La storia

Virginia Company di Londra

Virginia Company di Londra


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La Virginia Company of London, la compagnia privata che fondò la colonia inglese in Virginia, è anche conosciuta come London Company. Fu originariamente costituita nell'aprile 1606, come suddivisione di una società più grande, ma nel 1609 fu riorganizzata come una società per azioni separata, ufficialmente conosciuta come "The Treasurer and Company of Adventurers and Planters of the City of London for the First Colony of Virginia." La compagnia fu sciolta nel 1624 e la colonia proprietaria della Virginia divenne una Royal Colony.


Virginia Company

Il Virginia Company si riferisce collettivamente a due società per azioni costituite sotto Giacomo I il 10 aprile 1606 [1] [2] [3] con l'obiettivo di stabilire insediamenti sulla costa del Nord America. [4] Le due società sono indicate come la "Virginia Company of London" (o la London Company) e la "Virginia Company of Plymouth" (o la Plymouth Company), e operavano con charter identici in territori diversi. Le carte stabilirono un'area di territorio sovrapposto nel Nord America come zona cuscinetto e alle due società non fu permesso di stabilire colonie entro 100 miglia l'una dall'altra. La Plymouth Company non ha mai rispettato il suo statuto, ma il suo territorio è stato rivendicato dall'Inghilterra ed è diventato il New England.

In quanto corporazioni, le società erano autorizzate dalla Corona a governarsi da sole. Questo diritto fu trasferito alla colonia in seguito allo scioglimento del terzo Statuto nel 1621. La Virginia Company fallì nel 1624, ma il diritto all'autogoverno non fu tolto alla colonia. Il principio è stato stabilito che una colonia reale dovrebbe essere autogoverno, e questo è accreditato di aver formato la genesi della democrazia in America. [5] [6] [7] : 90–91


Storia della Virginia Company of London: con lettere da e per la prima colonia, mai stampate prima (Libro)

Numerose istituzioni educative ci raccomandano, tra cui l'Università di Oxford e l'Università del Missouri. La nostra pubblicazione è stata recensita per uso didattico da Common Sense Education, Internet Scout, Merlot II, OER Commons e School Library Journal. Si prega di notare che alcune di queste raccomandazioni sono elencate sotto il nostro vecchio nome, Ancient History Encyclopedia.

La World History Encyclopedia Foundation è un'organizzazione senza scopo di lucro registrata in Canada.
Ancient History Encyclopedia Limited è una società senza scopo di lucro registrata nel Regno Unito.

Alcuni diritti riservati (2009-2021) sotto licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike se non diversamente specificato.


La Seconda Carta della Virginia 1609

Fin dall'inizio la Virginia Company ottenne l'autorità di governare la propria colonia. Un consiglio direttivo in Inghilterra, composto da membri della società per azioni che di solito erano mercanti di grande distinzione, fu formato subito dopo che il re Giacomo I concesse la carta del 1606. I consiglieri furono nominati apparentemente dal re, ma in realtà furono nominati dall'appartenenza, o più spesso, dal gruppo dirigente interno dell'azienda. Il consiglio in Inghilterra ha impartito istruzioni ai primi coloni che nominano un consiglio coloniale per prendere decisioni quotidiane. Questo gruppo si dimostrò inefficace e alla fine fu nominato un governatore, Lord Delaware. Agendo sotto il consiglio in Inghilterra, il governatore aveva potere assoluto. L'autorità di stabilire o modificare un governo in Virginia si basava sulla carta concessa dal re in questo senso, il re delegava parte del suo potere ad altri.

La Seconda Carta della Virginia (23 maggio 1609)

Considerando che, su umile suite e richiesta di sondrie, noi siamo sudditi amorevoli e ben disposti che intendono dedurre una colonia e fare habitacion e plantacion di sondrie del nostro popolo in quella parte dell'America comune chiamata Virginia, e in altre parti e territori in America o apperteyninge a noi o che non sono effettivamente in possesso di alcun principe cristiano o di persone entro certi confini e regioni, abbiamo precedentemente, con le nostre lettere patenti recanti data il decimo di aprile del quarto anno della nostra regna d'Inghilterra, Francia e Irlanda, e il nono e il trentesimo di Scozia, concesse a Sir Thomas Gates, Sir George Somers e altri, per la più rapida realizzazione di detta plantacion e habitacion, che avrebbero dovuto dividersi in due colonie, quella composta da diversi cavalieri, gentiluomini, mercanti e altri della nostra città di Londra, chiamata la Prima Collonie e l'altra di Sondrie Knights, gentlemen e altri delle città di Bristoll, Exe ter, la città di Plymouth e altri luoghi, chiamati Second Collonie, hanno ceduto e concesso privilegi e libertà maine e sondrie a ciascuna Collonie per il loro tranquillo insediamento e il buon governo in essa, come dalle dette lettres patents risulta più in generale.

Ora, poiché i subacquei e le figlie dei nostri amorosi sudditi, nonché avventurieri come piantatori, della detta Prima Collonie (che si sono già impegnati a promuovere gli affari di detta piantagione e intendono inoltre, con l'assistenza di Dio Onnipotente, perseguire lo stesso ad un lieto fine) hanno di recente ben umili corteggiatori di noi che, per quanto riguarda i loro grandi chardeges e l'avventura di molte delle loro vite che hanno azzardato nella suddetta scoperta e piantagione di detto paese, saremmo lieti concedere loro un ulteriore ampliamento e spiegazione dei suddetti graunte, privilegi e libertà, e che tali consiglieri e altri ufficiali possano essere nominati tra loro per gestire e dirigere i loro affari [come] sono disposti e pronti ad avventurarsi con loro come anche le cui dimore non sono così distanti dalla città di Londra, ma possono essere pronte a disposizione per dare consigli e assistenza in tutte le occasioni ita.

  • Robert, conte di Salisburie [Salisbury]
  • Tommaso, Conte di Suffolke [Suffolk]
  • Henrie, Conte di Southampton
  • William. Conte di Pembroke [Henrie]
  • [Henrie] Conte di Lincolne [Lincoln]
  • Henrie, Conte di Dorsett [Dorset]
  • Tommaso, conte di Exeter
  • Phillipp, Conte di Mountgommery
  • Robert, Lord Visconte Lisle
  • Teofilo, Lord Howard di Walden
  • James Mountague, Lord Bishopp di Bathe e Wells
  • Edward, Lord Zouche
  • Thomas, Lord Lawarra
  • Wiliam, Lord Mounteagle
  • Rafe, Lord Ewre
  • Edmond, Lord Sheffeild [Sheffield]
  • Grey, Lord Shandis [Chandois]
  • [Grigio], Lord Compton
  • John, Lord Petre
  • John, Lord Stanhope
  • George, Lord Carew
  • Sir Humfrey Welde, sindaco di Londra [Saldatura]
  • George Pertie, Esquire [Percie]
  • Sir Edward Cecill, Cavaliere [Cecil]
  • Sir George Wharton, Cavaliere
  • Frauncis West, Esquire
  • Sir William Waade, cavaliere [Wade]
  • Sir Henrie Nevill, Cavaliere [Nevil]
  • Sir Thomas Smithe, cavaliere [Smith]
  • Sir Oliver Cromwell, Cavaliere
  • Sir Peter Manwood, Cavaliere
  • Sir Dru Drurie, Cavaliere [Drury]
  • Sir John Scott, cavaliere [scozzese]
  • Sir Thomas Challouer, Cavaliere [Challoner]
  • Sir Robert Drurie, Cavaliere [Drury]
  • Sir Anthonye Cope, Cavaliere
  • Sir Horatio Veere, Cavaliere [Vere]
  • Sir Edward Conwaie, Cavaliere [Conway]
  • Sir William Browne [Marrone]
  • Sir Maurice Barkeley, Cavaliere [Berkeley]
  • Sir Roberte Maunsell, Cavaliere [Mansel]
  • Sir Amias Presou, Cavaliere [Preston]
  • Sir Thomas Gates, Cavaliere
  • Sir Anthonie Ashley, Cavaliere [Ashly]
  • Sir Michaell Sandes, Cavaliere [Sandys]
  • Sir Henrie Carew, Cavaliere [Carey]
  • Sir Stephen Soame, Cavaliere
  • Sir Calisthenes Brooke, Cavaliere
  • Sir Edward Michelborne, Cavaliere [Michelborn]
  • Sir John Racliffe, Cavaliere [Ratcliffe]
  • Sir Charles Willmott, Cavaliere [Wilmot]
  • Sir George Moore, Cavaliere [Moro]
  • Sir Hugh Wirrall, Cavaliere [Wirral]
  • Sir Thomas Dennys, Cavaliere [Dennis]
  • Sir John Hollis, Cavaliere [Holles]
  • Sir William Godolphin, Cavaliere
  • Sir Thomas Monnson, Cavaliere [Monson]
  • Sir Thomas Ridgwaie, cavaliere [Ridgwine]
  • Sir John Brooke, Cavaliere
  • Sir Roberte Killigrew, Cavaliere
  • Sir Henrie Peyton, Cavaliere
  • Sir Richard Williamson, Cavaliere
  • Sir Ferdinando Weynman, Cavaliere
  • Sir William St. John, Cavaliere
  • Sir Thomas Holcrofte, Cavaliere [Holcroft]
  • Sir John Mallory, Cavaliere
  • Sir Roger Ashton, Cavaliere
  • Sir Walter Cope, Cavaliere
  • Sir Richard Wigmore, Cavaliere
  • Sir William Cooke, Cavaliere [Coca]
  • Sir Herberte Crofte, Cavaliere
  • Sir Henrie Faushawe, Cavaliere [Fanshaw]
  • Sir John Smith, Cavaliere
  • Sir Francis Wolley, Cavaliere
  • Sir Edward Waterhouse, Cavaliere
  • Sir Henrie Sekeford, cavaliere [Seekford]
  • Sir Edward Saudes, Cavalieri [Edwin Sandys]
  • Sir Thomas Wayneman, Cavaliere [Waynam]
  • Sir John Trevor, Cavaliere
  • Sir Warrwick Heale, Cavaliere [Heele]
  • Sir Robert Wroth, Cavaliere
  • Sir John Townnesende, Cavaliere [Townsend]
  • Sir Christopher Perkins, Cavaliere
  • Sir Daniell Dun, Cavaliere
  • Sir Henrie Hobarte, cavaliere [Hobart]
  • Sir Franncis Bacon, Cavaliere
  • Sir Henrie Mountague, Cavaliere [Montague]
  • Sir Georg Coppin, Cavaliere
  • Sir Samuell Sandes, cavaliere [Sandys]
  • Sir Thomas Roe, Cavaliere
  • Sir George Somers, Cavaliere
  • Sir Thomas Freake, Cavaliere
  • Sir Thomas Horwell, Cavaliere [Harwell]
  • Sir Charles Kelke, Cavaliere
  • Sir Baptist Hucks, Cavaliere [Hicks]
  • Sir John Watts, Cavaliere
  • Sir Roberte Carey, Cavaliere
  • Sir William Romney, Cavaliere
  • Sir Thomas Middleton, Cavaliere
  • Sir Hatton Cheeke, Cavaliere
  • Sir John Ogle, Knighte
  • Sir Cavallero Meycot, Cavaliere
  • Sir Stephen Riddlesden, cavaliere [Riddleson]
  • Sir Thomas Bludder, Cavaliere
  • Sir Anthonie Aucher, Cavaliere
  • Sir Robert Johnson, Cavaliere
  • Sir Thomas Panton, Cavaliere
  • Sir Charles Morgan, Cavaliere
  • Sir Stephen Powle, Cavaliere [Polo]
  • Sir John Burlacie, Cavaliere
  • Sir Christofer Cleane, cavaliere [Ferma]
  • Sir George Hayward, Cavaliere
  • Sir Thomas Dane, Cavaliere [Davis]
  • Sir Thomas Dutton, Cavaliere [Sutton]
  • Sir Anthonie Forrest, Cavaliere [Foresta]
  • Sir Robert Payne, Cavaliere
  • Sir John Digby, Cavaliere
  • Sir Dudley Diggs, Cavaliere [Digges]
  • Sir Rowland Cotton, Cavaliere
  • Doctour Mathewe Rutcliffe [Sutcliffel
  • Dottor Meddowes [Prati]
  • Dottor Tumer
  • Dottor Poe
  • Capitano Pagam
  • Capitano Jeffrey Holcrofte
  • Capitano Raunne [Romney]
  • Capitano Henrie Spry
  • Capitano Shelpton [Shelton]
  • Capitano Spark [Scintille]
  • [Capitano] Thomas Wyatt [Wyat]
  • Capitano Brinsley
  • Capitano William Courtney
  • Capitano Herbert
  • Capitano Clarke
  • Capitano Dewhurst
  • Capitano John Blundell
  • Capitano Frier [Friggitrice]
  • Capitano Lewis Orwell
  • Capitano Edward Lloyd [Loyd]
  • Capitano Slingesby
  • Capitano Huntley [Hawley]
  • Capitano Orme
  • Capitano Woodhouse
  • Capitano Mason
  • Capitano Thomas Holcroft
  • Capitano John Cooke [Coca Cola]
  • Capitano Hollis [Holles]
  • Capitano William Proude
  • Capitano Henrie Woodhouse
  • Capitano Richard Lindeley [Lindesey]
  • Capitano Dexter
  • Capitano William Winter
  • Capitano Herle [Perla
  • Capitano John Bingham
  • Capitano Burray
  • Capitano Thomas Conwey [Conway]
  • Capitano Rookwood
  • Capitano William Lovelace
  • Capitano John Ashley
  • Capitano Thomas Wynne
  • Capitano Thomas Mewtis
  • Capitano Edward Harwood
  • Capitano Michaell Evered [Everard]
  • Capitano Connoth [Comock]
  • Capitano Miles [Mills]
  • Capitano Pigott [Pigot]
  • Capitano Edward Maria Wingfeild [Wingfield]
  • Capitano Christopher Newporte [Newport]
  • Capitano John Siclemore, alias Ratcliffe [Sicklemore]
  • Capitano John Smith
  • Captyn John Martyn [Martin]
  • Capitano Peter Wynne
  • Capitano Waldoe [Waldo]
  • Captyn Thomas Wood
  • Capitano Thomas Button
  • George Bolls, Esquire, sceriffo di Londra
  • William Crashawe, [impiegato], Bachelor of Divinite
  • William Seabright, Esquire
  • Christopher Brook, Esquire
  • John Bingley, Esquire
  • Thomas Watson, Esquire
  • Richard Percivall, Esquire [Percival]
  • John Moore, Esquire
  • Hugh Brooker, Esquire
  • David Waterhouse, Esquire [Woodhouse]
  • Anthonie Auther, Esquier [Aucher]
  • Roberte Bowyer, Esquire [Boyer]
  • Raphe Ewens, Esquire
  • Zacharie Jones, Esquire
  • George Calvert, Esquire
  • William Dobson, Esquire
  • Henry Reynold, Esquire [Reynolds]
  • Thomas Walker, Esquire
  • Anthonie Barnars, Esquire
  • Thomas Sandes, Esquire [Sandys]
  • Henrie Sand, Esquire [Sandys]
  • Richard Sand [Sandys], figlio di Sir Edwin Sandes [Sandys]
  • William Oxenbridge, Esquire
  • John Moore, Esquire
  • Thomas Wilson, Esquire
  • John Bullocke, Esquire [Bulllock]
  • John Waller, [Esquire]
  • Thomas Webb
  • Jehughe Robinson
  • William Brewster
  • Robert Evelyn
  • Henrie Dabenie [Danby]
  • Richard Hacklewte, ministro [Hackluit]
  • John Eldred, marchese [Eldrid]
  • William Russell, marchese
  • John Merrick, marchese
  • Richard Bannester, mercante [Ringhiera]
  • Charles Anthonie, orafo [Anthony]
  • John Banck [Banche]
  • William Evans
  • Richard Humble
  • Robert Chamberleyne, marchese [Richard Chamberlayne]
  • Thomas Barber, marchese
  • Richard Pevyrell, mercante [Pomet]
  • John Fletcher, mercante
  • Thomas Nicholls, mercante
  • John Stoak, mercante [Stoke]
  • Gabriell Archer
  • Franncis Covell [Covel]
  • William Bouham [Bonham]
  • Edward Harrison
  • John Wolstenholme
  • Nicholas Salter
  • Hugh Evans
  • William Barners [Barnes]
  • Otho Mawdett [Mawdet]
  • Richard Staper, marciante
  • John Elkin, marchese
  • William Cayse [Coyse]
  • Thomas Perkin, bottaio
  • Humfrey Ramell, bottaio [Humphrey James]
  • Henry Jackson
  • Roberte Shingleton [Singleton]
  • Christopher Nicholls
  • John Harper
  • Abraham Chamberlaine [Chamberlayne]
  • Thomas Shipton
  • Tommaso Carpentiere
  • Anthoine Crewe [equipaggio]
  • George Holman
  • Robert Hill
  • Cleophas Smithe [Smith]
  • Raphe Harrison
  • John Farmer
  • James Brearley
  • William Crosley [Crosby]
  • Richard Cocks [Cox]
  • John Gearinge [Ingranaggio]
  • Richard Strough, iremonnger [Strongarm]
  • Thomas Langton
  • Griffith Hinton
  • Richard Ironside
  • Richard Deane [Decano]
  • Richard Turner
  • William Leveson, mercenario [Lawson]
  • James Chatfeilde [Chatfield]
  • Edward Allen [Edward Allen Tedder]
  • Tedder Roberts
  • Heldebrand Sprinson [Robert Hildebrand Sprinson]
  • Arthur topo
  • John Gardener [Gardiner]
  • James Russell [Russel]
  • Richard Casewell [Caswell]
  • Richard Evans [Evans]
  • John Hawkins
  • Richard Kerrill [Kerril]
  • Richard Brooke
  • Mathewe Scrivener, gentiluomo [Screvener]
  • William Stallendge, gentiluomo [Stallenge]
  • Arthure Venn, signore
  • Saund Webb, signore [Sandys Webbe]
  • Michaell Phettiplace, signore
  • William Phetiplace, gentiluomo [Phettiplace]
  • Ambrose Brusey, gentiluomo [Prusey]
  • John Taverner, signore
  • George Pretty, signore
  • Peter Latham, signore
  • Thomas Monnford, gentiluomo [Montford]
  • William Cautrell, gentiluomo [Cantrel]
  • Richard Wiffine, gentiluomo [Wilfin]
  • Raphe Mooreton, gentiluomo [Moreton]
  • Giovanni Cornelli [Comelio]
  • Martyn Freeman
  • Raphe Freeman
  • Andreau Moore
  • Tommaso Bianco
  • Edward Perkin
  • Robert Osey
  • Thomas Whitley
  • George Pitt [Fossa]
  • Roberte Parkehurste [Parkhurst]
  • Thomas Morris
  • Peter Vaulore [Harloe]
  • Jeffrey Duppa
  • John Gilbert
  • William Hancock
  • Mathew Bromrigg [Marrone]
  • Francis Tirrell [Tyrrel]
  • Randall Carter
  • Othowell Smithe [Smith]
  • Thomas Honnyman [Hamond]
  • Marten Bonde, merceria [Bond]
  • Joan Mousloe [John Mousloe]
  • Roberte Johnson
  • William Younge [Giovane]
  • John Woddall [Woodal]
  • William Felgate
  • Humfrey Westwood
  • Riccardo Campione
  • Henrie Robinson
  • Francesco Mapes
  • William Sambatch [Sambach]
  • Rauley Crashawe [Ralegh Crashaw]
  • DaruelLliacker
  • Tommaso Grave
  • Hugh Willestone
  • Thomas Culpepper, di Wigsell, Esquire
  • John Culpepper, signore
  • Henrie Lee
  • Josias Kirton, gentiluomo [Kerton]
  • John Porie, gentiluomo [Pory]
  • Henrie Collins
  • George Burton
  • William Atkinson
  • Thomas Forrest [Foresta]
  • John Russell [Russel]
  • John Houlte [Holt]
  • Harman Harrison
  • Gabriell Beedell [Beedel]
  • John Beedell [Beedel]
  • Henrie Dankes [Dawkes]
  • George Scott [scozzese]
  • Edward Fleetewood, gentiluomo [Fleetwood]
  • Richard Rogers, signore
  • Arthure Robinson
  • Robert Robinson
  • John Huntley
  • John Gray [Grigio]
  • William Payne
  • William Feilde [Campo]
  • William Wattey
  • William Webster
  • John Dingley
  • Thomas Draper
  • Richard Glanvil [Glanvil]
  • Arnolde Lulls [Scafi]
  • Henrie Rowe [Roe]
  • William Moore [Di Più]
  • Nicholas Grice [Gryce]
  • James Monnger [Monger]
  • Nicholas Andrewes [Andrews]
  • Jerome Haydon, iremonnger [Jeremy Haydon]
  • Phillipp Durrant [Philip Durette]
  • John Quales [Quarles]
  • John West
  • Madlew Springham [Springham]
  • John Johnson
  • Christopher Hore
  • George Barkeley
  • Thomas Sued [Snead]
  • George Barkeley [Berkeley]
  • Ardhure Pett [animale domestico]
  • Thomas Careles
  • William Barkley [Berkley]
  • Thomas Johnson
  • Alexander piegato [piegato]
  • Capitano William Kinge [Re]
  • George Sandes, gentiluomo [Sandys]
  • James White, signore
  • Edmond Wynn [Wynne]
  • Carlo Towler
  • Richard Reynold
  • Edward Webb
  • Richard Maplesden
  • Thomas Leve [Leva]
  • David Bourne
  • Thomas Wood
  • Rafe Hamer
  • Edward Barnes, mercenario
  • John Wright, mercer
  • Robert Middleton
  • Edward Litsfeild [Littlefield]
  • Katherine West
  • Thomas Webb [Web]
  • Rafe Kinge [Re]
  • Roberte Coppine [Coppin]
  • James Askewe
  • Christopher Nicholls [Christopher Holt]
  • William Bardwell
  • Alexander Childe [Cile]
  • Lewes Tate
  • Edward Ditchfeilde [Ditchfield]
  • James Swifte
  • Richard Widdowes, orafo
  • Edmonde Brundells [Brudenell]
  • John Hanford [Hansford]
  • Edward Wooller
  • William Palmer, merciaio
  • John Badger
  • John Hodgson
  • Peter Monnsill [Mounsel]
  • Jahn Carrill [Carril]
  • John Busbridge [Bushridge]
  • William Dunn [Dun]
  • Thomas Johnson
  • Nicholas Benson
  • Thomas Shipton
  • Nathaniell Wade
  • Randoll Wettwood [Wetwood]
  • Matteo Dequester
  • Charles Hawkins
  • Hugh Hamersley
  • Abraham Cartwright
  • George Bennet [Bennet]
  • William Cattor [Approvvigionare]
  • Richard Goddart
  • Henrie Cromwell
  • Phinees Pett [animale domestico]
  • Roberte Cooper
  • Henrie Neite [Nuovo]
  • Edward Wilks [Wilkes]
  • Roberte Bateman
  • Nicholas Farrar
  • Giovanni Newhouse
  • Giovanni Cason
  • Thomas Harris, signore
  • George Etheridge, signore
  • Thomas Mayle, signore
  • Richard Stratford [Stafford]
  • Tommaso
  • Richard Cooper
  • John Westrowe [Westrow]
  • Edward Welshe [Welch]
  • Thomas Brittanie [Gran Bretagna]
  • Thomas Knowls [Conosce]
  • Ottaviano Thome
  • Edmonde Smith [Smith]
  • Giovanni marzo
  • Edward Carew
  • Thomas Pleydall
  • Richard Lea [Lascia]
  • Miles Palmer
  • Henrie Prezzo
  • John Josua, gentiluomo [Joshua]
  • William Clawday [Clauday]
  • Jerome Pearsye
  • John Bree, signore
  • William Hampson
  • Christopher Pickford
  • Thomas Hunt
  • Thomas Truston
  • Christopher Lanman [Salmone]
  • John Haward, impiegato [Howard]
  • Richarde Partridge
  • Allen Cotton [Cassen]
  • Felix Wilson
  • Thomas Colethurst [Bathurst]
  • George Wilmer
  • Andrew Wilmer
  • Morrice Lewellin
  • Thomas Jedwin [Godwin]
  • Peter Burgoyne
  • Thomas Burgoyne
  • Roberte Burgoyne
  • Roberte Smithe, commerciante [Smith]
  • Edward Cage, droghiere
  • Thomas Canon, gentiluomo [Cannone]
  • William Welby, stazionario
  • Clement Wilmer, signore
  • John Clapham, signore
  • Giles Fraunces, signore [Francesco]
  • George Walker, sadler
  • John Swinehowe, stazionario [Swinhow]
  • Edward Bushoppe, stazionario [Vescovo]
  • Leonard White, signore
  • Christopher Barron [Barone]
  • Peter Benson
  • Richard Smith [Smith]
  • George Prockter, ministro [Proctor]
  • Millicent Ramesden, vedova [Ramsdent]
  • Giuseppe Soane
  • Thomas Hinshawe [Hinshaw]
  • Giovanni Baker
  • Robert Thorneton [Thomton]
  • John Davis [Davis]
  • Edward Facett [Facetl
  • George Nuce, gentiluomo [Newce]
  • John Robinson
  • Capitano Thomas Wood
  • William Browne, calzolaio [Brown]
  • Roberte Barker, calzolaio
  • Roberte Penington [Pennington]
  • Francis Burley, ministro
  • William Quick, droghiere
  • Edward Lewes, droghiere [Lewis]
  • Laurence Campe, tappezziere
  • Aden Perkins, droghiere
  • Richard Shepparde, predicatore [Pastore]
  • William Sheckley, merciaio [Sherley]
  • William Tayler, merciaio [Taylor]
  • Edward Lukyn, gentiluomo [Edwin Lukin]
  • John Francklyn, merciaio [Franklyn]
  • John Southicke [Southwick]
  • Peter Peate
  • George Johan, iremonger
  • George Yardley, gentiluomo [Yeardley]
  • Henrie Shelly [Shelley]
  • John Pratt [Prato]
  • Thomas Church, drappiere
  • William Powell, gentiluomo [Powel]
  • Richard Frithe, gentiluomo [Frith]
  • Thomas Wheeler, drappiere
  • Franncis Hasilerigg, gentiluomo [Haselrig]
  • Hughe Shippley, signore [Shipley]
  • John Andrewes, thelder, [medico], di Cambridge [Andrews]
  • Franncis Whistley, gentiluomo [Whistler]
  • John Vassall, gentiluomo
  • Richard Howle
  • Edward Barkeley, gentiluomo [Berkeley]
  • Richard Knerisborough, gentiluomo [Keneridgburg]
  • Nicholas Exton, drappiere
  • William Bennett, pescivendolo [Bennet]
  • James Hawood, marchese [Haywood]
  • Nicholas Isaak, mercante [Isaac]
  • William Gibbs, commerciante
  • [William] Bushopp [Vescovo]
  • Barnard Michell [Mitchel]
  • Isaake Michell [Isaac Mitchel]
  • John Streat [Streate]
  • Edoardo Gallo
  • John Marten, gentiluomo [Martin]
  • Tommaso Volpe
  • Luke Lodge
  • John Woodleefe, gentiluomo [Woodliffel
  • Riso Webb [Piichard]
  • Vincent Lowe [Basso]
  • Samuell Burnam [Burnham]
  • Edmonde Pears, merceria
  • Josua Goudge [John Googe]
  • Giovanni San Giovanni
  • Edwarde Vaughan
  • William Dunn
  • Thomas Alcock [Alcock]
  • John Andrewes, il più giovane, di Cambridge [Andrews]
  • Samuell Smithe [Smith]
  • Thomas Jerrard [Gerrard]
  • Thomas Whittingham
  • William Cannynge [Inscatolamento]
  • Paule Caminge [Inscatolamento]
  • George Chaudler [Chandler]
  • Henrye Vincent
  • Thomas Ketley
  • James Skelton
  • James Montagna [Montagna]
  • George Webb, signore
  • Josephe Newbroughesmith [Joseph Newbridge, fabbro]
  • Josias Mande [Mand]
  • Raphe Haman, il giovane [Hamer]
  • Edward Brewster, figlio di William Brewster
  • Leonard Harwood, mercer
  • Phillipp Druerdent
  • William Carpenter
  • Collina di Tristram
  • Roberte Cock, droghiere
  • Laurence Grene, droghiere [Greene]
  • Daniell Winche, droghiere [Samuel Winch]
  • Humfrey Stile, droghiere
  • Averie Dransfeild, droghiere [Dransfield]
  • Edwarde Hodges, droghiere
  • Edward Beale, droghiere
  • Raphe Busby, droghiere
  • John Whittingham, droghiere
  • John Hide, droghiere
  • Mathew Shipperd, droghiere [Pastore]
  • Thomas Allen, droghiere
  • Richard Hooker, droghiere
  • Laurence Munckas, droghiere [Munks]
  • John Tanner, droghiere
  • Peter Gate, droghiere
  • John Blunt, droghiere
  • Roberte Berrisford, droghiere
  • Thomas Wells, signore
  • John Ellis, droghiere
  • Henrie Colthurst, droghiere
  • John Cranage, droghiere [Cavady]
  • Thomas Jenings, droghiere [Jennings]
  • Edmond Peshall, droghiere [Pashall]
  • Timothie Bathurst, droghiere
  • Gyles Parslowe, droghiere [Parslow]
  • Roberte Johnson, droghiere [Richard]
  • William Janson, vignaiolo [Johnson]
  • Ezechiell Smith
  • Riccardo Murrettone [Martin]
  • William Sharpe
  • Roberte Ritche [Ricco]
  • William Stannerd, titolare [Stannard]
  • John Stocken
  • William Strachey, gentiluomo
  • George Farmer, signore
  • Thomas Gypes, operaio tessile
  • Abraham Dawes, gentiluomo [Davies]
  • Thomas Brockett, gentiluomo [Brocket]
  • George Bathe, pescivendolo [Bache]
  • John Dike, pescivendolo
  • Henrie Spranger
  • Richard Farringdon [Farrington]
  • Chistopher Vertue, vignaiolo
  • Thomas Baley, vignaiolo [Bayley]
  • George Robins, vignaiolo
  • Tobias Hinson, droghiere
  • Urian Spencer [Vrian]
  • Clement Chachelley [Chicheley]
  • John Searpe, gentiluomo [Scarpe]
  • James Cambell, iremonger [Campbell]
  • Christopher Clitherowe, iremonger [Clitheroe]
  • Phillipp Jacobson
  • Peter Jacobson, di Andwarpe
  • William Barckley [Berkeley]
  • Miles Banck, coltellinaio [Banche]
  • Peter Highley, droghiere [Higgons]
  • Henrie John, signore
  • John Stoakley, mercante sarto [Stokeley]
  • La compagnia di mercer
  • L'azienda di drogherie
  • L'azienda dei drappeggi
  • La compagnia dei pescivendoli
  • La compagnia degli orafi
  • La compagnia degli skynners
  • I commercianti dell'azienda
  • L'azienda di mercerie
  • La compagnia dei salatori
  • La compagnia degli iremongers
  • L'azienda dei vignaioli
  • L'azienda dei tessili
  • La compagnia dei tintori
  • La compagnia dei bruers
  • La compagnia di pellettieri
  • La compagnia dei peltri
  • La compagnia dei coltellinai
  • La compagnia dei panettieri
  • La compagnia dei cacciatori di cera
  • La compagnia di sego chaundler
  • La compagnia degli armaioli
  • La compagnia delle cinture
  • L'azienda dei macellai
  • La compagnia dei sellai
  • L'azienda dei falegnami
  • La compagnia dei cordwayners
  • La compagnia dei chirurghi barbor
  • La compagnia dei pittori stayners
  • La compagnia dei corrieri
  • La compagnia dei muratori
  • L'azienda degli idraulici
  • La società dei titolari
  • L'azienda dei fondatori
  • La compagnia dei pollai
  • L'azienda dei cuochi
  • La compagnia dei bottai
  • La compagnia di piastrellisti e posatori
  • La compagnia di Bowyers
  • La compagnia di Retchers
  • La compagnia dei fabbri
  • La compagnia dei joyner
  • La compagnia dei tessitori
  • La compagnia di Wollmen
  • L'azienda del legno monnvers
  • La compagnia degli scrivani
  • La compagnia dei fruterers
  • L'azienda degli intonacatori
  • La compagnia dei brownebakers
  • La compagnia degli stazionari
  • La compagnia dei ricamatori
  • L'azienda dei tappezzieri
  • La compagnia delle musiche
  • La compagnia dei tornitori
  • La compagnia dei cestisti
  • L'azienda dei vetrai
  • John Levett, mercante [Levet]
  • Thomas Nomicott, operaio tessile [Nomicot]
  • Richard Venn, merceria
  • Thomas Scott, gentiluomo [scozzese]
  • Thomas Juxson, commerciante [Juxon]
  • George Hankinson
  • Thomas Leeyer, signore [Seyer]
  • Matteo Cooper
  • Gorge Butler, signore
  • Thomas Lawson, signore
  • Edward Smith, merciaio
  • Stephen Sparrowe
  • John Jones, mercante
  • [John] Reynold, birraio [Reynolds]
  • Thomas Plummer, commerciante
  • James Duppa, bruer
  • Rowland Coytemore [Coitmore]
  • William Sotherne [Sud]
  • Gorge Whittmoore, merceria [Whitmore]
  • Anthonie Gosoulde, la più giovane [Gosnold]
  • John Allen, pescivendolo
  • John Kettlebye, gentiluomo [Kettleby]
  • Symonde Yeomans, pescivendolo [Simon]
  • Richard Chene, orafo
  • Lancillotto Davis, gentiluomo [Clene]
  • John Hopkins, consigliere comunale di Bristoll
  • George Hooker, gentiluomo
  • Roberte Shevinge, agricoltore [Chening]

E a tali e così manie come fanno o ammetteranno d'ora in poi di gioire con loro, in forme d'ora in poi nei loro presenti espressi, sia che vadano nelle loro persone per essere piantatori lì in detta plantacion, o se non vanno, ma non avventurare i loro soldi, beni o beni mobili, che saranno un corpo o una comunità perpetua e avranno una successione perpetua e un sigillo comune che servano per detto corpo o comunità e che loro e i loro successori saranno conosciuti, chiamati e incorporati con il nome di Il Tresorer e compagnia di avventurieri e piantatori della città di Londra per la Firste Collonie in Virginia.

E che essi e i loro successori saranno da hensforth, per sempre in grado di prendere, acquisire e acquistare, con il suddetto nome (licenze per lo stesso da noi, i nostri eredi o successori prima avevano e ottenuto) qualsiasi tipo di terre, case popolari e eredità, beni e beni mobili, all'interno del nostro regno dell'Inghilterra e del dominio del Galles e che essi e i loro successori saranno ugualmente abilitati, con il suddetto nome, a perorare e ad essere implorati davanti a tutti i nostri giudici o giudici, in tutti i nostri tribunali e in anie accions o abiti qualunque.

E anche noi, di nostra detta grazia speciale, certa conoscenza e semplice mozione, concediamo, concediamo e confermiamo a detti Tresorer e Companie, e ai loro successori, sotto le riserve, limitazioni e dichiarazioni espresse di seguito, tutte quelle terre, paesi e territori scituat, lieinge ed beinge in quel luogo d'America chiamato Virginia, dalla punta di lande chiamata Cape o Pointe Comfort lungo tutta la costa del mare fino a duecento miglia verso nord e dalla detta punta di Cape Comfort lungo tutta la costa del mare fino al duecento miglia a sud e tutto lo spazio e il circuito di lande che si trovano dalla costa del suddetto distretto fino alle lande, in tutto, da mare a mare, a ovest e a nord-ovest e anche tutta l'isola che si trova entro un centinaio di miglia lungo la costa di entrambi i mari del suddetto distretto insieme a tutti i terreni, i terreni, i porti e i porti, i miei, nonché i miei reali d'oro e d'argento come altri minerali, perle e preziosi s pietre, cave, boschi, fiumi, acque, pescherecci, agi, giurisdizioni, diritti d'autore, privilegi, franchigie e preminenze all'interno di detti territori e dei recinti ivi di qualunque cosa e ivi o lì intorno, sia per mare che per terra, essendo o in anie sorta di appartenenza o appertayninge, e che wee by our lettres patents maie o cann graunte e in modo ampio e sorte come wee o anie i nostri nobili progenitori hanno finora concesso ad anie company, body pollitique o corporate, o ad anie avventuriero o avventurieri, impresario di pompe funebri o impresari di pompe funebri, di anie scoperte, piantagioni o traffico di, in, o in anie forraine parti qualunque e in modo ampio e ampio come se le stesse fossero menzionate ed espresse in modo particolare: avere, tenere, possedere e godere di tutto e singolare il dette terre, paesi e territori con tutte e singole altre premesse finora da theis [presenta] concesso o menzionato per essere concesso, a loro, il detto Tresorer un d Società, i loro successori e aventi causa, per sempre al loro esclusivo e proprio uso, i detti Tresorer e Società, i loro successori e aventi causa [per sempre], da tenere a noi, nostri eredi e successori, a partire dal nostro mandato di Estgreenewich, in regime libero e comune e non in capitale cedendo e pagando, quindi, a noi, nostri eredi e successori, le sole cinque parti di tutti i re d'oro e d'argento che di volta in volta, e in ogni momento in seguito, vi saranno ottenuti, avuto e ottenuto, per ogni sorta di servizio.

E, nondimeno, la nostra volontà e piacere è, e noi per questo presente chardge, commandande, warrant e auctorize, che i detti Tresorer e Companie e i loro successori, o la maggior parte di essi che saranno presenti e riuniti a tale scopo, di tanto in tanto, sotto il loro comune sigillo, distribuiranno, convogliano, assegneranno e assegneranno tali parti di terre, case popolari e patrimoni, mediante questi doni precedentemente concessi, a questi nostri sudditi amorevoli nati naturalmente da abitanti o altri, così come avventurieri come piantatori , come da detta Società, su commissione di indagine e distribuzione eseguita e restituita a tale scopo, sarà nominato, nominato e consentito, in cui è nostra volontà e piacere, che si abbia rispetto anche della proporzione dell'avventura[r] quanto al servizio speciale, rischio, sfruttamento o merito di qualsiasi persona in modo da essere ricompensato, avanzato o ricompensato.

E per quanto il buon e prospero successo di detta plantacion non possa che dipendere, sotto la benedizione di Dio e il sostegno della nostra reale aucthoritie, dalla provvida e buona direzione dell'intera impresa da parte di un attento e comprensivo Counsell, e che non è conveniente che tutti gli avventurieri siano così spesso attratti a incontrarsi e radunarsi come requisito per loro per avere riunioni e conferenze sui loro affari, quindi ordiniamo, stabiliamo e confermiamo che vi sarà perennemente un consigliere qui residente, secondo al tenore delle nostre ex lettres patents, il quale Counsell avrà un sigillo per il miglior governo e amministrazione di detta plantacion oltre al sigillo legale della Società o Corporacion, come nelle nostre ex lettres patents è espresso anche.

  • Henrie, conte di Southampton
  • Guglielmo, conte di Pembrooke
  • Henrie, conte di Lincoln
  • Tommaso, conte di Exeter
  • Roberte, Lord Viscounte Lisle
  • Lord Theophilus Howard
  • James, Lord Bishopp di Bathe e Wells
  • Edward, Lord Zouche
  • Thomas, Lord Laware
  • William, Lord Mounteagle
  • Edmunde, Lord Sheffeilde
  • Grey, Lord Shanndoys [Chandois]
  • John, Lord Stanhope
  • George, Lord Carew
  • Sir Humfrey Welde, sindaco di Londra
  • Sir Edward Cecil
  • Sir William Waad [Wade]
  • Sir Henrie Nevill
  • Sir Thomas Smith
  • Sir Oliver Cromwell
  • Sir Peter Manwood
  • Sir Thomas Challoner
  • Sir Henrie Hovarte [Hobart]
  • Sir Franncis Bacon
  • Sir George Coppin
  • Sir John Scott
  • Sir Henrie Carey
  • Sir Roberte Drurie [Drury]
  • Sir Horatio Vere
  • Sir Eward Conwaye [Conway]
  • Sir Maurice Berkeley [Barkeley]
  • Sir Thomas Gates
  • Sir Michaele Sands [Sandys]
  • Sir Roberte Mansfeild [Mansel]
  • Sir John Trevor
  • Sir Amyas Preston
  • Sir William Godolphin
  • Sir Walter Cope
  • Sir Robert Killigrewe
  • Sir Henrie Faushawe [Fanshaw]
  • Sir Edwyn Sandes [Sandys]
  • Sir John Watts
  • Sir Henrie Montague
  • Sir William Romney
  • Sir Thomas Roe
  • Sir Baptiste Hicks
  • Sir Richard Williamson
  • Sir Stephen Powle [Poole]
  • Sir Dudley Diggs
  • Christopher Brooke, [Esq.]
  • John Eldred, e
  • John Wolstenholme

sarà nostro consigliere per la suddetta Compagnia di Avventurieri e Piantatori in Virginia.

E il detto Sir Thomas Smith wee orde di essere Tresorer di detta Compagnia, che Tresorer avrà l'auctoritie di dare ordine per l'avvertimento del Counsell e sommoninge la Compagnia alle loro corti e riunioni.

E il detto Consigliere e Tesoriere o qualunque altro di essi sarà d'ora in poi nominato, scelto, continuato, spostato, cambiato, alterato e fornito, come la morte o altre diverse occasioni richiederanno, dalla Compagnia dei detti avventurieri dalla voce del maggiore parte del suddetto consigliere e degli avventurieri nella loro assemblea a tale scopo prevedeva sempre che ogni consigliere così appena eletto fosse presentato al Lord Cancelliere d'Inghilterra, o al Lord Highe Treasurer d'Inghilterra, o al Lord Chambleyne della nostra casata, eredi e successori, per l'epoca in cui prestarci giuramento di Consigliere, siamo eredi e successori per la detta Compagnia e Collonie in Virginia.

E noi, per questi doni, per nostra grazia speciale, per conoscenza certa e per semplice moto, per noi, nostri eredi e successori, concederemo al detto Tesoriere e Compagnia e ai loro successori, che se accade in qualsiasi momento o momento il Tesoriere per il capitato di essere malato, o di avere una tale causa di assente dalla città di Londra, come consentito dal detto Consiglio o dalla maggior parte di essi riuniti, in modo che non possa partecipare agli affari di quella Società, in ogni caso sarà e non sarà lecito per tale Tesoriere per il momento in cui assegnare, costituire e nominare uno dei Consiglieri della Società per essere altresì autorizzato dal Consigliere o dalla maggior parte di essi riuniti ad essere il sostituto del Tesoriere per detta Società che Deputato dovrà avere il potere di fare ed eseguire tutte le cose che appartengono al detto Tesoriere durante tale periodo in quanto tale Tresorer sarà malato o altrimenti assente, su causa consentita dal detto Consigliere o dalla maggior parte di essi come af anzi detto, in modo completo e completo e in modo e forma grande e ampio e a tutti gli effetti come il detto Tesoriere se fosse presente egli stessoe maie o potesse fare ed eseguire lo stesso.

E oltre alla nostra speciale grazia, certezza certa e semplice mozione, per noi, i nostri eredi e successori, noi, con questi doni, diamo e concediamo pieni poteri e autorità al nostro detto consigliere qui residente sia in questo momento che in seguito, da tempo a tempo, di nominare, fare, costituire, ordinare e confermare con tale nome o nomi, stile o stile come a loro sembrerà buono, e allo stesso modo revocare, destituire, cambiare e alterare anche tutti e singoli governatori, ufficiali e ministri che già ha ben fatto, come anche quello che d'ora in poi sarà da loro ritenuto opportuno e conveniente di essere fatto o usato per il governo della detta Colonia e plantacion.

E anche per fare, ordinare e stabilire ogni sorta di ordini, leggi, direttive, istruzioni, forme e cerimonie di governo e magistratura, adatte e necessarie, per e riguardanti il ​​governo di detta Colonia e plantacion e lo stesso tutte le volte in seguito a abrogare, revocare o cambiare, non solo all'interno dei recinti di detta Colonia, ma anche sui mari andando e venendo da e verso le suddette Colonie, poiché nelle loro buone discrezioni riterranno di essere più adatti per [il] bene degli avventurieri e abitanti lì.

E dichiariamo anche che per diverse ragioni e considerazioni in merito a ciò, in particolare per spostarci, la nostra volontà e il nostro piacere sono e con la presente ordiniamo che immediatamente da e dopo il tempo in cui un tale governatore o ufficiale principale sia nominato e nominato dal nostro detto consigliere poiché il governo di detta Colonia, come sopra detto, arriverà in Virginia e darà avviso alla Collonie ivi residente del nostro piacere in questo conto, il governo, il potere e l'autorità del Presidente e del Consiglio, finora con i nostri precedenti brevetti ivi stabiliti , e tutte le leggi e le costituzioni da loro emanate in precedenza, cesseranno completamente e saranno determinate e tutti gli ufficiali, governatori e ministri precedentemente costituiti o nominati saranno destituiti, aniethinge in our dette ex lettres patents conserninge detta plantacion contenuta in aniewise al contrario nonostante streightlie chardginge e commandinge il presidente e il consigliere ora residenti nel disse Collonie sulla loro fedeltà dopo che la conoscenza data loro della nostra volontà e del nostro piacere dai presenti significati e dichiarati, che essi saranno obbedienti a tale governatore o governatori come da nostro detto consigliere qui residente sarà nominato e nominato come sopra e a tutte le direzioni , ordini e comandamenti che riceveranno da loro, nonché nella presente rinuncia e rinuncia alle loro autorità, uffici, incarichi e luoghi, come in tutte le altre presenze che saranno da loro di volta in volta richieste.

E noi facciamo inoltre da theis presents ordaine e stabiliamo che il detto Tresorer e Counsell qui residente, e i loro successori o anie forwer di loro riuniti (il Tresorer essendo uno), avranno di volta in volta pieni poteri e aucthoritie per ammettere e ricevere anie altra persona nella loro compagnia, corporacion e freedome e inoltre, in un'assemblea generale degli avventurieri, con il consenso della maggior parte per giusta causa, di privare del diritto di voto e mettere fuori una o più persone da detta fredome e compagnia.

E noi concediamo e confermiamo anche per noi, nostri eredi e successori, che sarà lecito per il detto Tesoriere e Compagnia e i loro successori, per direzione dei Governatori lì, scavare e cercare ogni sorta di miniere di goulde, argento, rame, ferro, piombo, stagno e altri minerali nonché all'interno dei suddetti recinti come all'interno di anie parte della maine lande non precedentemente concessa ad altri e di avere e godere di oro, argento, rame, ferro, piombo e stagno, e tutti altri minerali da ottenere in tal modo, ad uso e per conto della detta Compagnia di Piantatori e Avventurieri, cedendo quindi e pagando a noi, nostri eredi e successori, come detto sopra.

E noi, inoltre, per nostra speciale grazia, per conoscenza certa e per semplice moto, per noi, nostri eredi e successori, concediamo, per questi doni e con i detti Tesorieri e Compagni e i loro successori, che sia lecito e gratuito per loro e per i loro assegna in ogni momento e in ogni momento qui dopo, fuori dal nostro regno d'Inghilterra e fuori da tutti gli altri [nostri] domini, di prendere e condurre in detto viaggio, e per e verso la detta piantagione, e di viaggiare laggiù e a dimorare e abitare in essa la suddetta colonia e piantagione, tutti questi e così tanti dei nostri sudditi amorevoli, o altri estranei che diventeranno nostri sudditi amorevoli e vivranno sotto la nostra fedeltà, così come li accompagneranno volentieri in detto viaggio e piantagione con un'armatura sufficiente per la spedizione armi, ordinanze, munizioni, polvere, shott, vettovaglie e tutte le mercanzie o merci che sono stimate dal popolo selvaggio in quelle parti, abbigliamento, strumenti, mobili, bestiame, cavalli e cavalle, e tutte le altre cose necessarie per la suddetta piantagione e per il loro uso e difesa e commercio con le persone lì, e di passaggio e ritorno da e verso senza cedere o pagare sussidi, dogane, imposizioni o qualsiasi altra tassa o imposta a noi , siamo eredi o successori, per lo spazio di sette anni dalla data di questi presenti a condizione che nessuna di dette persone sia tale da essere in seguito con un nome speciale trattenuto da noi, nostri eredi o successori.

E per loro ulteriore incoraggiamento, della nostra speciale grazia e favore, noi per la loro presenza per noi, nostri eredi e successori, rendiamo e graunte a e con detto Tesoriere e Compagnia e i loro successori e ognuno di loro, i loro fattori e assegnatari, che loro e ciascuno di loro saranno liberi e tranquilli da tutti i sussidi e le consuetudini in Virginia per lo spazio di uno e vent'anni, e da tutte le tasse e imposizioni per sempre, su qualsiasi merce o merce in qualsiasi momento o momento successivo, sia al momento dell'importazione là o esportazione da lì nel nostro regno d'Inghilterra o in un altro dei nostri [regni o] domini, da parte del suddetto Tresorer e Compagnia e dei loro successori, i loro deputati, fattori [o] assegnatari o altri di essi, eccetto solo le cinque sterline per cento dovuto per la consuetudine su tutti questi beni e merci che verranno portati o importati nel nostro regno d'Inghilterra o in altri dei nostri dominii secondo l'antico commercio dei mercanti, che fiv e poundes per centum solo essendo stato pagato, sarà quindi lecito e gratuito per i detti Avventurieri gli stessi beni [e] merci da esportare e portare fuori dai nostri detti domini in forraine partes senza alcuna dogana, tassa o altro dovere da pagare a noi i nostri eredi o successori o altri nostri ufficiali o deputati a condizione che i suddetti beni e mercanzie siano spediti entro tredici soldi dopo il loro primo sbarco all'interno di una parte di quei domini.

E noi confermiamo e concediamo anche a detto Tesoriere e Compagnia, e ai loro successori, come anche a tutti i governatori o altri ufficiali e ministri nominati dal nostro detto Consigliere, di avere potere e autorità di governo e comando in o sulla detta colonia o plantacion che essi e ciascuno di loro dovranno e legalmente maie di volta in volta e in ogni momento per sempre in seguito, per la loro singola difesa e sicurezza, incontrare, espellere, respingere e resistere con la forza e le armi, così come per mare come via terra, e in ogni modo e mezzo, tutte e tutte le persone e le persone che senza le licenze speciali di detto Tesoriere e Compagnia e dei loro successori cercheranno di abitare all'interno di detti diversi recinti e confini di detta Colonia e piantagione e inoltre, tutte le persone e le persone di qualsiasi tipo che intraprenderanno, o tenteranno in qualsiasi momento successivo, distruzione, invasione, danno, danno o disturbo al detto Collonye e plantacion, come è parimenti specificato nel detto ex grannte.

E che sarà lecito per il detto Tesoriere e Compagnia, e i loro successori e ciascuno di essi, di volta in volta e in ogni momento in seguito, e avranno pieno potere e autorità, di prendere e sorprendere con ogni mezzo e mezzo qualsiasi e ogni persona e persona qualunque, con le loro navi, merci e altri mobili, traffiquinge in qualsiasi porto, torrente o luogo entro i limiti o i recinti di dette Colonie e plantacion, [non] essendo consentito da detta Compagnia di essere avventurieri o piantatori di detta Colonia, fino a quando essi essendo di anie realmes o domini sotto la nostra obbedienza pagheranno o accetteranno di pagare, alle mani del Tesoriere o [di] qualche altro ufficiale deputato dai detti governatori in Virginia (oltre e sopra tale subsedie e custome come detta società è o qui dopo shalbe to paie) cinque sterline per cento su tutte le merci e merci soe portate lì, e anche il cinque per cento su tutte le merci da loro spedite fuori fr om da allora ed essendo estranei e non sotto la nostra obbedienza fino a quando non hanno pagato (oltre a tale sussidio e consuetudine come lo stesso Tesoriere e Compagnia e i loro successori sono o in seguito dovranno pagare) dieci sterline per cento su tutti questi beni, anch'essi trasportati in e fuori, qualsiasi cosa nelle precedenti lettere brevettate al contrario non resistendo e le stesse somme di denaro e benefici di cui sopra per e durante lo spazio di uno e vent'anni sarà interamente impiegato a beneficio e per conto di detta colonia e piantagione e trascorsi i detti uno e vent'anni, lo stesso sarà ad uso di noi, nostri eredi o successori, da tale ufficiale e ministro come da noi, nostri eredi o successori, sarà ad esso assegnato e nominato, come specificato nel detto brevetti ex lettere.

Anche noi, per noi, nostri eredi e successori, dichiariamo con questi presenti, che tutte e tutte le persone che sono nostri sono sudditi che andranno e abiteranno all'interno di detta colonia e plantacion, e tutti i loro figli e posteri che accadranno di essere sopportato all'interno di [qualsiasi] limite di ciò, avrà [e] godrà di tutte le libertà, franchigie e immunità di cittadini liberi e sudditi naturali all'interno di tutti i nostri altri domini a tutti gli effetti come se avessero dimorato e sopportato all'interno di questo nostro regno d'Inghilterra o in qualsiasi altro dei nostri domini.

E poiché sarà necessario per tutti i nostri sudditi amorevoli che abiteranno entro i suddetti recinti della Virginia, di determinare di vivere insieme nel timore e nel vero culto di Dio Onnipotente, pace cristiana e quiete civile, l'uno con l'altro, per cui ognuno mai con più sicurezza, piacere e profitto che dove essi raggiungeranno con grande dolore e pericolo, noi, per noi, i nostri eredi e successori, siamo ugualmente contenti e contenti e da questi regali facciamo e graunte a detto Tesoriere e Compagnia e i loro successori e a tali governatori, ufficiali e ministri come shalbe, dal nostro detto Consiglio, costituiti e nominati, secondo la natura e i limiti dei loro uffici e posti rispettivamente, che dovranno e mai di volta in volta per sempre in seguito, entro i detti recinti della Virginia o nella via dei mari di là e di là, hanno pieno e assoluto potere e autorità di correggere, punire, perdonare, governare ne e governare tutti quei sudditi di noi, nostri eredi e successori che di volta in volta si avventureranno in anie voiadge là o che in un momento successivo abiteranno nei recinti e territori di detta Colonia come sopra detto, secondo tale ordine , ordinanze, costituzioni, direttive e istruzioni come dal nostro detto Consiglio, come predetto, saranno stabilite e in difetto di esse, in caso di necessità secondo la buona discrezione rispettivamente di detti governatori e ufficiali, nonché nei casi capitali e criminali come civilil, sia marina che altro, così sempre come i detti statuti, ordinanze e procedimenti per quanto non sia conveniente mai essere, siano graditi alle leggi, agli statuti, al governo e ai pollici di questo nostro regno d'Inghilterra.

Inoltre, per nostra speciale grazia, per conoscenza certa e per semplice mozione, concediamo, dichiariamo e ordiniamo che tale governatore principale, come di volta in volta debitamente e legalmente, sia autorizzato e nominato, nel modo e nella forma nei presenti fin qui espressi, [ hanno] pieni poteri e autorità per usare ed esercitare la legge marshall in caso di ribellione o ammutinamento in modo ampio e ampio come il nostro luogotenente nelle nostre contee all'interno del nostro regno d'Inghilterra ha o dovrebbe avere in forza delle loro commissioni di luogotenenza. E inoltre, se una o più persone, avventurieri o piantatori, di detta Colonia, o qualsiasi altro in un altro momento o in un altro momento successivo, trasporterà denaro, beni o merci fuori da ogni nostro regno con la pretesa o lo scopo di atterrare, vendere o disporre in altro modo lo stesso entro i limiti e i confini di detta Colonia, e tuttavia nondimeno, essendo in mare o dopo che è sbarcato in una qualsiasi parte di detta Colonia, porterà lo stesso in qualsiasi altro Paese foraine, con uno scopo lì vendere e disporre di ciò, allora tutti i beni e beni mobili di detta persona o persone così offese e trasportate, insieme alla nave o nave in cui tale trasporto è stato effettuato, saranno ceduti a noi, nostri eredi e successori.

E inoltre, nostra volontà e piacere è che in tutte le domande e i dubbi che sorgeranno su qualsiasi difficoltà di costruzione o interpretazione di qualsiasi cosa contenuta sia in questa che nelle nostre dette precedenti lettere patenti, le stesse siano prese e interpretate nel modo più ampio e modo vantaggioso per il detto Tesoriere e la Società e i loro successori e ogni membro di essi.

E inoltre, noi con questi presenti ratifichiamo e confermiamo a detto Tesoriere e Compagnia e ai loro successori tutti i privilegi, franchigie, libertà e immunità concessi nelle nostre precedenti lettere patenti e non nelle nostre lettere patenti revocate, alterate, modificate o abbreviate.

E infine, la nostra volontà e piacere è e facciamo inoltre per noi, i nostri eredi e successori concedere e concordare, a e con detto Tesoriere e Società e i loro successori, che tutte le singole persone e le persone che in un momento o in un momento d'ora in poi avventura anie somme o sommes di denaro in e verso la detta plantacion della detta Colonia in Virginia e sarà ammesso dal detto Consigliere e Compagnia come avventurieri della detta Colonia, in forma suddetta, e sarà iscritto nel libro o registro della gli avventurieri di detta Compagnia, saranno e mai essere accolti, accettati, presi, tenuti e reputati Avventurieri di detta Collonie e godranno e mai di tutti e singoli sussidi, privilegi, libertà, benefici, profitti, beni [e immunità], vantaggi e emolumenti di sorta come fullie, in gran parte, amplie e assolutamente come se essi e ciascuno di essi fossero stati precisamente, chiaramente, singolarmente e distintamente nominati e inseriti nelle nostre lettere brevetti.

E infine, perché l'effetto principale che non possiamo desiderare o aspettarci da questa azione è la conversione e la riduzione del popolo in quelle parti al vero culto di Dio e alla religione cristiana, per cui sarebbe ripugnante che a qualsiasi persona sia permesso per passare che noi sospettati di influenzare le superstizioni della Chiesa di Roma, con la presente dichiariamo che è nostra volontà e piacere che a nessuno sia permesso di passare in anie voiadge di volta in volta per essere fatto entrare nel suddetto paese, ma come prima avrà prestato giuramento di supremazia, per il quale scopo con questi regali diamo pieno potere e autorità al Tesoriere per il momento, e a tutti e tre i Consiglieri, di prestare ed esibire detto giuramento a tutte quelle persone che a anie tempo essere inviato e impiegato in detto voiadge.

Sebbene fatta espressa menzione [del vero valore annuo o certezza dei locali, o di uno qualsiasi di essi, o di qualsiasi altro regalo o concessione, da parte nostra o di uno qualsiasi dei nostri progenitori o predecessori, al predetto Tesoriere e Società fin qui fatta, in questi presenti non è stato fatto né alcun atto, statuto, ordinanza, disposizione, proclamazione o restrizione, al contrario del presente atto, fatto, ordinato o previsto, o qualsiasi altra cosa, causa o materia, in alcun modo, in alcun modo.] In Testimoni di ciò [abbiamo fatto rendere patenti queste nostre lettere. Testimonianza di noi stessi a Westminster, il 23 maggio (1609) nel settimo anno del nostro regno d'Inghilterra, Francia, Irlanda e Scozia il ****]


Virginia Company

L'Inghilterra era una nazione relativamente povera alla fine del 1500, con un sovrano disposto a inviare corsari contro altre potenze coloniali ma non disposto a rischiare denaro pubblico su una colonia inglese permanente. La regina Elisabetta I diede la benedizione al finanziamento personale di Sir Walter Raleigh della colonia di Roanoke, ma fallì.

La risposta è stata una società per azioni, una prima versione delle società odierne. I ricchi gentiluomini di Londra avrebbero acquistato una quota della Virginia Company, dandole così il capitale per avviare e rifornire una colonia, e speravano che la colonia restituisse loro un profitto. Re Giacomo I concesse alla Virginia Company una carta reale per l'inseguimento coloniale nel 1606. La compagnia aveva il potere di nominare un consiglio di leader nella colonia, un governatore e altri funzionari. Si è anche presa la responsabilità di fornire continuamente coloni, rifornimenti e navi per l'impresa. Il piano della società era identificare materie prime redditizie come oro e argento in Virginia per ripagare gli investitori in Inghilterra. I primi coloni includevano artigiani, artigiani e operai insieme ai capi dei gentiluomini.

La reazione pubblica iniziale alla Società fu favorevole, ma man mano che il tasso di mortalità a Jamestown aumentava e le prospettive di profitto si attenuavano, il sostegno finanziario per essa diminuiva. La leadership ricorse alle lotterie e arrivò al punto di tentare la produzione di bachi da seta a Jamestown. Poiché le industrie fallivano, i promotori della Compagnia sostenevano che convertire gli indiani della Virginia al cristianesimo fosse un obiettivo degno per l'impresa. La coltivazione del tabacco alla fine fornì un redditizio ritorno, ma arrivò troppo poco e troppo tardi per salvare la Virginia Company. Dopo che il massacro indiano del 1622 uccise centinaia di coloni, il re revocò lo statuto della Compagnia nel 1624 e fece della Virginia una colonia reale sotto il suo controllo.

Gli scavi archeologici a James Fort hanno mostrato quanto la colonia abbia seguito le direttive della Compagnia. Le istruzioni alla fine del 1606 della Virginia Company sottolineavano "sopra ogni cosa” la necessità di nascondere il numero di malati e deceduti inglesi per impedire agli indiani della Virginia di cogliere la debolezza della colonia. Gli archeologi hanno scoperto un grande cimitero inglese all'interno degli affollati confini delle mura del forte.


Janie Riley è un'appassionata genealogista con l'abitudine di imbattersi in cadaveri. Lei e suo marito si dirigono a Salt Lake City, nello Utah, per fare ricerche sulla fantomatica quarta bisnonna di Janie. Ma la sua ricerca nel passato la porta a un oscuro segreto. Riuscirà a risolvere i misteri del passato e del presente prima che accada il disastro? Disponibile ora su Amazon.com e Amazon.ca

* Cerca il tuo antenato immigrato nei porti di arrivo negli Stati Uniti | Canada | Australia e Nuova Zelanda | Sudafrica | Inghilterra
* Trova antenati negli elenchi dei passeggeri delle navi in ​​uscita dagli Stati Uniti e dal Canada
* Trova antenati negli elenchi dei passeggeri delle navi per anno di arrivo

Passeggeri su navi da Londra Inghilterra alla Virginia 1635

Di seguito sono riportate le 20 navi registrate da Mr. Somerby:

    a S. Domingo poi Virginia [nessuna data]
  • Giovanna pianura 15 maggio 1635
  • Speedwell di Londra 26 maggio 1635
  • Tommaso e Giovanni 6 gennaio 1635
  • Filippo 20 giugno 1635 23 giugno 1635
  • Trasporto di Londra 4 luglio 1635
  • Paolo di Londra 6 luglio 1635
  • Primorose 27 luglio 1635
  • Mercanti Speranza Luglio 1635 1635 Agosto 1635
  • Sicurezza agosto 1635 luglio 1635 luglio 1635 12 agosto 1635
  • Tommaso 1635 1635 24 ottobre 1635 1635
Un altro elenco di navi con passeggeri partirono da Londra nel 1635:

Ricerca in 5 fasi del tuo antenato immigrato in Nord America

Passo 2: Se non trovi il tuo antenato immigrato in una grande città portuale, prova porti di arrivo più piccoli: Virginia, Connecticut, Delaware, Texas, Georgia, South Carolina, North Carolina, Maine, Rhode Island, Florida, New Jersey, New Hampshire, Michigan, Alaska, California, Hawaii e Washington

Passaggio 3: Non riesci ancora a trovare il tuo antenato immigrato sulla lista dei passeggeri delle navi americane? Prova un porto di arrivo canadese e i record di attraversamento della frontiera tra Canada e Stati Uniti (Elenchi di Saint Albans).

Passaggio 4: Se ancora non riesci a trovare il tuo antenato negli elenchi dei passeggeri delle navi libere, prova gli elenchi dei passeggeri delle navi e i record di naturalizzazione su un sito a pagamento. Consulta la tabella di confronto dell'immigrazione per aiutarti a decidere quale dei siti a pagamento ha gli elenchi dei passeggeri necessari per trovare il tuo antenato immigrato


Virginia Company of London - Storia

GLI INIZI DELLA VIRGINIA, 1584-1624.

Prime esplorazioni inglesi.

QUANDO Colombo salpò verso ovest dalla Spagna nel 1492, se uno scrittore avesse tentato di immaginare i risultati che sarebbero seguiti dal suo viaggio, le sue opinioni sarebbero state considerate come le espressioni di un pazzo. Tuttavia, è vero che Colombo ha indicato la via allo sviluppo dei grandi continenti, le cui possibilità l'Europa ha impiegato più di duecento anni per afferrare. L'obiettivo era l'India, di cui si cercavano le ricchezze, e un mondo nuovo era lontano dai pensieri di Colombo. Considerava le terre che raggiungeva solo come una barriera per l'India, che, senza dubbio, si trovava nelle vicinanze.

Avendo stabilito il fatto che un viaggio verso ovest poteva essere fatto verso i paesi orientali, gli esploratori a dozzine presto attraversarono l'alto mare, ognuno sperando di essere il primo a raggiungere, via mare, la meta tanto agognata. Tra questi esploratori c'era Americus Vespucius, che, dopo aver navigato nell'estremo sud, toccò la terraferma del Sud America. Nell'anno 1507 promulgò la sua opinione che le terre occidentali che Colombo e gli altri esploratori avevano raggiunto non erano parti dell'Asia ma un nuovo continente. Nel frattempo, una decina di anni prima, Vasco da Gama aveva navigato verso sud lungo la costa dell'Africa passando il Capo di Buona Speranza, e attraversando l'Oceano Indiano aveva raggiunto l'India. Così era stata scoperta una rotta commerciale tutta d'acqua verso est mentre gli esploratori stavano ancora cercando il passaggio verso ovest. Il successo di Da Gama, tuttavia, non ha impedito ad altri di cercare il passaggio occidentale, anzi, ha solo stimolato i viaggi occidentali.

Mentre la Spagna e il Portogallo inviavano esploratori, l'Inghilterra non dimenticò del proprio sviluppo e desiderava partecipare a qualunque buon risultato potesse derivare dalla scoperta di un tale passaggio, e quindi, sotto la direzione del suo affarista re , Enrico VII, inviò spedizioni comandate da John Cabot e suo figlio, Sebastian Cabot, negli anni 1497 e 1498. Questi viaggi portarono alla scoperta delle coste del Nord America, che si estendevano dal Labrador fino alla Florida meridionale. Sebbene il passaggio a nord-ovest non fosse stato trovato, altri esploratori inglesi continuarono la ricerca, tra cui Martin Frobisher, che toccò la costa del Labrador circa ottant'anni dopo i giorni di Cabot. Ma durante il regno di Enrico VIII, Edoardo VI. e Mary non fu fatto praticamente nulla per dare seguito alle esplorazioni che erano state fatte negli anni precedenti. Toccò quindi al regno della regina Elisabetta vedere l'espansione dell'Inghilterra in tutte le direzioni. Insieme alla crescita delle città inglesi, delle industrie inglesi e dello sviluppo di una splendida letteratura, venne uno spirito commerciale che mirava all'inclusione del globo, uno spirito che ha reso l'Inghilterra la nazione più importante del ventesimo secolo. Questo spirito nacque dall'opposizione alla Spagna, dal desiderio di impedirle di essere la nazione più potente d'Europa come risultato delle ricchezze che si stava assicurando dal Sud America. Cavalieri mercantili inglesi e rover marini furono presto trovati in tutte le direzioni in alto mare, tra cui Hawkins, Grenville, Drake e Gilbert. Hawkins e Drake saccheggiarono il commercio spagnolo negli oceani e spesso toccarono nuove terre. Drake in un viaggio si spinse a nord lungo la costa del Pacifico fino alla foce del fiume Columbia e circumnavigò il globo.

Con l'aumentare dell'opposizione alla Spagna, crebbe un sentimento per l'istituzione di una colonia inglese in Nord America. Tra i primi ad intraprenderlo fu Sir Humphrey Gilbert, che fu indubbiamente stimolato dal fratellastro Raleigh. Nel 1578 Gilbert partì con la sua prima colonia, ma a causa di una tempesta fu costretto a tornare in Inghilterra. Cinque anni dopo piantò una colonia sulla costa di Terranova, ma fu costretto ad abbandonarla e al suo ritorno in Inghilterra si perse in mare. L'anno successivo, 1584, Sir Walter Raleigh si assicurò, a suo nome, il brevetto che la regina Elisabetta aveva concesso a Gilbert per l'impianto di una colonia nel nuovo mondo. Raleigh era stato il mentore di Gilbert nel suo progetto di colonizzazione, e ora si assumeva l'obbligo, per come la vedeva, di piantare una nazione inglese in America come baluardo contro l'aggressione spagnola. Le lettere patenti concesse a Raleigh davano a tutti i coloni i diritti di sudditi inglesi e consentivano a Raleigh, suoi eredi o aventi causa, di fornire alla colonia, o alle colonie, quei governi che erano in armonia con la costituzione inglese.

Dopo essersi assicurato il brevetto delle lettere, Raleigh inviò due esperti capitani di mare, Philip Amadas e Arthur Barlow, che, salpando dall'Inghilterra nell'aprile 1584, raggiunsero finalmente la costa della Carolina del Nord il 2 luglio dello stesso anno. Pochi giorni dopo entrarono nell'Albemarle Sound e sbarcarono sull'isola di Roanoke. Un brillante resoconto che fecero del nuovo mondo al loro ritorno in Inghilterra, raccontando dell'eccellente legname e frutti, e della selvaggina che si trovava nella nuova terra. Si dice che quando il rapporto fu fatto alla regina Elisabetta decise di nominare il paese in onore di se stessa, la regina vergine, e lo chiamò "Virginia". Quindi Sir Walter procedette a garantire i coloni per andare nella nuova terra. Circa un centinaio di uomini salparono dall'Inghilterra in una flotta di sette piccole navi sotto il comando del famoso caccia e rover, Sir Richard Grenville. L'ultimo di luglio 1585, la colonia sbarcò sull'isola di Roanoke e procedette alla costruzione di una piccola città sotto la direzione di Ralph Lane, che era stato inviato da Raleigh come governatore della colonia. Lane era un uomo di saggezza e buon senso, e si oppose alla scelta dell'isola di Roanoke come sede della colonia, e inviò due gruppi, uno per terra e uno per mare, a incontrarsi nella baia di Chesapeake per la selezione di un sito migliore. Con Lane c'era Thomas Cavendish, poi diventato famoso come esploratore John White, l'artista e poi governatore della seconda colonia di Roanoke Thomas Hariot, lo storico e uno dei matematici più noti d'Inghilterra. Sotto la direzione di Lane fu costruito un forte e le terre nei dintorni dell'isola di Roanoke furono esplorate a sud fino a ottanta miglia. I gruppi di esplorazione sono andati a 130 miglia a nord e nord-ovest.


Il quartiere di Roanoke non era adatto a una piccola colonia in una terra straniera. Gli indiani si unirono contro Lane sotto due capi indiani, Wingina e Wanchese. Tra i capi indiani amichevoli c'erano Granganimeo e Manteo. Gli indiani fecero un attacco al forte, ma fu respinto, e Wingina fu fucilato ei suoi guerrieri si dispersero. Pochi giorni dopo, l'11 giugno 1586, Sir Francis Drake arrivò a Roanoke Island con una flotta di ventitré vele e, dopo essersi consultato tra lui e Lane, fu deciso che la colonia sarebbe stata riportata in Inghilterra. Il 19 giugno tornarono in madrepatria. Lane portò con sé in Inghilterra tre articoli: tabacco, mais indiano e patate irlandesi. Raleigh introdusse l'uso del tabacco in Inghilterra e anche la coltivazione della patata. Il mais indiano da allora è diventato il grande prodotto dell'America. Raleigh pensava costantemente alla colonia che aveva piantato sulle coste americane, e prima che salpassero dall'America aveva inviato rifornimenti dall'Inghilterra sotto la direzione di Sir Richard Grenville, ma raggiunsero l'isola di Roanoke dopo che la colonia era partita con Drake. Al ritorno in Inghilterra scoprirono, con loro grande sorpresa, che la colonia non era morta di fame o per mano degli indiani.

Sir Walter Raleigh era un uomo di grande determinazione, e il ritorno di Lane in Inghilterra non gli fece quindi abbandonare la speranza di stabilire una colonia inglese in Virginia così, nell'anno 1587, inviò 150 coloni sotto John White, il artista, che fu nominato governatore, con dodici assistenti, che ricevettero da lui uno statuto e furono incorporati sotto il nome di "Governatore e assistenti della città di Raleigh in Virginia". Dei 150 coloni diciassette erano donne e nove erano bambini e, a giudicare dai loro nomi, dieci uomini portarono mogli e figli. Furono date istruzioni affinché la colonia fosse piantata nella baia di Chesapeake, e poiché Grenville, che l'anno precedente aveva trasportato alcuni rifornimenti, aveva lasciato alcuni uomini al forte, fu loro ordinato di andare dall'isola di Roanoke e prendere questi uomini prima di procedere alla baia di Chesapeake. Giunto a Roanoke il comandante della flotta, Simon Ferdinando, si rifiutò di spingersi oltre, tanto che White fu costretto a sbarcare e ristabilire la colonia di Roanoke. Gli uomini che Grenville aveva lasciato erano stati uccisi dagli indiani croatan secondo le storie raccontate dagli stessi indiani, ma le case che la colonia di Lane aveva costruito rimasero intatte.

Queste case furono presto riparate e la colonia iniziò a lavorare, ma la flotta di Ferdinando salpò. In breve tempo i coloni furono in guerra con gli indiani, sebbene Manteo rimase ancora amico e fu battezzato nella fede cristiana. Poco dopo (18 agosto) nacque Virginia Dare, la prima figlia americana di genitori inglesi. In poche settimane White tornò in Inghilterra per rifornirsi. Era restio ad andare e cercò di persuadere alcuni degli aiutanti a intraprendere il viaggio, ma, al loro rifiuto, partì con due piccole navi che erano state lasciate alla colonia. Arrivato in Inghilterra trovò tutto in fermento e confusione a causa della presunta invasione dell'Inghilterra da parte della Spagna infatti l'Invincible Armada stava già navigando verso la Manica. Tutte le navi inglesi e tutti i marinai inglesi erano necessari per difendere l'Inghilterra contro la potenza spagnola, tuttavia Raleigh preparò, su suggerimento di White, una spedizione per andare in soccorso della colonia, ma all'ultimo minuto fu dato l'ordine di non salpare. Poco dopo, però, furono inviate due navi, ma essendo state attaccate da navi spagnole furono costrette a tornare in Inghilterra. Poi venne la terribile lotta con la Spagna in cui fu sconfitta l'Invincible Armada, dopo la quale White riuscì finalmente a raccogliere rifornimenti, e nel marzo 1590 salpò per Roanoke. Nell'agosto del 1590, tre anni dopo aver lasciato la colonia, raggiunse l'isola di Roanoke. Tutto è stato trovato in rovina l'erba cresceva sulle porte e non si vedeva alcun segno di vita umana. Lasciando l'isola nel 1587 aveva incaricato i coloni, in caso di lasciare l'isola, di scolpire su un albero o in qualche luogo ben visibile il nome del luogo in cui erano andati, e se in difficoltà una croce in aggiunta. Dopo una ricerca è stata trovata la parola "Croatan" scolpita su un albero senza croce. Sono stati fatti sforzi per trovare Croatan, ma una tempesta ha allontanato le navi dal suono e le scorte di cibo erano scarse, le navi hanno navigato verso le Indie occidentali. Sfortunatamente queste navi non erano sotto la direzione di White.

Tra il 1592 e il 1602 furono fatti non meno di cinque diversi tentativi per localizzare questa colonia perduta, ma di fatto nessuna accurata ricerca fu fatta a nessuna distanza dalla riva, e nessuno è mai stato in grado di localizzare la colonia perduta di Roanoke .

Sir Walter Raleigh è stato molto persistente nei suoi sforzi. Aveva speso non meno di $ 1.000.000 nel tentativo di piantare una colonia e localizzare la colonia perduta. Tuttavia non disperò mai di vedere Virginia colonizzata dagli inglesi. Una volta disse: "Vivrò ancora per vederla una nazione inglese", e lo fece, perché Jamestown era stata risolta ed era una fiorente colonia prima di essere portato al blocco. La colonia perduta di Roanoke è rimasta un mistero nella storia, alcuni credono che tutti i coloni siano stati uccisi, altri che siano stati assorbiti dagli indiani Croatan, che oggi vivono nella Carolina del Nord e sostengono che nelle loro vene scorre il sangue dei Inglesi che erano membri della colonia di White. Oggi il luogo dove furono piantate le colonie di Raleigh è segnato da un monumento che porta la seguente iscrizione:

"Su questo sito nel luglio-agosto 1585 (0. S.), i coloni, inviati dall'Inghilterra da Sir Walter Raleigh, costruirono un forte, chiamato da loro "Il Nuovo Forte in Virginia".

"Questi coloni furono i primi coloni della razza inglese in America. Tornarono in Inghilterra nel luglio 1586, con Sir Francis Drake.

"Vicino a questo luogo nacque, il 18 agosto 1587, Virginia Dare, la prima figlia di genitori inglesi nati in America, figlia di Ananias Dare e di Eleanor White, sua moglie, membri di un'altra banda di coloni, inviata da Sir Walter Raleigh nel 1587.

"Domenica 20 agosto 1587 Virginia Dare fu battezzata. Manteo, il simpatico capo degli indiani Hatteras, era stato battezzato la domenica precedente. Questi battesimi sono le prime celebrazioni conosciute di un sacramento cristiano nel territorio dei tredici Stati Uniti originari."

Passi per l'insediamento permanente.

Il lavoro di Sir Walter Raleigh nel tentativo di stabilire una colonia in Virginia non fu del tutto inutile, sebbene per qualcosa di più di un decennio gli sforzi per piantare una colonia in Virginia furono abbandonati. Tuttavia, era un periodo in Inghilterra in cui il progresso era presente ovunque, nelle lettere, nelle arti, nelle scienze, nelle esplorazioni e nel commercio. Lo spirito del giorno era ben esemplificato nello stesso Raleigh, e c'erano altri pronti a guidare lo stesso movimento in cui aveva immaginato. I suoi piani e quelli di Gilbert erano, tuttavia, troppo grandi per uno sforzo individuale. Il risultato naturale era l'organizzazione di una o più società per la promozione degli sforzi coloniali, le ragioni fondamentali erano commerciali.

Esistevano già grandi società commerciali in Olanda, Francia, Svezia, Danimarca e persino in Russia. In questi paesi durante i 150 anni successivi al 1554 vi furono non meno di settanta compagnie noleggiate per scopi commerciali e colonizzatori, le due idee essendo strettamente collegate negli scopi di queste compagnie. Nell'anno 1600 la regina Elisabetta noleggiò la Compagnia delle Indie Orientali, a cui fu dato il monopolio del commercio in tutti i paesi compresi tra il Capo di Buona Speranza e lo Stretto di Magellano verso est. C'erano 125 azionisti e il governo della Compagnia era nelle mani di un governatore, un vicegovernatore e un consiglio direttivo di ventiquattro membri. L'organizzazione di questa Compagnia è stata presa come base dell'organizzazione della Compagnia londinese della Virginia. Quasi contemporaneamente alla costituzione della Compagnia delle Indie Orientali, erano in corso piani per la costituzione di una compagnia della Virginia. Il Rev. Mr. Hakluyt sollecitava l'istituzione di una colonia in Occidente, e tra i motivi assegnati per tale colonia c'erano: (1) La scoperta di un passaggio occidentale per l'India per il commercio (2) una colonia alla quale i disoccupati classe d'Inghilterra potrebbe essere trasportata (3) per controllare il potere della Spagna, e (4) la cristianizzazione degli indiani.

Questi motivi furono discussi liberamente, ciascun promotore sottolineando il motivo che più lo attraeva. In effetti, i due argomenti di maggior peso erano quelli per la promozione dell'impresa commerciale e la cristianizzazione dei "infedeli". field, un mercante londinese, e Sir Thomas Gates e Sir George Somers, due distinti gentiluomini inglesi. Tra gli altri seri sostenitori c'erano Raleigh Gilbert, nipote di Sir Walter Raleigh, William Parker, un ricco mercante di Plymouth, e altri gentiluomini e mercanti d'Inghilterra.

La Carta della Società di Londra.

I loro piani per una grande compagnia da dividere in due divisioni furono presentati a King James e incontrarono la sua approvazione, e uno statuto fu concesso da lui il 10 aprile 1606 a due compagnie, una comunemente nota come London Company e l'altra era la Plymouth Company. La London Company si sarebbe stabilita nel sud della Virginia e la Plymouth Company nel nord della Virginia. Alla compagnia di Londra fu concesso il diritto di stabilirsi ovunque tra la latitudine 34 e 41 , e alla compagnia di Plymouth tra la latitudine 38 e 45 , fermo restando che le terre tra 38 e 41 erano aperte ad entrambe le compagnie con la condizione che l'ultima società che ha piantato una colonia non dovrebbe avvicinarsi a più di 100 miglia da qualsiasi insediamento fondato dall'altra società. I fondatori della London Company erano Sir Thomas Gates, Sir George Somers, Richard Hakluyt e Edward Maria Wingfield. I fondatori della Plymouth Company erano Raleigh Gilbert, William Parker, Thomas Hamhan e George Popham. La Plymouth Company fu la prima a fare uno sforzo per la colonizzazione. Nel maggio 1606 inviò una colonia che si stabilì sul fiume Kennebec. La morte di Popham e Gilbert, che accompagnarono entrambi l'insediamento, causò l'abbandono della colonia, e nessun altro serio tentativo fu fatto da questa Compagnia. Toccò quindi alla Compagnia di Londra stabilire il primo insediamento inglese permanente in America. Lo statuto concesso alla London Company nel 1606 prevedeva un consiglio di tredici residenti in Inghilterra nominato dal re come organo di governo. Questo consiglio doveva stabilire, con l'approvazione del re, la forma di governo che doveva prevalere in Virginia. Ai coloni fu concesso il diritto di tenere le terre e il processo con giuria, e solo cinque reati furono puniti con la morte, piccoli rispetto alle punizioni inglesi a quel tempo: omicidio, omicidio colposo, incesto, stupro e adulterio. L'istanza del beneficio del clero non doveva essere ammessa se non in caso di omicidio colposo. È interessante notare che questo beneficio del clero è stato consentito nella maggior parte delle colonie americane per questo particolare crimine fino alla Rivoluzione, ma la persona che lo supplica è stata punita con l'ustione alla mano. Tutti gli eccessi, l'ubriachezza, ecc., erano soggetti a punizione. Era previsto che tutto nella colonia fosse tenuto in comune per un periodo di almeno cinque anni, essendovi un tesoriere o un mercante di cappe per maneggiare i beni e le proprietà degli avventurieri. In materia di religione, fu istituita la Chiesa d'Inghilterra.

In base a questa carta furono equipaggiate tre piccole navi e 104 coloni inviati in Virginia dalla Compagnia. Un consiglio di sette scelti tra questi coloni doveva governare in Virginia, uno di quel numero veniva designato come presidente.Per appagare un capriccio del re, fu disposto che non si sapesse chi sarebbero stati i membri del consiglio fino a quando i coloni non fossero arrivati ​​in Virginia, i loro nomi essendo sigillati in una scatola. La spedizione, composta dalle tre navi, la Susan Constant, la Godspeed e la Discovery sotto il comando del capitano Christopher Newport, salpò dall'Inghilterra il 19 dicembre 1606 e dopo un duro viaggio passò tra due promontori, che furono chiamati Charles e Enrico in onore dei due figli di Giacomo I.

Insediamento a Jamestown.

Il 26 aprile 1607 fu effettuato uno sbarco a Cape Henry, piantata una croce e il paese ne prese possesso in nome del re Giacomo d'Inghilterra. Dopo diversi giorni e diversi sbarchi, superarono un ampio fiume che fu chiamato "James" in onore del re, e il 13 maggio si ancorarono al largo dell'isola di Jamestown, allora una penisola bassa. Qui iniziò il primo insediamento. Qui il consiglio, composto da Edward Maria Wingfield, in qualità di presidente, e Kendall, Ratcliffe, Martin, Gosnold, Newport e Smith, iniziò la gestione del primo insediamento permanente d'America. Smith, tuttavia, fu per un certo tempo escluso dal consiglio fino a quando non poté essere processato con l'accusa di ammutinamento che era stata mossa contro di lui durante il viaggio, essendo stato portato nella colonia in stato di arresto. Fu assolto e il suo accusatore condannato a risarcirlo di 200 euro. Furono costruite case rozze e le funzioni religiose venivano tenute regolarmente dal Rev. Mr. Hunt, che accompagnava i coloni, sotto una vecchia vela fissata ad alcuni alberi. Non appena iniziarono i lavori per la costruzione delle capanne di tronchi, Newport tornò in Inghilterra lasciando che i coloni continuassero le loro operazioni. Sfortunatamente, c'erano pochi carpentieri, operai e domestici tra questo primo gruppo di coloni, la maggior parte dei quali classificati come gentiluomini. Ancora più sfortunata fu però la comparsa di una terribile malattia, probabilmente la febbre malarica, che si abbatté sui coloni e in breve tempo spazzò via più di cinquanta persone, tra cui Bartolomeo Gosnold. Wingfield, nel tentativo di fuggire, fu deposto da presidente e Ratcliffe messo al suo posto. Ratcliffe era un incompetente e la colonia andò di male in peggio. Wingfield e Kendall entrarono in un complotto per sequestrare la piccola barca che era stata lasciata alla colonia, ma furono scoperti e Kendall fu processato per tradimento e fucilato, la prima esecuzione segnalata in America. Nel frattempo l'approvvigionamento alimentare era scarso e gran parte di esso era stato danneggiato dalle condizioni climatiche. Tuttavia i coloni fecero alcuni sforzi per l'esplorazione. Erano appena sbarcati a Jamestown che alcuni risalirono il fiume fino alle cascate di Richmond, e verso la fine dell'autunno del 1607 Smith esplorò il Chickahominy, fu catturato, portato davanti a Opecancanough e poi davanti a Powhatan. Dopo le suppliche di Pocahontas fu finalmente rilasciato e gli fu permesso di tornare a Jamestown. Quando raggiunse la colonia in gennaio, trovò una grande percentuale. dei coloni morti e dei pochi rimasti molto bisognosi di grano. Fortunatamente per la colonia, Newport arrivò con una seconda scorta e la colonia fu salva. Nel 1608 Smith esplorò la regione della baia di Chesapeake e dei suoi affluenti e disegnò una mappa di questa regione che, considerando le informazioni che aveva a portata di mano, era estremamente accurata. Durante questa estate arrivò Newport con altri rifornimenti e coloni, tra cui il signore e la signora Forrest e la sua cameriera, Anne Burras, che poco dopo si sposò con John Laydon, il primo matrimonio celebrato nella colonia.

Ratcliffe si era dimostrato assolutamente indegno, Smith fu infine nominato presidente e durante la restante parte dell'anno 1608 furono costruite case migliori a Jamestown e costruito un buon forte. Le scorte di cibo erano molto limitate, ma durante l'inverno fece molte spedizioni tra gli indiani e si assicurò il cibo necessario per mantenere in vita la colonia. Durante questo inverno la sua vita fu minacciata dagli indiani, ma Pocahontas rimase suo fedele amico e lo informò dei loro complotti. Con la primavera del 1609 arrivarono nuovi coloni, in tutto circa 500, e diversi nuovi insediamenti furono fatti nella colonia, tra i quali un insediamento di 120 uomini in quella parte di Richmond ora chiamata "Rocketts". Qui sorsero difficoltà con gli indiani, e come Smith stava tornando da un viaggio per risolvere le divergenze in questa piantagione, conosciuta come la piantagione del Capitano West, un sacco di polvere da sparo è esploso nella sua barca e lui è stato gravemente ferito. Questo lo costrinse a rinunciare alla sua residenza in Virginia e tornò a Londra, lasciando le redini del governo nelle mani di George Percy.

Fu un giorno triste per Virginia quando Smith lasciò la colonia. Percy si è dimostrato incompetente. Né lui né i suoi assistenti sapevano come trattare con gli indiani Pocahontas si assentava dagli inglesi, le scorte di cibo erano estremamente scarse e la colonia entrò in un periodo noto come il tempo della fame. Per tutto l'inverno del 1609-10 la sofferenza fu intensa, ogni cavallo, mucca e maiale furono macellati e mangiati. I coloni mangiavano persino topi, cani e vipere, ed è stato anche riferito che un indiano, che era stato ucciso, è stato mangiato. Ci vengono forniti anche altri orribili resoconti di cannibalismo.

La London Company si è riorganizzata.

Mentre le cose andavano così in Virginia, la London Company stava considerando il problema della nuova colonia. Non sono stati ricevuti ritorni dall'accordo per indicare che la Società avrebbe tratto alcun vantaggio commerciale. Ai coloni era stato detto di trovare metalli preziosi, ma Newport aveva portato in Inghilterra solo un carico di sabbia gialla e argilla che non conteneva oro. La colonia era stata un salasso per la Compagnia, ed era quindi deciso che si sarebbero dovuti compiere sforzi per riorganizzare la Compagnia su una base più ampia in modo da sostenere la colonia e alla fine svilupparla. Di conseguenza un nuovo statuto, redatto nientemeno che da Sir Edwin Sandys, fu concesso nel 1609. La Compagnia fu ora trasformata in una grande corporazione composta da 659 illustri nobili, cavalieri, gentiluomini e mercanti d'Inghilterra e da circa cinquantasei compagnie cittadine di Londra. . Le prerogative della Società sono state ampliate. Sir Thomas Smythe fu nominato tesoriere e il conte di Southampton e altri cinquantuno furono nominati consiglieri residenti in Inghilterra. In questo consiglio c'erano quattordici membri della Camera dei Lord e trenta membri della Camera dei Comuni. A questo consiglio di residenza fu concesso il diritto di fare tutti i regolamenti e di determinare la forma di governo della colonia. Nasce così il primo grande trust americano a monopolio del commercio con colonie da impiantare in Virginia. I confini della Virginia dovevano ora essere 200 miglia a sud e 200 miglia a nord di Old Point Comfort, e correre a ovest e nord-ovest da mare a mare. Fu in base a questa carta che la Virginia rivendicò tutto il Territorio del Nordovest negli anni successivi.

Il consiglio direttivo di questa società decise immediatamente di cambiare il governo in Virginia. Ha nominato Thomas West, Lord Delaware, governatore e capitano generale della Virginia, Sir Thomas Gates come luogotenente-governatore e Sir George Somers come ammiraglio in base al nuovo statuto. Una grande spedizione di dieci navi fu preparata per andare in Virginia sotto la direzione di Newport, Gates e Somers, Lord Delaware per seguire in seguito. Otto navi raggiunsero la Virginia in agosto con un gran numero di coloni, ma sfortunatamente due furono perse, una delle quali fu la Sea Venture, che trasportava Newport, Gates e Somers. Il risultato fu che Smith e il vecchio regime si rifiutarono di consegnare il governo nelle mani di nuovi arrivati ​​per mancanza di autorizzazione adeguata. Quando le navi salparono, tuttavia, Smith andò con loro, lasciando in vita il vecchio regime sotto Percy. La Sea Venture non andò perduta ma naufragò alle Bermuda, e finalmente, dopo aver passato lì l'inverno, furono costruite due piccole imbarcazioni nelle quali Somers, Gates e Newport arrivarono in Virginia. Trovarono i coloni affamati che erano stati 500 nell'autunno ora ridotti a sessanta senza provviste di alcun tipo, quindi fu convenuto che la migliore soluzione dell'intera faccenda fosse l'abbandono della colonia. Il 9 giugno tutti salparono da Jamestown, fortunatamente senza bruciare nessuno degli edifici. Avvicinandosi alla foce del fiume incontrarono una piccola barca che annunciò che Lord Delaware era passato attraverso i Capes. Quindi tornarono all'isola il giorno successivo, essendo stati via solo per una notte.

Il tempestivo arrivo di Lord Delaware salvò la colonia. Quando raggiunse Jamestown cadde in ginocchio e rese grazie per la salvezza della colonia. Il nuovo regime è stato ora inaugurato. Era uno di pompa e di spettacolo. Il governatore marciava regolarmente verso la chiesa in orari stabiliti frequentati dalle sue guardie, costringeva le persone a partecipare regolarmente alle funzioni e le metteva al lavoro. A causa del clima, il Delaware fu costretto ad andarsene e al suo posto venne Sir Thomas Dale, che era un soldato di distinzione. Inaugurò subito il governo militare. Sotto di lui la colonia prosperò, sebbene il suo governo fosse di assolutismo. Nel frattempo, Somers e Gates e altri avevano riferito della scoperta delle Bermuda, la carta della Virginia fu leggermente modificata nel 1612, essendo questa la terza carta della Compagnia di Londra. La modifica è stata apportata per includere le Isole Bermuda come parte della Virginia. Ha inoltre stabilito che il consiglio residente a Londra dovrebbe incontrarsi settimanalmente e che quattro volte all'anno tutti i membri della Società dovrebbero incontrarsi in un tribunale generale. È stato inoltre previsto che tutte le leggi per il governo della Virginia dovessero essere fatte dalla Società o dai suoi agenti autorizzati.

L'amministrazione di Dale è segnata anche dal matrimonio di John Rolfe con la principessa indiana Pocahontas. John Rolfe aveva fatto naufragio insieme alla sua famiglia alle Isole Bermuda durante la spedizione Somers and Gates, e lì era morta la sua prima moglie. Mentre era residente a Jamestown, aveva visto e si era innamorato di Pocahontas, che vi era tenuta prigioniera, essendo stata catturata dal capitano Argall sul fiume Potomac. Il matrimonio fu celebrato nella chiesa di Jamestown e la loro luna di miele fu trascorsa nella tenuta di Rolfe sul fiume James, conosciuta come Varina. Nel 1616 Dale tornò in Inghilterra, e con lui andarono il maestro John Rolfe e sua moglie, che furono gentilmente ricevuti alla corte di re Giacomo e celebrati dalla società londinese. Mistress Rolfe è morta a Londra, lasciando un figlio da cui tanti Virginiani rivendicano di discendere.

La prima assemblea legislativa americana.

Il successore di Dale fu Sir George Yeardley, che per una decina di anni con periodi intermedi fu governatore della colonia. Era un residente della Virginia, aveva una grande piantagione a Flower de Hundred ed era profondamente interessato allo sviluppo della colonia. Quando divenne governatore c'erano circa 700 o 800 coloni. Nel giro di tre anni la popolazione era probabilmente di 2.000, distribuita in circa undici insediamenti. Questa crescita della popolazione era dovuta a molte cause: (1) un maggiore interesse per la colonia da parte della Compagnia londinese assicurato da frequenti incontri (2) l'inizio del commercio del tabacco, il primo tabacco spedito in Inghilterra da John Rolfe in 1612, e (3) gli sforzi di Yeardley per assicurarsi i coloni sposati e la costruzione di case permanenti.

I costanti rapporti fatti dalla Virginia alla London Company e l'interesse che si era assicurato portarono allo sviluppo di un atteggiamento più liberale nella London Company nei confronti della gestione della colonia della Virginia. Inoltre, molti membri della Camera dei Lord e soprattutto della Camera dei Comuni erano contrari alle misure prepotenti del re Giacomo in Inghilterra, ed erano ansiosi di stabilire una colonia in cui potesse prevalere un governo liberale. L'esito fu una lotta nella Compagnia, a partire dal 1618, tra il partito del re e la fazione liberale così com'era in Parlamento. In altre parole, le riunioni del consiglio della London Company e dei tribunali generali divennero il terreno di discussione delle condizioni inglesi e delle condizioni della Virginia, e molti dibattiti parlamentari furono, per così dire, trasferiti alle riunioni della London Company. Nel 1618 la Compagnia diede istruzioni molto liberali a Sir George Yeardley per la gestione della colonia della Virginia, istruzioni che gli permisero di convocare un'Assemblea Generale. In base a queste istruzioni il governatore emanò una convocazione per l'elezione di due delegati da ciascuna delle undici piantagioni della colonia, che i rappresentanti si incontrarono a Jamestown il 30 luglio 1619, e procedettero all'organizzazione della prima assemblea legislativa d'America. Oltre a questi rappresentanti, l'Assemblea doveva essere composta anche dal governatore e dal suo consiglio, costituendo un organo unicamerale. La prima Assemblea si tenne nella chiesa di Jamestown. John Pory, segretario della colonia, fu eletto relatore. Ogni membro era tenuto a prestare il giuramento di supremazia come amministrato ai membri del parlamento inglese. Gli atti di questa Assemblea nell'autografo di Pory sono stati trovati nell'archivio britannico da Mr. Bancroft e mostrano ciò che è stato discusso da questi primi legislatori. Tra gli atti importanti c'era uno che affermava che poiché la London Company insisteva per approvare le leggi dell'Assemblea della Virginia, anche l'Assemblea della Virginia avrebbe dovuto avere il privilegio di approvare gli atti della London Company, i primi inizi della resistenza alla legislazione senza rappresentanza. Alla London Company fu anche chiesto di inviare operai e operai per costruire il college a Henrico.

Il primo movimento per l'istituzione di un collegio in Virginia fu fatto intorno al 1616, e il re autorizzò i vescovi d'Inghilterra a raccogliere per esso, che si tradusse in £1.500. La Compagnia concesse alcune terre a Henricopolis, ora Dutch Gap, e nel 1620 inviò George Thorpe come sovrintendente delle proprietà del college con operai e falegnami. Fu senza dubbio a causa della richiesta dell'Assemblea della Virginia, o House of Burgesses, come viene comunemente chiamata, che Thorpe fu inviato. Successivamente il Rev. Mr. Copeland fu eletto rettore, ma non raggiunse mai la Virginia perché il massacro del 1622 aveva distrutto le proprietà del college. Così il primo college in America ebbe i suoi inizi prima che fosse stato fatto qualsiasi altro insediamento diverso dalla Virginia. I primi Virginiani, quindi, si interessarono alle questioni educative, anche nel periodo della London Company.

Alcuni degli altri atti della prima Assemblea riguardavano il bere, ed era illegale per qualsiasi uomo ubriacarsi. Era inoltre vietato a chiunque di indossare abiti eleganti purché non pagasse al sostentamento della chiesa secondo la qualità degli abiti che indossava. Chi si fosse reso colpevole di giuramento, dopo essere stato ammonito tre volte, dovesse essere multato di cinque scellini per ogni offesa, la multa per andare in chiesa. L'Assemblea rimase in seduta solo cinque giorni, ma a giudicare dai resoconti dei suoi lavori gli uomini erano conservatori e pratici, e non ebbero difficoltà a far passare i regolamenti che ritenevano migliori per la colonia. Lo spirito di indipendenza e di libertà mostrato da questa Assemblea era indicativo di quello spirito che avrebbe poi prodotto la Rivoluzione americana.

Carta della compagnia di Londra annullata.

Per i successivi tre anni la colonia crebbe rapidamente. La schiavitù dei negri fu introdotta nel 1619, venti schiavi furono acquistati da una nave da guerra olandese, otto dei quali divennero proprietà del governatore. Circa novanta giovani donne furono portate a diventare mogli dei coloni, e così si formarono case più permanenti. L'industria del tabacco aumentò e nel 1620 furono spedite 20.000 sterline in Inghilterra. Nel 1622 il numero degli insediamenti era di circa ventiquattro o venticinque.

Gli indiani videro con stupore l'occupazione delle loro terre da parte dei bianchi. All'epoca in cui fu stabilito il primo insediamento a Jamestown, Powhatan, come veniva chiamato, era il sovrano di una libera confederazione di piccole tribù indiane nella Virginia orientale. All'inizio era ostile agli inglesi, ma sebbene fosse un astuto diplomatico non poteva competere con John Smith, e alla fine cedette a tutte le richieste degli inglesi senza seri conflitti. Dopo la cattura di sua figlia e la sua conversione al cristianesimo e il matrimonio con John Rolfe, lui e la sua tribù vissero in pace con gli inglesi. Il legame tra le razze fu, tuttavia, in qualche modo rotto dalla morte di Pocahontas, e in seguito del tutto interrotto dalla morte di Powhatan. Lo stesso capo che aveva catturato per la prima volta Smith nel 1607, Opecancanough, divenne ora il sovrano del popolo di Powhatan e li esortò a impedire un'ulteriore crescita degli insediamenti inglesi. Il risultato fu un'improvvisa e inaspettata rivolta nella primavera del 1622 che portò alla distruzione della città di Henricopolis e di molte altre piantagioni minori e alla morte di circa 300 coloni, tra cui il capitano William Powell, che era stato membro del la prima Assemblea legislativa, e probabilmente John Rolfe, che aveva sposato Pocahontas. Questo fu un duro colpo per la colonia, e trascorsero circa sei o otto mesi prima che ricominciasse a ricevere nuovi coloni e ad assumere una nuova vita.

Mentre in Virginia si svolgevano questi affari, la situazione della London Company a Londra diventava sempre più critica. Sir Thomas Smythe, nel 1619, essendo stato nominato dal re commissario della marina, rifiutò la rielezione a tesoriere della Compagnia di Londra e Sir Edwin Sandys fu eletto come suo successore. L'anno successivo, quando si presentò la questione dell'elezione, il re mandò a dire che Sir Edwin Sandys era persona non grata, al che la fazione liberale mise in nomina il conte di Southampton, che fu eletto. Southampton era altrettanto discutibile, ma finché la London Company rimase in vita fu rieletto al suo ufficio. In altre parole, la London Company era controllata dall'elemento più liberale del Parlamento che si opponeva alla nozione di Re Giacomo di diritto divino e prerogativa reale. Era quindi desiderio del re annullare lo statuto della Compagnia di Londra e interrompere le sue riunioni, che, secondo lui, erano il focolaio della sedizione. Tra i sostenitori del re c'erano Sir Thomas Smythe, Robert Rich (conte di Warwick) e molti altri importanti gentiluomini e mercanti inglesi. In altre parole, la classe mercantile, che aveva il monopolio del commercio, aveva paura delle politiche liberali del popolo Sandys-Southampton che era guidato da Sir Edwin e dal conte, con i loro abili compagni George Sandys, i Ferrar, il conte di Dorset, William Cavendish e altri. Nel 1623 il re, disgustato dalla gestione della London Company, inviò una commissione in Virginia per riferire sullo stato della colonia. Il suo rapporto era avverso alla London Company, sostenendo che la sua gestione della Virginia era insoddisfacente. I Virginiani inviarono un commissario dicendo che erano completamente soddisfatti del governo di cui godevano. La stessa Compagnia di Londra preparò una risposta al re. Tuttavia, James ha portato a termine il procedimento e, per quo warranto, il giudice supremo Ley ha dichiarato nullo lo statuto della Compagnia di Londra.Così finì, nel 1624, il governo della London Company in Virginia.

Fortunatamente per gli studiosi di storia, gli atti di questa Compagnia furono conservati da Nicholas Ferrar e furono infine acquistati da William Byrd, della Virginia, e, passando per più mani, raggiunsero Thomas Jefferson, e con la sua biblioteca furono acquistati dagli Stati Uniti. Oggi sono conservati nella Biblioteca del Congresso.

La Virginia ora divenne una provincia reale, ma il lavoro della London Company non poteva essere completamente annullato. A questa grande fiducia o società è dovuta la costituzione del primo insediamento permanente in America a spese di diversi milioni di dollari per i fondatori. L'istituzione di una forma di governo rappresentativa nel nuovo mondo è un'eredità che ci viene dalla London Company. Era scopo di James togliere alla colonia gran parte della libertà negli affari governativi di cui aveva goduto sotto la Compagnia di Londra. Fortunatamente per la Virginia, James morì prima che potesse preparare un piano di governo per la colonia, e Carlo I fu persuaso dai Virginiani, che gli concessero alcuni dazi sul tabacco della colonia, a continuare una forma di governo rappresentativa. Così una delle influenze più durature della Compagnia di Londra, il governo popolare, fu preservata nelle colonie americane e alla fine produsse la nostra repubblica.

Bibliografia. -Brown: Genesis of the United States Campbell: History of Virginia Chandler and Thames: Colonial Virginia Connor: Beginnings of English America Fiske: Old Virginia and Her Neighbors Hariot: A Brief and True Report of the New Found Land of Virginia Hening: Statuti at Large Kingsbury: Records of the Virginia Company of London Neill: The Virginia Company Smith, John: General History of Virginia Tyler: Cradle of the Republic, England in America, Narratives of Early Virginia.


Evviva! Hai scoperto un titolo che manca nella nostra libreria. Potete aiutarci a donare una copia?

  1. Se possiedi questo libro, puoi spedirlo al nostro indirizzo qui sotto.
  2. Puoi anche acquistare questo libro da un venditore e spedirlo al nostro indirizzo:

Quando acquisti libri utilizzando questi link, Internet Archive può guadagnare una piccola commissione.


La Terza Carta della Virginia 1612

Fin dall'inizio la Virginia Company ottenne l'autorità di governare la propria colonia. Un consiglio direttivo in Inghilterra, composto da membri della società per azioni che di solito erano mercanti di grande distinzione, fu formato subito dopo che il re Giacomo I concesse la carta del 1606. I consiglieri furono nominati apparentemente dal re, ma in realtà furono nominati dall'appartenenza, o più spesso, dal gruppo dirigente interno dell'azienda. Il consiglio in Inghilterra ha impartito istruzioni ai primi coloni che nominano un consiglio coloniale per prendere decisioni quotidiane. Questo gruppo si dimostrò inefficace e alla fine fu nominato un governatore, Lord Delaware. Agendo sotto il consiglio in Inghilterra, il governatore aveva potere assoluto. L'autorità di stabilire o modificare un governo in Virginia si basava sulla carta concessa dal re in questo senso, il re delegava parte del suo potere ad altri.

La Terza Carta della Virginia (12 marzo 1612)

E mentre per il maggior bene e beneficio di detta Compagnia e per meglio arredare e stabilire la detta plantacion, abbiamo fatto ulteriormente [dare], concedendo e confermando con le nostre dette lettre patenti a detti Tesoriere e Compagni e loro successori per sempre , tutte quelle terre, paesi e territori si snodano, giacendo ed essendo in quella parte dell'America chiamata Virginia, dal punto di terra chiamato Cape [o] Pointe Comfort lungo tutta la costa del mare fino a duecento miglia verso nord, e dal detto punto di Capo Comfort lungo tutta la costa del mare fino a duecento miglia a sud, e tutto lo spazio e il circuito di terra che si estende dalla costa del mare del suddetto distretto su o nella terra da mare a mare, a ovest e a nord-ovest, e anche tutte le isole giacendo entro un centinaio di miglia lungo la costa di entrambi i mari del suddetto distretto, con diverse altre concessioni, libertà, franchigie, preminenze, privilegi, profitti, benefici e merci, concesso in e per le nostre dette lettere patenti a detti Tresorer e Companie, e ai loro successori, per sempre:

Ora per quanto ci è dato di capire che in questi mari attigui alla detta costa della Virginia e senza la bussola di quelle duecento miglia da noi così concesse al detto Tesoriere e Compagnia come sopra, e tuttavia non molto lontano dalla detta Colonia in Virginia vi sono o possono esservi diverse isole che giacciono desolate e disabitate, alcune delle quali sono già rese note e scoperte dall'industria, dai viaggi e dalle spese della detta Compagnia, e altre ancora dovrebbero essere e rimanere ancora sconosciute e da scoprire, tutti e ciascuno dei quali non importa mai la detta colonia sia in sicurezza che in economia di commercio per popolare e piantare, riguardo a dove, sia per prevenire il pericolo che per la migliore comodità e prosperità di detta colonia, hanno bin umili corteggiatori a noi che saremmo lieti di concedere loro un ampliamento del nostro detto ex brevetto di lettere, nonché per una più ampia estensione dei loro limiti e territori nei mari adiacenti g fino e sopra la costa della Virginia come anche per alcune altre questioni e articoli riguardanti il ​​miglior governo di detta Compagnia e Collony, nel qual punto i nostri detti precedenti brevetti di lettere non si estendono così lontano come il tempo e l'esperienza hanno ritenuto necessario e conveniente:

Noi, quindi, tendendo al buon e felice successo di detta plantacion sia per quanto riguarda il benessere generale della società umana, sia per quanto riguarda il bene della nostra proprietà e dei nostri regni, ed essendo disposti a dare ulteriormente a tutti i buoni mezzi che possono far avanzare il beneficio di detta Compagnia e che maie assicureranno la salvezza dei nostri amati sudditi, piantati nella nostra detta Colonia sotto il favore e la protezione di Dio Onnipotente e del nostro potere e autorità reali, hanno quindi della nostra grazia speciale, certa conoscenza e semplice mozione, dato, concesso e confermato, e per noi, i nostri eredi e successori, facciamo con questi regali, diamo, concediamo e confermiamo al suddetto tesoriere e compagnia di avventurieri e piantatori della suddetta città di Londra per la prima colonia in Virginia, e a i loro eredi e successori per sempre, tutti e singoli i detti iselandes [qualunque] scituat ed essendo in una anie parte del detto oceano che confina con la costa della nostra detta Prima Colonia in Virginia un d essendo entro trecento leghe di anie le partes hertofore concesse al detto Tesoriere e Compagnia nelle nostre dette ex lettres patents come sopra, ed essendo all'interno o tra l'uno e quaranta e trenta gradi di latitudine nord, insieme a tutti e singolari [terreni ] terre, terre, porti, porti, fiumi, acque, pescherecci, miniere e minerali, nonché miniere reali d'oro e d'argento come altre miniere e minerali, perle, pietre preziose, cave e tutte e singole altre merci, giurisdizioni, diritti d'autore, privilegi, franchigie e preminenze, sia all'interno del detto tratto di terra sopra il maine e anche all'interno di dette isole e mari adiacenti, qualsiasi cosa, e ad essa o lì intorno sia per mare che per terra essendo o scituat e che, con le nostre lettere patenti, noi maie o cann concedere e nella maniera più ampia e ordinata che noi o i nostri nobili progenitori abbiamo finora concesso ad una o più persone o ad anie Companie, bodie politique o corporate o a qualsiasi avventuriero o avventuriero, impresario di pompe funebri o impresario di pompe funebri di qualsiasi altra scoperta, piantagione o traffico, di, in o in qualsiasi altra parte straniera, e in modo ampio e ampio come se gli stessi fossero qui specificatamente nominati, menzionati ed espressi: sempre che le dette isole o anie le premesse qui menzionate e da questi regali destinati e destinati a essere concessi non siano già effettivamente possedute o abitate da un altro principe o feudo cristiano, né si trovino entro i confini, i limiti o i territori della Colonia del Nord, prima d'ora da ci è stato concesso di essere piantati da diversi dei nostri sudditi amorevoli nella parte settentrionale della Virginia. Avere e tenere, possedere e godere di tutte e singolarmente le dette isole nei detti mari oceanici così che giacciono e confinano sulla costa o sulle coste dei territori della detta Prima Colonia in Virginia come sopra, con tutti e singolarmente i detti terreni, landes e groundes e tutte e altre singolari le premesse finora concesse da theis presenti, o menzionate da concedere, a loro, al detto Tesoriere e Compagnia di Avventurieri e Piantatori della Città di Londra per la Prima Colonia in Virginia, e ai loro eredi , successori e aventi causa per sempre, al solo e proprio uso e per conto di loro, il suddetto Tesoriere e la Società e i loro eredi, successori e aventi causa per sempre saranno detenuti da noi, i nostri eredi e successori come del nostro dominio di Eastgreenwich, in libero e comune soccage e non in capite, cedendo e pagando quindi, a noi, nostri eredi e successori, la quindicina parte dei remi di tutto l'oro e l'argento che vi sarà ottenuto, avuto o ottenuto per tutti gli uomini er di servizi, qualunque.

E inoltre la nostra volontà e piacere è, e noi lo facciamo con questi doni, concediamo e confermiamo per il bene e il benessere di detta plantacion, e che i posteri maie d'ora in poi sapranno chi si è avventurato e non risparmierà le loro borse in un così nobile e generoso accon per il bene generale delle loro contrade, e su richiesta e con il consenso della suddetta Compagnia, che i nostri sudditi fidati e beneamati.

  • George, Lord Arcivescovo di Canterbury
  • Gilbert, Conte di Shrewsberry
  • Maria, contessa di Shrewes
  • Elisabetta, contessa di Derby
  • Margarett, contessa di Comberland
  • Enrico, conte di Huntingdon
  • Edward, conte di Beddford
  • Lucia, contessa di Bedford
  • Maria, contessa di Pembroke
  • Riccardo, conte di Clanrickard
  • Lady Elizabeth Graie
  • William, Lord Visconte Crambome
  • William, Lord Bishopp di Duresme
  • Henry, Lord Bishopp di Worceter
  • John, Lord Bishopp di Oxonford
  • William, Lord Paget
  • Dudley, Lord North
  • Franncis, Lord Norries
  • William, Lord Knollis
  • John, Lord Harrington
  • Robert, Lord Spencer
  • Edward, Lord Denny
  • William, Lord Cavendishe
  • James, Lord Hay
  • Elianor, Lady Cave [Carre]
  • Maistres Elizabeth Scott, vedova
  • Edward Sackvill, Esquier
  • Sir Henry Nevill, di Aburgavenny, Cavaliere
  • Sir Robert Riche, Cavaliere
  • Sir John Harrington, Cavaliere
  • Sir Raphe Wimwood, Cavaliere
  • Sir John Graie, Cavaliere
  • Sir Henry Riche, Cavaliere
  • Sir Henry Wotton, Cavaliere
  • Peregrine Berly, Esquier [Berty]
  • Sir Edward Phelipps, Cavaliere, Maestro dei Rolls
  • Sir Moile Finch, Cavaliere
  • Sir Thomas Mansell, Cavaliere
  • Sir John St. John, Cavaliere
  • Sir Richard Spencer, Cavaliere
  • Sir Franncis Barrington, Cavaliere
  • Sir George Carie del Devonshire, Cavaliere
  • Sir William Twisden, Cavaliere
  • Sir John Leveson, Cavaliere
  • Sir Thomas Walsingham, Cavaliere
  • Sir Edward Care, Cavaliere
  • Sir Arthure Manwaringe, Cavaliere
  • Sir Thomas Jermyn, Cavaliere
  • Sir Valentine Knightley, Cavaliere
  • Sir John Dodderridge, Cavaliere
  • Sir John Hungerford, Cavaliere
  • Sir John Stradling, Cavaliere
  • Sir John Bourchidd, Cavaliere [Bourchier]
  • Sir John Bennett, Cavaliere
  • Sir Samuel Leonard, Cavaliere
  • Sir Franncis Goodwin, Cavaliere
  • Sir Wareham St. Legier, Cavaliere
  • Sir James Scudamore, Cavaliere
  • Sir Thomas Mildmaie, Cavaliere
  • Sir Percivall Harte, Cavaliere
  • Sir Percivall Willoughby, Cavaliere
  • Sir Franncis Leigh, Cavaliere
  • Sir Henry Goodere, Cavaliere
  • Sir John Cutt, Cavaliere
  • Sir James Parrett, Cavaliere
  • Sir William Craven, Cavaliere
  • Sir John Sammes, Cavaliere
  • Sir Carey Raleigh, Cavaliere
  • Sir William Maynard, Cavaliere
  • Sir Edmund Bowyer, Cavaliere
  • Sir William Cornewallis, Cavaliere
  • Sir Thomas Beomont, Cavaliere
  • Sir Thomas Cunningsby, Cavaliere
  • Sir Henry Beddingfeild, Cavaliere
  • Sir David Murray, Cavaliere
  • Sir William Poole, Cavaliere
  • Sir William Throgmorton, Cavaliere
  • Sir Thomas Grantham, Cavaliere
  • Sir Thomas Stewkley, Cavaliere
  • Sir Edward Heron, Cavaliere
  • Sir Ralph Shelten, Cavaliere
  • Sir Lewes Thesam, Cavaliere
  • Sir Walter Aston, Cavaliere
  • Sir Thomas Denton, Cavaliere
  • Sir Ewstace Hart, Cavaliere
  • Sir John Ogle, Cavaliere
  • Sir Thomas Dale, Cavaliere
  • Sir William Boulstrod, Cavaliere
  • Sir William Fleetwood, Cavaliere
  • Sir John Acland, Cavaliere
  • Sir John Hanham, Cavaliere
  • Sir Roberte Meller, Cavaliere [Millor]
  • Sir Thomas Wilford, Cavaliere
  • Sir William Lower, Cavaliere
  • Sir Thomas Lerdes, Cavaliere [Leedes]
  • Sir Franncis Barneham, Cavaliere
  • Sir Walter Chate, Cavaliere
  • Sir Thomas Tracy, Cavaliere
  • Sir Marmaduke Darrell, Cavaliere
  • Sir William Harrys, Cavaliere
  • Sir Thomas Gerrand, Cavaliere
  • Sir Peter Freetchvile, Cavaliere
  • Sir Richard Trevor, Cavaliere
  • Sir Amias Bamfeild
  • Sir William Smith dell'Essex, Cavaliere
  • Sir Thomas Hewett, Cavaliere
  • Sir Richard Smith, Cavaliere
  • Sir John Heyward, Cavaliere
  • Sir Christopher Harris, Cavaliere
  • Sir John Pettus, Cavaliere
  • Sir William Strode, Cavaliere
  • Sir Thomas Harfleet, Cavaliere
  • Sir Walter Vaughan, Cavaliere
  • Sir William Herrick, Cavaliere
  • Sir Samuell Saltonstall, Cavaliere
  • Sir Richard Cooper, Cavaliere
  • Sir Henry Fane, Cavaliere
  • Sir Franncis Egiok, Cavaliere
  • Sir Robert Edolph, Cavaliere
  • Sir Arthure Harry, Cavaliere
  • Sir George Huntley, Cavaliere
  • Sir George Chute, Cavaliere
  • Sir Robert Leigh, Cavaliere
  • Sir Richard Lovelace, Cavaliere
  • Sir William Lovelace, Cavaliere
  • Sir Robert Yaxley, Cavaliere
  • Sir Franncis Wortley, Cavaliere
  • Sir Franncis Heiborne, Cavaliere
  • Sir Guy Palme, Cavaliere
  • Sir Richard Bingley, Cavaliere
  • Sir Ambrose Turvill, Cavaliere
  • Sir Nicholas Stoddard, Cavaliere
  • Sir William Gree, Cavaliere
  • Sir Walter Coverte, Cavaliere
  • Sir Thomas Eversfeild, Cavaliere
  • Sir Nicholas Parker, Cavaliere
  • Sir Edward Culpeper, Cavaliere
  • Sir William Ayliffe, Cavaliere, e
  • Sir John Keile, Cavaliere
  • Dottor George Mountaine, Decano di Westminster
  • Lawrence Bohan, Docktor in Physick
  • Anthony Hinton, dottore in fisica
  • John Pawlett
  • Arthure Ingram
  • Anthony Irby
  • Giovanni Weld
  • Giovanni Walter
  • John Harris
  • Anthony Dyott
  • William Ravenscrofte
  • Thomas Warre
  • William Hackwill
  • Lawrence Nascondi
  • Nicholas Hide
  • Thomas Stevens
  • Francesco Tate
  • Thomas Coventry
  • Giovanni Hare
  • Robert Askwith
  • George Sanddys
  • Francis Jones
  • Thomas Wentworth
  • Henry Cromewell
  • John Arundell
  • John Culpeper
  • John Hoskins
  • Walter Fitz Williams
  • Walter Kirkham
  • William Roscarrock
  • Richard Carmendon
  • Edward Carne
  • Thomas Merry
  • Nicholas Lichfeild
  • John Middleton
  • John Smithe, e
  • Thomas Smith, i figli di Sir Thomas Smith
  • Pietro Franke
  • George Gerrand
  • Gregory Sprynte
  • John Drake
  • Roger Puleston
  • Oliver Nicholas
  • Richard Nunnington [Monyngton]
  • John Vaughan
  • John Evelin
  • Lamorock a cavallo
  • John Riddall
  • John Kettleby
  • Warren Townsend
  • Lionell Cranfeild
  • Edward Salter
  • William Litton
  • Humfrey maggio
  • George Thorpe
  • Henry Sandys, e
  • Edwin Sandys, i figli di Sir Edwin Sandys
  • Thomas Conway
  • Capitano Owen Gwinn
  • Capitano Giles Hawkridge
  • Edward Dyer
  • Richard Connock
  • Benjamin Brand
  • Richard Leigh, e
  • Thomas Pelham, Esquiers
  • Thomas Digges, e
  • John Digges, Esquiers, i figli di Sir Dudley Diggs,
  • Francis Bradley
  • Richard Buckminster [Buck]
  • Francis Burley
  • John Procter
  • Thomas Frake, thelder, e
  • Henry Freake, thelder, ministri della parola di Dio
  • Il sindaco e i cittadini di Chichester
  • Il sindaco e i giurati di Dover
  • Gli ufficiali giudiziari, i borghesi e la comunità di Ipswich
  • Il sindaco e il comune di Lyme Regis
  • Il sindaco e la comunità di Sandwich
  • I guardiani, gli assistenti e la compagnia della Trinity House
  • Tommaso Martin
  • Francesco Smaleman
  • Agostino Steward
  • Richard Tomlins
  • Humfrey Jobson
  • Giovanni Legato
  • Robert Backley [Barkley]
  • John Crowe
  • Edward Backley [Barkley]
  • William Flett [Flotta]
  • Henry Wolstenholme
  • Edmund Alleyn
  • George Tucker
  • Francis Glanville
  • Thomas Gouge
  • John Evelin
  • William Hall
  • John Smithe
  • George Samms
  • John Robinson
  • William Tucker
  • John Wolstenholme e Henry Wolstenholme, figli di John Wolstenholme, Esquier
  • William Hodges
  • Jonathan Mattall [Nuttall]
  • Phinees Pett
  • Capitano John Kinge
  • Capitano William Beck
  • Giles Alington
  • Franncis Heiton, e
  • Samuell Holliland, signore
  • Richard Chamberlaine
  • George Chamberlaine
  • Hewett pinzatrice
  • Humfrey Handford
  • Raph Freeman
  • George Twinhoe [Swinhoe]
  • Richard Pigott
  • Elias Roberts
  • Roger Harris
  • Devereux Wogan
  • Edward Baber
  • William Greenewell
  • Thomas Stilles
  • Nicholas Hooker
  • Robert Garsett
  • Thomas Cordell
  • William Bright
  • John Reynold
  • Peter Bartley
  • John Willett
  • Humfry Smithe
  • Roger Dye
  • Nicholas Leate
  • Thomas Wales
  • Lewes Tate
  • Humfrey Merrett
  • Roberte Peake
  • Powell Isaackson
  • Sebastian Viccari
  • Jarvis Mundes
  • Richard Wamer
  • Gresham Hogan Warner
  • Daniell Deruley
  • Andrew Troughton
  • William Barrett
  • Thomas Hodges
  • John Downes
  • Richard Harper
  • Thomas Foxall
  • William Haselden
  • James Harrison
  • William Burrell
  • John Hodsall
  • Richard Fisborne
  • John Miller
  • Edward Cooke
  • Richard Hall, marchese
  • Richard Hall, ankersmith
  • John Delbridge
  • Richard Francklin
  • Edmund Scott
  • John Britten
  • Robert Stratto
  • Edmund Pond
  • Edward James
  • Robert Bell
  • Richard Herne
  • William Ferrers
  • William Millet
  • Anthony Abdy
  • Roberte Gore
  • Benjamin Decrow
  • Henry Tunbedey [Timberly]
  • Humfrey Bassi
  • Abraham Speckart
  • Richard Moorer
  • William Compton
  • Richard Poulsoune [Pontsonne]
  • William Wolaston
  • John Desmont, sarto [Beomont]
  • Alexander Childe
  • William Fald, pescivendolo
  • Francesco Baldwin
  • John Jones, marciante
  • Thomas Plomer
  • Edward Plomer, marcianti
  • John Stoickden
  • Robert Tindall
  • Peter Erundell
  • Ruben Bourne
  • Thomas Hampton, e
  • Franncis Carter, cittadini di Londra,

coloro che dopo le nostre ultime lettere patenti sono diventati avventurieri e si sono uniti agli ex avventurieri e piantatori di detta Società e società, d'ora in poi saranno reputati, considerati e considerati come e saranno fratelli e membri liberi della Società e saranno e maie, rispettivamente, e secondo la proporzione e il valore delle loro diverse avventure, hanno, detengono e godono di tutti i tali interessi, diritti, titoli, privilegi, preminenze, libertà, franchigie, immunità, profitti e merci di sorta in modo più ampio, ampio e vantaggioso. modo a tutti gli effetti, costruzioni e scopi come tutte le altre avventure nominate ed espresse in qualsiasi nostra precedente lettera patente, o qualunque di esse abbia o possa avere per forza e virtù di questi presenti, o qualunque altra nostra precedente lettera patente.

  • Phillipp, Conte di Montgomery
  • William, Lord Paget
  • Sir John Harrington, Cavaliere
  • Sir William Cavendish, Cavaliere
  • Sir John Sammes, Cavaliere
  • Sir Samuell Sandys, Cavaliere
  • Sir Thomas Freke, Cavaliere
  • Sir William St. John, Cavaliere
  • Sir Richard Grobham, Cavaliere
  • Sir Thomas Dale, Cavaliere
  • Sir Cavalliero Maycott, Cavaliere
  • Richard Martin, Esquier
  • John Bingley, Esquier
  • Thomas Watson, Esquier e
  • Arthure Ingram, Esquier,

i quali i detti tesorieri e società hanno, poiché le dette [ultime] lettres patent, nominati e stabiliti come persone degne e discrete atte a servirci come consiglieri, per essere del nostro consigliere per la detta plantacion, sarà reputato, ritenuto e preso come persone del nostro detto Consiglio per la suddetta Prima Colonia in modo e tipo a tutti gli effetti come coloro che sono stati precedentemente eletti e nominati come nostri Consiglieri per quella Colonia e i cui nomi sono stati o sono incerti ed espressi nelle nostre dette precedenti lettere brevetto.

E con la presente concediamo e concediamo per mezzo di questi doni che il suddetto Tesoriere e Compagnia di Avventurieri e Piantatori, di cui sopra, tenga e organizzi, una volta ogni settimana o più spesso a loro piacimento, una corte e un'assemblea per il miglior ordine [ordinando] e governo di detta plantacion e le cose che riguarderanno la stessa e che anie cinque persone del detto Consigliere per il detto Primo Collonie in Virginia, per il momento, di cui la Compagnia il Tesoriere o il suo vice è sempre uno, e il numero di quindici altri almeno della generalità di detta Società riuniti insieme in tale corte o assemblea nel modo in cui è ed è stato finora usato e abituato, sarà detto, preso, ritenuto e reputato essere e sarà un pieno e tribunale sufficiente di detta Società per la gestione, l'ordine e l'invio di tutti gli eventi casuali e particolari e le questioni accidentali di minore importanza e importanza, come di volta in volta ha ppen, toccante e concernente detta plantacion.

E ciò, tuttavia, per la gestione, l'ordinamento e la disposizione di questioni e affari di grande importanza e importanza e che devono o maie in anie sort concernenti il ​​bene pubblico e il bene generale di detta società e plantacion, ovvero il modo di governo di tanto in tanto per essere utilizzati, l'ordinamento e la disposizione di detti beni e l'insediamento e l'istituzione di un commercio, o simili, saranno tenuti e mantenuti ogni anno fino all'ultimo mercoledì, tranne uno di Hillary, Pasqua, Trinità e Michaelmas termes, per sempre, una grande, generale e solenne assemblea, che fornì diverse assemblee, sarà designata e chiamata The Fower Great and Generall Courts of the Counsell and Company of Adventurers for Virginia in tutte e ciascuna delle quali dette grandi e generali Corti così riunite la nostra volontà e piacere è e lo facciamo, per noi, i nostri eredi e successori per sempre, diamo e concediamo a detto Tesoriere e Società e ai loro successori per sempre da questi regali, th presso di essi, il detto Tesoriere e la Società o il maggior numero di essi riuniti, avranno pieni poteri e autorità di volta in volta e in ogni momento in seguito per eleggere e scegliere persone discrete che siano del nostro [detto] Consigliere per il detta Prima Colonia in Virginia e di nominare e nominare gli ufficiali che riterranno idonei e richiesti per il governo, gestendo, ordinando e dispiegando gli affari di detta Compagnia e avrà altresì pieni poteri e autorità per ordinare e fare tali leggi e ordinanze per il bene e il benessere di detta plantacion per quanto riguarda loro di volta in volta saranno ritenute necessarie e soddisfatte: così sempre come le stesse non saranno contrarie alle leggi e agli statuti di questo nostro regno d'Inghilterra e allo stesso modo avranno potere e l'autorità di espellere, privare del diritto di voto e mettere fuori e dalla loro detta società e società per sempre tutte e tutte le persone e le persone che hanno promesso o sottoscritto i loro nomi a b Venuti avventurieri a detta piantagione della detta Prima Colonia in Virginia, o avendo bin nominato per avventurieri in theis o anie our lettres patent o avendo bin altrimenti ammesso e nominato per essere di detta Compagnia, non hanno tuttavia o non messo in anie avventura [ a] tutti per e verso detta plantacion o els hanno rifiutato e trascurato, o rifiuteranno e trascureranno, di portare la sua o la loro avventura per parola o per iscritto promesso entro sei mesi dopo che lo stesso sarà dovuto e dovuto.

E mentre il fallimento e il mancato pagamento di tali somme, che sono state promesse nell'avventura per il progresso di detta plantacion, è stato spesso per esperienza ritenuto pericoloso e pregiudizievole per la stessa e molto da aver ostacolato il progresso e il procedere di detta plantacion e poiché ci sembra una cosa ragionevole che persone come per la loro scrittura si siano impegnate per il pagamento delle loro avventure, e dopo aver trascurato la loro fede e promessa, debbano essere obbligate a fare il bene e mantenere lo stesso, quindi la nostra volontà e il nostro piacere sono che in qualsiasi suite o suite sia stata avviata o da essere eseguita in una delle nostre corti att Westminster, o altrove, da detto tesoriere e società o altrimenti contro anie tali persone, che i nostri giudici per il momento sia nella nostra corte di cancelleria che presso il diritto comune favorisce e favorisce le suddette cause così avanti come la legge e l'equità in ogni caso soffriranno e consentiranno.

E noi, per noi, nostri eredi e successori, diamo e concediamo inoltre a detto Tesoriere e Compagnia, e loro successori per sempre, che loro, detti Tresorer e Compagnia o la maggior parte di loro per il momento, così in una corte plenaria e generale riunita come sopra dovrà e mai, di volta in volta e sempre in seguito, per sempre, eleggere, scegliere e ammettere nella loro Compagnia e società una o più persone, nonché estranei e stranieri sopportati in una qualsiasi parte al di là i mari dovunque, essendo in amicizia con noi, come nostri sudditi naturali sopportati in tutti i nostri regni e domini e che tutte queste persone così elette, scelte e ammesse a far parte di detta Compagnia come suddetto saranno quindi prese, reputate e tenute e devono essere membri liberi di detta Società e devono avere, detenere e godere di tutte e singole libertà, libertà, franchigie, privilegi, immunità, benefici, profitti e beni di qualsiasi genere, a detta Società in ogni sorta di appartenenza o appartenendo così pienamente, liberamente [e] ampiamente come qualsiasi altro avventuriero o avventuriero che è ora, o che in seguito at anie time sarà, di detta Società, ha, avrà, dovrà, mai, potrebbe o dovrebbe avere o godere dello stesso per tutti gli intenti e gli scopi.

E facciamo inoltre per nostra speciale grazia, per conoscenza certa e semplice mozione, per noi, i nostri eredi e successori, diamo e concediamo a detti Tresorer e Companie e ai loro successori, per sempre per la loro presenza, che sia lecito e gratuito per loro e i loro incaricati in ogni momento e in ogni momento successivo, fuori dai nostri regni e domini qualunque, a prendere, condurre, portare e trasportare in e nel detto viaggio e per e verso la detta plantacion del nostro detto Primo Collonie in Virginia, tutti questi e così tanti dei nostri sudditi amorevoli o altri estranei che diventeranno i nostri sudditi amorevoli e vivranno sotto la nostra fedeltà come li accompagneranno volentieri nel suddetto viaggio e piantagione con navi, armature, armi, ordinanze, munizioni, polvere, shott, viveri, e ogni sorta di mercanzie e merci, e ogni genere di abbigliamento, attrezzi, mobili, bestie, bestiame, cavalli, cavalle e tutte le altre cose necessarie per detta piantagione e per il loro uso e difesa, e per il commercio con le persone lì e di passaggio e di ritorno avanti e indietro, senza pagare o cedere anie subsedie, custome o imposicion, né interna né esterna, o qualsiasi altro dovere verso noi, i nostri eredi o successori, per lo stesso, per lo spazio di sette anni dalla data della presente.

E facciamo inoltre, per noi, nostri eredi e successori, diamo e concediamo al detto Tesoriere e Società e ai loro successori per sempre, per la loro presenza, che il detto Tesoriere di detta Società, o il suo sostituto per il momento o anie altri due del nostro detto consigliere per la suddetta prima colonia in Virginia per il momento, avranno e mai più volte in seguito e di volta in volta, avranno pieno potere e autorità per servire e dare giuramento e giuramenti di supremazia e fedeltà, o entrambi di loro, a tutte e tutte le persone e le persone che, in qualsiasi momento e momento successivo, andranno o passeranno alla detta Colonia in Virginia:

E inoltre, che sia ugualmente lecito per il detto Tesoriere, o il suo vice per il momento, o altri due del nostro detto Consigliere per la detta Prima Colonia in Virginia, per il momento, di tanto in tanto e sempre in seguito. , per prestare un giuramento così formale come dalla loro discrescion sarà ragionevolmente concepito, così come a qualsiasi persona o persone impiegate o da impiegare in, per, o toccando detta piantagione per il loro onesto, fedele e giusto disimpegno del loro servizio in tutte queste questioni come sarà loro affidato per il bene e il beneficio di detta Società, Colonie e plantacion come anche a tale altra persona o persone come detto Tesoriere o il suo sostituto, con altri due del detto Consigliere, penseranno di incontrarsi per l'esame o la liquidazione della verità in qualsiasi causa relativa a detta piantagione o altra attività da lì procedere o lì fino al procedimento o alla sua appartenenza.

E, inoltre, mentre siamo stati certi che diverse persone lascive e maldisposte, marinai, anime, artificieri, vignaioli, manovali, ed altri, avendo ricevuto da detta Compagnia salario, abbigliamento o altro intrattenimento, o avendo contratto e concordato con la detta Compagnia per andare, per servire o per essere impiegata nella detta plantacion della detta Prima Colonia in Virginia, si sono poi ritirate, nascoste o nascoste, o si sono rifiutate di andarvi dopo aver bin soe intrattenuto e concordato con tutti e che diversi e varie persone che hanno inviato e impiegato nella detta plantacion della detta prima colonia in Virginia presso e sul chardge di detta società, e avendo lì si sono comportati male per ammutinamenti, sedizione e altri reati noti, o avendo bin impiegato o inviato all'estero dal governatore della Virginia o dal suo vice con qualche nave o pinnace per le disposizioni per la suddetta Colonia, o per qualche scoperta o altro bu isines and affaires riguardo allo stesso, da allora i più traditori o sono tornati di nuovo e sono tornati nel nostro regno d'Inghilterra di nascosto o senza licenza del nostro governatore della nostra detta colonia in Virginia per il momento, o hanno inviato bin qui come malfattori e i trasgressori e quelle manie tutte di quelle persone dopo il loro ritorno da lì, dopo essere state interrogate dal nostro detto Consigliere qui per tali loro comportamenti scorretti e offese, con il loro portamento insolente e sprezzante in presenza del nostro detto Consigliere, hanno mostrato poco rispetto e riverenza, o al luogo o all'autorità in cui li abbiamo collocati e nominati e altri, per la colorazione delle loro oscenità e misfatti commessi in Virginia, li hanno tentati con i rapporti più vili e diffamatori fatti e divulgati, così come anche dalle cuntrie della Virginia del governo e della tenuta di dette plantacion e Colonie, tanto quanto in esse giaceva, per portare il detto viaggio e plantacion in disgra ce e disprezzo per mezzo dove non solo le avventure e i piantatori già impegnati in detta plantacion hanno bin eccessivamente abusato e ostacolato, e un grande numero di altri nostri sudditi amorevoli e ben disposti altrimenti ben affetti e inclini a unirsi e avventurarsi in così nobile, cristiano e un'azione degna si sono scoraggiati dallo stesso, ma anche il totale rovesciamento e rovina di detta impresa ha bin grandemente in pericolo che non può fallire senza qualche disonore per noi e il nostro regno.

Ora, per quanto ci sembra che le sue insolenze, misfatti e soprusi, da non tollerare in alcun governo civile, siano per la maggior parte cresciute e procedute a dispetto del nostro Consiglio non abbiano alcun potere diretto e autorità per anie expresse wordes in le nostre precedenti lettere patenti per correggere e castigare tali trasgressori, noi quindi, per la più rapida riforma di soe grandi ed enormi abusi e misfatti finora praticati e commessi, e per la prevenzione di simili in futuro, facciamo da questi presenti per noi, i nostri eredi e successori, dai e concedi a detto Tesoriere e Compagnia, e ai loro successori per sempre, che sarà e mai essere lecito per il nostro detto Consiglio per la detta Prima Colonia in Virginia o per due di loro, di cui il detto Tesoriere o il suo vice per il momento devono essere sempre uno per mandato sotto le loro mani per mandare a chiamare, o far arrestare, tutte e ciascuna di queste persone e persone che devono essere notate o accusate o trovate d, att ogni volta o le volte in seguito, offendere o comportarsi male in anie i reati prima menzionati ed espressi e dopo l'esame di anie tali trasgressori o trasgressori e giusta prova fatta da giuramento fatto davanti al Consiglio di anie tali reati noti da loro commesso come detto sopra e anche su qualsiasi comportamento insolente, sprezzante o irriverente e comportamento scorretto verso o contro il nostro detto consigliere mostrato o usato da una o più persone così chiamate, convenute e che appaiono davanti a loro come detto che in tutti questi casi il nostro detto consigliere o anie due di loro per il momento, avranno e maie pieni poteri e autorità sia qui per vincolarli con buone garanzie per il loro buon comportamento e inoltre per procedere a tutti gli effetti e scopi, come è usato in altri casi simili all'interno del nostro regno d'Inghilterra o ells att la loro discrescita per rimproverare e rimandare i detti trasgressori o anie di loro a detta Colonia in Virginia, lì per essere proceduto e punito come il Governatore, il deputato e il Consigliere lì per il momento penseranno di incontrarsi o meno, secondo le leggi e le ordinanze che sono o saranno in uso lì per il buon ordine e il buon governo di detta Colonia.

E, per il più efficace avanzamento di detta plantacion, facciamo ulteriormente, per noi, i nostri eredi e successori, della nostra speciale grazia e favore, per virtù della nostra prorogazione reale e per l'assenso e il consenso dei Lordes e di altri nostri Privie Counsalle, dare e concedere al detto Tesoriere e alla Società pieni poteri e autorità, congedo gratuito, libertà e licenza di stabilire, correggere e pubblicare una o più lotterie o lotterie per avere continuità e per [sopportare] e tenersi per lo spazio di un intero anno successivo all'apertura delle stesse, e dopo la fine e la scadenza delle dette terme le dette lotterie o lotterie continueranno ed essere ulteriormente conservate, solo a nostro volere e piacere e non altrimenti. E tuttavia, nondimeno, siamo contenti e compiaciuti, per il bene e il benessere di detta piantagione, che il detto Tesoriere e Compagnia, per l'invio e il completamento di dette lotterie o lotterie, abbiano sei mesi di preavviso dopo la fine di detto anno. prima che la nostra volontà e il nostro piacere siano, per e per questo conto, interpretati, considerati e giudicati in ogni modo alterati e determinati.

E la nostra ulteriore volontà e piacere è che la suddetta lotteria o lotterie venga aperta e tenuta all'interno della nostra città di Londra o in qualsiasi altra città o città, o ellswheare all'interno di questo nostro regno d'Inghilterra, con tali premi, articoli, condizioni e limitazioni a loro, detti Tresorer e Companie, nelle loro discresions sembreranno convenienti.

E che sia e possa essere lecito e per detto Tesoriere e Compagnia eleggere e scegliere ricevitori, revisori dei conti, ispettori, commissari o qualsiasi altro ufficiale, a loro volontà e piacere per il miglior ordinamento, guida e governo di detto lottarie o lottaryes e che è parimenti lecito a e per il detto Tesoriere e anie twoe del detto Consigliere di assistere tutte e tutte le persone così elette e scelte per gli ufficiali come detto uno o più giuramenti per il loro buon comportamento, giusto e vero che si occupano delle lotterie o delle lotterie con l'intento e lo scopo che nessuno dei nostri sudditi amorevoli, mettendo i loro soldi o altrimenti avventurosi in dette lotterie o lotterie generali, possa essere in ogni caso defraudato e ingannato dei loro detti soldi o malvagità e indirettamente affrontato tutto nelle loro suddette avventure.

E inoltre concediamo nel modo e nella forma predetti, che sarà e mai lecito a e per detto Tesoriere e Compagnia, sotto il sigillo del nostro Consigliere per la plantacion, pubblicare o far pubblicare e far pubblicare per bando o altro. , la suddetta proclamazione deve essere fatta a loro nome per virtù di questi presenti, le dette lotterie o lotterie in tutte le città, townes, borought, throughfaires e altri luoghi all'interno del nostro detto regno d'Inghilterra e comanderemo e comanderemo a tutti i sindaci, giudici di pace sceriffi, bayliffs, constables e altri nostri ufficiali e sudditi amorevoli di sorta, che in nessun modo ostacolino o ritardino il progresso e il procedimento di dette lottarie o lottaries, ma siano presenti e, toccando le premesse, aiutando e assistendo da tutti gli onesti, buoni e mezzi e fini leciti.

E inoltre nostra volontà e piacere è che in tutte le domande e dubbi che sorgeranno su ogni difficoltà di costruzione o interpretazione di qualsiasi cosa contenuta in questo o in altre nostre precedenti lettere patenti, le stesse siano prese e interpretate nel modo più ampio e vantaggioso per il dissero Tresorer e Companie, i loro successori e tutti i loro membri.

E infine con la presente rendiamo e confermiamo al detto Tesoriere e Compagnia, e ai loro successori per sempre, ogni e ogni sorta di privilegi, franchigie, libertà, immunità, preminenze, profitti e beni qualunque sia stato loro concesso in qualsiasi nostro [ex ] lettres patent e non in questo presente revocata, alterata, modificata o ridotta. Sebbene espressa menzione [del vero valore annuo o certezza dei locali, o di uno qualsiasi di essi, o di qualsiasi altro dono o concessione, da parte nostra o di uno qualsiasi dei nostri progenitori o predecessori, al suddetto Tesoriere e Società fin qui fatti, in questi Presenti non è fatto né alcuno statuto, atto, ordinanza, disposizione, proclamazione o restrizione, contrariamente a quanto sopra, stabilito, ordinato o previsto, o qualsiasi altra questione, causa o cosa, in senso contrario, in alcun modo, nonostante.]

A testimonianza di ciò [abbiamo fatto sì che queste nostre lettere fossero brevettate.] Wittnes our selfe att Westminster, il dodicesimo giorno di marzo [1612] [nel nono anno del nostro regno d'Inghilterra, Francia, Irlanda e Scozia il cinque e quarantesimo.]


Virginia Company of London - Storia

Karl R. Phillips

Geografia della Virginia GEOG 380
Progetto #1
Professor Grymes

Come la Virginia ha i suoi confini

introduzione

La Virginia fu il primo dei tredici stati originari ad essere fondato e insediato. L'Old Dominion è stato inizialmente creato come un'enorme entità politica geografica. Era generalmente tradizione degli inglesi durante il periodo coloniale stabilire grandi unità geografiche, per poi suddividerle successivamente in unità più piccole e più gestibili. Questo processo in due fasi è stato condotto al fine di stabilire rivendicazioni legali al massimo territorio. Man mano che le aree venivano insediate, i grandi territori furono suddivisi per una serie di motivi. Uno era quello di soddisfare le particolari esigenze degli abitanti locali, come nel caso del Connecticut, del Rhode Island, di Plymouth e del Delaware. In altre colonie un gruppo o un individuo ha venduto grandi appezzamenti di terreno per raccogliere fondi per gli sforzi coloniali. Nel 1622, il Council for New England vendette il tratto di terra tra i fiumi Merrimack e Kennebec a Ferdinando Gorges e al capitano John Mason. Questo tratto divenne la colonia del Maine. I puritani usarono i proventi di quella vendita per finanziare gli insediamenti di Salem e Boston. La parte occidentale del Maine fu tagliata nel 1629 e divenne New Hampshire. Ci sono stati anche alcuni consolidamenti. Il Maine fu acquisito dal Massachusetts nel 1643, Plymouth nel 1691.

Maryland, Pennsylvania, Carolina, New York e New Jersey erano sovvenzioni proprietarie. Si trattava di generose concessioni fondiarie emesse a singoli dal monarca inglese per soddisfare debiti, o come favori personali ad amici o parenti, (il duca di York era il fratello del re Carlo II, poi divenuto re Giacomo II). Alla fine la Carolina fu divisa poiché gli interessi economici di Charleston e Albemarle divergevano. La Georgia è stata ricavata dalla Carolina del Sud per fungere da cuscinetto tra il porto strategico di Charleston e gli spagnoli in Florida.

Virginia era la madre delle colonie. Ognuna delle altre colonie originarie è stata ricavata direttamente o indirettamente dalla Virginia. Fu il primo territorio ad essere rivendicato dall'Inghilterra in Nord America. Nella sua massima estensione, la Virginia comprendeva la maggior parte di quelli che oggi sono gli Stati Uniti, oltre a porzioni del Canada e del Messico.

La fondazione della Virginia

Quando Sir Walter Raleigh fondò il primo insediamento inglese sull'isola di Roanoke, la Virginia non esisteva. C'era solo l'America. Gli inglesi si erano gradualmente stabiliti a Terranova come comunità di pescatori a partire dal 1550’s. Quest'isola fu noleggiata come colonia nel 1585, lo stesso anno in cui l'isola di Roanoke fu colonizzata per la prima volta. Gli spagnoli avevano stabilito Saint Augustine, Florida nel 1565 come avamposto strategico per proteggere l'impero caraibico della Spagna dai corsari inglesi. Tra Terranova e la Florida spagnola c'era un vasto territorio instabile. Raleigh chiamò questa zona Virginia un onore alla regina Elisabetta, (la regina vergine), con la quale cercò favori. Per molti anni da allora in poi la vasta regione temperata del Nord America fu chiamata Virginia. Non aveva confini e nessun governo.

Il fallimento di Roanoke Island fu un disastro finanziario per la regina Elisabetta. Si rifiutò di investire ulteriormente nelle imprese coloniali. Virginia rimase solo di nome. Avrebbe dovuto aspettare un nuovo monarca prima che la colonizzazione diventasse una realtà. Quel monarca era il re Giacomo I, successore di Elisabetta. Nel 1606 costituì due società per azioni allo scopo di stabilire colonie in Virginia. A ciascuno fu concesso un tratto di terra che si estendeva lungo la costa atlantica e si estendeva nell'entroterra per 100 miglia. Alla Virginia Company di Londra fu concesso un tratto meridionale da Cape Fear a Long Island Sound, (34 ° a 41 ° di latitudine nord). Alla Virginia Company di Plymouth fu concesso un tratto settentrionale che si estendeva dall'isola di Assateague a Passamaquoddy Bay, nel Maine, (38 ° a 45 ° di latitudine nord). L'area del New Jersey/Delaware comprendeva una sovrapposizione di tre gradi. Ad ogni compagnia era proibito stabilire qualsiasi insediamento entro cento miglia da qualsiasi insediamento esistente fondato dall'altra compagnia. Gli inglesi erano un popolo marittimo abituato a navigare tra le stelle. La latitudine era relativamente facile da determinare ed era ampiamente utilizzata ai fini della spartizione della terra nel nuovo mondo.

Nel 1607 furono stabiliti due insediamenti in “Virginia”. La London Company fondò Jamestown nell'area di Chesapeake Bay. La Plymouth Company stabilì la Popham Colony alla foce del fiume Kennebec nell'attuale Maine. Dopo un inverno feroce, l'insediamento di Popham fu abbandonato. Da allora in poi la Plymouth Company naufragò e alla fine fu sciolta. Jamestown non è andata molto meglio. C'è stato almeno un tentativo di abbandonare l'insediamento. Con il fallimento di Popham tutti gli sforzi furono diretti verso Jamestown, nonostante i tassi di morte spaventosi e le perdite finanziarie croniche.

Nel 1609, re Giacomo offrì alla Compagnia di Londra un generoso incentivo. Concesse alla compagnia uno statuto che rendeva la Virginia una provincia dell'Inghilterra, con una cospicua concessione fondiaria per l'avvio. Questa nuova concessione si estendeva a sud fino a Cape Fear, (34° Parallelo), ea nord fino a Barnegat Bay, New Jersey, (40° Parallelo). Sebbene questa concessione non si estendesse tanto a nord quanto la concessione originale del 1606, alla Compagnia di Londra fu dato un chiaro titolo all'intero tratto. Non c'era più la restrizione di stabilire insediamenti entro 100 miglia dalle città della Plymouth Company. Inoltre, la nuova sovvenzione si è estesa a tutto il continente fino all'Oceano Pacifico. Il confine meridionale si estendeva verso ovest. Il confine settentrionale si estendeva in direzione nord-ovest. La concessione del 1609 collocò la maggior parte degli attuali Stati Uniti, così come gran parte dell'attuale Canada occidentale, entro i limiti legali della Virginia. Questa sovvenzione incoraggiò gli azionisti a investire ancora più tesori nell'impresa e Jamestown riuscì a malapena a sopravvivere.

Nel 1611 sembrava che Jamestown fosse un fallimento. Praticamente ogni colono è morto entro pochi anni dall'arrivo nella colonia. Dopo quattro anni non furono scoperti né oro né gemme preziose. Non sono stati trovati raccolti o animali che potessero essere esportati in Europa a scopo di lucro. Gli investitori scoraggiati stavano per rinunciare a Jamestown. Tuttavia, re Giacomo era determinato a stabilire il potere inglese nel nuovo mondo. Ha offerto alla Compagnia di Londra un altro incentivo. Un terzo finanziamento è stato concesso alla London Company. La sovvenzione del 1611 era simile alla sovvenzione del 1609. Si estendeva anche “da mare a mare”, ma il confine meridionale fu spostato al 29° parallelo. La maggior parte di quelli che oggi sono gli Stati Uniti meridionali, così come il Messico settentrionale, sono stati collocati in Virginia. Anche l'isola di Bermuda fu inclusa nella concessione del 1611. A quel tempo, c'erano più coloni alle Bermuda che a Jamestown. La terza sovvenzione è stata un incentivo sufficiente per mantenere l'interesse degli investitori. Nel 1617, il tabacco stava iniziando a generare profitti sufficienti per assicurare la sopravvivenza della colonia. Jamestown iniziò a prosperare e servì come capitale della Virginia fino al 1699. Il periodo dal 1611 al 1620 rappresentò la più grande estensione territoriale della Virginia durante i suoi quattro secoli di storia.

Riduzioni durante il periodo coloniale

Per tredici anni la Virginia è stata l'unica colonia inglese del continente nordamericano. Tutti gli sforzi di colonizzazione erano concentrati su Jamestown. Nel 1619 l'insediamento aveva buone possibilità di sopravvivere. I primi schiavi furono introdotti quell'anno, così come il primo carico di fanciulle inglesi. La London Company ha creato la House of Burgesses per fornire una certa misura di autogoverno. Questi eventi indussero un'ulteriore colonizzazione. Fu quindi possibile per la corona inglese iniziare ad espandere l'impero in altre parti del continente.

I conflitti religiosi avevano turbato l'Inghilterra da quando Enrico VIII ruppe con la Chiesa cattolica nel 1528. Il movimento puritano iniziò a minacciare la monarchia mentre sfidava le tradizioni della Chiesa anglicana. Nel 1620, re Giacomo decise di stabilire una nuova colonia in America per i puritani. Diversi leader puritani erano ricettivi all'idea. Fu istituito un Consiglio per il New England con l'espresso scopo di stabilire una nuova colonia che sarebbe stata posseduta e amministrata dai puritani. Il Consiglio ricevette una concessione reale di tutte le terre d'America comprese tra il 40° e il 48° parallelo. Questa nuova concessione fissò il confine settentrionale della Virginia al 40° parallelo, da mare a mare. L'atto del 1620 fu la prima di molte riduzioni territoriali che la Virginia avrebbe sperimentato.

Nel 1632, il re Carlo I d'Inghilterra concesse una concessione a Lord Baltimore, per la porzione della Virginia che si trovava a nord del fiume Potomac, e una linea retta attraverso la penisola di Chesapeake a Pocomoke Sound. Il Lord Baltimore Grant fu nominato Colonia del Maryland nel 1634. La creazione del Maryland portò a una seconda riduzione della Virginia. Le controversie riguardanti l'esatto confine del Maryland sorsero quasi immediatamente. L'allineamento attraverso la penisola di Chesapeake è stato contestato per primo. Nel 1668 fu risolta la disputa sul confine della sponda orientale. Anche il confine del Potomac si è rivelato problematico. Dall'estuario del fiume alle montagne il confine era chiaro. La polemica si è incentrata sui due principali biforcazioni del Potomac nel territorio transallegany. Il Maryland rivendicava il South Fork come il flusso principale, mentre la Virginia rivendicava il North Fork. Il Maryland ha quindi rivendicato una parte considerevole di quello che oggi è il West Virginia. Questa disputa fu risolta a favore della Virginia come parte di un'indagine speciale che determinò i confini del Lord Fairfax Grant nel 1746. I Commissari stabilirono che il North Fork del Potomac era il flusso principale e quindi il vero confine tra Maryland e Virginia .

Una terza grande riduzione avvenne nel 1663. In quell'anno, il re Carlo II d'Inghilterra emise una sovvenzione coloniale per la Carolina. Comprendeva la porzione della Virginia a sud del 36° Parallelo. La Virginia fu ridotta a una fascia latitudinale attraverso il continente che si estendeva dal 36° al 40° parallelo, eccetto il Maryland. La Virginia fu ulteriormente ridotta due anni dopo, quando il confine tra Carolina e Virginia fu spostato verso nord di mezzo grado di latitudine. Questo aggiustamento dei confini è stato fatto in modo che tutto Albemarle Sound si trovasse all'interno della Carolina. A quel tempo non c'era alcun collegamento di comunicazione diretto tra Chesapeake Bay e Albemarle Sound. Il viaggio tra gli insediamenti su questi due corpi idrici è stato ulteriormente ostacolato dalla Grande Palude Triste, che si trova direttamente tra di loro. Fu deciso che la palude stessa avrebbe creato una posizione logica per un confine. La latitudine 36 ° 30’ è stata quindi scelta come confine Carolina-Virginia. La riduzione del 1665 ha finalizzato i confini settentrionali e meridionali della Virginia durante il periodo coloniale.

Virginia fu direttamente coinvolta nella guerra franco-indiana. Mentre un capitano della milizia della Virginia, George Washington, fu inviato per espellere i francesi da Fort. Duquesne nel 1753. Sulla base delle sue concessioni coloniali, la Virginia rivendicò la Valle dell'Ohio. I francesi erano ormai attivi nello stabilire una serie di forti e postazioni commerciali in tutta la loro colonia della Louisiana. Nel 1753, la Valle dell'Ohio fu considerata parte della Louisiana dai francesi, perché l'Ohio è un affluente del fiume Mississippi. Washington non è riuscita a convincere i francesi ad andarsene. Una seconda spedizione nel 1754 portò a spargimenti di sangue, innescando la guerra. La Francia alla fine perse tutto il suo impero nordamericano. La Louisiana fu spartita tra Spagna e Gran Bretagna lungo il Mississippi nel 1763.

Con i francesi fuori dalla valle dell'Ohio, fu aperta la strada all'espansione della Virginia in quella valle. Tuttavia, la monarchia britannica aveva piani diversi per la regione. Re Giorgio III non desiderava vedere altri spargimenti di sangue in territorio indiano. La guerra era stata costosa in termini di sangue e denaro. Ha deciso di congelare la frontiera alle montagne di Allegany. La proclamazione del 1763 proibì qualsiasi ulteriore insediamento ad ovest dell'Allegany. Questo atto ridusse ancora una volta Virginia. La proclamazione generò profondo risentimento in Virginia e in altre colonie, seminando i semi della prossima rivoluzione. Tuttavia, alla Virginia fu permesso di espandersi verso ovest negli anni successivi alla proclamazione del 1763. La corona riconobbe il fatto che la maggior parte del territorio a ovest delle montagne della Virginia era ormai vacante di indiani. Nel 1769 fu fondata la Compagnia Vandalia. Il suo tratto occupava quella che oggi è la Virginia Occidentale e la Pennsylvania sudoccidentale. Dal momento che la Virginia ha noleggiato Vandalia, la colonia ha effettivamente esteso il suo territorio verso ovest fino ai fiumi Big Sandy e Ohio. La creazione della Transylvania Company nel 1775 estese la Virginia a ovest fino al fiume Kentucky.

La rivoluzione colpisce i confini della Virginia

La colonia del Quebec è stata istituita dalla Gran Bretagna come parte della proclamazione del 1763. La colonia francofona era inizialmente limitata alla valle di San Lorenzo. Nel 1774, il Parlamento emanò il Quebec Act, ampliando notevolmente il territorio del Quebec per includere l'intero bacino dei Grandi Laghi e la Valle dell'Ohio a nord del fiume. Sebbene i Quebecois fossero ormai sudditi britannici, i coloni lungo la costa atlantica li consideravano ancora avversari. Erano pieni di risentimento per il fatto che i loro vecchi nemici controllassero ancora una volta l'ambita Ohio Valley. Il fatto che il loro stesso governo avesse ordinato la consegna di un vasto e prezioso territorio ai Quebecois era davvero un boccone amaro da ingoiare. Da nessuna parte quell'amarezza si sentiva più che in Virginia. Il passaggio del Quebec Act è stato il catalizzatore che ha spinto la convenzione del Primo Congresso continentale nel 1774.

Quando il Secondo Congresso Continentale ratificò la Dichiarazione di Indipendenza nel 1776, invitò i tredici stati originari a redigere nuove costituzioni. La Virginia adottò rapidamente una costituzione e approfittò dell'opportunità per reclamare parte del suo territorio perduto. La Virginia estese le sue pretese verso ovest fino al fiume Mississippi e verso nord fino ai limiti meridionali della Compagnia della Baia di Hudson (Rupert's Land). Questa affermazione comprendeva la maggior parte del territorio che era stato concesso al Quebec solo due anni prima. La brillante campagna del 1778, guidata da George Rogers Clark, assicurò la Valle dell'Ohio alla Virginia, oltre che agli Stati Uniti.

Durante i successivi negoziati di pace, John Adams insistette affinché il fiume Mississippi fosse riconosciuto come il confine occidentale degli Stati Uniti. Non volendo che la regione transallegany cadesse in mani francesi o spagnole, la Gran Bretagna ha ammesso. In cambio, gli Stati Uniti furono costretti a rinunciare a tutte le pretese a nord dei Grandi Laghi. La Virginia era obbligata ad accettare il Lago Superiore come confine settentrionale, ma gli restava ancora un territorio grande quanto il Texas e la California messi insieme. La Virginia, da sempre la più grande delle tredici colonie, si era affermata come la più grande dei tredici stati.

Ma la pressione stava aumentando contro la Virginia per quanto riguarda le sue vaste rivendicazioni territoriali. Il Maryland si rifiutò di ratificare gli Articoli della Confederazione fino a quando gli stati con grandi rivendicazioni territoriali occidentali non li consegnarono al nuovo governo nazionale. Nel 1781, New York cedette tutte le sue pretese a ovest del Lago Ontario agli Stati Uniti. L'Assemblea della Virginia ha votato per cedere almeno parte del suo territorio occidentale agli Stati Uniti, una volta che il Congresso avesse stabilito un processo per la creazione di nuovi stati nella regione. Soddisfatto di queste azioni, il Maryland ratificò gli Articoli della Confederazione. Gli Stati Uniti ebbero allora un nuovo governo.

Una delle principali sfide che il nuovo governo deve affrontare è stata la risoluzione di diverse controversie territoriali tra gli stati. La Virginia rivendicò la Pennsylvania sudoccidentale come parte della sua annessione alla Vandalia. La questione è stata sottoposta al Congresso per l'arbitrato. Virginia ha accettato la sentenza che è andata a favore della Pennsylvania. La linea Mason-Dixon fu accettata come confine settentrionale della Virginia dal confine occidentale del Maryland, fino al confine occidentale della Pennsylvania.

Con la pace assicurata nel 1783, il Congresso della Confederazione iniziò a sviluppare un metodo per stabilire nuovi stati in Occidente. Fu delineato un programma di sviluppo occidentale, basato su un piano presentato da Thomas Jefferson. La Virginia fece il passo successivo cedendo tutto il suo territorio a nord e ad ovest del fiume Ohio agli Stati Uniti nel 1784. Il Commonwealth notevolmente ridotto comprendeva quelli che oggi sono gli stati della Virginia, della Virginia Occidentale e del Kentucky. La cessione della Virginia fu seguita dalle cessioni fatte dalla Carolina del Nord nel 1784, dal Massachusetts nel 1786, dal Connecticut e dalla Carolina del Sud nel 1787, dal Connecticut (Western Reserve), nel 1800, e dalla Georgia nel 1802. In seguito alla cessione del Connecticut del 1787, il Congresso emanò il Ordinanza del nord-ovest, che istituisce il territorio a nord-ovest del fiume Ohio. Comprendendo l'area che era stata ceduta agli Stati Uniti dalla Virginia nel 1784, il Territorio del Nord Ovest fu il primo territorio federale mai istituito dagli Stati Uniti. Gli stati dell'Ohio, dell'Indiana, dell'Illinois, del Michigan, del Wisconsin e di parte del Minnesota furono infine creati da quest'area.

Allo scoppio della rivoluzione americana, un gran numero di coloni della Virginia iniziò a migrare attraverso il Cumberland Gap in quello che oggi è il Kentucky. Nel 1776, la Virginia organizzò una nuova contea del Kentucky, che comprendeva l'area dell'attuale stato. Nel 1789, la contea del Kentucky era stata suddivisa in nove nuove contee, nessuna delle quali era chiamata Kentucky. Collettivamente, queste nove contee erano conosciute come il Kentucky District of Virginia. Una nuova società stava rapidamente emergendo in questo entroterra di frontiera. L'isolamento geografico e l'orientamento economico verso i fiumi Ohio e Mississippi hanno generato un movimento statale nella regione. L'Assemblea generale della Virginia ha votato per concedere lo stato del Kentucky nel 1789. Il Congresso ha approvato una legge di abilitazione nel 1791 e il Kentucky è entrato nel sindacato l'anno successivo. La Virginia fu ridotta all'area degli attuali stati della Virginia e della Virginia Occidentale. Le montagne Cumberland e i fiumi Big Sandy e Ohio formavano quindi il confine occidentale della Virginia.

La Virginia ha anche votato per concedere al nuovo governo federale un tratto di cento miglia quadrate di terra sul fiume Potomac per la Federal City nel 1789. Nel 1791, il presidente Washington ha emesso un proclama che stabilisce i confini del Territorio della Columbia. Trentuno miglia quadrate della Virginia furono incluse nel territorio della capitale. Nel 1801, il territorio fu ridisegnato come Distretto di Columbia. La porzione della Virginia è stata organizzata in una contea chiamata Alexandria. (La parte del Maryland è stata organizzata come Washington County). Nel 1846, Abraham Lincoln fu eletto al Congresso dall'Illinois su una tavola di campagna che chiedeva l'abolizione della schiavitù nel Distretto di Columbia. Gli schiavisti residenti ad Alessandria temevano che la proposta di Lincoln sarebbe stata approvata. Organizzarono un referendum chiedendo la retrocessione della contea di Alexandria in Virginia. Il referendum è passato e il Congresso ha dato il suo consenso. La contea di Alessandria ora è costituita dalla contea di Arlington e da parte della città di Alessandria. Il Congresso abolì la tratta degli schiavi nel Distretto di Columbia come parte del Compromesso del 1850. Il presidente Lincoln abolì completamente la schiavitù nel Distretto durante la Guerra Civile.

L'ammissione della Virginia Occidentale

Il capitolo finale dell'evoluzione dei confini della Virginia coinvolge il West Virginia. Solo quattro stati sono stati creati direttamente dagli stati esistenti: Vermont da New York nel 1791, Kentucky dalla Virginia nel 1792, Maine dal Massachusetts nel 1820 e West Virginia dalla Virginia nel 1863. Come il Kentucky, i residenti della Virginia occidentale erano geograficamente isolati da Richmond ed economicamente orientato alla Valle dell'Ohio. Le strette valli ombrose della regione trans-Allegany precludevano grandi piantagioni e scoraggiavano la schiavitù. Le potenze delle piantagioni orientali si rifiutarono di investire il tesoro statale in miglioramenti interni occidentali, che inibivano lo sviluppo economico. Si sono anche rifiutati di istituire un sistema scolastico pubblico. Le contee occidentali non sono state in grado di cambiare la situazione a Richmond, perché il processo di ridistribuzione ha favorito le contee con grandi popolazioni di schiavi. Gli schiavi venivano contati come persone intere ai fini della ripartizione della legislatura, ma ovviamente non potevano votare. Così le contee occidentali erano in un terribile svantaggio politico. Non potevano fare praticamente nulla per cambiare la loro situazione economica. Questa condizione sfavorevole portò a un movimento statuale già negli anni 1820’.

Quando la Virginia si separò dall'unione nel 1861, la maggior parte dei delegati alla convenzione di secessione che rappresentavano le contee occidentali votò contro la secessione. Questi delegati tennero il loro convegno a Wheeling. Hanno stabilito un governo restaurato della Virginia. Il governo restaurato elesse un governatore, due senatori degli Stati Uniti e tre rappresentanti degli Stati Uniti. Wheeling è stato selezionato per fungere da capitale provvisoria. Il Congresso e il presidente Lincoln riconobbero questo governo e sperarono di farne un modello per altri stati confederati in cerca di riammissione dopo una vittoria sindacale. Il governo restaurato, ora controllato dai Virginiani occidentali, approfittò della situazione politica unica per creare un nuovo stato. Hanno votato per concedere alle contee occidentali il diritto di stabilire uno stato chiamato Kanawha nel 1862. Una convenzione costituzionale ha cambiato il nome dello stato proposto in West Virginia. Inoltre prevedeva la schiavitù. Questa disposizione è stata inclusa per ottenere il sostegno di diverse contee occidentali che avevano votato a favore della secessione. Il Congresso si è opposto alla disposizione sulla schiavitù. Si tenne un secondo convegno che modificò la costituzione originaria. Questa nuova carta prevedeva la graduale abolizione della schiavitù.

Fissare i confini per il nuovo stato era difficile. In effetti, stabilirsi sui confini era la questione più impegnativa per i fondatori dello stato, ancor più della schiavitù. Il nuovo stato doveva bilanciare il desiderio di coesione politica con quelli di sicurezza alla luce della guerra in corso, che si stava conducendo nella Virginia occidentale e nei suoi dintorni. Di grave importanza era la necessità di mantenere la Baltimora and Ohio Railroad nelle mani dell'Unione. Questo vitale collegamento ferroviario era l'unica ferrovia diretta che collegava Washington con gli stati occidentali. C'era la possibilità che la Confederazione vincesse la guerra, e il nord voleva essere sicuro che il B&O rimanesse negli Stati Uniti dopo che era stata negoziata una pace, se necessario. Fu quindi deciso che le contee di Potomac fino all'estremo est fino al punto di incrocio dei traghetti di Harper fossero incluse nel nuovo stato. Altre contee sono state incluse perché controllavano i principali passi di montagna attraverso l'Allegany. Ad alcune contee è stata data la possibilità di aderire al nuovo stato. Alla fine il Congresso approvò uno stato composto da 48 contee. Le contee di Jefferson, Berkeley e Frederick ebbero la possibilità di unirsi al nuovo stato dopo la fine del controllo confederato. La Virginia Occidentale è entrata nell'Unione nel 1863. In seguito ai referendum del 1866, le contee di Jefferson e Berkeley sono state trasferite alla Virginia Occidentale, con effetto dal 1867. La contea di Frederick non ha mai tenuto un referendum. Il trasferimento delle due contee del Panhandle orientale rappresenta l'ultimo aggiustamento del confine nella storia della Virginia.

La Virginia fu la prima delle tredici colonie originarie ad essere istituite. Ha sperimentato sia espansione che contrazione nel corso della sua storia. Una volta occupata la maggior parte degli Stati Uniti, la Virginia è stata gradualmente ridotta a uno stato di medie dimensioni. Ora ha una forma approssimativamente triangolare. La Virginia confina a nord con il Maryland e il Distretto di Columbia, a ovest con la Virginia occidentale, a sud-ovest con il Kentucky e a sud con il Tennessee e la Carolina del Nord. L'Oceano Atlantico, i fiumi, le montagne e un parallelo di latitudine ne formano i confini. La Virginia è uno stato di variegata topografia. Comprende una pianura costiera inondata dalla baia di Chesapeake. Comprende parte dell'altopiano piemontese, diverse catene montuose lineari parallele e un altopiano elevato. I fiumi che scorrono a est, nord, sud e ovest drenano la Virginia. Si trova a cavallo tra gli spartiacque dell'Atlantico e del Mississippi. L'Old Dominion racchiude queste varie province fisiografiche perché i suoi confini delineano un territorio la cui storia è ricca di esperienza americana. La Virginia può essere paragonata a una torta che è stata gradualmente tagliata durante il suo periodo di evoluzione di quattro secoli.


Virginia Company of London - Storia


sulla base del suo statuto del 1612, la Virginia rivendicò la valle del fiume Ohio e verso ovest fino all'Oceano Pacifico nel 1750
Fonte: Library of Congress, America Septentrionalis a Domino d'Anville in Galliis edita nunc in Anglia (di Jean Baptiste Bourguignon Anville, 1756)

I confini della Virginia furono inizialmente definiti nelle carte emesse dal re d'Inghilterra come concessioni di terra a investitori privati. Quelle carte non usavano caratteristiche naturali come fiumi o montagne per definire i confini della Virginia. Gli inglesi non avevano familiarità con il paesaggio. Tra il 1606 e il 1612, identificarono i confini settentrionali, meridionali e occidentali con distanze arbitrarie da Jamestown, o lasciando aperto il confine occidentale attraverso l'intero continente.

La storia delle concessioni di terra coloniale è confusa, ma essenziale per comprendere la posizione di quei confini. Come notò John Smith circa 400 anni fa: 1

". poiché come la geografia senza storia sembra un carro senza movimento, così la storia senza geografia va come un vagabondo senza una certa abitazione."

Le estese controversie sulle linee di confine coloniali furono guidate dalla motivazione principale degli investitori coloniali per arricchirsi. C'erano anche motivazioni nazionaliste, religiose e di altro tipo, ma il potenziale per acquisire terra a basso prezzo e venderla con profitto è stato il fattore chiave nel definire come i confini della Virginia sono stati finalmente disegnati. La regina Elisabetta I, e poi il re Giacomo I, potevano concedere diritti di terra e di insediamento tramite carta reale. Le rivendicazioni concorrenti della Spagna e dei "naturali" che già vivevano sulla terra potevano essere ignorate.


I cartografi europei hanno identificato rivendicazioni territoriali da parte di Spagna e Inghilterra, ma hanno ignorato potenziali affermazioni dei nativi americani
Fonte: University of North Carolina, Virginia et Florida (di Gerhard Mercator, 1610)

Le tre navi che portarono 104 coloni a Jamestown nel 1607 (il Susan Constant, buona fortuna, e Scoperta) sono stati finanziati e riempiti da persone che cercavano un vantaggio economico. Il desiderio di libertà di religione o maggiori libertà individuali non fu il fattore trainante nell'insediamento iniziale della Virginia nel 1607. Invece, l'obiettivo dei coloni iniziali e dei loro sostenitori a Londra era quello di aumentare la ricchezza personale.

Gli investitori che hanno finanziato il progetto per colonizzare la Virginia erano capitalisti di rischio, "avventurosi" o rischiando la loro ricchezza nella speranza di diventare ancora più ricchi. I coloni che salparono per l'Inghilterra stavano anche cercando di aumentare la loro ricchezza personale, vedendo opportunità in Virginia proprio come i fondatori della compagnia. Nei loro statuti, la regina Elisabetta I e il re Giacomo I furono attenti a riservare i diritti per 1/5 dell'oro/argento, nel caso in cui gli inglesi si imbattessero nella stessa ricchezza scoperta dagli spagnoli in Messico e Perù.

Gli investitori infine si sono costituiti come società per azioni, la Virginia Company, con una coalizione di capitalisti con sede a Londra e Plymouth. Gli investitori con sede a Londra si sono concentrati sulla sistemazione della regione di Chesapeake Bay. I capitalisti con sede a Plymouth, che avevano più familiarità con le zone di pesca al largo di Terranova, si concentrarono sull'insediamento di terre più a nord. Sia la compagnia di Londra che quella di Plymouth inviarono spedizioni per stabilirsi in Nord America.

La Prima Carta della Virginia emessa da Giacomo I nel 1606 diede alla Compagnia di Londra il diritto a: 2

iniziano le loro piantagioni e abitazioni in qualche luogo adatto e conveniente tra fiore e trenta e uno e quaranta gradi di detta latitudine lungo tutta la costa della Virginia e le coste dell'America

Questa è stata una generosa concessione che l'area tra 34 e 41 gradi di latitudine si estende dall'attuale South Carolina a New York City. Giacomo I stava cedendo i diritti su una vasta fetta di territorio su cui non aveva alcun diritto legittimo, a meno che non fosse occupato dagli inglesi. Il diritto di scoperta sarebbe stato invocato in seguito da vari funzionari coloniali e dal giudice capo John Marshall per legalizzare l'eliminazione del titolo dei nativi americani sulla terra, ma nel 1606 la chiave per competere con i rivali spagnoli, francesi e olandesi in Nord America doveva essere primo ad occupare e difendere una fetta di terra.

Quella carta del 1606 creò una potenziale sovrapposizione tra le pretese della London Company ("Firste Colonie") e i diritti della Plymouth Company ("Seconde Colonie") di stabilirsi "tra otto e trenta gradi e cinque e quaranta gradi della suddetta latitudine." Il primo insediamento di ogni compagnia in Virginia è stato garantito il controllo esclusivo sul territorio entro 50 miglia a nord ea sud del loro insediamento:

«avranno tutte le terre, terre, terre, porti, porti, fiumi, miniere, minerali, boschi, paludi, acque, pescherecci, merci ed eredità di qualsiasi genere, dalla prima sede della loro piantagione e dimora per lo spazio di cinquanta come miglia inglesi."

Inoltre, alla società sono stati concessi diritti per 100 miglia nell'entroterra dal primo insediamento. La sovvenzione totale includeva 100 miglia quadrate o 6,4 milioni di acri di territorio, oltre a isole entro 100 miglia dalla costa.

La Plymouth Company inviò la sua prima nave nel Nuovo Mondo nell'agosto 1606, prima della spedizione di 3 navi della London Company che salpò da Londra nel dicembre 1606. Tuttavia, la nave da ricognizione della Plymouth Company, la Richard, fu catturato dagli spagnoli al largo della Florida.

Una seconda spedizione della Plymouth Company salpò nel 1607. Quello sforzo fondò la colonia Popham (o Sagadahoc), alla foce di quello che oggi è il fiume Kennebec nel Maine.

La colonia della Plymouth Company è sopravvissuta a un inverno in quello che oggi chiamiamo Maine. Nel 1608 una nave di rifornimento portò la notizia che il capo della colonia, Rawleigh Gilbert, era entrato in eredità e ora era un uomo ricco in Inghilterra.


la colonia Popham temeva un potenziale attacco da parte degli spagnoli, così Fort George fu costruito alla foce del fiume Sagadahoc (Kennebec)
Fonte: Alexander Brown (a cura di), La genesi degli Stati Uniti (di fronte a p.190)

Gilbert e tutti i coloni tornarono subito a casa, alcuni nella prima nave inglese costruita nel Nuovo Mondo, la Virginia. Lo statuto della Plymouth Company fu perso e la compagnia svanì nella storia, ma nuovi coloni ottennero gli statuti e arrivarono nel Massachusetts a partire dal 1620. Tali statuti definivano il 40 ° grado di latitudine come il confine meridionale della colonia del Massachusetts, sovrapponendosi alla concessione di terre da parte del re Giacomo II in Virginia nel 1612. 3

Dopo che la colonia di Popham fu abbandonata e la Plymouth Company fallì, i riferimenti alla "Virginia Company" sono in genere riferimenti alla metà sopravvissuta - la London Company, con il suo insediamento a Jamestown. Quando Giacomo I emise due ulteriori statuti alla Virginia Company nel 1609 e nel 1612, estese solo i diritti della London Company in Nord America. La società privata sopravvisse fino al 1624, quando il re assunse il controllo dell'allora fallita London Company.

Dopo che John Smith ebbe determinato l'estensione della baia di Chesapeake, il re Giacomo I modificò la concessione della Virginia Company quando emise una seconda carta nel 1609. Mentre la prima carta del 1606 aveva limitato i diritti della Compagnia di Londra solo alla terra entro un centinaio di 100 miglia quadrate (più le isole entro 100 miglia al largo dall'insediamento iniziale), la Seconda Carta del 1609 garantiva i diritti su tutte le terre 200 miglia a nord e 200 miglia a sud del fiume James.

Più significativamente, quella Seconda Carta ha dato agli investitori privati ​​un'enorme quantità di terra che si estendeva in tutto il Nord America da Jamestown all'Oceano Pacifico: 4

"facciamo anche della nostra grazia speciale. dare, concedere e confermare, a detto Tesoriere e Compagnia, e ai loro successori. tutte quelle terre, paesi e territori, situano, giacciono ed essendo in quella parte dell'America, chiamata Virginia, dalla punta della terra, dalla punta della terra chiamata Cape o Pointe Comfort lungo tutta la costa fino a duecento miglia verso nord e dalla suddetta punta di Cape Comfort lungo tutta la costa del mare fino alle duecento miglia a sud e tutto quello spazio e circuito di lande che giacciono dalla costa del mare del suddetto distretto fino alle lande, dappertutto, da mare a mare, ovest e nord-ovest e anche tutta l'isola essendo entro cento miglia lungo la costa dei due mari del suddetto distretto." (enfasi aggiunta)


Point Comfort, come mostrato sulla mappa prodotta dal Capitano John Smith "Powhatan flu" è ora il fiume James
(NOTA: la mappa è orientata con ovest in alto, non nord, quindi la baia di Chesapeake si estende a destra)
Fonte: Biblioteca del Congresso

Cape o Point Comfort è la punta meridionale della città di Hampton, nel sito di Fort Monroe ora. È l'ingresso a Hampton Roads, dove il fiume James sfocia nella baia di Chesapeake. Point Comfort è stato nominato dal capitano John Smith nel 1608, perché era "confortante" per i marinai vedere la terraferma dopo essere entrati nel Chesapeake dopo una traversata oceanica. Conosciuto oggi come "Old" Point Comfort, è leggermente a sud di "New" Point Comfort al confine orientale della contea di Mathews.


la Prima Carta nel 1606 definiva i confini sovrapposti in cui l'insediamento era autorizzato sia per le società di Londra che per quelle di Plymouth
Fonte: William E. Peters, Ohio Lands e la loro suddivisione (p.104)

La Terza Carta fu emessa il 12 marzo 1612 - o 1611, se datata dal calendario Vecchio Stile. Fino al 1752, il nuovo anno in Inghilterra iniziava non il 1 gennaio ma il 25 marzo. La data della Terza Carta era nel 1611 secondo il calendario Old Style e nel 1612 sotto il calendario New Style - quindi il 12 marzo 1611/12 si riferisce a 1612 nel calendario di oggi.

La Terza Carta conferiva alla colonia una pretesa su tutte le terre tra 34-41 gradi e ampliava i confini coloniali della Virginia ulteriormente nell'Oceano Atlantico oltre le 100 miglia autorizzate nella Prima e nella Seconda Carta. La Terza Carta diede le isole al largo a "The Treasorer and Planters of the Cittie of London for the First Colonie in Virginia", affermando:

tutti e singoli i detti iselandes [qualunque] scituat ed essendo in una anie parte del detto oceano confinante con la costa della nostra detta prima colonia in Virginia ed essendo entro trecento leghe da anie le partes precedentemente concesse al detto Tesoriere e Compagnia nel nostro dette lettere precedenti patenti come sopra, ed essendo all'interno o tra l'uno e quaranta e trenta gradi di latitudine nord. 5


Mappa del 1633 che mostra le Bermuda, al largo della costa del Nord America
Fonte: Library of Congress, Pascoal Roiz, Un portolano dell'Oceano Atlantico e dei continenti adiacenti

Perché gli investitori della Virginia Company ottennero l'espansione territoriale dal re nel 1612? I capi della flotta del Terzo Rifornimento, salpando per la colonia nel 1609, naufragarono alle Bermuda. Hanno trascorso l'inverno del 1609-10 sull'isola, e ha fornito un'eccedenza di cibo - in netto contrasto con la fame a Jamestown durante lo stesso inverno.

La nave ammiraglia delle nove navi della flotta della Terza Rifornimento era la impresa del mare. È stato separato dalle altre otto navi in ​​un uragano e si è avvicinato all'affondamento. La nave è stata navigata sulla barriera corallina alle Bermuda, e tutti sono fuggiti sulla terraferma. I naufraghi inglesi trascorsero dieci mesi nel 1609-10 per recuperare i materiali dal impresa del mare e la costruzione di due nuove navi alle Bermuda, la Pazienza e il Liberazione.

Il soggiorno non pianificato alle Bermuda mise alla prova l'autorità dei funzionari coloniali nel loro cammino verso il governo della colonia della Virginia a Jamestown. Alcuni marinai ritenevano che i loro obblighi fossero stati completati una volta terminato il viaggio alle Bermuda. Uno degli impiegati del governatore Gates, ritenuto Stephen Hopkins, affermò che l'autorità del governatore era valida solo in Virginia e non alle Bermuda. Mentre la maggior parte di quei naufraghi erano impegnati a costruire due navi più piccole dai resti dell'ammiraglia naufragata, il impresa del mare, alcuni si sono ribellati. Alla fine, un ribelle fu giustiziato, ma Hopkins sopravvisse.

Il Pazienza e Liberazione entrambi raggiunsero Jamestown nel 1610, poco prima che Lord de la Ware portasse un'altra flotta di soccorso con cibo e provviste essenziali. Shakespeare potrebbe aver incorporato storie sul impresa del mare naufragio nella sua commedia "The Tempest", dopo Pazienza tornò in Inghilterra.


mappa moderna che mostra Bermuda
Fonte: Library of Congress, grafico di monitoraggio degli uragani atlantici/NOAA

Le Bermuda si trovano a circa 600 miglia al largo della Carolina del Nord. Ciò lo ha messo al di fuori del limite di 100 miglia delle isole da includere in Virginia, secondo i primi due charter. La Terza Carta del 1612 estese il confine coloniale per includere isole fino a 300 leghe al largo. Come risultato della modifica, dopo il 1612 la Virginia si estese fino a 1.000 miglia verso est nell'Oceano Atlantico.

La colonizzazione delle Bermuda ebbe molto successo, ma le dimensioni dell'isola limitarono i potenziali profitti sia dall'agricoltura che dalla vendita della terra. I venture capitalist della Virginia Company a Londra "scorsero" il loro investimento. Organizzarono che Giacomo I emettesse uno statuto separato per l'isola nel 1615 e vendettero i diritti sulle Bermuda a quegli investitori che erano più interessati, dividendo l'isola dalla colonia della Virginia.

Quei capitalisti in Inghilterra che "hanno avventurato" i loro fondi nella colonia della Virginia hanno ricevuto poco ritorno sul loro investimento. La Virginia Company cambiò il suo approccio nel 1618, emettendo una "Grande Carta" che pose fine alla regola marziale e stabilì un'assemblea rappresentativa. Quella carta è stata emessa dalla compagnia piuttosto che dal nodo e non ha avuto alcun effetto sui confini della colonia.

Re Giacomo I non riuscì a rinnovare lo statuto della Virginia Company nel 1624 e fece della Virginia una colonia reale piuttosto che proprietaria (privata). Annullando lo statuto societario, King James rese inutili le azioni della Virginia Company, l'equivalente di dichiarare la bancarotta della società. I venture capitalist che hanno acquistato azioni in Virginia non hanno realizzato un profitto sul loro investimento, anche dopo aver ricevuto un'enorme quantità di immobili gratuiti.

Quando i re successivi scelsero di creare nuove colonie proprietarie nel Maryland e nella Carolina per ricompensare nuovi amici, le loro concessioni di terra ridussero i confini della Virginia. I confini ristretti hanno diminuito la capacità dei funzionari della Virginia di vendere i diritti su vaste quantità di terra. Il confine settentrionale della Virginia con il Maryland fu ridefinito nel 1632 per essere il bordo del fiume Potomac. Il confine meridionale con la Carolina del Nord è stato definito da una linea retta basata sulla latitudine nel 1663. Quando il confine è stato spostato leggermente a nord nel 1665, era ancora definito dalla latitudine piuttosto che dalle caratteristiche naturali.


la spiaggia è in Virginia (a Leesylvania State Park), ma il lungomare è in Maryland - grazie a un charter del 1632

Dopo aver cambiato i confini della colonia della Virginia, i re Stuart non risarcirono i loro sudditi in Virginia o gli investitori in Inghilterra - e certamente non risarcirono gli abitanti dei nativi americani. Il re Giacomo I e II, e il re Carlo I e II enfatizzarono il loro potere ed emarginarono il ruolo degli altri, incluso il Parlamento. Il loro approccio al "diritto divino dei re" stimolò la guerra civile inglese nel 1642 e la Gloriosa Rivoluzione nel 1688, e portò i coloni della Virginia a "cacciare fuori" il governatore Harvey nel 1635 dopo aver sostenuto il trasferimento dell'isola del Kent nel Maryland, ma i coloni della Virginia non sono stati in grado di modificare le decisioni sui confini prese a Londra.

I cambiamenti nei confini della colonia della Virginia dopo il 1612 causarono angoscia a Jamestown, quando il re stipulò nuove colonie all'interno dell'area definita come Virginia nella Terza Carta. I funzionari coloniali della Virginia persero l'autorità di concedere atti di proprietà ("brevetti") alle terre settentrionali del New England (nel 1620, con il controllo sulle terre a nord del 40° parallelo) e in quello che divenne il Maryland (nel 1632, a nord del fiume Potomac) .


rivendicazioni fondiarie basate sulla carta del 1620 in Massachusetts erano in conflitto con le rivendicazioni basate sulla carta del 1612 sulla Virginia
Fonte: Bureau of Land Management, A History of the Rectangular Survey System: Volume 2 (Figura 1)

Le terre a sud divennero parte di una colonia separata della Carolina. Una carta del 1629 ad un alleato di Carlo I, Sir Robert Heath, includeva terre tra 31-36 gradi di latitudine. Tale concessione non è mai stata attuata a causa della guerra civile inglese. Quando Carlo II concesse la stessa terra a otto Lords Proprietors nel 1663, il confine meridionale della Virginia fu ancora una volta definito a 36 gradi di latitudine.

Nel 1665, il confine fu spostato a nord di mezzo grado a 36 gradi, 30 minuti, dando ai proprietari della Carolina il pieno controllo sulle parti navigabili di Albemarle Sound - oltre alla terra lungo la costa, i cui coloni volevano spedire tabacco/legname in Inghilterra senza pagare le tasse di esportazione alla colonia della Virginia.

Nel 1705, Robert Beverley descrisse l'estensione della Virginia con limiti specifici a nord, est e sud, ma con il bordo occidentale che si estendeva fino all'Oceano Pacifico: 6

La Virginia così considerata è delimitata a sud dalla Carolina del Nord a nord dal fiume Patowmeck, che la divide dal Maryland a est dall'Oceano principale, chiamato Virginia Seas e a ovest e nord-ovest dal Mare della California. , ogniqualvolta le Transazioni saranno prorogate fino a quel momento.

La pretesa della Virginia di terre che si estendessero attraverso il continente fino al "Mare della California" terminò nel 1763. Alla fine della guerra franco-indiana (conosciuta come la Guerra dei Sette Anni in Europa), i negoziatori a Parigi stabilirono un nuovo confine per il confine occidentale della Virginia.

La Francia riprese il controllo delle isole di zucchero dei Caraibi che gli inglesi avevano catturato (Martinica, Guadalupa e Santa Lucia). In cambio, la Francia abbandonò quasi tutte le sue rivendicazioni territoriali in Nord America e trasferì il controllo del Territorio della Louisiana e di New Orleans alla Spagna. Il Trattato di Parigi del 1763 stabilì il centro del fiume Mississippi come la nuova linea che definisce il confine occidentale della Virginia. 7


sulla mappa Mitchell del 1755, le terre a ovest del fiume Mississippi tra la linea di latitudine 36° 30' a sud e la linea 40° a nord sono state identificate come parte della Virginia
Fonte: Library of Congress, John Mitchell, una mappa dei domini britannici e francesi in Nord America, con le strade, le distanze, i limiti e l'estensione degli insediamenti


dopo che il trattato di Parigi del 1763 pose fine alla guerra franco-indiana, i funzionari inglesi riconobbero che la Spagna controllava il territorio della Louisiana e che la Virginia non si estendeva più a ovest del fiume Mississippi
Fonte: Library of Congress, John Mitchell, una mappa dei domini britannici e francesi in Nord America, con le strade, le distanze, i limiti e l'estensione degli insediamenti

La pretesa di autorità politica sulle terre definite nelle carte fa ancora parte del Codice della Virginia, insieme al rilascio ufficiale della pretesa della Virginia su alcuni o tutti i Maryland, Pennsylvania, North e South Carolina. Titolo 1, Sezione 1-201. "Estensione del territorio del Commonwealth dopo la Costituzione del 1776" dice: 8 Le autorità nel determinare l'estensione del territorio del Commonwealth dopo l'adozione della Costituzione del 1776 sono costituite da:

1. La carta del 10 aprile 1606, concessa da Giacomo I, nel quarto anno del suo regno, che autorizzava la prima piantagione in qualsiasi luogo sulla costa del Commonwealth tra il trentaquattresimo e il quarantunesimo grado del nord latitudine e concesse il territorio dalla sede della piantagione (che in base a questa carta fu iniziata a Jamestown), per 50 miglia lungo la costa verso ovest e sud-ovest, come era la costa, e per 50 miglia lungo la costa, verso est e nord-est, o verso nord, come si trovava la costa, insieme a tutte le isole entro 100 miglia direttamente sulla costa, e tutto il territorio dalle stesse 50 miglia in ogni direzione sulla costa, direttamente nella terraferma per lo spazio di 100 miglia.

2. La seconda carta di Giacomo, datata 23 maggio 1609, nel settimo anno del suo regno, che concedeva tutto il territorio dalla punta di terra chiamata Capo o Punto Conforto, lungo tutta la costa marittima fino a 200 miglia verso nord, e da la punta di Cape Comfort lungo tutta la costa a sud di 200 miglia, e tutto quello spazio e circuito di terra che si trova dalla costa del recinto, fino alla terra, da mare a mare, a ovest e a nord-ovest, e anche tutti i isole che si trovano entro 100 miglia lungo la costa di entrambi i mari del suddetto distretto.

3. La terza carta di Giacomo, datata 12 marzo 1611-12, nel nono anno del suo regno, che concedeva tutte le isole in qualsiasi parte dei mari entro 300 leghe da qualsiasi territorio concesso nei precedenti brevetti.

4. Il trattato di pace del 1763 tra Gran Bretagna e Francia che stabilì una linea lungo il centro del fiume Mississippi e divenne il confine occidentale del Commonwealth

5. La Sezione 21 della Costituzione della Virginia adottata il 29 giugno 1776, che cedeva, rilasciava e confermava al popolo del Maryland, Pennsylvania, Carolina del Nord e del Sud, le parti del territorio del Commonwealth contenute negli statuti che eressero quelle colonie, con tutti i diritti in quelle parti che avrebbero potuto essere rivendicati dal Commonwealth, eccetto la libera navigazione dei fiumi Potomac e Pocomoke, con la proprietà della riva del Commonwealth o dei tratti che confinano con uno dei fiumi, e tutti i miglioramenti su di essi e che allo stesso tempo stabiliva nella sezione che l'estensione occidentale e settentrionale del Commonwealth dovesse sotto tutti gli altri aspetti essere fissata dallo statuto di Giacomo I, concesso nel 1609, e dal trattato di pace tra la Gran Bretagna e Francia nel 1763, a meno che per atto del legislatore uno o più territori non vengano in seguito licenziati e vengano istituiti governi a ovest dei monti Allegheny.

La sezione 1-303 del Codice della Virginia documenta la cessione della Virginia del territorio a nord-ovest del fiume Ohio negli anni 1780, dopo che il governo federale ha soddisfatto i requisiti della Virginia per l'accettazione e il governo del Territorio del Nordovest.

La sezione 1-300 riconosce l'impatto sui confini dello stato a causa della sconfitta della Confederazione nella guerra civile del 1861-65:

Il territorio e i confini del Commonwealth saranno e rimarranno gli stessi che erano dopo l'adozione della Costituzione della Virginia il 29 giugno 1776, ad eccezione del territorio che costituisce la Virginia Occidentale e dei suoi confini, e altri adeguamenti dei confini come previsto in questo capitolo .


estensione verso ovest delle rivendicazioni territoriali delle colonie inglesi, 1755
Fonte: Library of Congress, una mappa degli insediamenti britannici e francesi in Nord America


Il confine settentrionale della Virginia era limitato al 40° grado di latitudine dallo statuto del 1620 alla colonia del New England
Fonte: Library of Congress, A general topography of North America and the West Indies (di Thomas Jefferys, 1768)

Durante la guerra civile, la Virginia fu smembrata. Un terzo della sua superficie è stato utilizzato per creare il nuovo stato della Virginia Occidentale nel 1863. La rimozione delle contee occidentali è stata una significativa alterazione dei confini, ma un cambiamento ancora più drammatico era stato proposto dal Segretario alla Guerra Simon Cameron in 1861.

Cameron ha suggerito di creare un cuscinetto di territorio "sicuro" intorno a Washington DC trasferendo tutta la Virginia a est della Blue Ridge (tranne la costa orientale) nel Maryland e riallineando i confini del Maryland e del Delaware in base ai confini naturali: 9

La posizione geografica della metropoli della nazione, minacciata dai ribelli, e richiesta di essere difesa da migliaia delle nostre truppe, mi induce a suggerire di considerare l'opportunità e l'opportunità di una ricostruzione dei confini degli Stati del Delaware, Maryland, e Virginia.

La saggezza e la vera abilità di statista imporrebbero che la sede del governo nazionale, per tutto il tempo a venire, dovrebbe essere posta al di là del ragionevole pericolo di sequestro da parte di nemici interni, nonché di cattura da parte di nemici esterni.


da quando è stata fondata la Virginia Occidentale, la Virginia condivide i confini con altri cinque stati
Fonte: Virginia: un riassunto geografico e politico (pubblicato nel 1876)

Il piano di Cameron avrebbe reso la Virginia uno stato interno senza lungomare e avrebbe ridotto il potenziale delle forze nemiche che controllavano le alture di Arlington:
- aggiungere il confine occidentale del Maryland alla Virginia, usando il Blue Ridge per definire il nuovo confine di stato
- trasferire tutto il territorio ad est della baia di Chesapeake nel Delaware, utilizzando la baia di Chesapeake come confine naturale a est
- restituire la contea di Alexandria della Virginia al Distretto di Columbia, annullando la retrocessione del 1846


Il segretario alla guerra Simon Cameron propose di spostare la costa orientale nel Delaware, trasferendo le regioni del Piemonte/pianura costiera della Virginia nel Maryland
Fonte: Harpers Weekly (digitalizzato da "Figlio del sud), mappa che mostra i nuovi confini della Virginia, del Maryland e del Delaware proposti dal segretario Cameron (21 dicembre 1861)


Guarda il video: Jamestown- Founded by The Virginia Company of London in 1607 (Giugno 2022).