato che gli antichi artisti sotterranei che hanno eseguito i disegni "potrebbero aver creduto che ci fosse qualcosa di speciale nelle grotte stesse". Senza avere una comprensione scientifica del flusso sanguigno al cervello, gli artisti antichi molto probabilmente interpretavano le loro esperienze "come di natura metafisica". Gli autori hanno affermato che forse "non era la decorazione che rendeva significative le grotte, piuttosto, il significato delle grotte scelte era la ragione della loro decorazione".

In un altro articolo gli stessi autori hanno affermato che la parete rocciosa all'interno della grotta è stata concepita "come una membrana, un tessuto che collega il mondo qui e ora e il mondo sotterraneo al di là". Gli archeologi pensano che quando qualcuno ha fatto la scelta consapevole di entrare in questi ambienti profondi e oscuri, è stato "motivato dalla comprensione della natura trasformativa di uno spazio sotterraneo privo di ossigeno".

Antiche pitture rupestri di mani a Cueva de Las Manos nella provincia di Santa Cruz, Patagonia, Argentina. ( R.M. Nunes /Adobe Stock)

I viaggi nei tempi antichi sono stati ben documentati

Un articolo sulle antiche "droghe" e l'euforia prodotta da ambienti a basso contenuto di ossigeno non sarebbe completo senza menzionare che Mosè era "apparentemente alto" quando Dio gli parlò sulla cima del Monte Sinai. E nello stesso articolo in Il guardiano in cui viene discussa questa idea, il dottor Benny Shanon, professore di psicologia cognitiva presso l'Università Ebraica di Gerusalemme, ha chiesto se i "Dieci Comandamenti sono il risultato della sola ispirazione divina?" Inoltre, ha suggerito che le droghe psichedeliche "formassero parte integrante dei riti religiosi degli israeliti nei tempi biblici".

  • L'arte rupestre indonesiana richiede una revisione dell'evoluzione culturale umana
  • Segui le antiche orme della famosa arte rupestre della grotta di Niaux

Scrivendo nel Tempo e mente rivista di filosofia nell'ottobre 2020, Shanon descrive una droga prodotta con la corteccia dell'albero di acacia che è stata "menzionata frequentemente nell'Antico Testamento". Il ricercatore ha scoperto che un campione contiene le stesse molecole di quelle che si trovano nelle piante da cui viene preparata la potente bevanda allucinogena amazzonica ayahuasca. Ha suggerito: "Il tuono, il fulmine e lo squillo di una tromba che il Libro dell'Esodo dice emanato dal Monte Sinai potrebbe essere semplicemente l'immaginazione di un popolo in uno stato alterato di consapevolezza".

Shanon ha affermato che i riferimenti nella Bibbia in cui le persone "vedono suoni" sono un fenomeno classico simile ai rapporti di forme avanzate di ubriachezza ayahuasca in cui gli utenti nelle cerimonie religiose riferiscono di aver visto musica e luce accompagnate da profondi sentimenti religiosi e spirituali.

Per quanto riguarda Mosè sul Monte Sinai, Shanon non crede che sia stato un evento soprannaturale o cosmico, ma sospetta che sia stato "molto probabile, un evento che ha unito Mosè e il popolo di Israele sotto l'effetto dei narcotici".

Shanon, che ha ammesso pubblicamente di dilettarsi con sostanze psicotrope, pensa anche che Moses fosse probabilmente anche su droghe che alterano la mente quando ha visto il "roveto ardente".


Guarda il video: COME FUNZIONANO GLI STATI ALTERATI DI COSCIENZA (Agosto 2022).