La storia

Elenco dei principali fatti che hanno segnato la storia del Brasile (continua)

Elenco dei principali fatti che hanno segnato la storia del Brasile (continua)


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

1640 - I procuratori del Capitano di San Vincenzo espellono i Gesuiti. Il dominio spagnolo finisce.

1644 - Litigando con la West India Company, Mauricio de Nassau lascia la carica di governatore.

1645 - Insurrezione dei Luso-brasiliani di Pernambuco contro gli olandesi.

1648 - Nella prima battaglia di Guararapes gli olandesi vengono sconfitti da Francisco Barreto.

1654 - Espulsione finale degli olandesi dal Brasile.

1661 - Attraverso un trattato di pace gli olandesi riconoscono la perdita della colonia brasiliana. L'alleanza con il Portogallo autorizza il commercio inglese in Brasile e India.

1669 - Francisco de Mota Falcão costruisce il Forte di São José do Rio Negro.

1671 - Per decreto, le navi straniere possono entrare nei porti brasiliani.

1674 - La bandiera di Fernão Dias Pais Leme si dirige verso i boschi di Minas Gerais.

1684 - Spiega, a Maranhão, la rivolta di Beckman.

1685 - Costruito quattro forti nella regione amazzonica, minacciato dai francesi di Cayenne. La corona portoghese proibisce la produzione di manufatti in Brasile.

1694 - La prima zecca è costruita a Bahia. Prime notizie sulla scoperta dell'oro in Minas Gerais.

1702 - Intendência das Minas è stato creato con la funzione principale di distribuire terreni per l'esplorazione dell'oro e la riscossione delle imposte al Tesoro reale.

1708 - Inizia la guerra di Emboabas.

1710 - La guerra di Muscat è scoppiata, un conflitto tra le piantatrici di Olinda e i mercanti di Recife.

1711 - Attraverso Royal Charter San Paolo è elevato alla categoria della città.

1713- attraverso il trattato di Utrecht; La Francia accetta il fiume Oiapoque come confine tra Guyana e Brasile.

1715 - dal trattato di Utrecht; La Spagna accetta di restituire la colonia di Sacramento in Portogallo.

1720 - Vengono create le case della fonderia. Quell'anno inizia la rivolta di Vila Rica, in segno di protesta contro la creazione delle Case della Fonderia.

1722 - Spedizione di Bartolomeu Bueno da Silva, Anhanguera, che avrebbe scoperto l'oro nelle terre di Goiás.

1727 - Cuiabá è fondata dal governatore Rodrigo César.

1728 - Scopri i primi depositi di diamanti in Serro Frio (ora Diamantina).

1729 - Inizia la produzione di diamanti nel villaggio di Tijuco, l'attuale città di Diamantina, Minas Gerais.

1737 - Inizio dell'occupazione portoghese del Rio Grande do Sul, incentrata sull'allevamento del bestiame.

1747 - Con licenza reale vengono confiscati i tipi di stampa esistenti in Brasile.

1750 - Con il Trattato di Madrid, è riconosciuto il dominio del Portogallo sui territori a ovest del meridiano di Tordesillas.

1752 - I coloni delle Azzorre arrivano a Rio Grande do Sul; Alcune famiglie si stabiliscono a Porto dos Casais (Porto Alegre).

1759 - I gesuiti vengono espulsi dal Brasile.

1761 - Con l'accordo di Pardo la Spagna e il Portogallo annullano il trattato di Madrid.

1763 - Trasferito da Salvador a Rio de Janeiro, la capitale dello stato del Brasile.

1765 - È stata decretata la fuoriuscita, che ha obbligato la popolazione mineraria a completare la somma accumulata dell'imposta dovuta.

1766 - Inizia la semina del riso a Maranhão.

1771 - Diamond Intendance inizia a funzionare.

1775 - Riunificazione degli stati del Brasile e Grão-Pará e Maranhão.

1777 - Trattato di Santo Ildefonso tra Portogallo e Spagna. La Colonia del Sacramento passa definitivamente al dominio spagnolo.

1777 - Morte di D. José I e ascensione di D. Maria I al trono portoghese. Pombal viene rimosso dal governo e la direzione della politica e dell'amministrazione portoghese subisce un cambiamento radicale (fase nota come "Turning").

1789 - Inconfidência Mineira, primo dei movimenti emancipazionisti che caratterizzano la crisi del sistema coloniale.

1792 - Esecuzione di Tiradentes.

1798 - Conjuration of Tailors o Inconfidência Baiana: movimento emancipazionista con partecipazione predominante di elementi popolari. Aveva progetti sociali, come l'abolizione della schiavitù.

1801 - Il Rio Grande do Sul occupa il territorio degli ex Sette Popoli delle Missioni, poi detenuto dagli spagnoli, godendo di una breve guerra tra Portogallo e Spagna. Il trattato di Badajoz, firmato tra i due paesi nello stesso anno, riconosce implicitamente il dominio lusitano su quella regione.
- Cospirazione delle Suaçunas, un conciliabulo di piantatrici di Pernambuco che alcuni storici insistono nel considerare un movimento emancipatore. Non sono previste punizioni per i presunti.

1808 - Arrivo di D. João a Bahia, inizio del PERIODO JOANINO (1808/21). La Royal Charter determina l'apertura dei porti brasiliani "a tutte le nazioni amiche". Fine della "esclusiva" metropolitana e indebolimento del patto coloniale. Passaggio dal Brasile all'orbita diretta del capitalismo industriale inglese, in sostituzione dell'anacronistico colonialismo mercantilista portoghese.
- Permesso di libertà industriale, che abroga i divieti imposti da D. Maria I nel 1785. Misura di scarsa portata pratica, data la mancanza di tecnologia e capitale in Brasile.
- Installazione di Régia Press e pubblicazione del primo quotidiano brasiliano.
- Creazione di scuole di medicina (primi corsi di istruzione superiore in Brasile) a Rio de Janeiro e Salvador.

1810 - Inizio della pressione britannica per porre fine al commercio di schiavi in ​​Brasile.

1815 - Elevazione del Brasile nella categoria del Regno Unito in Portogallo e Algarve.

1817 - Rivoluzione Pernambuco. Ultimo movimento emancipatore e l'unico che ha raggiunto lo stadio della lotta armata.

1818 - Il Principe Reggente diventa Re, sotto il titolo di Dom Giovanni VI. Ha creato la colonia svizzera di Nova Friburgo, a Rio de Janeiro.

1820 - La notizia della rivoluzione di Porto arriva in Brasile.

1821 - Fine dell'assolutismo in Brasile. D. Giovanni VI accetta di sottomettersi all'autorità delle Cortes. I consigli di governo provvisori sostituiscono i governatori provinciali (nuova denominazione di capitani) nominati dal re.
- Sotto la pressione delle Corti di Lisbona, D. João VI ritorna in Portogallo, lasciando il Principe ereditario D. Pedro come reggente del Brasile.
- Le Cortes chiedono il ritorno di D. Pedro in Portogallo.

1822 - Fico Day (9 gennaio) - D. Pedro rifiuta di obbedire alle Cortes e decide di rimanere in Brasile. Da lì, il processo di indipendenza è accelerato.

1822 - Dom Pedro proclama l'indipendenza del Brasile. (7 settembre)


Video: Il fallimento dello scientismo in medicina - Erica Poli e Maurizio Grandi (Giugno 2022).