La storia

Da dove viene l'espressione "degno del proprio sale"?

Da dove viene l'espressione



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Potresti pensare al sale come nient'altro che roba poco costosa che ha un buon sapore spruzzata su patatine fritte e popcorn, ma in realtà è molto più di un semplice condimento e ha una lunga storia come sostanza molto pregiata. Oggi, secondo quanto riferito, ci sono più di 14.000 usi noti per il sale. Non solo il corpo umano ne ha bisogno per funzionare correttamente, ma il sale viene anche utilizzato per tutto, dalla produzione di sostanze chimiche allo sbrinamento delle strade.

Prima dei tempi della refrigerazione artificiale, il metodo principale per conservare il cibo era trattarlo con il sale. In questo modo, il sale arrivò a rappresentare il potere; senza di essa, gli eserciti non potrebbero percorrere grandi distanze e gli esploratori non potrebbero navigare verso nuove terre perché le loro provviste andrebbero a male. Nel corso dei secoli, una varietà di culture ha utilizzato questo minerale anche in cerimonie e rituali religiosi. Per molti secoli, fino a quando non furono scoperti giacimenti di sale in tutto il mondo e migliorarono i metodi di estrazione, il sale era scarso, il che lo rendeva più prezioso.

In alcune società antiche, strade e città si svilupparono come risultato del commercio del sale.
L'espressione valere il proprio sale, che significa che sei competente e meriti quello che guadagni, si dice che abbia le sue radici nell'antica Roma, dove i soldati a volte venivano pagati sotto sale o ricevevano un'indennità per acquistarlo. La parola stipendio deriva dal latino "salarium", che originariamente si riferiva all'indennità di un soldato per comprare il sale.


Tutti e nove i metri

"Tutti e nove i metri" o "tutti i nove metri" è una frase colloquiale in inglese americano che significa "tutto, tutto" o, se usata come aggettivo, "tutto il modo", come in, "L'esercito è uscito e ci ha dato tutti i nove metri su come usano i sistemi spaziali ." [1] La sua origine è sconosciuta ed è stata descritta dal bibliotecario della Yale University Fred R. Shapiro come "l'enigma etimologico più importante del nostro tempo". [2]

Il Dizionario inglese di Oxford trova il primo uso non idiomatico pubblicato in un articolo di giornale dell'Indiana del 1855. Il primo uso idiomatico noto della frase risale al 1907 nell'Indiana meridionale. La frase è legata all'espressione tutte e sei le iarde, usato più o meno nello stesso periodo in Kentucky e South Carolina. Entrambe le frasi sono variazioni su tutta la palla di cera, registrato per la prima volta nel 1880. [3] Fanno parte di una famiglia di espressioni in cui un elemento dal suono strano, come enchilada, partita di tiro, shebang o maiale, è sostituito da palla di cera. [3] La scelta del numero nove può essere messa in relazione con l'espressione "Ai nove" (alla perfezione).

L'uso della frase si è diffuso negli anni '80 e '90. Gran parte dell'interesse per l'etimologia della frase può essere attribuito a New York Times editorialista di lingua William Safire, che ha scritto ampiamente su questa domanda.


I soldati romani venivano pagati col sale?

Lo stipendio medio di un legionario, titolo ufficiale di a soldato romano, era di circa solo 112 denari all'anno. Questo importo è stato raddoppiato durante il regno di Giulio Cesare a 225 denari all'anno. I centurioni erano pagato tassi notevolmente più elevati.

Successivamente, la domanda è: i romani usavano la valuta del sale? La parola "stipendio" era derivato dalla parola "sale." Il sale era molto apprezzato e la sua produzione era legalmente limitato nei tempi antichi, quindi è era storicamente Usato come metodo di commercio e valuta. La parola "insalata" deriva anche da "sale," e iniziò con i primi romani salando le loro verdure a foglia verde e verdure.

Semplicemente, le persone venivano pagate col sale?

Essendo così prezioso, i soldati dell'esercito romano erano a volte pagato insieme a sale invece di soldi. La loro indennità mensile era chiamata "salarium" ("sal" essendo la parola latina per sale). Questa radice latina può essere riconosciuta nella parola francese "salaire" &mdash e alla fine è diventata nella lingua inglese la parola "salary".


Sapevi che la parola "stipendio" non ha nulla a che fare con i soldi e ha a che fare con il sale?

Nell'antica Roma, era il sale e non il denaro che veniva usato per il commercio o il commercio. I soldati che lavoravano per l'impero romano ricevevano in cambio una manciata di sale come pagamento ogni giorno. Da qui deriva il detto comune di "valere la pena". I soldati che hanno fatto un buon lavoro valevano il sale che hanno guadagnato.

"A Roma la paga del soldato era originariamente sale e la parola stipendio deriva da essa", ha detto Plinio il Vecchio, un famoso storico romano, nel suo libro, Storia naturale, mentre parlava dell'acqua di mare.

Scultura del 1670 che mostra la produzione di sale

La parola "soldato" deriva da "sal dare" (dare sale)?

Alcune fonti affermano anche che la parola "soldato" sia in realtà presa da "sal dare" in latino, che significa: dare sale. Tuttavia, non ci sono prove solide di questa connessione e la ricerca moderna dice che la connessione potrebbe esistere perché l'importo pagato ai soldati potrebbe essere stato specificamente dato per comprare il sale, o per proteggere le famose strade del sale, o per conquistare le scorte di sale.

Tuttavia, gli storici attribuiscono la denotazione di "soldato" alla parola "solidus", che significa oro (coniato da Diocleziano nel 301 d.C.), poiché è noto che i soldati erano stati pagati in oro in precedenza.

L'importanza del sale nell'antica Roma

Il sale è essenziale per la sopravvivenza degli esseri umani. Di conseguenza, antiche civiltà e comunità iniziarono a stabilirsi accanto a fiumi e corpi idrici da dove potevano ottenere sale, o in luoghi dove potevano facilmente scambiare sale. In effetti, il suffisso di "wich" usato a Sandwich e Norwich indica che quei luoghi erano una volta fonti di sale.

Cinesi, Hitties, Ebrei e Greci capirono tutti il ​​valore del sale. Oltre all'ovvio bisogno e utilizzo, era anche usato per salare la terra, un rito militare iniziato dagli Assiri.

Quando Roma stava diventando uno dei più grandi imperi del mondo, venivano costruite strade per il facile trasporto del sale. Sebbene il Mar Tirreno fosse molto più vicino a Roma rispetto all'Adriatico, quest'ultimo aveva una profondità ridotta e un'elevata salinità che rendeva più facile la produzione del sale. Di conseguenza, è stato creato il sentiero della Via Salaria che unisce Roma al mare Adriatico.

Per tutto il Medioevo, l'Impero Romano trasportò il sale attraverso queste strade alle tribù germaniche. Enormi carovane, tra cui ben 40.000 cammelli, hanno attraversato 400 miglia del Sahara per trasportare il sale.

Saline romane (fonte: blog.fuertehoteles)

Collegamento tra sale e stipendio:

Il primo stipendio avrebbe potuto essere pagato tra il 10.000 a.C. e il 6000 a.C., al tempo della Rivoluzione Neolitica, poiché prima di questo periodo non avevamo ancora un sistema di baratto adeguato o un sistema per dipendenti organizzati.

Al tempo del Libro ebraico di Esdra, datato tra il 550 e il 450 aEV, prendere il sale da una persona era sinonimo di sostentamento o paga. Il sale era ancora strettamente regolato dalla classe dirigente. La sezione di 4:14 del libro, che si concentra sui servi del re persiano Artaserse I che parlano della loro lealtà, può essere tradotta in molti modi: "perché siamo salati con il sale del palazzo" o "perché noi avere il mantenimento dal re" o "perché siamo responsabili nei confronti del re". Anche la frase hindi "namak khaya hai" associa il sale alla lealtà.

Nel medioevo, ottenere uno stipendio non era molto comune e rimase raro fino all'Europa preindustriale. Il sistema del baratto manteneva vivo il commercio. Le classi superiori, compresi nobili e cortigiani, ricevevano tuttavia un importo annuo che a volte veniva aumentato con pagamenti extra incoerenti. Quelli della scala inferiore come schiavi e servi della gleba o non ricevevano alcuna paga, o ricevevano una frazione di ciò che producevano, o ricevevano solo vitto e alloggio come compenso. Nelle università e nei monasteri medievali, gli assistenti erano comuni e di solito erano pagati uno stipendio.


Da dove viene l'espressione "degno del proprio sale"? - STORIA

Il sale più conosciuto è il cloruro di sodio cloruro di sodio,
NaCl, sale comune. Proprietà

Il cloruro di sodio è facilmente solubile in acqua e insolubile o solo leggermente solubile nella maggior parte degli altri liquidi. Forma piccoli cristalli cubici trasparenti, da incolori a bianchi.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , il componente principale del comune sale da tavola. Cloruro di sodio, NaCl e acqua, H2O, si formano per neutralizzazione neutralizzazione,
reazione chimica, secondo la teoria degli acidi e delle basi di Arrhenius, in cui una soluzione acquosa di acido viene mescolata con una soluzione acquosa di base per formare un sale e acqua questa reazione è completa solo se la soluzione risultante non ha né acido né base
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. di idrossido di sodio, NaOH, una base, con acido cloridrico, HCl, un acido: HCl+NaOH&rarrNaCl+H2O. La maggior parte dei sali sono composti ionici (vedi legame chimico legame chimico,
meccanismo per cui gli atomi si combinano per formare molecole. C'è un legame chimico tra due atomi o gruppi di atomi quando le forze che agiscono tra di loro sono abbastanza forti da portare alla formazione di un aggregato con sufficiente stabilità per essere considerato come un
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. ) sono costituiti da ioni ione,
atomo o gruppo di atomi aventi una carica elettrica netta. Cariche elettriche positive e negative

Un atomo neutro o un gruppo di atomi diventa uno ione acquistando o perdendo uno o più elettroni o protoni.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. piuttosto che molecole. La formula chimica formula,
in chimica, un'espressione che mostra la composizione chimica di un composto. Le formule dei composti vengono utilizzate per scrivere le equazioni (vedi equazioni chimiche) che rappresentano le reazioni chimiche. I composti sono combinazioni in proporzioni fisse degli elementi chimici.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. per un sale ionico è una formula empirica non rappresenta una molecola ma mostra la proporzione di atomi degli elementi che compongono il sale. La formula per il cloruro di sodio, NaCl, indica che un numero uguale di atomi di sodio e di cloro si combinano per formare il sale. Nella reazione del sodio con il cloro, ogni atomo di sodio perde un elettrone, caricandosi positivamente, e ogni atomo di cloro acquista un elettrone, caricandosi negativamente (vedi ossidazione e riduzione ossidazione e riduzione,
reazioni chimiche complementari caratterizzate rispettivamente dalla perdita o dal guadagno di uno o più elettroni da parte di un atomo o di una molecola. In origine il termine ossidazione
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. ) ci sono numeri uguali di ioni sodio caricati positivamente e ioni cloruro caricati negativamente nel cloruro di sodio. Gli ioni in un sale solido sono solitamente disposti in una struttura cristallina definita, ogni ione positivo essendo associato ad un numero fisso di ioni negativi, e viceversa.

Un sale che non ha né idrogeno (H) né idrossile (OH) nella sua formula, ad esempio cloruro di sodio (NaCl), è chiamato sale normale. Un sale che ha idrogeno nella sua formula, ad esempio, bicarbonato di sodio (NaHCO3), è chiamato sale acido. Un sale che ha idrossile nella sua formula, ad esempio nitrato di piombo basico (Pb[OH]NO3), è chiamato sale basico. Poiché un sale può reagire con un solvente per produrre ioni diversi da quelli presenti nel sale (vedi idrolisi idrolisi
, reazione chimica di un composto con l'acqua, che di solito porta alla formazione di uno o più nuovi composti. L'idrolisi più comune si verifica quando un sale di un acido debole o di una base debole (o entrambi) viene sciolto in acqua.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. ), una soluzione di un sale normale può essere acida o basica, ad esempio fosfato trisodico, Na3PO4, si dissolve e reagisce con l'acqua per formare una soluzione basica.

Oltre ad essere classificati come normali, acidi o basici, i sali sono classificati come sali semplici, sali doppi o sali complessi. I sali semplici, ad esempio il cloruro di sodio, contengono solo un tipo di ione positivo (diverso dallo ione idrogeno nei sali acidi). I sali doppi contengono due diversi ioni positivi, ad esempio il minerale dolomite, o carbonato di calcio e magnesio, CaMg(CO3)2. Allievi allume
, uno qualsiasi di una serie di sali doppi isomorfi che sono solfati idrati di un catione univalente (ad es. potassio, sodio, ammonio, cesio o tallio) e un catione trivalente (ad es. alluminio, cromo, ferro, manganese, cobalto o titanio).
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. sono un tipo speciale di sale doppio. Sali complessi, ad es. ferricianuro di potassio, K3Fe(CN)6, contengono uno ione complesso che non si dissocia in soluzione. un idrato idrato
, composto chimico che contiene acqua. Un idrato comune è il familiare vetriolo blu, una forma cristallina di solfato rameico. Chimicamente, è solfato rameico pentaidrato, CuSO4&punto medio5H2O.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. è un sale che include l'acqua nella sua forma cristallina solida Il sale di Glauber e i sali di Epsom sono idrati.

I sali sono spesso raggruppati in base allo ione negativo che contengono, ad esempio bicarbonato bicarbonato
o carbonato di idrogeno,
composto chimico contenente il radicale bicarbonato, -HCO3. Il più familiare di tali composti è il bicarbonato di sodio (bicarbonato di sodio). Vedi carbonato.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. o carbonato carbonato
, composto chimico contenente il radicale o ione carbonato, CO3 &meno2. I carbonati più familiari sono sali che si formano facendo reagire una base inorganica (ad esempio un idrossido di metallo) con l'acido carbonico.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , clorato clorato
e perclorato
, sali di acido clorico, HClO3e acido perclorico, HClO4, rispettivamente. Acido Clorico e suoi Sali

Acido clorico, HClO3&punto medio7H2
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , cloruro cloruro
, composto chimico contenente cloro. La maggior parte dei cloruri sono sali formati dall'unione diretta del cloro con un metallo o dalla reazione dell'acido cloridrico (una soluzione acquosa di acido cloridrico) con un metallo, un ossido metallico o una base inorganica.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , cianuro cianuro
, composto chimico contenente il gruppo ciano, -CN. I cianuri sono sali o esteri di acido cianidrico (acido cianidrico, HCN) formati sostituendo l'idrogeno con un metallo (ad esempio sodio o potassio) o un radicale (ad esempio ammonio o etile).
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , fulminare fulminare
, qualsiasi sale dell'acido fulminico, HONC, un composto altamente instabile noto solo in soluzione. Il termine è più comunemente applicato al fulminato esplosivo di mercurio (II), chiamato anche fulminato di mercurio, Hg(ONC)2. Il composto puro forma cristalli cubici bianchi.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , nitrato nitrato,
composto chimico contenente il nitrato (NO3) radicale. I nitrati sono sali o esteri dell'acido nitrico, HNO3, formato sostituendo l'idrogeno con un metallo (ad esempio sodio o potassio) o un radicale (ad esempio ammonio o etile).
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , fosfato fosfato,
sale o estere dell'acido fosforico, H3PO4. Poiché l'acido fosforico è tribasico (con tre atomi di idrogeno sostituibili), forma sali monofosfato, difosfato e trifosfato in cui uno, due o tre degli idrogeni dell'acido sono
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , silicato silicato,
composto chimico contenente silicio, ossigeno e uno o più metalli, ad esempio alluminio, bario, berillio, calcio, ferro, magnesio, manganese, potassio, sodio o zirconio. I silicati possono essere considerati chimicamente come sali dei vari acidi silicici.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , solfato solfato,
composto chimico contenente il solfato (SO4) radicale. I solfati sono sali o esteri dell'acido solforico, H2COSÌ4, formato sostituendo uno o entrambi gli idrogeni con un metallo (ad esempio sodio) o un radicale (ad esempio ammonio o etile).
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. , o solfuro solfuro,
composto chimico contenente zolfo e un altro elemento o zolfo e un radicale. I solfuri possono essere sali o esteri di idrogeno solforato, H2S, o può essere formato direttamente, ad esempio riscaldando un metallo con zolfo.
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. .

Preparazione dei Sali

I sali vengono preparati anche con metodi diversi dalla neutralizzazione. Un metallo può combinarsi direttamente con un non metallo per formare un sale, ad esempio il sodio metallico reagisce con il gas di cloro per formare cloruro di sodio. Un metallo può reagire con un acido diluito per formare un sale e rilasciare gas idrogeno, ad esempio lo zinco reagisce con acido solforico diluito per formare solfato di zinco e idrogeno. Un ossido di metallo può reagire con un acido per formare un sale e acqua, ad esempio l'ossido di calcio reagisce con l'acido carbonico per formare carbonato di calcio e acqua. Una base può reagire con un ossido non metallico per formare un sale e acqua, ad esempio l'idrossido di sodio reagisce con l'anidride carbonica per formare carbonato di sodio e acqua. Due sali possono reagire tra loro (in soluzione) per formare due nuovi sali, ad esempio cloruro di bario e solfato di sodio, reagire in soluzione per formare solfato di bario (come precipitato insolubile) e cloruro di sodio (che rimane in soluzione). Un sale può reagire con un acido per formare un sale e un acido diversi, ad esempio il cloruro di sodio e l'acido solforico reagiscono quando riscaldati per formare solfato di sodio e rilasciare gas di acido cloridrico (che in soluzione forma acido cloridrico). Un sale si dissocia dissociazione,
in chimica, separazione di una sostanza in atomi o ioni. La dissociazione termica avviene ad alte temperature. Ad esempio, molecole di idrogeno (H2
. Fare clic sul collegamento per ulteriori informazioni. quando si dissolve in un solvente polare, ad esempio acqua, l'entità della dissociazione dipende sia dal sale che dal solvente.

Bibliografia

Vedi M. Kurlansky, Sale: una storia mondiale (2002).

proprio come ferro da stiro, si credeva che il sale avesse origini soprannaturali ed è diventato una parte essenziale della maggior parte dei religiosi e rituali magici. La stessa parola "stipendio" deriva dal latino salarium che significa "indennità di sale", dimostrando che ha un grande valore. L'uso abituale del sale è legato al passaggio dalla vita nomade a quella agricola. Il di Dio erano adorati come donatori dei cibi necessari per la vita, quindi il sale, spesso insieme al pane, era associato alle offerte alle divinità. Questo era particolarmente diffuso tra i greci e i romani.

Poiché è così essenziale per la vita, sia umana che animale, il sale rappresenta simbolicamente la vita. Si aggiunge all'acqua battesimale, all'acqua usata in esorcismo, e all'acqua santa usata su a Altare Wicca. Alcune tradizioni di Stregoneria segna il loro Cerchio Con il sale. Magicamente, è considerata una grande difesa contro il male. Per questo motivo, le persone nel Medioevo credevano che fosse uno strumento per prevenire la stregoneria e per distruggere a strega. Ancora oggi, negli Ozark, si crede che se una donna si lamenta che il suo cibo ha un sapore troppo salato, potrebbe benissimo essere una strega. C'è un vecchio detto nella regione: "Il diavolo odia il sale".

Poiché il sale rappresenta la vita, versare il sale è un male presagio perché presagisce il versamento di sangue. In alchimia rappresenta il principio del corpo, il femminile, e terra. Sul Wiccan e cerimoniale altari rappresenta l'elemento della terra. Nell'antica usanza britannica del "primo piede" (essere la prima persona del nuovo anno a mettere piede sulla soglia di un altro), il sale è uno dei doni offerti dal primo passo al proprietario della casa.

Il sale era solito segnare la linea a tavola tra la famiglia o gli amici intimi e coloro che erano visitatori occasionali o servi. Il primo sedeva a capotavola, mentre il secondo sedeva "sotto il sale", sotto il punto in cui si trovava la saliera sulla tavola.

sale e incenso erano sia necessità religiose che economiche del mondo antico. La Via Lalaria, in quanto una delle strade più antiche d'Italia, serviva per trasferire il sale di Ostia nel Paese Sabino. Erodoto cita la via carovaniera che collegava le numerose oasi del deserto libico come strada per il trasporto del sale.

Nei rituali Wicca, il sale marino è il tipo preferito, anche se qualsiasi sale normale è accettabile. Esistono vari modi di lavorare il sale marino, il metodo tradizionale e forse il più antico e più puro è quello di consentire al sole e al vento di asciugare la salamoia oceanica che viene incanalata dal mare aperto in stagni argillosi poco profondi e incontaminati. In questo modo, celtico Gli agricoltori della Bretagna producono il sale marino più fine e puro al mondo.

una catena montuosa nel nord del Pakistan, tra le valli dei fiumi Indo e Jhelum. La catena si estende per una lunghezza di circa 300 km, con dislivelli fino a 1.522 m (Monte Sakesar). La catena del sale costituisce una sporgenza simile a una cuesta al di sotto del bordo meridionale dell'altopiano di Potwar. È composto da rocce cristalline ricoperte da calcari e dolomiti. Ci sono grandi depositi di salgemma a Khewra e Nurpur e in altri siti. Sulle pendici ci sono pini, acacie e uliveti separati.

il nome di una classe di composti chimici che sono cristallini in condizioni ordinarie e per i quali è tipica una struttura ionica. Secondo la teoria della dissociazione elettrolitica, i sali sono composti chimici che in soluzione si dissociano in ioni caricati positivamente, o cationi (principalmente, di metalli), e ioni o anioni caricati negativamente. I vari tipi di sali includono sali normali, acidi, basici, doppi, misti e complessi. Il metodo di laboratorio più comune per la preparazione dei sali sono le reazioni degli acidi con le basi, nonché le reazioni degli acidi con i metalli e, in molti casi (a seconda della serie di forze elettromotrici), le reazioni dei sali stessi con i metalli.

Una proprietà caratteristica dei sali è la solubilità nei solventi polari, in particolare nell'acqua. In natura, gli accumuli di sali si formano principalmente per sedimentazione da soluzioni acquose in bacini marittimi interni (Aral, Mar Morto) o in insenature quasi separate dal mare (Kara-Bogaz-Gol), nonché in laghi chiusi della terraferma ( El'rsquoton, Baskunchak).

I sali erano conosciuti nell'antichità. Oltre al loro uso tradizionale negli alimenti e nella medicina, i sali vennero utilizzati a livello industriale con lo sviluppo delle industrie chimiche, vetrarie, conciarie, tessili e metallurgiche. Alcuni sali sono usati come fertilizzanti minerali.

RIFERIMENTO


1 risposta 1

Dale: Ogni giornalista che si rispetti (che vale la pena pagare per fare il proprio lavoro) dovrebbe fare domande investigative e stimolanti.

Dale si riferisce al giornalista.

Pagavamo le persone col sale. Ecco da dove deriva la parola stipendio. Se vali il tuo sale, vali la tua paga.

Stipendio

Inglese medio: dal francese anglo-normanno salarie, dal latino salarium, che originariamente indicava l'indennità di un soldato romano per comprare il sale, da sal "sale".

google: etimologia della parola stipendio


Origine di Vale il loro sale

La parola latina salarium (che è dove otteniamo il termine inglese stipendio) significa letteralmente soldi di sale. Salarium era il denaro pagato ai soldati romani che usavano per acquistare sale e altri oggetti essenziali e di valore.

Si discute se i soldati fossero effettivamente pagati con razioni di sale, da cui potevano poi scambiare con altri oggetti, o se usassero salarium per fare i loro acquisti di sale.

Espressioni simili come ne vale la pena e vale il proprio peso in oro sono molto più vecchi di ne vale la pena, tuttavia l'idea e la storia di queste frasi sono simili.

Le persone spesso pensano all'oro come a qualcosa di molto prezioso e intercambiabile con il denaro. In passato, anche il sale era estremamente prezioso.

Nonostante le sue controfrasi più antiche, valere il proprio sale non ebbe origine fino al XIX secolo, quando un certo numero di scrittori ne furono presi. Un primo esempio è in Robert Louis Stevenson's Isola del tesoro (1883):


Ne vale la pena

Caro Word Detective: oggi ho sentito due DJ radiofonici #8217 litigare sulla frase “vale il loro sale.” Una DJ stava esclamando che non aveva mai sentito una frase del genere e quindi non è mai esistita. Ora, ho sentito questa frase molte volte, ma la loro discussione mi ha portato a pensare, da dove viene, cosa significa veramente? Sono andato immediatamente sul tuo sito web e sono rimasto sgomento quando ho visto che non era qui. Sarei molto grato per qualche intuizione. — Sara.

accidenti. Bene, ecco la mia speranza che i disc jockey ci avrebbero condotto in una nuova era di illuminazione. Parlando di media popolari, ho letto la scorsa settimana che una certa grande catena di giornali sta progettando di adottare qualcosa chiamato “crowdsourcing” nelle sue operazioni di raccolta delle notizie, invitando i lettori a fungere da reporter e lasciando agli editori assediati dei giornali setaccia le coppe di grano dalle tonnellate di pula che verseranno sopra lo specchio di poppa. Penso che questa sia un'idea meravigliosa e non vedo l'ora di vedere molte altre storie a grande richiesta sugli Illuminati e sul cosiddetto sbarco sulla luna.

Oh, giusto, avevi una domanda. “To be Worth one’s salt” è sicuramente un idioma ben consolidato, che risale almeno al 1830 in inglese e che si trova, ad esempio, nel classico di avventura di Robert Louis Stevenson L'isola del tesoro: “Era chiaro da ogni linea del suo corpo che la nostra nuova mano valeva il suo sale.” Il senso generale di “vale il suo sale” e usi simili è “capace ed efficiente, in grado di gestire il compito a portata di mano.” In particolare , qualcuno che è “degno del suo sale” è un buon impiegato, uno che vale il salario pagato, il che ci porta a una breve storia del sale.

Sebbene il sale sia una delle cose più economiche che si trovano oggi in un supermercato (senza contare quegli strani sottaceti di marca da negozio che sanno di cera per pavimenti), per la maggior parte della storia umana il sale è stato un bene raro e prezioso, in alcuni punti più prezioso dell'oro. Il sale rendeva appetibile il cibo opaco (o “iffy”), permetteva di curare e conservare la carne ed era considerato una necessità della vita nel mondo antico. Non sorprende che il ruolo centrale del sale nella civiltà sia oggi commemorato in una varietà di “salato” idiomi inglesi, tra cui “con un grano di sale” (con scetticismo) in riferimento a rendere più appetibile un piatto strano, e “il sale della terra,” significa la gente comune da cui dipende la società.

Il sale era, infatti, considerato una tale necessità che i soldati romani ricevevano regolari razioni di sale o pagavano una speciale “indennità di sale” con cui acquistarne uno. Questo era noto come “salarium,” che alla fine ci ha dato la nostra parola inglese “salary” per salario regolare. Così oggi un impiegato che “degno il suo sale” è sicuramente uno che si guadagna da vivere.


Merda (v.)

Scitan inglese antico, dal proto-germanico *skit- (fonte anche del nord frisone skitj , olandese schijten , tedesco scheissen ), dalla radice di Torta *skei- "tagliare, dividere". La nozione è di "separazione" dal corpo (confronta il latino excrementum , da excernere "to separare," Old English scearn "dung, muck," da scieran "to cut, shear" vedi sharn). È quindi un cugino della scienza e della coscienza.

"Merda" non è un acronimo. L'idea che sia una parola recente potrebbe essere in parte perché era tabù dal c. 1600 e raramente è apparso in stampa (né Shakespeare né la KJV ce l'hanno), e persino in pubblicazioni "volgari" della fine del XVIII sec. è mascherato da trattini. Ha attirato l'ira della censura fino al 1922 ("Ulisse" e "The Enormous Room"), ha scandalizzato gli abbonati alle riviste nel 1957 (un racconto di Hemingway su Atlantic Monthly) ed è stato omesso da alcuni dizionari solo nel 1970 ("Webster's New World").

L'ampio uso di slang che significa "mentire, prendere in giro" è del 1934, quello di "mancare di rispetto" è del 1903. merda , ora una variante scherzosa o leggermente eufemistica e principalmente britannica del sostantivo, precedentemente una variante dialettale, riflette la vocale nel verbo inglese antico (confrontare scheissen tedesco) il verbo moderno è stato influenzato dal sostantivo. Shat è una forma passata umoristica, non etimologica, registrata per la prima volta nel 18c. Per mattoni di merda "sii molto spaventato" attestato dal 1961. La connessione tra paura e defecazione involontaria ha generato espressioni in inglese dal 14c. (l'immagine è anche in latino), e probabilmente è anche dietro spaventato a morte (1936).

Old English scitte "purging, diarrea" da fonte di merda (v.). Il senso di "escremento" risale al 1580 (l'antico inglese aveva scytel, il medio inglese shitel per "dung, escremento" il solito sostantivo 14c. sembra essere stato stronzo). L'uso per "persona antipatica" è almeno dal 1508 che significa "sfortuna, guai" è attestato dal 1937. faccia di merda "ubriaco" è lo slang studentesco degli anni '60 lista di merda è del 1942.

Su un torrente di merda "in Trouble" è del 1868 in un contesto della Carolina del Sud (confronta il metaforico fiume salato, di cui forse è una variante grossolana). Per non me ne frega un cazzo "non importa" è del 1922. Espressione pessimista stessa merda giorno diverso attestato dal 1989. carico di merda (anche carico di merda) per "a great many" è del 1970. Shitticismo è la parola di Robert Frost per la scrittura scatologica. pezzo di merda "persona spregevole" è del 1916.


LA STORIA DI SALT

Le prime registrazioni di produzione e consumo di sale risalgono alla provincia cinese del Sichuan intorno al 3000 a.C. Il sale era usato anche nell'antico Egitto fin dal 2000 a.C., per condire pesce e carne. Quando le proteine ​​della carne e del pesce entrano in contatto con il sale, si rilassano, che è essenzialmente lo stesso processo che avviene quando carne e pesce vengono cotti. Il sale uccide i batteri e assorbe anche l'umidità per prevenire la futura crescita batterica. Come conservante naturale, il sale marino ha reso possibile il commercio marittimo internazionale e ha permesso agli imperi di espandere il loro territorio portando nei loro viaggi pesce stagionato e articoli altrimenti deperibili.

Poiché agisce come un conservante naturale, il sale ha determinato gran parte dell'evoluzione della civiltà in Europa e in Asia per centinaia di anni, con città, strade e industrie costruite in aree in cui il sale poteva essere estratto dalla terra o raccolto dal mare. In effetti, il sale è stato tassato per la prima volta in Cina nel XX secolo a.C. e le entrate sono state utilizzate per sostenere l'antico impero cinese, con fondi per pagare le guerre e persino aiutare a costruire la Grande Muraglia cinese. Fino al 1500 Italia e Cina rimasero rispettivamente i due principali commercianti e produttori di sale. Oggi, il più grande produttore di sale al mondo è ancora la Cina, con anche Stati Uniti, India, Germania, Australia e Canada che producono la loro giusta quota.


'Costa e braccia e gambe' è una di quelle frasi che si collocano in alto nelle storie 'So da dove viene' raccontate al pub locale. In questo caso il racconto è che i ritrattisti erano soliti far pagare di più per i dipinti più grandi e che un dipinto di testa e spalle era l'opzione più economica, seguito da uno che includeva le braccia e infine il ritratto "gambe e tutto" top di gamma. Come spesso accade con le etimologie popolari, non c'è verità in quella storia. I pittori hanno sicuramente fatto pagare di più per le immagini di grandi dimensioni, ma non ci sono prove che suggeriscano che lo abbiano fatto per il conteggio degli arti. In ogni caso la frase è molto più recente di quanto suggerirebbe l'origine del dipinto.

È infatti una frase americana, coniata qualche tempo dopo la seconda guerra mondiale. La prima citazione che riesco a trovare è da L'indipendente di Long Beach, dicembre 1949:

L'editore alimentare Beulah Karney ha più di 10 idee per la casalinga che vuole dire "Buon Natale" e non farle costare un braccio e una gamba.

"Braccio" e "gamba" sono usati come esempi di articoli che nessuno considererebbe di vendere se non a un prezzo enorme. È una triste realtà che, in quel periodo, ci fossero molti articoli sui giornali statunitensi di militari che avevano perso un braccio e una gamba nella recente guerra. È possibile che la frase abbia avuto origine in riferimento all'alto costo pagato da coloro che hanno subito tali amputazioni.

A more likely explanation is that the expression derived from two earlier phrases: 'I would give my right arm for. ' and '[Even] if it takes a leg', which were both coined in the 19th century. The earliest example that I can find of the former in print is from an 1849 edition of Sharpe's London Journal:

He felt as if he could gladly give his right arm to be cut off if it would make him, at once, old enough to go and earn money instead of Lizzy.

The second phrase is American and an early example of it is given in this heartfelt story from the Iowa newspaper the Burlington Daily Hawk-Eye, July 1875:

A man who owes five years subscription to the Gazette is trying to stop his paper without paying up, and the editor is going to grab that back pay if it takes a leg.

Other cultures have similar phrases for example:

In France - Ça coûte les yeux de la tête - It costs the eyes from the head.
Bulgaria - Това струва майка си и баща - It costs one's mother and father.


Guarda il video: Vivo per lei con testo -Andrea Bocelli e Giorgia (Agosto 2022).