La storia

Battaglia di Messines, 12 ottobre-2 novembre 1914

Battaglia di Messines, 12 ottobre-2 novembre 1914



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Battaglia di Messines, 12 ottobre-2 novembre 1914

La battaglia di Messines, 12 ottobre-2 novembre 1914, faceva parte della Race to the Sea, la serie di battaglie che decisero la linea del fronte occidentale. All'indomani della prima battaglia della Marna, fu deciso di riportare il BEF a nord, nelle Fiandre, per accorciare le sue linee di rifornimento verso i porti del canale. La battaglia di Messines era il nome ufficiale per i combattimenti tra il fiume Douve e il canale Comines-Ypres, ma confluì nella battaglia di Armentières a sud e nella prima battaglia di Ypres a nord.

Sir John French credeva che ci fossero solo deboli forze tedesche di fronte al BEF, e quindi pianificò un'avanzata generale a nord-est di Lille. Il Corpo di Cavalleria doveva presidiare il fianco sinistro dell'avanzata del III corpo, e unirsi alle truppe che si erano già schierate intorno a Ypres.

La battaglia iniziò ufficialmente il 12 ottobre, quando il Corpo di Cavalleria fu spinto in avanti per fare spazio all'avanzata del III Corpo. Il corpo si scontrò con le truppe tedesche sulle alture di Mont des Cats e Flêtre e catturò Mont des Cats. L'avanzata continuò il 13 ottobre. L'avanzata britannica costrinse i tedeschi ad evacuare le loro posizioni più avanzate, ad Armentières

Il 14 ottobre la Sesta Armata tedesca, di fronte all'avanzata del Corpo di Cavalleria, ricevette l'ordine di stare sulla difensiva mentre la Quarta Armata effettuava un'offensiva contro l'intera linea alleata da Menin alla costa. Lo stesso giorno il Corpo di cavalleria che avanzava da ovest si incontrò con la 3a divisione di cavalleria a sud di Ypres, colmando l'ultimo varco nelle linee alleate.

Il corpo di cavalleria avanzò nei giorni successivi, finché nella notte del 17/18 ottobre raggiunse la linea che avrebbe tenuto fino alla crisi del 30-31 ottobre. Quella linea correva a nord-est da Messines a Hollebeke. Per la maggior parte del periodo intermedio gli inglesi furono contrastati da sei divisioni di cavalleria, prive di artiglieria pesante ea corto di munizioni. Il Corpo di Cavalleria è stato rinforzato il 22-23 ottobre dalla Brigata Ferozepore della Divisione Lahore, 1/ Connaught Rangers e 57th Wilde's Rifles.

La crisi maggiore della battaglia arrivò il 30-31 ottobre, durante la battaglia di Gheluvelt. Ciò ha visto l'attacco del gruppo dell'esercito tedesco Fabeck a Gheluvelt e Messines. Il 30 ottobre il corpo di cavalleria fu costretto a lasciare Hollebeke, a nord della linea, anche se l'attacco a Messines fallì. La linea principale è stata costretta a tornare a Messines Ridge.

Il 31 ottobre ha visto la crisi principale a Gheluvelt. Ha anche visto i tedeschi catturare parte di Messines e spingere ulteriormente indietro la linea del corpo di cavalleria. Alla fine della giornata, la linea britannica era stata rinforzata dalle truppe francesi. Anche così, l'avanzata tedesca continuò per alcuni giorni. Messines fu abbandonato il 1 novembre, e nei combattimenti dopo la fine ufficiale della battaglia la cresta di Messines fu persa, ma la linea stessa tenne.

Libri sulla prima guerra mondiale | Indice per argomenti: prima guerra mondiale


Contenuti

Sviluppi strategici Modifica

Dal 17 settembre al 17 ottobre i belligeranti avevano cercato di girare il fianco settentrionale del loro avversario. Joffre ordinò alla seconda armata francese di spostarsi a nord della sesta armata francese, spostandosi dalla Francia orientale dal 2 al 9 settembre e Falkenhayn ordinò alla sesta armata tedesca di spostarsi dal confine franco-tedesco al fianco settentrionale il 17 settembre. Il giorno successivo, gli attacchi francesi a nord dell'Aisne portarono a Falkenhayn a ordinare alla 6a armata di respingere i francesi e proteggere il fianco. [2] Quando i francesi avanzarono il 24 settembre, incontrarono un attacco tedesco piuttosto che un fianco aperto e il 29 settembre la Seconda Armata era stata rinforzata con otto corpi e si era estesa a nord, ma era ancora osteggiata dalle forze tedesche vicino a Lille, piuttosto che un fianco aperto. La 6th Armata tedesca aveva anche riscontrato che all'arrivo a nord, era costretta ad opporsi all'attacco francese piuttosto che ad avanzare sul fianco e che l'obiettivo secondario di proteggere il fianco settentrionale degli eserciti tedeschi in Francia, era diventato il compito principale . [3]

Sviluppi tattici Modifica

Entro il 6 ottobre, i francesi avevano bisogno di rinforzi britannici per resistere agli attacchi tedeschi intorno a Lille. La British Expeditionary Force (BEF) aveva iniziato a spostarsi dall'Aisne alle Fiandre il 5 ottobre e i rinforzi dall'Inghilterra si erano riuniti sul fianco sinistro della Decima Armata, che era stata formata dalle unità del fianco sinistro della Seconda Armata il 4 ottobre. [3] Gli alleati e i tedeschi tentarono di prendere più terreno, dopo che il fianco settentrionale "aperto" era scomparso, attacchi franco-britannici verso Lille in ottobre, seguiti da tentativi di avanzare tra il BEF e l'esercito belga da un nuovo Ottava Armata francese. Le mosse della 7a armata tedesca e poi della 6a armata dall'Alsazia e dalla Lorena, avevano lo scopo di mettere in sicurezza le linee di comunicazione tedesche attraverso il Belgio, dove l'esercito belga era sorto più volte dalla ridotta nazionale del Belgio, durante il periodo tra la Francia e la Francia. Ritirata britannica e la battaglia della Marna. In agosto i marine britannici erano sbarcati a Dunkerque. In ottobre fu assemblata una nuova 4a armata tedesca dal III Corpo di riserva, l'artiglieria d'assedio usata contro Anversa e quattro dei nuovi corpi di riserva addestrati in Germania. [4]

Terreno delle Fiandre Modifica

Il nord-est della Francia e il sud-ovest del Belgio sono conosciuti come Fiandre. Ad ovest di una linea tra Arras e Calais, nel nord-ovest, si trovano pianure calcaree ricoperte di terreno sufficiente per la coltivazione dei seminativi. Ad est della linea, il territorio declina in una serie di contrafforti nella pianura delle Fiandre, delimitato dai canali che collegano Douai, Béthune, Saint-Omer e Calais. A sud-est, i canali corrono tra Lens, Lille, Roubaix e Courtrai, il fiume Lys da Courtrai a Gand ea nord-ovest il mare. La pianura è quasi pianeggiante, a parte una linea di basse colline da Cassel, a est fino al Mont des Cats, Mont Noir, Mont Rouge, Scherpenberg e Mont Kemmel. Da Kemmel, una bassa cresta si trova a nord-est, declinando in elevazione oltre Ypres attraverso Wytschaete, Gheluvelt e Passchendaele, curvando a nord e poi a nord-ovest fino a Diksmuide dove si fonde con la pianura. Una fascia costiera larga circa 10 miglia (16 km) era vicina al livello del mare e circondata da dune di sabbia. Nell'entroterra il terreno era principalmente prato, tagliato da canali, dighe, canali di scolo e strade costruite su strade rialzate. Il Lys, l'Yser e la Schelda superiore erano stati incanalati e tra di essi il livello dell'acqua sotterranea era prossimo alla superficie, si alzava ulteriormente in autunno e riempiva qualsiasi avvallamento, i cui lati poi crollavano. La superficie del terreno si trasformò rapidamente in una consistenza di formaggio cremoso e sulla costa le truppe furono confinate sulle strade, tranne durante le gelate. [5]

Il resto della pianura delle Fiandre era costituito da boschi e piccoli campi, divisi da siepi alberate e coltivate da piccoli villaggi e fattorie. Il terreno era difficile per le operazioni di fanteria a causa della mancanza di osservazione, impossibile per l'azione a cavallo a causa dei numerosi ostacoli e difficile per l'artiglieria a causa della visuale limitata. A sud del canale La Bassée, intorno a Lens e Béthune, c'era un distretto minerario di carbone pieno di cumuli di scorie, pozzi (fosses) e case di minatori (coroni). A nord del canale, le città di Lille, Tourcoing e Roubaix formavano un complesso manifatturiero, con industrie periferiche ad Armentières, Comines, Halluin e Menin, lungo il fiume Lys, con raffinerie isolate di barbabietola da zucchero e alcol e un'acciaieria vicino ad Aire-sur -la-Lys. Le aree intermedie erano agricole, con strade larghe su fondamenta poco profonde e strade fangose ​​non asfaltate in Francia e strade strette in pavé, lungo la frontiera e in Belgio. In Francia, le strade sono state chiuse dalle autorità locali durante il disgelo per preservare la superficie e contrassegnate da Barriere ferme, che sono stati ignorati dai camionisti britannici. La difficoltà di movimento dopo la fine dell'estate assorbì molta manodopera locale per la manutenzione delle strade, lasciando che le difese del campo fossero costruite dai soldati in prima linea. [6]

Preparativi offensivi franco-britannici Modifica

Entro il 4 ottobre, le truppe sotto Maud'huy erano in pericolo di accerchiamento, le truppe tedesche avevano raggiunto Givenchy, a nord-ovest di Vimy e la divisione francese sul fianco settentrionale era separata dalla cavalleria che operava più a nord, era stato anche creato un varco tra X Corpo e le divisioni territoriali a sud. Castelnau e Maud'huy desideravano ritirarsi, ma piuttosto che perdere tutto il nord della Francia, Joffre creò una nuova Decima Armata, dalle forze di Maud'huy e diede a Castelnau una direttiva, per mantenere la Seconda Armata nelle sue posizioni, fino alla pressione delle operazioni ulteriori nord, diminuì la potenza degli attacchi tedeschi tra l'Oise e la Somme. Foch fu nominato vice di Joffre e gli fu dato il comando di tutte le truppe francesi nel nord. Il 6 ottobre, la linea francese dall'Oise ad Arras fu assicurata Joffre e i francesi avevano anche deciso di concentrare la BEF attorno a Doullens, Arras e St Pol, pronta per le operazioni a sinistra della decima armata. [7]

Entro l'8 ottobre, il XXI Corpo francese aveva spostato il suo fianco sinistro a Vermelles, poco prima del canale La Bassée. Più a nord, il I e ​​II corpo di cavalleria francese (generale Louis Conneau) e de Mitry, parte dell'87a divisione territoriale e alcuni cacciatori, detenevano una linea da Béthune a Estaires, Merville, Aire, Fôret de Clairmarais e St Omer, dove il il resto dell'87a divisione territoriale collegata a Dunkerque Cassel e Lille più a est era ancora occupata dalle truppe francesi. Il giorno successivo, il XIV Corpo tedesco arrivò di fronte ai francesi, che liberò il 1 ° e il 2 ° corpo di cavalleria tedesco per tentare una mossa di fianco tra La Bassée e Armentières. La cavalleria francese riuscì a fermare l'attacco tedesco a nord del canale La Bassée-Aire. Il 4° Corpo di Cavalleria, più a nord, riuscì ad avanzare e il 7 ottobre attraversò Ypres prima di essere costretto a tornare a Bailleul, dalle truppe territoriali francesi nei pressi di Hazebrouck. [8] Dall'8 al 9 ottobre, il II Corpo britannico giunse per ferrovia ad Abbeville e ricevette l'ordine di avanzare su Béthune. [9]

Le divisioni britanniche 1 ° e 2 ° di cavalleria coprirono l'arrivo della fanteria e il 10 ottobre, utilizzando autobus a motore forniti dai francesi, il II Corpo avanzò di 22 miglia (35 km). [b] Entro la fine dell'11 ottobre, il II Corpo tenne una linea da Béthune a Hinges e Chocques, con unità fiancheggianti a destra 5,6 km a sud di Béthune e a sinistra 7,2 km a ovest della città. [12] Il 12 ottobre, le divisioni del II Corpo attaccarono per raggiungere una linea da Givenchy a Pont du Hem, 6 miglia (9,7 km) a nord del canale di La Bassée, attraverso un terreno pianeggiante e punteggiato di fattorie ed edifici fino a un cresta bassa 10 miglia (16 km) a est di Béthune. I difensori tedeschi del I e ​​II corpo di cavalleria e annessi Jäger ha contestato ogni caratteristica tattica, ma l'avanzata britannica ha continuato e un contrattacco tedesco vicino a Givenchy è stato respinto. Gli inglesi scavarono da Noyelles a Fosse. Il 13 ottobre, l'attacco del II Corpo della 3a divisione e della 7a divisione di cavalleria francese guadagnò poco terreno e Givenchy fu quasi perso quando il tedesco attaccò in un temporale, gli inglesi persero c. 1.000 vittime. [13]

Preparativi offensivi tedeschi Modifica

La 6a armata era arrivata nel nord della Francia e nelle Fiandre dal sud e aveva progressivamente sollevato le divisioni di cavalleria tedesche, il VII Corpo aveva preso il posto da La Bassée ad Armentières il 14 ottobre, il XIX Corpo il giorno successivo intorno ad Armentières e il XIII Corpo da Warneton a Menin. Gli attacchi del II e III Corpo britannico causarono tali perdite che il XIII Corpo fu trasferito a sud dal 18 al 19 ottobre in rinforzo. Alla linea della 6a armata da La Bassée ad Armentières e Menin fu ordinato di non attaccare fino a quando non fossero iniziate le operazioni della nuova 4a armata in Belgio. [14] Entrambi gli eserciti attaccarono il 20 ottobre, il XIV, VII, XIII e XIX corpo della 6th Armata effettuando un attacco generale da Arras ad Armentières. Il giorno successivo il corpo settentrionale della 6a armata attaccò da La Bassée a St Yves e guadagnò poco terreno, ma impedì alle truppe britanniche e francesi di essere spostate a nord verso Ypres e i fronti di Yser. [15] Il 27 ottobre, Falkenhayn ordinò alla 6 Armata di spostare l'artiglieria pesante a nord per il massimo sforzo dovuto il 29 ottobre a Gheluvelt, di ridurre i suoi attacchi sul fianco meridionale contro il II e III corpo e di cessare ulteriormente le operazioni offensive contro i francesi. Sud. [16] Armeegruppe von Fabeck fu formato dal XIII Corpo e dai rinforzi degli eserciti intorno a Verdun, che impoverì ulteriormente la 6a Armata e pose fine all'offensiva da La Bassée a nord al Lys. [17]

Attacchi franco-britannici Modifica

14-20 ottobre Modifica

Il 14 e 15 ottobre, il II Corpo attaccò su entrambi i lati del canale La Bassée e ogni notte furono effettuati contrattacchi tedeschi. Gli inglesi riuscirono a fare brevi avanzamenti sui fianchi, con l'aiuto della cavalleria francese, ma persero 967 vittime. Dal 16 al 18 ottobre, gli attacchi del II Corpo ruotarono a destra e il fianco sinistro avanzò verso Aubers, contro l'opposizione tedesca ad ogni fossato e ponte, che inflissero altre mille vittime. Givenchy fu riconquistato dagli inglesi il 16 ottobre, Violaines fu presa e il 17 ottobre la cavalleria francese catturò Fromelles. Il 18 ottobre, la resistenza tedesca aumentò con l'arrivo del XIII Corpo tedesco, che rafforzò il VII Corpo e costrinse gradualmente il II Corpo a fermarsi. Il 19 ottobre, la fanteria britannica e la cavalleria francese catturarono Le Pilly (Herlies), ma furono costrette a ritirarsi dall'artiglieria tedesca. [18]

Arrivarono le fresche 13th Divisione e 14th Divisione tedesche e iniziarono a contrattaccare contro tutto il fronte del II Corpo. Alla fine del 20 ottobre, al II Corpo fu ordinato di scavare dal canale vicino a Givenchy, a Violaines, Illies, Herlies e Riez, mentre le operazioni offensive continuavano a nord. [18] La campagna era pianeggiante, paludosa e tagliata da molti torrenti, che in molti punti rendevano impraticabile lo scavo di trincee, per cui furono sostituiti i parapetti costruiti verso l'alto, nonostante fossero cospicui e facili da demolire con fuoco d'artiglieria. (Non fu fino alla fine di ottobre che gli inglesi ricevettero adeguate scorte di sacchi di sabbia e filo spinato.) L'artiglieria da campo britannica fu assegnata alle brigate di fanteria e i 60 libbre e gli obici furono riservati al fuoco di controbatteria. [19] La decisione di scavare prevenne di poco una controffensiva tedesca che iniziò il 20 ottobre, principalmente più a nord contro il XXI Corpo francese e si estese a sud il 21 ottobre, nell'area della 3a divisione. [20]

21 ottobre Modifica

Le brigate del II Corpo in linea (da sud a nord) erano la 15a, 13a, 14a, 7a, 9a e 8a alle 7:00 i tedeschi attaccarono attraverso una nebbia, principalmente di fronte alla 7a e 9a brigata da Le Transloy a Herlies e ha sorpreso una società, costringendola a tornare indietro. I tedeschi allargarono la breccia a destra della 7th Brigata, ma le unità al fianco respinsero gli attaccanti tedeschi. Altrove, i tedeschi mantennero un esteso bombardamento contro la 9th Brigata ma non attaccarono, e un battaglione a Violaines fu in grado di sparare d'infilata alla fanteria tedesca, mentre attraversavano il suo fronte verso Le Transloy. Una compagnia di fanteria e la 7th Brigade Signal Section ingaggiarono i tedeschi a 150 iarde (140 m) mentre apparentemente perdevano la direzione nella nebbia e arrivarono altre truppe per colmare il divario. Mentre la nebbia si disperdeva, l'artiglieria britannica fece fuoco sulla fanteria tedesca che si ritirò rapidamente. Un contrattacco britannico è stato effettuato alle 11:00 che ha ripreso la maggior parte delle trincee perdute. La maggior parte delle riserve britanniche era stata impegnata, ma gli attacchi tedeschi alle 14:30. e 16:00 furono anche respinti, identificando le truppe di tutti e tre i reggimenti della 14a divisione tedesca e uno della 13a divisione. [21]

Alle 18:30 arrivò la notizia del ritiro della 19a brigata da Le Maisnil e la 3a divisione fu ordinata di ritorno da Herlies e Grand Riez per circa 1 mi (1,6 km) fino a una linea da Lorgies a Ligny ea sud di Fromelles, l'incrocio con una cavalleria francese unità, che migliorò la linea nell'area dell'8° Brigata in seguito sul fianco sinistro della 14° Brigata tornò a collegarsi con la 3° Divisione a Lorgies. Il 21 ottobre II Corpo ha avuto 1.079 vittime. Durante i combattimenti Smith-Dorrien aveva ordinato lo scavo di una linea di riserva che si trovava a circa 2 miglia (3,2 km) nella parte posteriore sul fianco settentrionale, dove il pericolo di avvolgimento era maggiore. La linea correva da est di Givenchy, a est di Neuve-Chapelle fino a Fauquissart su un terreno più facile da difendere ma aveva poco filo spinato e il terreno era troppo paludoso per profonde trincee. Gli ingegneri della 3a e 5a divisione prepararono le difese, con l'aiuto di civili francesi. Il giorno dopo la cavalleria francese fu scacciata da Fromelles e il francese e Smith-Dorrien concordarono un ritiro sulla nuova linea per la notte del 22/23 ottobre. Il francese ordinò agli elementi della Divisione di Lahore di spostarsi a Estaires, dietro il fianco sinistro (nord) del II Corpo, per supportare il II Corpo di Cavalleria francese (Generale L. Conneau). [22]

Attacchi tedeschi, 20 ottobre – 2 novembre Modifica

22–25 ottobre Modifica

All'inizio del 22 ottobre, gli inglesi furono costretti a lasciare Violaines e iniziarono gli attacchi tedeschi lungo tutto il fronte della 5a divisione. [23] Nella notte tra il 22 e il 23 ottobre, il II Corpo ritirò il suo fianco sinistro (nord), su una linea che era stata ricognita da La Bassée Canal a est di Givenchy a La Quinque Rue, a est di Neuve-Chappelle e fino a Fauquissart . La mancanza di manodopera, attrezzi e filo spinato fece sì che le truppe trovassero poco più che un abbozzo della posizione e iniziarono a scavare. La 3a Divisione era sul fianco sinistro, all'incrocio con il II Corpo di Cavalleria francese e la 19a Brigata , che aveva colmato un gap con il III Corpo. I tedeschi trascorsero il 23 ottobre bombardando le vecchie posizioni britanniche e sondando in avanti, mentre la Divisione di Lahore (tenente generale HBB Watkis) raggiunse Estaires, che era stato reso il punto di raduno per il Corpo indiano, per essere conveniente per supportare il II Corpo o il III Corpo come necessario. [c] La Brigata Jullundur sostituì il II Corpo di Cavalleria il 23/24 ottobre, dal fianco sinistro del II Corpo a Fauquissart alla 19a Brigata a Rouges Bancs, che creò una linea britannica omogenea da Givenchy verso nord fino a Ypres. [25]

Di fronte agli anglo-francesi a sud del III Corpo britannico, faceva parte del XIV Corpo tedesco e del VII, XIII, XIX e I Corpo di Cavalleria. Alle 2:00 del 24 ottobre, l'artiglieria tedesca iniziò un bombardamento e subito dopo l'alba furono viste molte fanterie tedesche avvicinarsi alle posizioni della 3a divisione a nord. [d] Le truppe tedesche erano facilmente visibili e respinte dal fuoco dell'artiglieria prima di raggiungere la linea del fronte britannica. Gli attacchi tedeschi furono sospesi fino al tramonto, quando iniziò un attacco a sud di Neuve-Chapelle sul fianco destro della 3a divisione, fino a dopo la mezzanotte, venendo infine respinto, con molte vittime. Nelle prime ore del 25 ottobre, la fanteria tedesca è stata in grado di invadere alcune trincee britanniche ma è stata costretta a uscire da un combattimento corpo a corpo e alle 11:00 le trincee sono state nuovamente invase fino a quando i rinforzi della 9a brigata hanno costretto i tedeschi a tornare . Sul fianco sinistro della 3a divisione l'8a brigata e la Jullundur furono attaccate dalle 21:00. il 24 ottobre e il battaglione di fianco sinistro dell'8° Brigata fu costretto a ritirarsi. Le unità di fiancheggiamento hanno sparato nell'area e un contrattacco a mezzanotte dal battaglione di riserva della brigata, è riuscito a ripristinare la posizione in costosi combattimenti. Molte truppe tedesche delle divisioni 14 e 26 sono state uccise negli attacchi e diversi prigionieri presi. [27]

Al mattino, il personale del quartier generale del II Corpo fu sollevato dal fatto che, nonostante 13 giorni di battaglia, esaurimento e la perdita di molti regolari prebellici e riservisti esperti, un determinato attacco tedesco era stato sconfitto. Il fronte di corpo non fu attaccato il 25 ottobre, ma i cannoni tedeschi bombardarono accuratamente le posizioni britanniche, con l'assistenza di velivoli d'osservazione, volando con tempo sereno. La fanteria tedesca manteneva indietro 700-900 iarde (640-820 m), ad eccezione delle aree di fronte alla 5a divisione. Alcune postazioni sono state evacuate durante le ore diurne per sfuggire ai bombardamenti tedeschi e gli ingegneri hanno raccolto pali di recinzione e filo metallico dai terreni agricoli, pronti a costruire ostacoli di fronte alle posizioni britanniche durante la notte. Smith-Dorrien prevedeva una pausa negli attacchi tedeschi ma chiedeva rinforzi ai francesi che accettavano, perché una sconfitta a La Bassée avrebbe compromesso le operazioni offensive in Belgio. Una brigata di cavalleria, dell'artiglieria e un battaglione di fanteria furono trasferiti a Vieille Chappelle dietro la 3a divisione, due batterie di cannoni da 4,7 pollici e Jellicoe un treno corazzato della Royal Navy, sono stati inviati e la razione di munizioni per armi da campo è stata raddoppiata a 60 proiettili per arma al giorno. Maud'huy aggiunse altri due battaglioni a quello di Givenchy e Conneau spostò il II Corpo di Cavalleria dietro il fianco della 3a Divisione. Circa 2.000 rimpiazzi britannici erano arrivati ​​entro il 27 ottobre, il che portava i battaglioni di fanteria a circa 700 uomini ciascuno. [28]

26–27 ottobre Modifica

C'era molto pattugliamento tedesco prima dell'alba del 26 ottobre e all'alba i tedeschi attaccarono a nord di Givenchy, dopo essere strisciati nel buio ma furono respinti dal fuoco di armi leggere mirate ai suoni perché gli inglesi non avevano pistole Very o razzi. In seguito arrivarono i rinforzi francesi in modo che il battaglione britannico potesse entrare nella riserva divisionale, con i due già ritirati. Un altro attacco tedesco iniziò nel pomeriggio a sinistra della 5a divisione, in cui la fanteria tedesca irruppe nelle trincee britanniche prima di essere annientata. Un altro attacco è iniziato vicino a Neuve-Chappelle alle 16:00. contro l'estremo fianco sinistro della divisione e il destro della 3a divisione, dopo un accurato bombardamento di artiglieria. La fanteria britannica subì molte perdite e alcune unità si ritirarono dalle loro trincee per sfuggire al fuoco dell'artiglieria tedesca. Un battaglione fu sfondato e il villaggio fu occupato, ma le unità al fianco invasero i tedeschi fino a quando la compagnia di riserva, fino a 80 uomini, tennero le uscite occidentali e costrinsero i tedeschi a rientrare nel villaggio, che era in fiamme. [29]

Alle 18:00 un battaglione di riserva e 300 ciclisti francesi raggiunsero la zona così come il resto della riserva della brigata, ma l'oscurità e la disorganizzazione delle truppe impiegarono del tempo per risolversi. Un contrattacco di tre compagnie iniziò da ovest dopo il tramonto e respinse i tedeschi nelle ex trincee britanniche a est del villaggio. Gli attacchi furono poi rimandati all'alba e Smith-Dorrien Trench, una nuova linea ad est del villaggio fu scavata e collegata alle difese a nord ea sud del villaggio. Le perdite britanniche furono gravi e quando il francese visitò il quartier generale del II Corpo il 26 ottobre, furono promessi ulteriori rinforzi e il francese ordinò di mantenere un fronte difensivo, con attacchi locali per impedire alle truppe tedesche di spostarsi dall'area in Belgio. All'alba, la situazione a Neuve-Chapelle si rivelò peggiore del previsto, poiché i tedeschi avevano posizioni consolidate negli edifici periferici e nelle vecchie trincee britanniche. Un battaglione tentò di riconquistare le trincee alle 7:30 del mattino, ma i tedeschi aggirarono un fianco e quasi circondarono il battaglione, le ultime due compagnie persero l'80% dei loro uomini ritirandosi attraverso il villaggio. [30]

A nord di Neuve-Chapelle il contrattacco su un triangolo di case nelle vicinanze non iniziò fino alle 10:00, tanta era la confusione. Elementi di tre battaglioni e ciclisti francesi, con il supporto di quattro batterie di cavalleria britanniche e sette francesi, furono rapidamente fermati dal fuoco delle mitragliatrici e dai cecchini tedeschi, che erano stati in grado di consolidare le case catturate. Alle 11:00, due compagnie e 600 chasseurs à pied arrivarono e furono inviate sei compagnie dell'Indian Corps. L'attività tedesca di fronte al resto della 3a divisione fu lieve, ma la Brigata Jullundur a nord fu attaccata più volte, mentre la 14a divisione tedesca si ammassava a Bois du Biez, a circa 0,5 miglia (0,80 km) da Neuve-Chapelle. Entro le 13:30 il contrattacco franco-britannico si era spinto a nord del villaggio e le truppe britanniche avevano tenuto la Fossa Smith-Dorrien a est. L'attacco tedesco iniziò alle 14:30. e rapidamente si mise alle spalle dei difensori, che furono quasi tagliati fuori un'ora dopo e furono inseguiti attraverso il villaggio, i due battaglioni coinvolti riducendosi a circa 500 uomini compresi i rimpiazzi. [31]

Alcune delle truppe tedesche avanzarono attraverso il villaggio, ma a 500 yd (460 m) a ovest, incontrarono un gruppo di circa 250 soldati britannici, che li respinsero al villaggio e vanificarono diversi tentativi di avanzare di nuovo. I tedeschi spostarono il peso dell'attacco a sud e aggirarono il fianco sinistro del battaglione vicino, che raddrizzò il fianco ad angolo retto. Il fuoco dei fucili tedeschi da dietro uccise il comandante e l'aiutante, ma i sopravvissuti resistettero fino all'arrivo del 9 ° battaglione di fanteria di Bhopal, si misero dietro il fianco tedesco e li respinsero al villaggio. La 20a e la 21a compagnia del 3rd Sappers and Miners, l'ultima riserva britannica, furono inviate per collegare il 9th ​​Bhopal e i fucilieri del Northumberland a nord del villaggio. Il generale di brigata F.S. Maude, il comandante della 14a brigata a sud, aveva inviato il suo battaglione di riserva che arrivò dopo il 9th ​​Bhopal e si mosse a nord per attaccare di fianco i tedeschi nel villaggio, ma cadde la notte prima che le truppe fossero pronte. [32]

Il maggiore generale T.L.N. Morland, comandante della 5a divisione, ordinò a Maude di guidare un altro contrattacco rinforzato da altre dieci compagnie. Maude annullò l'attacco quando scoprì che la linea britannica era stata ripristinata e che il villaggio poteva essere attaccato solo da nord-ovest. Sul fianco settentrionale del villaggio, il contrattacco britannico iniziato alle 13:30. aveva raggiunto il margine occidentale del villaggio dopo un'ora, ma era stato poi bloccato dal fuoco delle mitragliatrici e dei cecchini dalle numerose case nei dintorni. Intorno alle 17:00 arrivarono circa 400 uomini del 47esimo Sikh, ma non furono sufficienti per riavviare l'avanzata. Il fuoco di armi leggere tedesche invase entrambi i fianchi e ogni altro rinforzo era stato inviato per colmare il vuoto a Neuve-Chapelle. Il contrattacco fu terminato e dopo il tramonto le truppe scavarono intorno all'estremità occidentale del villaggio. Più tardi quella notte il comandante della 3a divisione, il maggiore generale CJ Mackenzie, approvò la decisione di abbandonare il villaggio e i sopravvissuti dei tre battaglioni britannici, meno di 600 uomini, furono raccolti a Richebourg St Vaast con la 2a brigata di cavalleria, che era arrivata da nord. La nuova linea curvava intorno a Neuve-Chapelle, con la terra di nessuno ridotta a 100 iarde (91 m). [33] [e]

28 ottobre Modifica

Gli ordini del II Corpo di mantenere un fronte difensivo ma di sfruttare le opportunità locali per l'attacco furono echeggiati dal GHQ e French, Smith-Dorrien e Willcocks si incontrarono per organizzare che il II Corpo fosse sostituito dal Corpo indiano. Il francese voleva che il corpo si riposasse per diversi giorni e poi fosse la riserva del BEF. La 3a divisione ricevette l'ordine da Smith-Dorrien di riconquistare Neuve-Chapelle, perché la posizione tedesca minacciava i fianchi interni della 3a e 5a divisione. Ogni secondo uomo disponibile è stato messo a disposizione del capo ingegnere del corpo (maggiore generale C. Mackenzie) per scavare una seconda linea e Smith-Dorrien ha supervisionato i preparativi presso il quartier generale della 3a divisione per il contrattacco. La 7a brigata (generale di brigata McCracken) doveva condurre l'attacco con il supporto delle truppe del corpo indiano nelle vicinanze, la 24a brigata sul fianco destro e la 2a brigata di cavalleria a Richebourg St Vaast, sebbene ridotta a 400 uomini, era pronta a seguire l'attacco sul fianco destro. A nord sul fianco sinistro un battaglione della 6a divisione, cacciatori e ciclisti francesi del II corpo di cavalleria e un battaglione della 9a brigata (generale di brigata Shaw) dovevano sostenere l'attacco. [35]

La nebbia fece rimandare l'attacco alle 11:00, dopo un breve bombardamento da parte di tredici batterie anglo-francesi. Dopo quindici minuti il ​​bombardamento fu spostato di 500 iarde (460 m) in avanti, pronto per l'avanzata della fanteria, ma la disorganizzazione, le difficoltà linguistiche e l'esaurimento fecero avanzare solo circa quattro compagnie, nonostante la presenza di ufficiali di stato maggiore della 3a divisione che fungevano da ufficiali di collegamento. Anche il supporto sul fianco era inadeguato a causa del fuoco di risposta tedesco e dell'esaurimento, i soldati si addormentavano mentre sparavano. Due compagnie del 47° Sikh e del 20° e 21° Genitori e Minatori attaccarono, mentre il 9° Fanteria di Bhopal fu rapidamente costretto al riparo sulla destra. Gli attaccanti avanzarono con il fuoco e il movimento su 700 iarde (640 m) di terreno pianeggiante, cacciarono i tedeschi dal villaggio e raggiunsero le frange orientali e settentrionali. L'artiglieria tedesca e il fuoco delle mitragliatrici sostennero costanti contrattacchi tedeschi, che alla fine costrinsero gli indiani a ritirarsi nonostante il fuoco tedesco, i 47esimi Sikh persero 221 su 289 uomini e i Genitori persero il 30% della loro forza lavoro in perdite. Anche il 9° Fanteria di Bhopal si ritirò da una trincea catturata, causando l'invasione di due compagnie fiancheggianti. [36]

Durante l'attacco la 2nd Brigata di Cavalleria occupò le trincee di lancio indiane e diede fuoco di copertura durante la ritirata. L'ultima riserva di cavalleria si mosse in avanti, per fermare la fanteria tedesca che sbucava da Neuve-Chapelle avanzando più a sud, fino alle 14:00. quando arrivarono gli ultimi 300 uomini di un battaglione di fanteria. Più a nord i cacciatori e un battaglione di fanteria britannica erano avanzati su un terreno molto più difficile ed erano troppo tardi per rinforzare le truppe indiane quando la loro avanzata vacillava. Quando le truppe indiane si ritirarono, l'attacco fu interrotto e le trincee a ovest del villaggio furono rioccupate. A nord del villaggio, la 9th Brigata è stata bombardata e tirata a segno per tutto il giorno, ma è rimasta ferma. Verso le 13:00 i tedeschi attaccarono a sud del paese, dopo cinque ore di bombardamento, contro i due battaglioni più settentrionali della 13a brigata, mentre altre truppe continuarono l'attacco alla 2a brigata di cavalleria e alla fanteria annessa. [37] Alle 17:00 i tedeschi fecero il massimo sforzo lungo tutto il fronte di attacco, avanzando a meno di 100 iarde (91 m) dalle posizioni britanniche in alcuni punti. Le truppe esauste furono riportate in linea per rinforzare la cavalleria e gli attacchi tedeschi diminuirono fino alle 21:00, quando fu sferrato un attacco finale a sud. [38]

29 ottobre Modifica

Durante la notte la cavalleria fu sollevata e un piccolo saliente di fronte al Bois du Biez lasciò per raddrizzare la linea una pattuglia entrò a Neuve-Chapelle e la trovò vuota ma durante il giorno bombardamenti tedeschi e attacchi di sondaggio furono ricevuti lungo tutta la linea. L'incrocio tra la 13a e la 14a brigata vicino a La Quinque Rue e Festubert fu attaccato verso le 4:00 del mattino, quando i tedeschi avanzarono silenziosamente nella nebbia, ma furono poi catturati dall'artiglieria e dal fuoco di armi leggere. Un secondo attacco appena a nord occupò una trincea britannica e a mezzogiorno fu tentato un altro attacco dopo che i proiettili francesi furono visti cadere a breve. Anche questo attacco fu respinto e seguì una breve tregua fino a dopo il tramonto, quando le truppe tedesche si mossero furtivamente nel villaggio. Nei combattimenti successivi furono respinti tre volte. I successivi attacchi alle truppe del Corpo indiano più a nord furono per lo più sconfitti dal fuoco di artiglieria. During the day, most of the Indian Corps arrived in the area and began to relieve the remnants of II Corps overnight. [39]

30 October – 2 November Edit

Movement forward to the British positions was difficult in daylight, due to a lack of communication trenches, so Indian troops moved along wet ditches in the dark and conducted the relief over two nights. Exchanging two battalions took about 2½ hours and a German attack on 30 October pushed a Gurkha battalion back and exposed the flank of the neighbouring battalion until a counter-attack could be arranged to regain the line. Early on 31 October, Willcocks, the Indian Corps commander, took over from Smith-Dorrien from Givenchy to Fauquissart, who left about ten severely depleted infantry battalions and most of the corps artillery behind. The II Corps troops had been promised ten days to rest but troop movements towards Wytschaete began immediately, some on foot and some by bus. On 1 November the last seven battalions in the area were sent north to Bailleul behind III Corps. The 5th Division artillery was sent north to the Cavalry Corps by 2 November and the remaining II Corps engineer companies built more field fortifications. [40]


Military conflicts similar to or like Battle of Messines (1914)

Fought by German and Franco-British forces in northern France in October 1914, during reciprocal attempts by the armies to envelop the northern flank of their opponent, which has been called the Race to the Sea. Troops of the British Expeditionary Force (BEF) moved north from the Aisne front in early October and then joined in a general advance with French troops further south, pushing German cavalry and Jäger back towards Lille until 19 October. Wikipedia

Fought by German and Franco-British forces in northern France in October 1914, during reciprocal attempts by the contending armies to envelop the northern flank of their opponent, which has been called the Race to the Sea. The German 6th Army took Lille before a British force could secure the town and the 4th Army attacked the exposed British flank further north at Ypres. Wikipedia

Campaign of the First World War, fought by the Allies against the German Empire. The battle took place on the Western Front, from July to November 1917, for control of the ridges south and east of the Belgian city of Ypres in West Flanders, as part of a strategy decided by the Allies at conferences in November 1916 and May 1917. Wikipedia

Battle of the First World War, fought on the Western Front around Ypres, in West Flanders, Belgium. Part of the First Battle of Flanders, in which German, French, Belgian armies and the British Expeditionary Force fought from Arras in France to Nieuport on the Belgian coast, from 10 October to mid-November. Wikipedia

Battle of the First World War fought by the armies of the British Empire and French Third Republic against the German Empire. It took place between 1 July and 18 November 1916 on both sides of the upper reaches of the River Somme in France. Wikipedia

Fought on 4 October 1917 near Ypres in Belgium, at the east end of the Gheluvelt plateau, by the British Second and Fifth armies against the German 4th Army. The most successful Allied attack of the Third Battle of Ypres. Wikipedia

Engagement fought during the Southern Palestine Offensive of the Sinai and Palestine Campaign in World War I, between the Egyptian Expeditionary Force of the British Empire on one side and the Yildirim Army Group of the Ottoman Empire and German Empire on the other. The port of Jaffa had been occupied by the New Zealand Mounted Rifles Brigade on the 16 November, as a result of the victory gained by that brigade and the 1st Light Horse Brigade at the Ayun Kara two days before, but the Ottoman forces were only 3 mi away across the Auju River (now better known in Arabic as ɺuja River, and in Hebrew as Yarkon River). Wikipedia

Series of engagements in the 1916 Battle of the Somme in the First World War, between the armies of the German Empire and the British Empire. Thick tangle of trees, chiefly beech and hornbeam (the wood has been replanted with oak and birch by the South African government), with dense hazel thickets, intersected by grassy rides, to the east of Longueval. Wikipedia

Battle of the First World War that took place in October 1914 between the towns of Nieuwpoort and Diksmuide, along a 35 km stretch of the Yser River and the Yperlee Canal, in Belgium. Held by a large Belgian force, which halted the German advance in a costly defensive battle. Wikipedia

The First Battle of Picardy (22–26 September 1914) took place during the Race to the Sea (17 September – 19 October) and the First Battle of the Aisne (13–28 September). Franco-British counter-offensive, which followed the Battle of the Frontiers and the German advance into France during the Great Retreat, which ended at the First Battle of the Marne (5–12 September). Wikipedia

Battle fought during World War I by the French and German armies on the Western Front. The first offensive move on the Western Front by either side after the end of the First Battle of Ypres in November 1914. Wikipedia


Ulteriori letture

First Ypres 1914 (paperback)

This volume covers the first of the trench warfare battles of World War I. In the autumn of 1914 the original British Expeditionary Force made its last stand, aided by French troops, against the advancing German army racing towards the French ports. (Osprey Military Campaign Series)

Ypres: The First Battle 1914 (paperback)

The battle for Ypres in October and November 1914 represented the last opportunity for open, mobile warfare on the Western Front. In the first study of First Ypres for almost 40 years, Ian Beckett draws on a wide range of sources never previously used to reappraise the conduct of the battle, its significance and its legacy.

The German Army at Ypres 1914 (hardcover)

The first complete account of the German Army's battles in the sector of Belgian Flanders in 1914. Jack Sheldon uses material from German military archives in Munich and Stuttgart to provide the perspective of events from the German side.


Messines Ridge: Critical Capture for Allies

The Battle of Messines was one of dozens of clashes between German and Allied forces in the region surrounding the Belgian town of Ypres starting in 1914. The Germans won an early advantage by occupying a ridgeline to the east of Ypres, a high-ground position that afforded clear views of enemy troop movements and clean shots from German artillery bunkers.

By 1917, the Allies had ambitious plans to break the costly stalemate at Ypres. The first and most critical part of that plan was to take a portion of the German-held ridgeline near the town of Messines. After that, the Allied forces hoped to push all the way to the coast of the North Sea and destroy Germany’s U-boat bases.


Il lungo, lungo sentiero

The history of the 2nd Cavalry Division

On 6 September 1914, the 3rd Cavalry Brigade (then under 1st Cavalry Division) and 5th Cavalry Brigade (an independent command) were placed under orders of Brigadier-General Hubert Gough. A week later they were formed into the 2nd Cavalry Division and other units required to make up the divisional structure were added as they arrived. The Division remained on the Western Front in France and Flanders throughout the war. Ha preso parte alla maggior parte delle azioni principali, tra cui:

1914
The Battle of the Aisne (12 – 15 September)
The Battle of Messines 1914 (12 October – 2 November)
The Battle of Armentieres (13 – 17 October)
The Battle of Gheluvelt (30 – 31 October, a phase of the Battles of Ypres 1914) (“First Ypres”)

1915
Winter Operations 1914-15
The Battle of Neuve Chapelle (10 – 12 March 1915)
The Battle of St Julien (26 April – 3 May, a phase of the Battles of Ypres 1915) (“Second Ypres”)
The Battle of Bellewaarde Ridge (24 – 25 May, a phase of the Battles of Ypres 1915) (“Second Ypres”)

1916
No major engagements

1917
The First Battle of the Scarpe (9 – 11 April, a phase of the Arras Offensive)
The Tank Attack (20 – 21 November, a phase of the Cambrai Operations)
The capture of Bourlon Wood (24 – 28 November, a phase of the Cambrai Operations)
The German counterattacks (30 November – 3 December, a phase of the Cambrai Operations)

1918
The Battle of St Quentin (21 -23 March, a phase of the of the First Battles of the Somme in which the Division was engaged until 1 April)
The Battle of Hazebrouck (14 – 15 April, a phase of the Battles of the Lys)
The Battle of Amiens (8 – 11 August)
The Battle of Albert (21 – 23 August, a phase of the Second Battles of the Somme 1918)
The Second Battle of Bapaume (31 August – 3 September, a phase of the Second Battles of the Somme 1918)
The Battle of the Canal du Nord^ (27 September – 1 October)
The Battle of the St Quentin Canal^ (29 September – 2 October)
The Battle of the Beaurevoir Line^ (3 – 5 October)
The Battle of Cambrai 1918^ (8 – 9 October)
The battles marked ^ are phases of the Battles of the Hindenburg Line
The Pursuit to the Selle (9 – 12 October)
The Final Advance in Picardy (17 October – 11 November, including the Battle of the Sambre (4 November) and the capture of Mons (11 November))

The Division was selected to advance into Germany as an advance screen for Fourth Army and form part of the Occupation Force. The move began on 17 November, Cinet and Rochefort were reached five days later and the 5th Cavalry Brigade crossed the German border south of St Vith on 1 December. The Division ceased to exist at midnight 31 March / 1 April 1919.

The order of battle of the 2nd Cavalry Division

3rd Cavalry Brigade joined on 13 September 1914
4th Hussars
5th Royal Irish Lancers
16° Lancieri
D Battery, RHA joined from III Brigade RHA 17 September 1914
3rd Signal Troop RE
3rd Cavalry Bde Squadron Machine Gun Corps (Cavalry) formed 29 February 1916
5th Cavalry Brigade joined on 13 September 1914
2nd Dragoons (Royal Scots Greys)
12th Lancers
20th Hussars
E Battery, RHA joined from III Brigade RHA 17 September 1914
5th Signal Troop RE
5th Cavalry Bde Squadron Machine Gun Corps (Cavalry) formed 26 February 1916
4th Cavalry Brigade joined from 1st Cavalry Division on 14 October 1914
Composite Regiment of Household Cavalry left 11 November 1914
6th Dragoon Guards (Carabiniers)
3rd Hussars
1st Queen’s Own Oxfordshire Hussars joined 11 November 1914
J Battery, RHA
4th Signal Troop RE
4th Cavalry Bde Squadron Machine Gun Corps (Cavalry) formed 28 February 1916
Artiglieria divisionale
III Brigade, RHA and III Brigade Ammunition Column, RHA joined from 1st Cavalry Division 17 September 1914 D Battery then placed under 3rd Cavalry Brigade and E Battery under 5th Cavalry Brigade. Brigade HQ was broken up in September 1914 and not reformed until 15 March 1915, although the batteries remained.
1/1st Warwickshire Battery, RHA joined 4 December 1914, left 14 April 1915 for 9th Cavalry Brigade.
Ingegneri reali
2nd Field Squadron joined 16 October 1914
2nd Signal Squadron formed about 28 September 1914
Royal Army Medical Corps
2nd Cavalry Field Ambulance joined with 3rd Cavalry Brigade
5th Cavalry Field Ambulance joined with 5th Cavalry Brigade
4th Cavalry Field Ambulance joined 16 October 1914
No 4 Sanitary Section joined 12 January 1915, retitled as 4A in December 1915
Royal Army Veterinary Corps
7th Mobile Veterinary Section joined 16 September 1914
8th Mobile Veterinary Section joined with 3rd Cavalry Brigade
9th Mobile Veterinary Section joined 15 October 1914
Other Divisional Troops
1/1st Leicestershire Yeomanry joined 14 March 1918, absorbed into regiments of 3rd Cavalry Brigade 4 April 1918
2nd Cavalry Divisional HQ ASC 424 (Horsed Transport) Company, formed 10 October 1914
2nd Cavalry Divisional Auxiliary (Horse) ASC 575 (Horsed Transport) Company, formed 25 September 1915
2nd Cavalry Divisional Supply Column ASC 46 and 413 (Mechanical Transport) Companies. 46 absorbed 413 on 10 October 1916.
772nd Divisional Employment Company formed on 16 September 1917
2nd Cavalry Division Field Ambulance Workshop joined by 26 February 1915, absorbed into Divisional Supply Column 16 April 1916

Divisional memorials

There is no memorial to the 2nd Cavalry Division.

Divisional histories

There appears to be no published history of the 2nd Cavalry Division but it receives much coverage in Anglesey’s history of the British cavalry on the Western Front.


The Plugstreet Archaeological Project

The Battle of Messines

The aim of this carefully planned assault was to drive the enemy from the high ground, straightening the front line (the dotted line on map marks the battle objective) and placing the advantage of the high ground in Allied hands, ready for the planned battle of Passchendaele, just to the north, in the autumn of 1917.

Passchendaele Ridge, situated to the east of Ypres, was a major strategic aim. The capture of this high ground would put the Allies in possition to drive the enemy back across the flat expanse of Flanders. But without first capturing Messines Ridge, the assault of Passchendaele would have been foolhardy. If the curve of Messines Ridge were still in German hands, pushing the front line eastwards of Ypres, would transform the bulge in the front line into a loop and the door would have been left open for the enemy to attack from the north and south, cutting off the Allied troops and capturing the city of Ypres, which had stood as a symbol of defiance from the first days of the war.

The 1917 battle was the first substantial Allied victory of the First World War, putting into practice the lessons learned over the years of stalemate on the Western Front. The attack brought together all the Commonwealth forces Anzacs, Canadians, Irish and many of the British divisions, famous for actions on The Somme the previous summer. This battle was one of the first to employ the skills of all branches of the land forces to break the enemy line with brutal force.

The main attack was launched on the 7th of June 1917 with the detonation of over 450 tons of explosive placed some 75 feet below the enemy lines, at intervals along the front. At 3am the largest conventional man made explosion in history echoed across Europe. Earth was sent skywards in nineteen places along a nine mile front stretching from the well known Hill 60 not far from Ypres to an ancient moated farmstead known as Factory Farm, close to the French Border. The Commonwealth forces rushed forward, capturing trenches, which had been held by their now stunned enemy.


Battaglia

A German attack threatened the left flank of the 1st Cavalry Division (Major-General Beauvoir De Lisle), which held its position on Messines Ridge despite substantial casualties. The 3rd Cavalry Brigade of the 2nd Cavalry Division was shelled out of its positions at Kortewilde and the line was withdrawn to Hollebeke Château. Confusion over the orders, meant the units interpreted the order from Gough to retreat to this new line as an order for a general retreat beyond Hollebeke Château. Once this was realised, Gough ordered an immediate counter-thrust to recapture lost ground. The attack succeeded with little loss, against the German Cavalry Corps. Lieutenant-General Gustav von Hollen, given command of the Cavalry Corps after his performance commanding German IV Cavalry Corps on 20 October, was dismissed and replaced by General Georg von der Marwitz. The 6th Cavalry Brigade and the 7th Division moved to cover the gap that threatened the left flank.

To the south of the 7th Division and 3rd Cavalry Division, the 2nd Cavalry Division was not troubled by the II Bavarian Corps but German artillery caused some difficulty, when it shelled Hollebeke. Gough only had 1,500 men and ten guns of the 10,000 men and fifty guns deemed necessary to defend such a position and the troops were spread over 4 miles (6.4 km). The Germans forced the 3rd Cavalry Brigade out of position at midday. The leading German units were less than 3 miles (4.8 km) from Ypres but pushed no further. The 1st Cavalry Division repulsed German attacks to the south, aimed at Messines. Foch, the Commander in Chief of French forces in the north, sent eight battalions from French XVI Corps to Hollebeke and the French 32nd Division to St Eloi as reinforcements. In the morning a German attack attempted to push between Messines and the Comines Canal held by the Cavalry Corps. Fabeck moved the 6th Bavarian Reserve Division and the 26th Division of the II Bavarian Corps up, to begin the assault during the evening of 30 October.

The German 26th Württemberg Division began its offensive at 4:30 a.m. and broke into Messines after nearly five hours of fighting, the 6,000 men of Infantry Brigade 51 facing fewer than 900 British cavalry. The British conducted a house-to-house fight, retreating out of the town and then around noon, the 9th and 13th brigades of II Corps arrived and conducted an advance to the Messines road. The brigades engaged the 6th Bavarian Division, preventing it from supporting the 26th Division, the British suffering many losses, as did the Germans in their efforts to reach Messines. To the north of Messines, the 2nd Cavalry Division was engaged by elements of the 6th Bavarian Reserve Division and all of the 3rd Bavarian Division. Gough received six French artillery batteries and 1 1⁄2 Indian battalions but were opposed by c. 16,000 German infantry. The French sent a Cuirassier and an infantry brigade from the 32nd Division, although they played little part in the battle. Despite heavy shelling by German guns from 6:00 a.m., no infantry assault took place until 2:45 p.m., due to the advance of II Corps on the right (south) of the 2nd Cavalry Division into the Bavarian flank.

Wytschaete was held by only 415 men of the Household Cavalry Composite Regiment. The ridge between the town and Messines was held by 600 men of the 6th Dragoon Guards and survivors of the London Scottish Regiments, against six German battalions, odds of 12:1. Both were steadily forced back from their positions at the towns and ridge lines by 4:00 a.m. At 6:00 a.m. another German infantry attack developed. Wytschaete had fallen at 2:45 a.m. but German infantry struggled to secure the ridge and did not succeed until 7:35 a.m. The 5th Cavalry Brigade and 9th Brigade committed 12th Lancers and Gough committed the 1st Lincolns and Northumberland Fusiliers from 9th Brigade, to retake the ridge and town. They failed at the ridge but the Lancers recaptured the town. The Lincolns and the Northumberlands lost about 30 percent of their strength trying to recapture the ridge. The 1st Cavalry Division in the Messines area fell back and the lost ridges exposed Messines to German artillery-fire. As long as Wytschaete (to the north of Messines) and Warneton (to the south of Messines) remained in British hands, it was possible to prevent a German breakthrough in the south.

To safeguard their retirement, the British shelled Messines to prevent the Germans maintaining close contact. RFC aircraft were also busy, attacking German ground forces and harassing advancing columns. Elsewhere the Germans were less successful. The 3rd Pomeranian Division was brought up to drive the British back out of Wytschaete. The French rushed the 32nd Division of I Corps, to reinforce the British in the town and the 39th Division was assigned to recapture Messines. The 39th Division attack failed and the 32nd Division and the remaining British were pushed out of Wytschaete, by the 6th Bavarian Reserve Division of II Bavarian Corps the Germans suffering many casualties attacking the French 32nd Division. By the morning of the 1 November, the Germans had secured the line and both towns but the ridges to the west of the Wytschaete–Messines line were held by the French 32nd Division. The British were exhausted and most divisions had been reduced to a shadow. The British 7th Division had only 2,380 men left and was withdrawn from the line and replaced by the 8th Division from Britain. The Germans had also suffered high losses and needed to pause to reinforce their formations. The front fell quiet, action being limited to raids by both sides and heavy shelling of Ypres by German artillery. The Germans made their last effort against Ypres on 10 November.


The Battle of Messines

At dawn yesterday Sir Douglas Haig began the Battle of Messines, after a week’s bombardment which transcended in violence and intensity even the tremendous preliminary artillery attacks at the Battles of the Somme and of Arras. Late last night the splendid news came that the whole of the Messines Ridge has been captured, and that thousands of prisoners have been taken.

The country around Ypres is to the British Army what Verdun has become to the French. It is the scene of the hardest and most desperate fighting our troops have known in the war, and nowhere have they gained greater glory. Twice near Ypres the enemy have all but attained their object, and have been on the verge of smashing through to the Channel


Guarda il video: La Prima guerra mondiale - 2. La prima fase del conflitto 1914-15 (Agosto 2022).