La storia

Scoperta del Brasile - Brazilwood


Per non lasciare il Brasile totalmente abbandonato, il Portogallo iniziò a esplorare vari prodotti naturali della colonia: legno, spezie, semi, erbe medicinali, alcuni animali, ecc.

Questi prodotti venivano spesso ottenuti dagli indiani in cambio di alcuni doni: collane, pettini, asce. Di tutti i prodotti naturali, la cosa più significativa era la sequoia. Tuttavia, il suo sfruttamento non ha rappresentato un'attività notevole nella storia della colonia, poiché non ha provocato la colonizzazione della terra né l'insediamento di insediamenti.

La loro ricerca è dovuta al fatto che estraggono da esso una vernice di colore rosso, ampiamente usata come colorante nell'industria dei tessuti.

Lo sfruttamento di questo prodotto è stato rudimentale e predatorio. Il legno fu tagliato dagli indiani e ammucchiato sulle spiagge in grandi magazzini. Le navi che arrivarono qui la portarono in Europa.

Le foreste costiere di Brazilwood si estendevano dal Rio Grande do Norte a Rio de Janeiro, con Pernambuco, Porto Seguro e Cabo Frio come le regioni con la più alta concentrazione del prodotto.

La sequoia poteva essere sfruttata solo con il permesso del re del Portogallo. Ecco perché si dice che la sequoia fosse monopolio (collegamento al dizionario) dal re.

Questo privilegio fu concesso dal re, che a sua volta mantenne gran parte dei profitti.

L'estrazione della sequoia è stata effettuata in varie parti del territorio. Quando la sequoia finì in un posto, i mercanti iniziarono a sfruttarlo in un altro e quindi abbatterono le foreste. Poiché questa attività non impose agli europei di stabilirsi in America, nei primi trent'anni non furono costruiti insediamenti, ma solo edifici fortificati chiamati poste di trading, in alcune parti della costa, per la difesa e lo stoccaggio di sequoie o altri beni presi dalla terra.

Le notizie sulla grande quantità di sequoie sulla costa hanno attirato altri paesi europei. Soprattutto la Francia, che, sentendosi indebolita dai termini del Trattato di Tordesillas, non ha riconosciuto la sua validità. Il governo francese ha quindi sponsorizzato gruppi di Buccaneers che iniziò a percorrere la "costa della sequoia", negoziando l'estrazione del legno direttamente con gli indiani, attraverso il baratto.
A seguito della pressione esercitata dalle frequenti incursioni francesi e di altri paesi europei sulle loro terre, la Corona portoghese organizzò spedizioni, chiamate "guardia del corpo"per espellere i corsari.

Il primo ebbe luogo nel 1516 e il secondo nel 1526. Christopher Jacques comandò le due spedizioni di guardie del corpo organizzate dalla Corona.

Entrambi si sono rivelati insufficienti per combattere il contrabbando e la costante minaccia dell'occupazione straniera, data la vasta distesa di costa. Lo storico brasiliano Capistrano de Abreu ha sottolineato un'altra grande difficoltà: le alleanze fatte tra gli europei e gli indigeni. I Tupinambás si allearono spesso con i francesi e i portoghesi avevano al loro fianco i Tupiniquins. E, secondo Capistrano, "per anni era indeciso se il Brasile sarebbe appartenuto al Peró (portoghese) o al Mair (francese)".

Tuttavia, l'esistenza di sopravvissuti al naufragio, detenuti e gli emarginati portoghesi in Brasile, oltre a favorire il contatto con gli indiani, facilitarono la difesa e l'occupazione della terra. Questi uomini, che sarebbero arrivati ​​con i primi viaggi e sarebbero rimasti per vari motivi, erano già adattati alle condizioni fisiche e sociali del territorio e allo stile di vita indigeno. Alcuni di loro cedettero a metà fino al punto di penetrare labbra e orecchie, uccidendo i prigionieri secondo i riti. nativi, e nutriti della tua carne. Credevano nei miti esistenti, incorporandoli nel loro modo di vivere, come nel caso di quell'uomo che arrivava a pensare a se stesso come un formichiere. In tutti i buchi si affollava a quattro zampe per trovare il cibo della formica, il suo cibo preferito. Altri, al contrario, si ribellarono e imposero la loro volontà, come lo scapolo di Cananeia. C'erano anche tipi intermedi che vivevano con gli indigeni e stabilirono legami familiari con loro. Si sono sposati e hanno avuto figli con gli indiani, molti dei quali una grande famiglia di diverse donne e un gran numero di bambini. mamelucos (collegamento al dizionario)


Video: ALLA SCOPERTA DEL BRASILE TRENTINO (Dicembre 2021).