La storia

Henry Ward Beecher

Henry Ward Beecher


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Henry Ward Beecher, l'ottavo figlio del Rev. Lyman Beecher, nacque a Litchfield, Connecticut, il 24 giugno 1813. Fratello di Harriet Beecher Stowe, fu educato al Lane Theological Seminary prima di diventare un ministro presbiteriano a Lawrenceburg ( 1837-39) e Indianapolis (1839-47). Il suo opuscolo, Sette lezioni ai giovani uomini, è stato pubblicato nel 1844.

Beecher si trasferì a Plymouth Church, Brooklyn nel 1847. A quel tempo aveva sviluppato una reputazione nazionale per le sue capacità oratorie e attirava regolarmente una folla di 2.500 persone ogni domenica. Si oppose fermamente alla schiavitù e favorì la temperanza e il suffragio femminile.

Beecher condannò l'approvazione del disegno di legge Kansas-Nebraska dal suo pulpito e aiutò a raccogliere fondi per fornire armi a coloro che volevano opporsi alla schiavitù in questi territori. Questi fucili divennero noti come Bibbie di Beecher. John Brown e cinque dei suoi figli erano alcuni dei volontari diretti in Kansas.

Appoggiò il Partito della Terra Libera nel 1852, ma passò al Partito Repubblicano nel 1860. Durante la Guerra Civile la chiesa di Beecher sollevò e attrezzò un reggimento di volontari. Tuttavia, dopo la guerra, ha sostenuto la riconciliazione.

Beecher curò The Independent (1861-63) e Christian Union (1870-78) e pubblicò diversi libri tra cui the L'estate nell'anima (1858), Vita di Gesù Cristo (1871), Lezioni di Yale sulla predicazione (1872) e Evoluzione e religione (1885). Henry Ward Beecher morì di emorragia cerebrale l'8 marzo 1887.


Henry Ward Beecher (1813-1887)

Infanzia difficile. Henry Ward Beecher ha superato diversi ostacoli nella sua prima infanzia per diventare uno dei predicatori più noti della storia americana. Andava miseramente a scuola e balbettava, un segno infausto in qualcuno il cui padre voleva che si unisse al ministero. (Suo padre era il famoso ministro congregazionalista conservatore Lyman Beecher.) Tuttavia, dopo aver ricevuto una laurea di primo livello dall'Amherst College, ha ricevuto una laurea in teologia dal seminario teologico di suo padre a Cincinnati. Ottenne poi la licenza di predicare dal presbiterio di Cincinnati nel 1837, dove sviluppò uno stile di predicazione così popolare che presto attirò offerte da chiese prestigiose.

Casa permanente. Brooklyn si stava guadagnando la reputazione di città delle chiese. ” La gente ha acquistato lotti, eretto edifici in pietra arenaria e ha creato le istituzioni che hanno sostenuto la vita familiare nucleare della classe media. Due di queste persone erano Henry C. Bowen e John T. Howard, rispettivamente editori di giornali repubblicani e democratici. Aiutarono a organizzare la chiesa di Plymouth e assunsero Beecher, sperando che avrebbe preservato le tradizioni della Congregazione ortodossa della loro giovinezza e attirato molti nuovi membri della chiesa. Beecher ha assunto le sue funzioni il 10 ottobre 1847 e, per un po', ha superato le aspettative di tutti. La domenica mattina gli abitanti di Manhattan si imbarcavano sui traghetti per Brooklyn, e alla Plymouth Church entravano in uno scenario teatrale, con tremila posti al pianterreno e al balcone disposti a semicerchio. Il punto focale non era un pulpito ma una poltrona situata su un palco. La congregazione si è unita agli inni travolgenti, accompagnata da un organo, ha apprezzato i fiori che decoravano la chiesa e ha guardato mentre Beecher si rivolgeva al pubblico in modo informale dalla sua poltrona o camminava sul palco. Il contenuto della predicazione di Beecher era ancora più nuovo.

Nuova Garanzia di Salvezza. Beecher era d'accordo con i suoi antenati calvinisti che Dio aveva dato la Scrittura e le istituzioni sociali per insegnare ai peccatori la giusta via e per controllarli. Tuttavia, non tutti avevano ancora bisogno di essere gravati da tali vincoli. Vivendo una vita virtuosa si acquisivano buone abitudini lavorative che a loro volta gli davano successo materiale. Beecher ha detto ai suoi parrocchiani che dovrebbero lavorare per essere persone di cultura e raffinatezza, sensibili alla guida gentile che Dio ha offerto loro attraverso le bellezze della natura e attraverso le opportunità che la ricchezza ha offerto loro. Dovrebbero sforzarsi di essere buoni non per un senso di dovere verso Dio, ma perché erano così pieni d'amore che non avrebbero fatto volontariamente il male.

Scandalo. Il 21 giugno 1874 Theodore Tilton pubblicò una lettera in cui accusava Beecher di aver sedotto la moglie di Tilton, Elizabeth. La causa di divorzio di Tilton contro sua moglie e un'indagine congregazionalista sulle attività di Beecher hanno rivelato che la popolarità di Beecher con il suo gregge ha oscurato i giudizi più severi dei suoi stretti collaboratori. Bowen aveva chiesto a Beecher di scrivere per i giornali che pubblicava, ma il ministro era così in ritardo con i suoi saggi che l'editore assunse Tilton come suo editore e ghostwriter. La carriera di Tilton era decollata da lì, e presto fu nel circuito delle conferenze, il che diede a Beecher l'opportunità di visitare la moglie del suo aiutante. Il caso contro Beecher sembrava brutto. Tuttavia, la signora Beecher si è schierata dalla parte del marito ed Elizabeth Tilton si è presa la colpa della relazione. La corte ha assegnato a Tilton il divorzio da sua moglie senza chiedergli di pagare gli alimenti, e l'indagine congregazionalista si è conclusa con un voto che Beecher era innocente delle accuse contro di lui.

Eventi attuali. Beecher si è tenuto perfettamente al passo con le tendenze storiche. Come molte persone negli stati non schiavisti, si oppose al Fugitive Slave Act del 1850. Quando il Kansas divenne aperto per l'insediamento, consigliò a coloro che si opponevano alla schiavitù di rivendicarla per la libertà, con la forza se necessario. Si oppose all'abolizione immediata, ma una volta iniziata la guerra civile, esortò il presidente Abraham Lincoln a emancipare gli schiavi. Fu uno dei primi a sostenere misure di ricostruzione indulgenti e un rapido ritorno al governo statale nel sud. Beecher ha sostenuto i diritti di voto dei neri ma non l'uguaglianza sociale e i diritti di voto delle donne ma non il radicalismo di Elizabeth Cady Stanton e Susan B. Anthony. Il lavoro di Charles Darwin ha incuriosito il predicatore e ha applicato le teorie dello scienziato britannico all'economia. Beecher continuò a predicare quasi fino alla fine della sua vita, apparendo per l'ultima volta sul suo palco il 27 febbraio 1887, nove giorni dopo morì di emorragia cerebrale.


Cognome Beecher in America

La maggior parte delle persone in America con il cognome Beecher farà risalire i propri antenati a una delle due principali linee familiari arrivate in America. Queste linee non sono correlate perché il loro Y-DNA è diverso:

  • Faggi del Connecticut: Nel 1635, ad arrivare in nave con i coloni inglesi che vennero a fondare New Haven, Connecticut, c'erano John Beecher, sua moglie Hannah e il loro figlio Isaac Beecher. John morì entro un anno dall'arrivo, ma Isaac sopravvisse e da lui discendono la maggior parte dei Beecher trovati nel New England, che migrarono in tutta l'America negli anni successivi. Questa famiglia comprende il famoso predicatore abolizionista Henry Ward Beecher e l'autore di Capanna dello zio Tom, Harriet Beecher Stowe. L'aplogruppo Y-DNA del Connecticut Beecher è di tipo R1b (in particolare R1b1a2). R1b è l'aplogruppo Y-DNA più comune nell'Europa occidentale e quindi comune agli immigrati che hanno fondato l'America. Si verifica in circa il 40% degli uomini in Germania, Svizzera, Italia, Gran Bretagna e Olanda e ancora più in Spagna e Francia.
  • Beecher della Pennsylvania: Nel 1700-8217 gli immigrati di lingua tedesca arrivarono in nave a Filadelfia, cercando la promessa della libertà religiosa, i cui discendenti hanno per lo più cognomi Beecher con alcuni altri che adottano le grafie Beicher, Biecher, Beacher e Bicher. Abbiamo una pagina web separata che spiega la storia della famiglia Beecher in Pennsylvania. Il loro aplogruppo Y-DNA I1, più specificamente I-M253. I1 fu diffuso dai Vichinghi mentre conquistavano le coste del Baltico e del Mare del Nord. Ben il 33% degli uomini in Danimarca e Svezia sono I1 e circa il 15% degli uomini in Inghilterra, Paesi Bassi e Germania.

Oltre a queste due principali linee della famiglia Beecher, abbiamo scoperto attraverso il test Y-DNA e la ricerca genealogica diverse altre linee Beecher non correlate in America, e continuiamo a identificare più uomini con cognomi Beecher ecc. che partecipano alla ricerca Y-DNA .

Sia il Connecticut che il Pennsylvania Beecher hanno il cognome Beecher proveniente da un cognome tedesco, Bücher, come spiegato di seguito.


Gli anni di Hoosier di Henry Ward Beecher


Sebbene i suoi anni in Indiana siano stati oscurati da problemi finanziari e tragedie familiari, Beecher in seguito ha ricordato il suo periodo Hoosier come il fondamento della sua carriera.

Nel 1830, Lawrenceburg, nell'Indiana, era una vivace città commerciale situata sulle rive del fiume Ohio. Vantava due chiese in mattoni e poteva quasi rivaleggiare con Indianapolis per dimensioni.

Figlio di un acclamato predicatore di Boston e fratello della donna che avrebbe scritto La capanna dello zio Tom, Henry Ward Beecher arrivò a Lawrenceburg nel 1837. Indifferente al suo prestigioso nome di famiglia, la congregazione della prima chiesa presbiteriana di Lawrenceburg aveva chiamato all'unanimità Beecher come loro predicatore dopo un breve periodo di prova.

Beecher usò i suoi due anni a Lawrenceburg per perfezionare le sue pratiche di pulpito e nutrire la sua piccola famiglia prima di trasferirsi a Indianapolis nel 1839. Nella seconda chiesa presbiteriana di quella città, il ministro tenne i suoi primi risvegli e consolidò la sua posizione antischiavista.

Il lavoro che avrebbe definito la sua carriera e lo avrebbe portato alla ribalta nazionale sarebbe stato svolto in seguito. Beecher accettò una chiamata a New York nel 1847, sperando che, tornando a est, sua moglie potesse sfuggire alle malattie che la affliggevano nel deserto. Alla Plymouth Church di Brooklyn, Beecher ha attirato folle immense alle sue finte aste di schiavi. Ancora più tardi, il presidente Abraham Lincoln chiamò Beecher per servire come ambasciatore dell'Unione in Gran Bretagna durante la guerra civile.

Sebbene i suoi anni in Indiana siano stati oscurati da problemi finanziari e dalla morte di diversi bambini, Beecher in seguito ha ricordato il suo periodo Hoosier come il fondamento della sua carriera.

Questo script attinge dalla seguente fonte:

Elsmere, Jane Shaffer. Henry Ward Beecher: Gli anni dell'Indiana 1837-1847. Indianapolis, IN: Società storica dell'Indiana, 1973.


Storia 301: La fama di Henry Ward Beecher lanciata dal pulpito di Indy

Henry Ward Beecher una volta era chiamato "l'uomo più famoso d'America".

Di CONNIE ZEIGLER

Nell'era moderna il ministro più famoso di Indianapolis sarebbe stato probabilmente William H. Hudnut, che, dopo aver servito la Seconda Chiesa Presbiteriana per diversi anni, divenne sindaco della città per quattro mandati, poi membro dell'Hudson Institute e in seguito ancora sindaco di Chevy Chase , Md., autore di cinque libri e titolare di una cattedra presso l'Urban Land Institute di Washington DC

Certo, Hudnut, morto nel 2016, era piuttosto famoso. Ma quasi duecento anni fa Henry Ward Beecher, che iniziò la sua carriera come giovane ministro in questa città, superò di gran lunga la fama di Hudnut.

Si dà il caso che Beecher costruì la congregazione che Hudnut in seguito venne a pastore. Ma quando Beecher e sua moglie arrivarono a Indianapolis nel 1839 per pascolare la neonata Second Presbyterian Church, quella congregazione non aveva ancora nemmeno una chiesa permanente per ospitarla.

Beecher, figlio di un famoso ministro, Lyman Beecher, e fratello di una serie di fratelli intellettuali e agitatori che includevano Harriett Beecher Stowe, che avrebbe pubblicato La capanna dello zio Tom nel 1852, quando arrivò qui, portò un preciso pedigree nella fiorente città di frontiera nel deserto.

Sotto il suo ministero, il Secondo Presbiteriano ottenne la più alta partecipazione in città e si trasferì in strutture permanenti nel 1840.

Beecher non era un abolizionista radicale, ma era contro la schiavitù e predicò un famoso sermone contro la schiavitù nel 1843. Non molto tempo dopo pubblicò Lezioni ai giovani uomini, una raccolta di consigli sulla moralità. La sua fama crebbe rapidamente e iniziò un circuito di oratori che lo portò attraverso il Midwest. Ha predicato nel piccolo villaggio di Waverly nella contea di Morgan nel 1840, per esempio.

Le prediche di Beecher erano popolari in parte perché, mentre esaltava il paradiso e un Vangelo dell'amore di Dio, parlava con umorismo ed empatia. In una conferenza tenuta a Yale, ha detto al pubblico: "Nella predicazione, non allontanarti mai da una risata più di quanto faresti con un pianto". Un libro di L'umorismo di Henry Ward Beecher include il seguente conciso Beecherismo: "Diciamo tutti 'Beati i poveri', eppure, se c'è una benedizione che preferiremmo non avere più di un'altra, è quella della povertà".

Alla fine Beecher divenne così popolare che era decisamente troppo popolare per rimanere nella relativa oscurità di Indianapolis. Nel 1847 accettò un'offerta per servire la Chiesa Congregazionale di Plymouth a Brooklyn, NY Nel profondo del debito, Beecher accolse la posizione più remunerativa, per non dire più prestigiosa, e andò a dividersi con una nuova congregazione, e davvero, il nazione.

Mentre si trovava a New York, Beecher è diventato l'uomo più famoso d'America, secondo Debby Applegate, autrice di L'uomo più famoso d'America, una biografia di Henry Ward Beecher.

Beecher ha predicato contro la schiavitù e ha messo i suoi soldi dove era la sua bocca. Nel 1848 seppe di due giovani schiave fuggite che erano state catturate. Quando il loro proprietario ha offerto la loro libertà in cambio di un riscatto, Beecher ha raccolto oltre $ 2.000 (una somma principesca a quei tempi), con cui il padre li ha acquistati, secondo Applegate.

Beecher predicava a favore della temperanza, del diritto al godimento degli uomini e dei diritti delle donne al voto e alla proprietà. Ma si è scontrato con l'attivista e autrice per il suffragio femminile Victoria Claflin Woodhull, quando ha scritto che a lei e a tutte le donne dovrebbe essere concesso il "diritto inalienabile, costituzionale e naturale di amare chi posso, di amare per un periodo lungo o breve quanto io posso cambiare quell'amore ogni giorno, se mi piace, e con questo diritto né tu né alcuna legge che tu possa incastrare hai alcun diritto di interferire".

Beecher si oppose a voce alta a quei forti sentimenti rivoluzionari, che avrebbero potuto portare a ogni sorta di attività sordide, secondo lui. Ma, sfortunatamente per lui, la signora Woodhull sapeva che Beecher si stava impegnando in un piccolo "amore libero" tutto suo.

Woodhull ha accusato Beecher di essere coinvolto in una relazione con Elizabeth Tilton, una donna sposata e uno del suo gregge della Chiesa Congregazionale. Era la moglie di un altro membro della congregazione, Theodore Tilton, che fino a quel momento era stato un buon amico di Beecher. Secondo Richard Wightman Fox, autore di Prove di intimità: amore e perdita nello scandalo Beecher-Tilton, Beecher aveva anche lavorato con Tilton producendo contenuti editoriali per il giornale religioso nazionale di Tilton, l'Indipendent. Inoltre, Beecher aveva persino presieduto al matrimonio di Elizabeth e Theodore.

Lo scandalo che ne seguì scosse la nazione.

Sebbene ci fossero molte prove, inclusa la confessione della relazione di Elizabeth, Beecher lo ha negato. La sua congregazione stava con lui e lui all'interno della chiesa.

La chiesa di Plymouth scomunicò poi Theodore Tilton nel 1873. Ma Tilton portò Beecher in tribunale per "intimità criminale" con sua moglie nel 1874. Dopo che le sordide prove furono presentate, la giuria deliberò per sei giorni, ma alla fine non raggiunse un verdetto. Dopo il processo, la chiesa di Plymouth esonerò nuovamente Beecher pubblicamente.

Il cornuto Theodore Tilton si trasferì in Francia, senza sua moglie. Elizabeth Tilton rimase membro della congregazione di Beecher fino al 1878, quando riconfessò la relazione e la chiesa la cacciò via.

L'ancora popolare Beecher ha poi trasformato i suoi limoni extraconiugali in una torta al limone girando per il paese in un circuito di parlanti.

Morì nel 1887 nel sonno e fu esaltato dai giornali di tutto il paese.

Connie Zeigler

Connie Zeigler è uno storico che ricerca e scrive sulla storia del design e su Indianapolis e possiede C. Resources, una società di consulenza per la conservazione. Attualmente lavora tra l'area metropolitana di Indianapolis e una piccola baita sul fiume Flatrock nella contea di Shelby.


Crescere nella classe operaia Youngstown — Ward Beecher Hall and Planetarium

Niente come una lezione di astronomia alle 14 del pomeriggio durante il tuo primo trimestre allo Youngstown State per sorprenderti a fare un pisolino. Quello ero io. I sedili reclinabili del planetario combinati con le luci soffuse erano la ricetta perfetta per un sonnellino pomeridiano. Speravi solo che non fosse detto nulla che potesse andare al test.

Ho seguito molte lezioni a Ward Beecher durante i miei anni allo Youngstown State (1972-76). Non posso dire di aver pensato al nome dell'edificio in quel momento. Solo in seguito mi sono reso conto che in genere gli edifici universitari portano il nome di persone (o dei loro familiari) che hanno dato ingenti somme di denaro per la costruzione dell'edificio.

Ho scritto di altri i cui nomi sono sugli edifici della YSU: Kilcawley, Beeghly, Maag e Jones. Ma mai Ward Beecher. Come molti altri di cui ho scritto, ho scoperto una famiglia che ha investito molto a Youngstown. E mi è rimasta una domanda senza risposta.

La famiglia di Ward Beecher risale al Connecticut, dove vivevano suo padre Leonard e sua madre, Ruth Webster Beecher. Era la figlia di Noah Webster, famoso nel dizionario. Il loro figlio Walter arrivò a Youngstown all'età di 19 anni, intorno al 1864 e fu coinvolto in una serie di imprese comunitarie tra cui la Ohio Powder Company e la Mahoning Bank. Sposò Eleanor Price, la cui famiglia possedeva una grande fattoria che si estendeva lungo South Belle Vista da Mahoning Avenue a Bears Den Road. Price Road prende il nome dalla famiglia e la loro fattoria fa ora parte del Franciscan Friary a South Belle Vista.

Ward è nato il 27 settembre 1887 e si è laureato alla Rayen School nel 1907, proseguendo gli studi in metallurgia al Carnegie Institute of Technology seguito dal servizio di guerra con il 309° Ingegneri in Francia nella prima guerra mondiale. Tornò a Youngstown e nel 1923 sposò Florence Simon, nipote del colonnello LT Foster, da cui prende il nome Fosterville. Ha lavorato per un periodo come revisore dei conti con la Republic Rubber Company, come segretario e tesoriere della Lau Iron Works e tesoriere della Powell Pressed Steel. Dal 1922 in poi ricoprì diversi incarichi presso la Commercial Shearing and Stamping Company, finendo come Vice President of Finance. Ha anche seguito le orme di suo padre, servendo come direttore della Mahoning Bank. Ha partecipato a una riunione dei direttori il giorno della sua morte.

Si interessò molto allo sviluppo dello stato di Youngstown, contribuendo con fondi significativi alla costruzione della sala delle scienze e del planetario che ora porta il suo nome, aperto nel 1967. Una delle sue condizioni era che il planetario sarebbe sempre stato gratuito per il pubblico .

Come molti altri leader aziendali della sua generazione, ha servito come leader e benefattore di un certo numero di organizzazioni di Youngstown dall'Esercito della Salvezza al Boys’ Club, così come il Youngstown Club, il Youngstown Country Club, gli Elks e altre organizzazioni . Alla fine degli anni '50 e '8217, i Beecher vendettero la fattoria Price, dove vivevano, al convento francescano. In seguito, hanno dato contributi sostanziali per miglioramenti.

Dopo questo periodo, i Beecher si trasferirono a Boardman, dove vissero insieme fino alla morte di Ward, avvenuta il 26 ottobre 1970. Fu sepolto, insieme a molti altri famosi residenti di Youngstown, all'Oak Hill Cemetery. Florence Beecher ha vissuto fino al 1991, sostenendo una serie di istituzioni culturali di Youngstown, tra cui la Mahoning Valley Historical Society e il Butler Institute of American Art, il cui Beecher Court è chiamato in suo onore.

La famiglia e le fondazioni fondate da Ward e Florence Beecher continuano ad investire in Youngstown. Nel 2006 Eleonor Beecher Flad, la figlia dei Beechers, e le Fondazioni Ward Beecher e Florence Simon Beecher hanno contribuito con fondi significativi per un proiettore stellare all'avanguardia nel planetario per sostituire quello che era stato lì anche prima che io fossi uno studente. Contributi simili sono stati responsabili della costruzione dell'Eleanor Beecher Flad Pavilion sul lato ovest del DeYor Center, uno spazio per spettacoli ed eventi per completare la bellezza dell'Auditorium Powers e le ristrutturazioni del Lanterman's Mill alla fine degli anni '80 o '8217. Eleanor Beecher Flad è ora una fiduciaria emerita della Fondazione YSU, che serve per molti anni come una delle poche donne fiduciarie della Fondazione.

Ho accennato a una domanda. I Beecher hanno avuto un ruolo importante nella storia americana. Sia Lyman Beecher che Henry Ward Beecher erano predicatori e leader abolizionisti, anch'essi provenienti dal Connecticut. La sorella di Henry Ward Beecher, Harriet Beecher Stowe, ha scritto Capanna dello zio Tom. Dagli alberi genealogici online a cui ho avuto accesso, non sono riuscito a trovare alcuna connessione, nonostante i nomi condivisi. Non mi sorprenderebbe che ci fosse una connessione, e mi piacerebbe trovarla.

Quello che so è che Ward Beecher e la sua famiglia hanno lasciato un'impronta indelebile nelle istituzioni educative, culturali, caritative, religiose e storiche della città. Potrei aver fatto un pisolino da studente, ma ora mi trovo profondamente grato per l'investimento in tempo e risorse finanziarie che questa famiglia ha dato a Youngstown.


LA NOSTRA STORIA

La chiesa di Plymouth ha una storia straordinaria. Quando ti siedi nel banco 89, ti chiedi cosa abbia pregato Abraham Lincoln quando si è seduto lì. Puoi spegnere le luci nel seminterrato, dove passavano gli schiavi in ​​fuga sulla Underground Railroad, e immaginare come ci si sente a correre per salvarsi la vita. Quando sei nell'ufficio del pastore, potresti pensare a Branch Rickey, un membro della chiesa di Plymouth e direttore generale dei Brooklyn Dodgers, che prega lì finché non decide che Dio voleva che invitasse Jackie Robinson a integrare il baseball.

Parte del patrimonio della nostra chiesa è complicato. Lo scultore di una statua di Henry Ward Beecher e di un bassorilievo di Abraham Lincoln nel giardino della nostra chiesa è Gutzon Borglum, che ha anche creato il Monte Rushmore. Borglum era un membro del Klan.

Il pastore fondatore, Henry Ward Beecher, era un ministro di talento che ha combattuto coraggiosamente contro la schiavitù ed era considerato l'uomo più famoso d'America. Il suo processo per adulterio ha venduto molti giornali e si è concluso con una giuria appesa.

Ogni chiesa ha una storia con cui confrontarsi. Le chiese bloccate nella loro storia continuano a parlare di quanto fosse grande anni fa. Le chiese che hanno dimenticato la loro storia credono erroneamente che non ci siano buoni doni più antichi di loro.

Possiamo essere grati per il nostro passato senza esserne intrappolati. Non abbiamo bisogno di scegliere tra essere un museo e una chiesa. Esploriamo ciò che Dio ha fatto e scopriamo che Dio è ancora all'opera.


Beecher

Henry Ward Beecher nacque nel 1813 a Litchfield, Connecticut, ottavo di undici figli del reverendo Lyman Beecher, ministro della chiesa congregazionale stabilita lì, e della sua prima moglie, Roxana Foote, che morì quando Henry aveva tre anni. Crebbe in una canonica affollata con suo padre, che divenne uno dei sacerdoti più importanti di quell'epoca, la sua matrigna, fratelli e fratellastri, parenti e servitori assortiti. Era particolarmente vicino a sua sorella Harriet, di due anni più grande di lui, che in seguito sposò Calvin Stowe e scrisse La capanna dello zio Tom. Questa amicizia con Harriet continuò per tutta la vita, e lei era ancora elencata nei registri dei membri della Chiesa di Plymouth quando morì nel 1896.

Henry, timido e borbottante da bambino, iniziò la sua formazione oratoria al Mt. Pleasant Institution, un collegio ad Amherst, nel Massachusetts. Si laureò all'Amherst College nel 1834 e nel 1837 al Lane Theological Seminary fuori Cincinnati, Ohio, che suo padre allora era a capo. Dopo aver servito le chiese presbiteriane a Lawrenceburg, nell'Indiana, e a Indianapolis, lui e sua moglie, l'ex Eunice Bullard, e i loro tre figli sopravvissuti si trasferirono a Brooklyn nell'autunno del 1847, dove Beecher intraprese con entusiasmo la creazione di una nuova chiesa congregazionale.

Il più famoso di questi ex schiavi era una giovane ragazza di nome Pinky, messa all'asta durante un regolare servizio di culto domenicale a Plymouth il 5 febbraio 1860. Una collezione raccolta quel giorno raccolse $ 900 per comprare Pinky dal suo proprietario. Nel piatto di raccolta fu posto anche un anello d'oro, e Beecher lo regalò alla ragazza per commemorare il suo giorno di liberazione. Pinky tornò a Plymouth nel 1927 in occasione dell'80° anniversario della chiesa per restituire l'anello alla Chiesa con i suoi ringraziamenti. Oggi, l'anello di Pinky e una copia dell'atto di vendita possono ancora essere visionati a Plymouth.

Nonostante queste attività altamente pubblicizzate, Beecher era visto come un moderato rispetto ad altri abolizionisti, e quella percezione contribuì notevolmente alla sua influenza. Non si sarebbe mai aspettato che sarebbe stata necessaria una guerra per liberare gli schiavi nel Sud, ma quando arrivò, l'impatto della sua ferma posizione antischiavista sull'opinione pubblica aiutò il Nord a sopportare orribili spargimenti di sangue.

Fin dal suo primo sermone a Brooklyn, Beecher ha chiarito che una pietra angolare del suo ministero a Plymouth sarebbe stata la sua opposizione alla schiavitù, ed è stata quella posizione, oltre alla sua potente predicazione, che ha rapidamente trasformato la chiesa di Plymouth nella più importante chiesa protestante di quel era. La sua predicazione era caratterizzata da "originalità, logica, pathos e umorismo", nelle parole di un contemporaneo, e con fermezza ed eloquenza predicò e scrisse che la schiavitù era un peccato. Ha anche parlato contro l'arroganza degli Stati Uniti verso il Messico e contro i maltrattamenti degli indiani, ma è stata la sua predicazione antischiavista che lo ha reso famoso. Mandò fucili nel territorio del Kansas, ottenne le catene con cui era stato legato John Brown, calpestandole sul pulpito, e tenne anche finte “aste” in cui la congregazione acquistò la libertà dei veri schiavi.

Nei primi giorni della guerra civile, Beecher fece pressione sul presidente Lincoln affinché emettesse un proclama di emancipazione. Fece un giro di conferenze in Inghilterra per spiegare gli obiettivi di guerra del Nord e per minare il sostegno al Sud tra gli inglesi, la cui economia era stata danneggiata dall'embargo contro il cotone del sud. Proprio mentre la guerra stava volgendo al termine, Beecher fu l'oratore principale quando gli Stars and Stripes furono nuovamente sollevati a Fort Sumter, nella Carolina del Sud, luogo della prima battaglia della guerra.

Anche se oggi è ricordato per il suo attivismo sociale, ai suoi tempi Beecher è sempre stato, soprattutto, un ministro del vangelo cristiano. Fu uno dei leader del movimento noto come cristianesimo romantico, predicando non il duro giudizio di Dio, come avevano fatto i suoi antenati, ma piuttosto la presenza amorevole di Dio. Ha anche sposato il concetto della libertà dell'individuo con una coscienza sociale, una pietra angolare del credo congregazionale. Dopo la guerra, Beecher ha sostenuto cause come il suffragio femminile, la temperanza e l'evoluzione, e si è espresso contro l'antisemitismo.

Beecher ebbe un ictus nel marzo del 1887 e morì tranquillamente nel sonno due giorni dopo. Brooklyn, ancora una città indipendente, ha dichiarato giorno di lutto. La legislatura statale si è ritirata e telegrammi di cordoglio sono stati inviati da personalità nazionali, incluso il presidente Cleveland. La sua processione funebre alla chiesa di Plymouth - guidata da un comandante nero del William Lloyd Garrison Post in Massachusetts e da un generale confederato della Virginia ed ex schiavista, marciando a braccetto - ha reso omaggio a ciò che Beecher ha contribuito a realizzare.

Henry Ward Beecher fu sepolto nel Green-Wood Cemetery di Brooklyn l'11 marzo 1887, sopravvisse dalla moglie Eunice e da quattro dei nove figli nati da loro: Harriet, Henry, William e Herbert.

Altre risorse

L'uomo più famoso d'America, risorsa web della biografia vincitrice del Premio Pulitzer di Henry Ward Beecher di Debby Applegate


24 giugno: Born to Fame e Scandal - Il ministro delle celebrità Henry Ward Beecher

Henry Ward Beecher, uno dei più famosi e influenti — ma anche controversi — predicatori e oratori dell'America del XIX secolo, nacque a Litchfield, nel Connecticut, oggi nel 1813. Henry fu uno dei numerosi giganti letterari del vasto Famiglia Beecher: suo padre Lyman era anche un notevole predicatore sua sorella Harriet ha trovato fama internazionale come autrice di Capanna dello zio Tom e le sorelle Isabella Beecher Hooker e Catherine Beecher hanno influenzato molti con le loro opinioni ben articolate sui diritti e l'educazione delle donne.

Da studente in una scuola preparatoria ad Amherst, nel Massachusetts, Henry scoprì di avere un dono per parlare in pubblico. Dopo essersi laureato all'Amherst College nel 1834, entrò nel ministero e seguì la famiglia di suo padre nel Midwest, predicando in Ohio e nell'Indiana. La sua crescente reputazione ministeriale gli valse un'offerta, che accettò, di presiedere alla nuova chiesa congregazionale di Plymouth a Brooklyn, New York. Lì, il suo stile di predicazione popolare lo ha trasformato in una celebrità regionale.

Come molti dei suoi fratelli, Henry era un abolizionista schietto. Con l'aumentare delle tensioni anteguerra sulla schiavitù, iniziò a infondere nei suoi sermoni potenti messaggi anti-schiavitù. Scrisse critiche feroci al Compromesso del 1850 e ad altri atti politici che considerava concessioni al Sud detentore di schiavi. Questi furono ampiamente diffusi, guadagnandosi sia celebrità nazionali che minacce di morte da parte dei sostenitori della schiavitù. Imperterrito, Beecher raccolse denaro per acquistare fucili per i coloni anti-schiavitù durante la crisi del “Bleeding Kansas” del 1850, armi che furono rapidamente soprannominate dalla stampa “Beecher’s Bibles”.

Una volta iniziata la guerra civile, la questione se il governo britannico – la cui economia tessile era fortemente dipendente dal cotone – si sarebbe schierata con la Confederazione incombeva. Il presidente Abraham Lincoln inviò Beecher in un giro di conferenze in Europa nel 1863 per rafforzare il sostegno pubblico alla causa dell'Unione. L'accoglienza ricevuta dai suoi discorsi aggiunse lo status di predicatore e lo elevò a celebrità internazionale.

Una delle tante pubblicazioni tabloid spronate dallo scandalo Beecher-Tilton.

La fama di Beecher aveva un lato oscuro. Fu perseguitato da voci di donnaiolo durante la sua carriera, ma la corrente sotterranea di voci divenne uno scandalo nazionale ampiamente pubblicato durante lo scandalo Beecher-Tilton del 1870. La Beecher è stata processata per l'accusa di adulterio presentata dal marito di Elizabeth Tilton, che lo storico Walter McDougall ha ritenuto "la più sensazionale", ha detto, "ha detto" nella storia americana. processo — che ha coinvolto personaggi di spicco di New York e le famose suffragette Victoria Woodhull ed Elizabeth Cady Stanton — sono stati scritti sulle prime pagine dei giornali di tutta l'America. Beecher è stato infine assolto.

Sebbene da allora in poi visse con una macchia sulla sua reputazione, Beecher rimase un oratore relativamente popolare per tutta la vita. Quando morì per un ictus nel 1887 all'età di 73 anni, oltre 40.000 persone vennero a rendere omaggio a Brooklyn, ricordando un uomo che, nonostante una reputazione a scacchi, era ancora una delle persone più influenti degli Stati Uniti.

Ulteriori letture

Clicca sull'immagine per ordinare tramite amazon.com


IL FAMOSO PROCESSO DI ADULTERIO DEL REVERENDO HENRY WARD BEECHER

In his new book, When Law Goes Pop: The Vanishing Line between Law and Popular Culture (The University of Chicago Press 2000), Richard K. Sherwin considers the consequences when legal culture and popular culture dissolve into each other. The following excerpt explores the nineteenth-century trial of the Reverend Henry Ward Beecher, and its attack on cultural assumptions about the inner self. The excerpt was adapted especially for Writ.

Throughout our history, some trials have been transformed into symbols freighted with intense public interest and emotion, they serve as a barometer of cultural anxiety and change. A compelling example of this phenomenon is the 1875 adultery trial of Tilton v. Beecher , which pitted claims of factual truth against overwhelming urgencies of belief.

The Case For, And Against, Beecher

The main players in this courtroom drama were the Reverend Henry Ward Beecher, America's leading moral and spiritual teacher (and brother of Harriet Beecher Stowe), his best friend Theodore Tilton and Tilton's wife, Elizabeth. Tilton accused Beecher of carrying on an affair with Tilton's wife. But the significance of the trial went far beyond the simple issue of whether Beecher had indeed been physically as well as emotionally intimate with Elizabeth. More profound questions were at issue. Would Henry Ward Beecher, the most respected and idealized religious figure of the day, prove to be yet one more con man in a nation of incipient hucksters and deal makers? Had he, too, betrayed others' trust, captivating admirers by deceit, harboring, against all outward appearances, a secret core of moral decay?

"Yes," Tilton's lawyers loudly proclaimed. In summation, they urged the jurors not to be taken in by Beecher's reputation and bearing. In contrast, the defense could have come straight from Groucho Marx: "Who are you going to believe, me or your own eyes?" Beecher's defenders were betting on the fragility of facts before the urgency of belief. Would the jury let this icon of faith fall, and with him faith, trust and civility itself? Or would they credit Beecher's outward display of moral virtue and thus sustain our most cherished values? Like O.J. Simpson's dream team, the defense asked, Will you rush to judgment? Or do you have the courage to send a message? Will you, by your verdict of acquittal, put an end to corruption, when you have before you a man of such fine reputation?

The Cultural Context: Distrust, Anxiety And The Unknown Heart

What deep current of cultural anxiety gave the Beecher trial its remarkable intensity? One answer is that the sentimental belief in unitary character (as without, so within) was slowly eroding. This change came as part of the nation's post-bellum shift from an agrarian to an urban-industrial society. City life offered new freedoms and unprecedented individual privacy, while straining received mores and creating a new sense of alienation. With the unraveling of traditional networks for maintaining reputations (such as local venues for gossip), trust among strangers was never more sorely needed -- or more sorely tried. Who can one trust? How does one read the signs of personal integrity and virtue?

It was this anxiety that the Beecher case brought to the fore, with a terrifying question: could someone so virtuous on the exterior hide such perfidy within? As early as 1857, Herman Melville had explored this theme in his poorly received final novel, The Confidence Man , a book permeated by ambiguity and moral skepticism. In Melville's dark, proto-modernist vision, the more we inquire, the stranger, the more remote, the more inaccessible things become -- the human heart (or soul) being the strangest, most unfathomable thing of all.

the reality of self-estrangement had become a commonplace of popular belief and experience. As Robert Louis Stevenson would put it a decade after the Beecher affair, in every mild-mannered Dr. Jekyll lurks a fearsome Mr. Hyde. But at the time of the Beecher trial, the idea of self-estrangement was still threatening and strange to the public and the jury.

The Beecher Case's Narratives: A Tale Of Two Tales

"You must dig beneath the surface of appearances with tools of reason," Tilton's lawyers urged the jury. "You must induce the truth from the clues presented, and follow them wherever they may lead." In so arguing, Tilton's counsel cast jurors and the public at large as skeptical, uncertainty-plagued detectives on a search for truth they were to follow no matter where it led them -- even into the most private inner sanctum of human personality.

To Beecher's defenders, however, the attack on outward appearances of sincerity was an attack on all who hold themselves out to be as they claim. It was to subject friends, mentors and spouses to a pernicious and unquenchable suspicion. In short, it was an indictment of an entire way of life. As Beecher's defense lawyer said in summation:

The attack is not that there are wolves in sheep's clothing, that vicious men dissemble and that they hide themselves under the cloak of sanctity to prowl on the society that they thus impose upon . . . It is that the favored, approved, tried, best results of this social scheme of ours, which includes marriage, and of this religious faith of ours, which adopts Christianity, is false to the core that the saintly man and the apostolic woman are delivered over to the lower intelligences and that being proved, the scheme itself is discredited and ready to be dissolved. . . .

Why, all the while it may be going on in all our families, and nobody knows anything about it. What, shall we then discard all this, shall we believe . . . that there is no necessary connection between character and conduct that these sins do not come from within, but that with all this purity they may arise?

By the time defense counsel was done, it was the jurors' values, loved ones and principles of judgment that were being tested. A vote for acquittal thus became a vote for virtue writ large -- and a way to avoid the modernist anguish of uncertainty, isolation and distrust.

The hung jury in the Beecher case (nine voted to acquit, three to condemn) illustrated the era's unwillingness, whether by conscious refusal or unwitting inability, to face the problematic realm of inward realities. Thus, in the end, a conventional popular sentimental fantasy won the day. Victorian morality denied the harsher moral uncertainties of the modernist mindset.

Beecher's defenders fought the unacceptable truth that even a man of such high social standing and accomplishment as the Reverend Henry Ward Beecher cannot really be trusted. With the Tilton-Beecher affair the nation winked at the anxiety of disbelief, but one eye remained open. It is as if the American people had felt the future, shivered, and promptly tightened their grip on a fantasy that was about to pass.

Richard K. Sherwin, former New York County prosecutor and currently a Professor of Law at New York Law School, has written widely on the relationship between law and popular culture, including articles about film and television. He also writes on criminal law and has served as a commentator on a number of criminal trials.